la rotta di ulisse 2.0

 


Contatti: massimomichelini1@virgilio.it

Marte, le donne e il sesso
Parte seconda: il pianeta nelle case e in rapporto con gli altri pianeti























Con questo articolo si conclude la serie di articoli sul rapporto delle donne con il maschile, inteso nella sua accezione sessuale. Dalla prossima passeremo a lui, all’uomo, e a come vive la virilità, in senso psicologico ma pure fisico, con tanto di dettagli pruriginosi o rilevanti sulle motivazioni profonde di certi comportamenti.
Quello che sto ora facendo con le donne, indagando il desiderio e l’eventuale, auspicabile possibilità di soddisfarlo. La descrizione del pianeta nei segni
(http://www.larottadiulisse.it/simboli-pianeti/marte-sexf1.html)
ha già fornito indicazioni più che chiare sulla materia, precisissime a detta di molte lettrici. Per un semplice motivo: la corretta applicazione del codice zodiacale non ti fornisce generiche interpretazioni sul carattere o sugli eventi che ti si prospettano, ma può dare descrizioni accurate fino al dettaglio di ogni singola attività del cosmo. Basta avere la capacità di leggerlo, decriptando nel modo giusto i messaggi del codice zodiacale.
In grado di farti capire cosa sei, cosa desideri e cosa puoi ottenere.
Pure in camera da letto, l’ambiente dove ai giorni nostri si consuma prevalentemente il piacevole quarto d’ora alla base della vita, oltre che del divertimento, della soddisfazione di sé eccetera.
I vari ormoni del corpo umano scatenano infatti in noi istinti che si possono tradurre in azioni concrete oppure no. Intendiamoci, la castità non ha mai ucciso nessuno sul piano fisiologico. Su quello psicologico crea invece danni infiniti, e rilevanti deformazioni del comportamento.
Perché nel DNA (anche astrologico) è insita la fecondazione, reale o solo simbolica, quella che dà un senso alla vita. Perché non siamo su questo mondo per contemplare il nostro ombelico, ma per interagire con i nostri simili, si spera in un rapporto fecondo e fecondante, come quello dell’amore.
Capace di donare tanta gioia come pure altrettanta sofferenza, perché l’amore e il piacere possono trasformarsi in odio e dolore quando una storia finisce, oppure si viene rifiutati o traditi. Scatenando così una delle tipiche manifestazioni di Marte, la guerra contro l’altro. Intendiamoci, la frustrazione per un amore finito non è solo marziana, e infinite possono essere le sfumature di un dolore ma, se la reazione è violenta, la causa scatenante è certo Marte.
Preferisco ricordare il pianeta della guerra e dell’organo sessuale maschile – almeno in questa sede – nei suoi momenti più piacevoli, quando stimola in positivo l’eros femminile, nei casi migliori riuscendo pure a soddisfarlo. Attraverso l’erezione e la penetrazione, attività proprie di Marte.
Da chi vuole o vorrebbe essere penetrata una donna e in quale maniera? Scopriamolo nel dettaglio, vedendo come si manifesta nelle varie posizioni delle case.
Un’avvertenza: le definizioni saranno spesso eccessive, volutamente, per far capire davvero la tendenza di fondo, altrimenti spesso solo accennata, eppure presente.
...


Editoriale

Era La Rotta di Ulisse. Oggi diventa La Rotta di Ulisse 2.0.
Come usa adesso per le versioni successive e aggiornate di un progetto, in questo caso riuscito al di là delle più rosee attese. Correva l’anno 2008, e dopo un periodo complesso decisi di impiegare il web per diffondere i miei studi astrologici, come facevano e fanno in tanti. Per chi volesse sapere cosa c’era stato prima, racconto in estrema sintesi che iniziai a occuparmi seriamente di astri nei primissimi anni Novanta, quando “mi capitò” di essere allievo prima di Daniela Nipoti poi di Lisa Morpurgo. Non immaginavo come sarebbero andate le cose. Divenni infatti presidente del gruppo degli allievi della Morpurgo, La Nave dei Feaci, e rimasi tale fino all’autunno del 2007. Poi cambiai rotta, anzi presi una rotta in solitario. Il mio lato Leone mi impose di dare il mio meglio, e quello feci. Nella mia mente molto poco prudente decisi che avrei cercato di realizzare una guida completa all’astrologia, e quella perseguii e perseguo tuttora con aggiornamenti mensili che porto avanti con maniacale regolarità, i miei pianeti in Vergine me lo impongono. Avrei potuto scrivere due o tre libri o più se avessi sommato tutto il materiale che ho pubblicato via via sulla Rotta. Sto pensando di farlo, e in contemporanea coltivo un progetto parallelo che potrebbe venire alla luce in tempi non biblici.
Ma ora La Rotta cambia rotta, anzi aggiusta il tiro. A partire dalla grafica, otto anni sono un’enormità in quella realtà in perpetuo movimento che è il web. Ho voglia di luce e partiamo anzitutto con la luminosità.
Continueranno ancora gli aggiornamenti mensili di oroscopo e forum, non potrebbe essere diversamente ma ci sarà uno speciale dedicato al segno del mese, attingendo al materiale scritto e video già pubblicato. Ci sarà poi ancora altro materiale, in parte seguendo la traccia precedente, in parte con modalità differente che deciderò in corso d’opera.
Un grazie ancora a Ivan Vancini che mi sopporta da una vita e che mi aiuta a dare vita e visibilità alle mie nuove idee.

