la rotta di ulisse 2.0

Contatti: massimomichelini1@virgilio.it

Marte, l'amante ideale in un tema femminile
Parte seconda: il pianeta nelle case e in rapporto con gli altri pianeti














Come visto con dovizia di particolari nel capitolo precedente (http://www.larottadiulisse.it/simboli-pianeti/marte-amante1.html), Marte è uno dei fattori planetari che indicano il desiderio, per entrambi i sessi. Nella fattispecie per signore e signorine segnala il genere di creatura di sesso opposto (il maschio) che aiuta la femmina eterosessuale a sentirsi tale. O all’uomo omosex, la materia del desiderio è comunque la stessa.
Indicando il tipo di Romeo capace di risvegliare i sensi di Giulietta, il Macbeth su cui la consorte investirà le sue ambizioni sanguinarie, e pure l’Otello che porrà fine alla vita dell’amata Desdemona per una gelosia malriposta.
Ma pure esempi più banali e meno eclatanti, come spesso è la vita di tanti. In cui però il desiderio ha un peso rilevante, sul piano fisico e ancor più su quello psicologico. Marte quindi è il signore della guerra capace di far vibrare di attese e di passione molte fanciulle, e non tutte punteranno allo stesso genere di uomo, come è normale che sia secondo le leggi di natura. Ci sono donne che amano infatti il generale della compagnia, altre il tamburino, altre ancora il radiotelegrafista, altre di chi si occupa degli approvvigionamenti. Il mondo infatti è complesso, una sorta di immenso organismo al cui interno ciascuno ha una sua funzione diversa, per garantirne la maggior differenziazione possibile. Così, per assicurare che la vita prosegua con tutte le sue sfumature e peculiarità, lo Zodiaco distribuisce 12 modi di intendere il maschio (quelli indicati dai segni), moltiplicati per altri 12 (le case), senza dimenticare che può interagire con altri 11 pianeti, o essere isolato.
Vediamo allora di capire ancora meglio quali uomini può desiderare una donna. Dopo il pianeta nei segni, ecco la posizione del pianeta nelle case.

In prima Marte dà una specie di conflitto di interessi tra la propria carica virile (anche le donne ne possiedono una) e quella del partner. In teoria si cerca un uomo forte, di quelli abituati a non chiedere mai, ma poi c’è, o può esserci, una contraddizione con la propria carica vitale che sfocia spesso e volentieri in una battaglia senza tregua. La soluzione migliore è far sport e mettersi con uno sportivo, su quel piano ci si intende e si riescono a risolvere i conflitti. Conoscevo una coppia di karateki che risolsero il problema così, esercitandosi insieme in palestra e in casa con grande soddisfazione, nel secondo caso in camera, con un letto rinforzato. L’amante desiderato è comunque virile, il resto sono dettagli.
Cosa che invece interessa il giusto a un Marte in seconda, grazie al quale si desidera un maschio anche come fonte di stabilità. Aggiungo che il pianeta non
...


Editoriale

Era La Rotta di Ulisse. Oggi diventa La Rotta di Ulisse 2.0.
Come usa adesso per le versioni successive e aggiornate di un progetto, in questo caso riuscito al di là delle più rosee attese. Correva l’anno 2008, e dopo un periodo complesso decisi di impiegare il web per diffondere i miei studi astrologici, come facevano e fanno in tanti. Per chi volesse sapere cosa c’era stato prima, racconto in estrema sintesi che iniziai a occuparmi seriamente di astri nei primissimi anni Novanta, quando “mi capitò” di essere allievo prima di Daniela Nipoti poi di Lisa Morpurgo. Non immaginavo come sarebbero andate le cose. Divenni infatti presidente del gruppo degli allievi della Morpurgo, La Nave dei Feaci, e rimasi tale fino all’autunno del 2007. Poi cambiai rotta, anzi presi una rotta in solitario. Il mio lato Leone mi impose di dare il mio meglio, e quello feci. Nella mia mente molto poco prudente decisi che avrei cercato di realizzare una guida completa all’astrologia, e quella perseguii e perseguo tuttora con aggiornamenti mensili che porto avanti con maniacale regolarità, i miei pianeti in Vergine me lo impongono. Avrei potuto scrivere due o tre libri o più se avessi sommato tutto il materiale che ho pubblicato via via sulla Rotta. Sto pensando di farlo, e in contemporanea coltivo un progetto parallelo che potrebbe venire alla luce in tempi non biblici.
Ma ora La Rotta cambia rotta, anzi aggiusta il tiro. A partire dalla grafica, otto anni sono un’enormità in quella realtà in perpetuo movimento che è il web. Ho voglia di luce e partiamo anzitutto con la luminosità.
Continueranno ancora gli aggiornamenti mensili di oroscopo e forum, non potrebbe essere diversamente ma ci sarà uno speciale dedicato al segno del mese, attingendo al materiale scritto e video già pubblicato. Ci sarà poi ancora altro materiale, in parte seguendo la traccia precedente, in parte con modalità differente che deciderò in corso d’opera.
Un grazie ancora a Ivan Vancini che mi sopporta da una vita e che mi aiuta a dare vita e visibilità alle mie nuove idee.

