Gli aspetti di Plutone

 

Si chiude qui la serie sugli aspetti planetari, perché se pure devono esserci altri due pianeti dopo Plutone, anzi ci sono senza possibilità di dubbio, non sono ancora stati individuati con chiarezza e perciò nessuno ha potuto studiare i loro effetti in rapporto agli altri pianeti. Per quel che riguarda Plutone, rimando anzitutto al mio studio sull’argomento (Plutone), ma ricordo in breve che i suoi effetti possono essere davvero fondamentali in ogni tema natale, perché indicano le forze profonde e fecondanti di ogni individuo, maschio o femmina esso sia. Come pure le ambizioni, la creatività, i tormenti o la tendenza a occultare una o più parti della propria personalità. Ma vediamo ancora cosa succede se in rapporto con le altre forze planetarie.

PLUTONE-SOLE
Insieme a Marte, Plutone è un alleato naturale del Sole in Ariete, e contribuisce quindi a costruire uno dei pilastri della parte attiva della personalità, quella che vorrebbe in qualche modo infondere creatività all’Io, e ottenere i riconoscimenti che ritiene gli spettino. Le spinte sotterranee di Plutone, se in rapporto con il Sole, esigono visibilità e riconoscimento. Come già visto (Gli aspetti del Sole), ciò determina di solito una personalità istrionica, quella dell’attore – anche se non si calcano i palcoscenici per professione – che vuole recitare uno o più ruoli nel corso della vita, e non ha intenzione di restare in secondo piano. E magari come molti istrioni potrà ricorrere a bugie, trucchi oppure omissioni, o indosserà una maschera, pur di attirare su di sé l’attenzione del prossimo, vissuto come pubblico. Tale gioco potrà a volte essere stancante per il pubblico stesso, non certo per il protagonista della propria commedia umana. Intendiamoci, non tutti coloro che hanno rapporti positivi tra i due pianeti saranno per forza esibizionisti, ma quasi mai saranno insicuri, indipendentemente dalle loro reali doti umane. Il soggetto potrà essere molto abile nell’occultare eventuali sue manchevolezze, oppure saprà ben nascondere ciò che ritiene non vada mostrato, come di solito sarà assai bravo a vendere se stesso, sempre che non tenda a esagerare. Alla base quasi sempre c’è stato un padre ambizioso e sicuro, che sarà servito da modello ma che si vorrà – e spesso si potrà – superare. Un genitore che di rado aspirava alla castità, anzi sovente tendeva al contrario. Quasi mai manca il coraggio, poiché si ha una piena certezza sulle proprie capacità di affrontare anche le sfide più grandi, che sembrano tutto sommato alla portata dell’Io. Di rado si ricerca stabilità e monotonia, perché le sfide sono il sale della vita, magari per poter poi raccontare di averle vinte al solito pubblico plaudente. Per una donna ci sarà l’attrazione per personaggi carismatici o sicuri, anche se potrebbe scattare la corsa a chi ha più personalità e riceve più applausi. Molto più complessi e sofferti sono ovviamente gli aspetti negativi tra Plutone e il Sole. Plutone infatti non riesce a trovare una sua piena e soddisfatta realizzazione, indipendentemente da quello che si è davvero compiuto, e spesso il tormento non arriverà nemmeno in pieno alla coscienza dell’Io solare, che non avrà così la chiarezza su come risolvere ciò che gli dà il tormento. Ciò non spegnerà affatto il protagonismo, anzi spesso lo amplificherà, anche se potrà capitare di cercare gli applausi con mezzi non lineari, talvolta anche con vera e propria disonestà o mezzi non corretti. Di certo sono aspetti che non aiutano la serenità esistenziale, ma al tempo stesso danno quasi sempre una tale voglia di realizzarsi ovunque e comunque che quasi mai spengono le ambizioni, a qualsiasi età. Facendo così rimandare all’aldilà (ammesso che ce ne sia uno) il raggiungimento della soddisfazione personale. Per un uomo ci sarà quindi un estremo bisogno di trovare una propria dimensione, per una donna potrà capitare di innamorarsi di personaggi poco chiari e talvolta poco onesti, che si stenta comunque a capire del tutto. In qualche caso si tratterà di uomini che vivono male la propria virilità o il proprio protagonismo, e si sa che il mondo ne è pieno.