Il sito è dedicato all’amore, quello di ieri, quello di oggi e quello di domani, non importa in che ordine. Perché l’amore muove il mondo e le altre stelle, lo disse qualcuno decisamente illustre, e questo sito si occupa appunto di astri, Lapalisse docet.

Vai 2.0, prendi vita il 24 febbraio 2016 alle 15.05, sotto un cielo complesso ma portatore di grandi fermenti. Per me e per chi avrà voglia di continuare a seguirmi.

 


L’astrologia morpurghiana

Chi ha già un bagaglio astrologico, o solo un’infarinatura, non ha bisogno di sapere cos’è l’astrologia morpurghiana. Devo spendere però qualche riga invece per chi è digiuno della materia.
Anzitutto il tipo di astrologia di questo mio sito prende il nome da Lisa Morpurgo1, una studiosa geniale di cui fui allievo nei suoi ultimissimi anni. Come arrivai a diventarlo dopo una nutrita serie di coincidenze l’ho già raccontato (http://www.larottadiulisse.it/present/miastoria.html). Ora vale invece la pena approfondire la mia corrente di studi, di cui La Rotta di Ulisse Due Punto Zero  è un frutto.
Per forza di cose bisogna fare un passo indietro, come nei romanzi d’appendice dalla trama intricata.
L’astrologia nasce nella notte dei tempi, e cercare di stabilire chi ne tracciò le basi di studio e come riuscì a farlo è impresa vana. Le prime notizie certe risalgono ai Caldei, un popolo vissuto in quella terra ora teatro di feroci scontri chiamata Iraq.
Molte altre regole in grado di consentire di interpretare il misterioso e affascinante rapporto tra il movimento degli astri e la vita dell’uomo sulla Terra furono aggiunte dagli Egizi, ma anche in questo caso di storico c’è poco o nulla, anzi si sconfina nel mito. Gran parte di quanto tramandato in seguito spetta a un grande studioso nato ad Alessandria d’Egitto, Claudio Tolomeo, che nel Tetrabiblos trascrisse quanto gli antichi avevano codificato in materia di astri, o quello che era riuscito a reperire. Chi si occupò nei secoli seguenti di questa illustre e singolare scienza adottò però spesso il verbo tolemaico in qualche modo come un catechismo, un oggetto non di studio ma di fede.
Se analizziamo la questione da un punto di vista storico e filologico non abbiamo però alcuna certezza o evidenza sulla veridicità delle affermazioni tolemaiche. Com’è ovvio che sia, non si sa come andarono le cose, non c’era l’abitudine di documentare in forma chiara l’evolversi o lo stratificarsi delle teorie nel tempo. I diari non esistevano, o erano rari, e non è detto siano sopravvissuti alle ingiurie del tempo. Allo stesso modo gli storici preferivano occuparsi delle imprese di sovrani e militari, e a nessuno venne la buona idea di descrivere in tempo reale l’evoluzione dell’astrologia nei primi anni. L’astrologia è uno studio meraviglioso e capace di aprire mondi inattesi e sconosciuti. Essendo Tolomeo il primo ad aver trascritto le sue regole, a volte le sue interpretazioni di grande astrologo vennero scambiate per verbo quasi divino.
Chi avesse voglia di capire meglio di cosa sto parlando, può “sorbirsi” una conferenza che ho tenuto su questo argomento a Milano nell’ottobre del 2015, visibile in due parti su YouTube (https://www.youtube.com/watch?v=1I_hLpnQemQ e https://www.youtube.com/watch?v=zi0x5wIqPBg ).
Già, non si sa come sia nata l’astrologia, ma anche se ne avessimo traccia storica mancherebbe comunque la prova scientifica del suo funzionamento. Si possono fare delle ipotesi, attingere ora alla fisica quantistica, ora scomodare l’inconscio collettivo o che altro, ma in ogni caso una risposta a prova dello scienziato più scettico e retrivo non la si otterrebbe. La questione è aperta e lo resterà. Mi interesso di astrologia dall’età della ragione, in maniera intensiva da più di vent’anni.
....