Il sito è dedicato all’amore, quello di ieri, quello di oggi e quello di domani, non importa in che ordine. Perché l’amore muove il mondo e le altre stelle, lo disse qualcuno decisamente illustre, e questo sito si occupa appunto di astri, Lapalisse docet.

Vai 2.0, prendi vita il 24 febbraio 2016 alle 15.05, sotto un cielo complesso ma portatore di grandi fermenti. Per me e per chi avrà voglia di continuare a seguirmi.


L’astrologia morpurghiana

Chi ha già un bagaglio astrologico, o solo un’infarinatura, non ha bisogno di sapere cos’è l’astrologia morpurghiana. Devo spendere però qualche riga invece per chi è digiuno della materia.
Anzitutto il tipo di astrologia di questo mio sito prende il nome da Lisa Morpurgo1, una studiosa geniale di cui fui allievo nei suoi ultimissimi anni. Come arrivai a diventarlo dopo una nutrita serie di coincidenze l’ho già raccontato (http://www.larottadiulisse.it/present/miastoria.html). Ora vale invece la pena approfondire la mia corrente di studi, di cui La Rotta di Ulisse Due Punto Zero  è un frutto.
Per forza di cose bisogna fare un passo indietro, come nei romanzi d’appendice dalla trama intricata.
L’astrologia nasce nella notte dei tempi, e cercare di stabilire chi ne tracciò le basi di studio e come riuscì a farlo è impresa vana. Le prime notizie certe risalgono ai Caldei, un popolo vissuto in quella terra ora teatro di feroci scontri chiamata Iraq.
Molte altre regole in grado di consentire di interpretare il misterioso e affascinante rapporto tra il movimento degli astri e la vita dell’uomo sulla Terra furono aggiunte dagli Egizi, ma anche in questo caso di storico c’è poco o nulla, anzi si sconfina nel mito. Gran parte di quanto tramandato in seguito spetta a un grande studioso nato ad Alessandria d’Egitto, Claudio Tolomeo, che nel Tetrabiblos trascrisse quanto gli antichi avevano codificato in materia di astri, o quello che era riuscito a reperire. Chi si occupò nei secoli seguenti di questa illustre e singolare scienza adottò però spesso il verbo tolemaico in qualche modo come un catechismo, un oggetto non di studio ma di fede.
Se analizziamo la questione da un punto di vista storico e filologico non abbiamo però alcuna certezza o evidenza sulla veridicità delle affermazioni tolemaiche. Com’è ovvio che sia, non si sa come andarono le cose, non c’era l’abitudine di documentare in forma chiara l’evolversi o lo stratificarsi delle teorie nel tempo. I diari non esistevano, o erano rari, e non è detto siano sopravvissuti alle ingiurie del tempo. Allo stesso modo gli storici preferivano occuparsi delle imprese di sovrani e militari, e a nessuno venne la buona idea di descrivere in tempo reale l’evoluzione dell’astrologia nei primi anni. L’astrologia è uno studio meraviglioso e capace di aprire mondi inattesi e sconosciuti. Essendo Tolomeo il primo ad aver trascritto le sue regole, a volte le sue interpretazioni di grande astrologo vennero scambiate per verbo quasi divino.
Chi avesse voglia di capire meglio di cosa sto parlando, può “sorbirsi” una conferenza che ho tenuto su questo argomento a Milano nell’ottobre del 2015, visibile in due parti su YouTube (https://www.youtube.com/watch?v=1I_hLpnQemQ e https://www.youtube.com/watch?v=zi0x5wIqPBg ).
Già, non si sa come sia nata l’astrologia, ma anche se ne avessimo traccia storica mancherebbe comunque la prova scientifica del suo funzionamento. Si possono fare delle ipotesi, attingere ora alla fisica quantistica, ora scomodare l’inconscio collettivo o che altro, ma in ogni caso una risposta a prova dello scienziato più scettico e retrivo non la si otterrebbe. La questione è aperta e lo resterà. Mi interesso di astrologia dall’età della ragione, in maniera intensiva da più di vent’anni.
....