PLUTONE-LUNA
Plutone e Luna operano, ciascuno a modo suo, nel terreno del cosiddetto inconscio. O meglio, come già accennato (Gli aspetti della Luna), il primo presiede il nascosto, la seconda influenza il mondo delle emozioni che a volte proprio per la loro natura possono non essere chiare nemmeno al soggetto stesso pescando nel territorio dell’intuizione. Rapporti positivi tra i due creeranno quindi un lato della personalità in cui si dà grande peso a quanto si percepisce subliminalmente, spesso nascosto come un tesoro ma anche tenuto a portata di mano per venire impiegato se necessario, anche solo per capire qualcosa della vita. Se i rapporti tra di loro sono positivi avremo persone dal fiuto eccezionale, anche se di rado sbandiereranno a destra e manca quanto capiscono. La vita interiore sarà quindi ricca anche se un po’ contorta e non necessariamente serena. La mutevolezza lunare fertilizzerà gli umori sotterranei e paludosi propri di Plutone, aggiungendo loro una dimensione temporale circolare, dove la percezione di ieri potrà tornare alla mente per trovare analogie in una situazione di oggi o di domani. In qualche caso ciò verrà usato a proprio vantaggio, più spesso servirà soprattutto per arricchire il mondo interiore del soggetto. Sin dalla prima infanzia si cominciò inoltre a capire che la facciata non è tutto nei rapporti umani, anzi più spesso questa caratteristica torna utile per frugare nella biancheria sporca, dove si possono scoprire milioni di segreti. A volte c’è stato inoltre un precoce risveglio dei sensi o un interesse per la sessualità, osservata anche se non messa in pratica. La figura materna quasi sempre è stata importante, anche se complessa e tortuosa. Sovente si trattava di una madre ambiziosa, che usava però nei confronti della prole più tecniche di convincimento occulto che non maniere forti e impositive. Riuscendo spesso nel proprio scopo. Talora inoltre poteva esserci una certa complicità con la madre stessa, magari non espressa a parole ma comunque più che presente. Una donna con tale aspetto planetario, se pure potrà fare un po’ di fatica per superare la figura materna, sarà quasi sempre più che sicura delle proprie doti seduttive e quasi mai sarà attirata dalla castità. Un uomo cercherà donne importanti e complici, talvolta tormentate o fortemente sensuali, che sappiano fare da sponda anche a una sua emotività particolare e molto intensa. La noia emozionale è in ogni caso esclusa per entrambi i sessi. La casa sarà poi vissuta come un rifugio, ma in qualche caso non si avvertirà la necessità di trovare una dimora stabile, perché ci sarà sempre il gusto per la sfida applicata anche alla possibilità di abitare in un luogo nuovo. Con aspetti negativi, ovviamente il discorso si complica. Emotività e fermenti interiori non riescono a procedere di pari passo e talvolta si intralciano a vicenda. Spesso si potrà sospettare di chi in realtà non trama affatto alle spalle, mentre si potrà non scorgere l’evidenza, o si rifiuterà di coglierla. Proprio per reazione, specialmente in soggetti femminili, ci potrà essere un esibizionismo emotivo, uno spiattellare in piazza le proprie sofferenze interiori nel tentativo di arginare un disagio o una sofferenza. Quasi sempre alla base c’è un rapporto complesso con la madre, sovente una donna insoddisfatta che proiettava sulla prole i propri disagi, a volte minando alla base le sue sicurezze emotive. Una donna adulta perciò faticherà a trovare una propria dimensione autenticamente sicura, mentre un uomo sarà attirato da fanciulle che gli complicano la vita, e che non capisce del tutto. Il rapporto con la propria abitazione potrà essere complesso, e di rado si troverà una dimora che possa davvero definirsi un porto sicuro.