 

Speciale Sagittario

Il Sagittario

Come lo Scorpione è additato ad esempio di tortuosità e cattiveria, così al Sagittario spetta la palma della ingenuità e della bontà, condivisa almeno in parte con il Toro. Notiamo subito che si tratta di due segni femminili. È forse un caso? No, impossibile, poiché ad ogni fenomeno è sottesa una struttura assolutamente logica anche se spesso ad un esame superficiale essa non ci appare evidente. Tale constatazione ci costringe ad affermare con toni che potranno apparire drastici e categorici che la bontà nel nostro ciclo zodiacale è affidata ai segni femminili.
I misogini forse per un verso insorgeranno e per l’altro gioiranno. Se infatti si sentono colpiti perché tacciati fra le righe di scarsa sensibilità ai problemi altrui, sul fronte opposto esulteranno perché all'apparenza ho fornito appigli alle secolari leggende sullo scarso acume femminile. Mi dispiace smentire i suddetti signori su questo punto, poiché l'astuzia è tutt’altro che assente tra le virtù muliebri, ma tra quelle di Toro e Sagittario decisamente sì. Non si offendano i due segni per l’“accusa” di ingenuità
....

I pianeti in Sagittario








 






La Luna
- Nel nono segno la Luna di solito non ha una buona memoria. Ricorda sì gli eventi belli dell’infanzia, quelli positivi e quelli che la divertirono, come pure i precetti morali ricevuti e che ha fatto suoi, e magari il primo atlante che le ha fatto scoprire quanto è grande il mondo, oppure ancora il primo viaggio con la famiglia, che le ha spalancato precocemente gli orizzonti. La sua forza sta nell’ottimismo, che la spinge a minimizzare i pericoli ai quali potrà andare incontro ma le consente anche di ripartire con balda incoscienza anche dopo la caduta più brutta.
Ha una sensibilità ingenua e a volte bonacciona, che la spinge ad occuparsi dei più deboli e indifesi, convinta com’è che il mondo possa e debba migliorare, ovviamente nella direzione prospettata dalla sua mentalità. Tanto ottimismo venato da un lieve infantilismo
....

Nettuno, la conquista dell'eternità


 












Se molte sono le cose di cui non potremmo fare a meno per la nostra stessa esistenza, altre invece entrano all’apparenza a fatica nell’ordine dei bisogni quotidiani dell’uomo. Eppure lo sono. La religiosità è fra queste. I ritrovamenti archeologici testimoniano infatti che dall’Homo Sapiens in giù la religione è sempre esistita e i tentativi di un certo tipo di scienza supponente di liquidare il misticismo come frutto di credenze antiquate sembrano decisamente destinati a non avere la meglio sull’innato senso mistico dell’uomo. Né migliore sorte pare arridere al pensiero marxista, attualmente in forte calo di popolarità, che liquidava la religione come «oppio dei popoli».
....

Zodiaco Killer-
Patrizia Reggiani, un delitto stupido

















di Giuliana Giani e Massimo Michelini

Milano, 27 marzo 1995. L’Ansa diffonde in mattinata la seguente notizia: “Una persona è morta e un’altra è rimasta ferita in un agguato, avvenuto verso le 9, sotto l’androne di un palazzo della centralissima via Palestro”. La vittima è Maurizio Gucci, patron della celebre griffe, il ferito il portiere dello stabile, Giuseppe Onorato, che il killer ha tentato di eliminare come scomodo testimone. Maurizio è l’erede dell’impero fondato nel 1923 a Firenze dal nonno Guccio Gucci. Il marchio Gucci conquisterà nel dopoguerra il mercato mondiale del lusso con i suoi foulard a fiori, i celebri mocassini, le borse, le cinture e altri accessori. Rodolfo, il padre di Maurizio, a differenza dei fratelli maggiori, mandati presto “a bottega” dal babbo, vuole invece fare l’attore. È un bel ragazzo dai modi raffinati, il sorriso accattivante.
....