 

Speciale Bilancia

La Bilancia

 

 










Con la Bilancia il cerchio dello Zodiaco inizia la curva discendente che si chiuderà con i Pesci. Ciò non significa che si entri da questo momento in una fase calante di minore energia o creatività, ma semplicemente che il ciclo primaverile-estivo ha esaurito la sua funzione. È giunto il tempo di comportamenti d’altro tipo. In quel perfetto specchio circolare della natura che è lo Zodiaco interverranno d’ora in poi segni e pianeti che fronteggiano e completano i loro opposti, per frenarne gli eccessi e seminare il terreno con nuovi, fecondi
....

I pianeti in Bilancia








 

 





La Luna
- Nel settimo segno la Luna tende a razionalizzare i ricordi, a farsi una ragione di quelli belli e di quelli brutti, ma magari dimentica l’esatta successione degli eventi. Passa inoltre le sensazioni al vaglio della razionalità e corre il rischio di prendere degli abbagli perché non è detto che alla fine sia destinato ad avere la meglio quello che è giusto, anzi. È pericolosamente sensibile alle cattiverie umane e deve tenere sempre in conto i sentimenti altrui, ma anche i propri, come pure ha una particolare raffinatezza sul piano estetico, conservando là dove possibile tutto quello che ricorda come bello, buono e giusto e respingendo al mittente ciò che non rientra
....

I simboli e i pianeti -
Venere, piacere per piacersi










Se mi si consente il cinismo, l’amore è un inconsapevole mettersi in commercio sperando che l’altro ti acquisti, per poche ore o per l’intera vita. “Comprami, io sono in vendita…” cantava con un fil di voce decenni orsono Viola Valentino, narrando il mestiere più antico del mondo, il meretricio. Certo, il sentimento è una cosa più complessa dell’offrire se stesso all’altro. Esiste però anche questo aspetto della questione e, se non sai venderti, nessuno ti compra. Inoltre se non ti piaci non piaci a nessuno, se non ti ami nessuno ti ama. Tutt’al più ti compiange, ti protegge, ti ripara dal mondo esterno.
L’amore, il sentimento che move il sole e l’altre stelle, implica il cercare un’altra persona che ti completi, con
...

Zodiaco Killer-
Charlene Gallego,
le due metà di una mela marcia


















di Giuliana Giani e Massimo Michelini

Charlene Adelle Williams – Gallego sarà il suo cognome da sposata – nasce a Stockton, Sacramento (California), il 19 ottobre 1956 alle 14.50). I genitori, Charles e Mercedes, persone benestanti, adorano la loro unica figlia, la viziano, assecondano tutti i suoi desideri. Charlene, bionda, minuta, grandi occhi azzurri, oltre alla bellezza possiede una notevole intelligenza. Si diploma, con ottimi voti, alla scuola superiore di Sacramento, superando così brillantemente i test di intelligenza da essere considerata un piccolo genio. Suona inoltre nell’orchestra scolastica e dirige il gruppo teatrale degli studenti. Una carriera artistica non le sarebbe dispiaciuta, dal momento che le hanno offerto di studiare musica.
....