Sagittario, pregi e difetti

Le paure del Sagittario

Forum

AMORE E ARTE: DURERANNO? - 708
Era il 2015 quando le scrissi e le racconto gli sviluppi. Riporto parte della sua risposta: "(…) va tenuto conto anche di questo per fare previsioni. Se ad esempio suonasse o ballasse, per diletto o professione, potrebbe accadere che il Nettuno in negativo la faccia smettere per dedicarsi ad altro. Io penserei però che qualcosa accadrà, facendole cambiare atteggiamento verso qualcosa di ben radicato in precedenza". Sono sempre stata attratta dall’arte (Sole-Marte in V, ascendente Leone, Luna Bilancia) ma non ho mai sviluppato capacità in tali ambiti. Da piccola adoravo disegnare e al momento di scegliere il liceo propendevo per l'artistico, ma poi sa cosa dicono gli adulti "Scegli qualcosa di più concreto" e così scelsi il linguistico, per il quale ero portata (Mercurio in Sagittario) e poi la facoltà di lingue e letterature straniere (non terminata). Insomma, gli interessi artistici sono stati messi da parte fino all'arrivo di Saturno e Nettuno!
...
Stefania


1 dicembre 2016

Penso che a volte si chieda troppo alle capacità previsionali dell’astrologia che, tra le sue tante virtù e potenzialità, non contempla la quantificazioni degli eventi e pure la sua esatta identificazione in fatti precisi e potenzialità. Faccio un esempio. Nel mondo nascono in ogni singolo secondo miriadi di persone, non so quante esattamente. Pur avendo forti analogie non sono fotocopie, né sul piano caratteriale né su quello fisico. Certo, va tenuto conto del patrimonio genetico, chi se lo scorda, come del diverso contesto culturale e ambientale in cui si viene al mondo. Un islandese e un aborigeno non possono avere la stessa vita, ovvio. Anche nascendo poi in un identico contesto sociale le differenze ci sono lo stesso, e si veda a tal proposito il mistero dei gemelli, anche di quelli omozigoti. Eppure ciò nonostante l’astrologia funziona meravigliosamente, lasciando però uno spazio inesplorato e inesplorabile di cui non puoi non tenere conto. Quindi, cara Stefania, non posso dirle se la sua vena artistica proseguirà ottima e abbondante, non ho le capacità per dirlo. Non trovo però sul suo cammino ostacoli tali da far suggerire un blocco della creatività. A meno che Saturno di passaggio su Nettuno la faccia tornare coi piedi in terra. Mi spiego. Per fare l’artista devi seguire un demone interiore, altrimenti faresti il panettiere o il commercialista. Ora Saturno
....


 

L'oroscopo dei segni

Ariete

Con Mercurio storto dal Capricorno...

Toro

Fine d’anno più variabile degli ....

Gemelli

Marte in Aquario fa sentire più ....

Cancro

Che noia che barba, che noia che...

Leone

Uff! RiUff e StraUff! Chi cavolo ha..

Vergine

Dicembre vivace e mosso, grazie...

Bilancia

Mica sempre tutto
è bianco o...

Scorpione

Qui lo dico, e spero di non ..

Sagittario

Opperò! Rispetto all’anno scorso...

Capricorno

Il compleanno si avvicina e c’è un ...

Aquario

C’è un solo segno a non avere ...

Pesci

Le stelle bacerebbero in fronte o in...

Dicembre 2016 - L'oroscopo

Situazione generale - Toc toc!!! Chi è? L’anno che verrà! Cosa ci porterà? Attentati e stragi random un po’ meno, conservatorismo molto di più, convinzione di fare la rivoluzione e in realtà agire da trogloditi attenti solo ai propri interessi, cecati rispetto al futuro, proprio e della collettività, e tanto ancora. Tante chiacchiere soprattutto, fatti seri un po’ meno. C’è da suicidarsi allora? Quando mai! ALLEGRIA!!!! L’umanità ha scoperto che riesce a sopravvivere a quasi tutto, e ha la necessità di fare boiate pazzesche a volontà prima di imparare a farsi un po’ meno male. Così parte di quest’anno
....



Copyright © 2016La Rotta di UlisseTutti i diritti riservati