Bilancia, pregi e difetti

Le paure della Bilancia

Forum

NODI CON IL MASCHILE: SCIOLTI OPPURE NO? - 694
Gentile Massimo,
leggo con piacere il tuo sito; ho imparato le cose che conosco dello zodiaco grazie ai libri della Morpurgo. Sono nata a Z il 05/07/19WW alle HH, in una famiglia di donne, mia madre vedova precoce; sono cresciuta con lei e la nonna materna. Indipendente e decisionista, ho sempre avuto problemi nell’accettare l’autorità maschile. La rabbia per la perdita di mio padre l’ho sfogata su tutti i partner, in una escalation culminata con un ex-marito (matrimonio brevissimo), grazie al quale ho sperimentato per la prima volta l’odio, che covavo, e me ne sono liberata. Tutto questo mentre Plutone mi opponeva il Sole, contemporaneamente bersagliato da Urano in Ariete. Passato Plutone, che ha raso tutto al suolo, mi sento rinata, pronta a relazionarmi diversamente con il maschile: non voglio più fare la guerra con nessuno. Novità: se per tutta l’infanzia e adolescenza sono stata attirata da uomini più grandi, adesso il mio interesse è per uomini più piccoli ...
Me


1 ottobre 2016

In tutta onestà penso che il nodo con il maschile non sia risolto, almeno totalmente, anche per il fervore impiegato nel sotolineare tutte le magagne del patriarcato. Reali, intendiamoci, ma trapela ancora comunque un’ostilità preconcetta verso il maschile. Legata alla rabbia per la scomparsa del padre? In parte sì, ma mi sembra una reazione eccessiva, anche se chiaramente inconscia e non del tutto razionale. La maggior parte delle ex bambine che hanno perso un padre da giovani idealizzano però il maschile, spesso aggrappandosi con disperazione al primo straccio di pantaloni che incontrano per strada. Nel tuo caso invece c’è una esternazione della rabbia da un lato positiva, perché non la fai marcire dentro di te, dall’altro sintomatica di una non totale rielaborazione. Di una perdita? Forse, io direi che non basta, e propenderei di più verso la genetica, il karma, il caso o quello che ti pare. Non mi hai scritto l’età che avevi quando tuo padre è morto. Per essere così arrabbiata con il maschile avresti dovuto avere infatti almeno un minimo di consapevolezza, direi essere quindi oltre i 4 o 5 anni, anche se non sono esperto in psiche infantile. Non sto giudicando, intendiamoci, sto analizzando
....


 

L'oroscopo dei segni

Ariete

Giove è in Bilancia ma mica per...

Toro

Chi è in cerca di energia, della ...

Gemelli

I tempi di emme di qualche mese ....

Cancro

Ottobre sembra uno spettacolo di...

Leone

Autunno mediamente...

Vergine

Il sangue scorre fluido e possente nelle...

Bilancia

Pronti: uno, due,
tre, via! ...

Scorpione

All’orizzonte ancora nemmeno uno ..

Sagittario

Si parte con problemini di ...

Capricorno

Marte è nel
segno e fa ..:

Aquario

Piccole seccature in un panorama ...

Pesci

Il mese parte con tentazioni ...

Ottobre 2016 - L'oroscopo

Situazione generale - Tutto scorre, tutto va. A volte si rotola verso il basso, altre arranchi per raggiungere vette difficili, altre ancora il cammino prosegue senza ostacoli, magari seguendo il ritmo regolare e monotono del giorno e della notte, delle settimane, degli anni. L’unica certezza per l’essere umano è il tempo che passa (tempus fugit!), cercando di impegnarlo nella maniera migliore. Puoi restare seduto come una creatura inerte e senza volontà oppure puoi lottare, desiderare, sbatterti e grondare sudore per ottenere quanto vuoi. Se ce la fai, magari con l’aiuto delle stelle. Semplice non è, ma non può essere sempre un periodo di emme., prima o poi la ruota gira, e se salirai in sella potrai andare lontano. Se lo vuoi, se ti interessa, se i pianeti ti sono davvero a favore.
....



Copyright © 2016La Rotta di UlisseTutti i diritti riservati