PLUTONE-MERCURIO
Già abbiamo visto che Plutone e Mercurio collaborano alla struttura di Gemelli e Scorpione (Gli aspetti di Mercurio), segni mediamente assai intelligenti ma non portati in particolar modo a prediligere l’onestà. Se l’oscuro e il nascosto propri di Plutone si associano alla velocità percettiva di Mercurio potranno infatti creare persone che trovano il piacere anche nel prendersi gioco del prossimo. In qualche caso il gioco è fine a se stesso, giusto per il gusto della burla e della vittoria intellettuale su qualcuno che è meno sveglio, in altri si finalizza l’astuzia a una vera e propria manipolazione degli altri. La scaltrezza di entrambi i pianeti non necessariamente crea intelligenza allo stato puro, quanto il suo impiego per scoprire cosa c’è dietro la facciata e utilizzarlo poi a proprio vantaggio. Esperti di spionaggio, reale o solo immaginato, i nati con questa combinazione planetaria scoprono spesso sin dall’adolescenza che è meglio non fidarsi delle apparenze, anche in campo sessuale, territorio che possono avere esplorato sin dalla più tenera età, sovente per curiosità oltre che per esigenze ormonali. Come pure sono capaci di influenzare il prossimo mediante l’uso di informazioni trasmesse in maniera occulta ma potente, tanto che molti possono occuparsi di pubblicità o di commercio, settori in cui si può far comprare al prossimo ciò che non desiderava neppure lontanamente. Il protagonismo di Plutone infatti vuole esprimersi anche attraverso l’astuzia mercuriale, in grado di sfruttare le informazioni per dare lustro all’Io. Così potremo avere chi si fa bello perché per primo ha dato la notizia di un fatto importante, come chi diffonderà un pettegolezzo per darsi lustro o ravvivare una conversazione stagnante e soporifera. Perché la noia è esclusa dal panorama mentale, e se si profila un periodo di calma piatta tanto vale inventarsi qualcosa pur di movimentare l’esistenza. Spesso il soggetto si è rivelato un protagonista sin da ragazzino, oppure aveva fratelli esibizionisti o amici con cui recitava, non importa in quale ruolo. O ancora è possibile che durante l’adolescenza abbia sfidato il rischio, magari esplorando le zone avvolte dal cono d’ombra di Plutone. Con eventuali figli, il rapporto può essere complice. Li si può fare oggetto di molte aspettative ma, se non fossero alla loro altezza si potrebbe prenderli così come sono, senza troppe frustrazioni. Rapporti negativi non spengono affatto le simbologie appena citate, ma le deformano, le rendono insoddisfacenti soprattutto per il soggetto. Così potremo avere chi regolarmente si fa fregare dal suo prossimo, o da amici e fratelli, sovente in campo ereditario. O chi tenta di manipolare gli altri e non ci riesce, o avverte comunque il bisogno di esibirsi pur non possedendo una reale sicurezza interiore. O è vittima di maldicenze, perché non ha la malizia sufficiente per schivarle o ignorarle. In casi estremi poi può capitare di avere avuto un’adolescenza in cui il sesso è stato un problema, e in certi casi si è subito la volontà altrui in questo settore. I rapporti con i figli possono essere complicati, a volte perché non sono all’altezza delle proprie ambizioni.

PLUTONE-VENERE
Sia Plutone sia Venere hanno un ruolo fondamentale nella vita affettiva ed erotica, e così la loro combinazione punta in maniera decisa verso quest’ultima, perché di rado chi ha un rapporto tra i due concepisce l’amore solo da un punto di vista platonico (Gli aspetti di Venere). La sfera del sesso non è però l’unica che coinvolga i rapporti tra questi due pianeti, anche se conferirà una coloritura erotica anche a manifestazioni all’apparenza di tutt’altro tipo. La creatività propria di Plutone vuole ricavare da se stessa anche piacere, o è rivolta al piacere, con un gusto in parte narcisistico (sia pure occultato con sapienza dalle maschere plutoniane) diretto a quanto si è realizzato. Perché vorrà fecondare – in senso teorico oppure materiale – ma non saprà farlo senza amare ciò che fa. In maniera spesso complicata e contorta, quasi che le difficoltà o gli ostacoli assicurino un sapore speziato alla vita che altrimenti potrebbe risultare scialba o monotona. La passione è sovente in cima al proprio modo d’essere e la capacità di amare e venire amati acquista insolite e intense risorse sotterranee dalle quali attingere, spesso arrivando al limite del possibile, sull’orlo dell’abisso, per il gusto di riemergere sani e salvi. Intendiamoci, c’è poco di consapevole in questo modo di affrontare l’esistenza, poiché Plutone tende a volte addirittura a nascondere al soggetto stesso le proprie reali intenzioni, oppure se si possiede lucidità anche su ciò si è consapevoli che non si potrebbe fare diversamente, e tanto vale ballare… Plutone inoltre può indurre all’esibizionismo come pure a un modo d’essere opposto e complementare, ossia il bisogno di occultare, e potremo così incontrare soggetti che vantano le proprie imprese affettive o erotiche senza raccontarle poi davvero per quel che sono. O nascondendole in toto, preferendo gustarsele anziché spiattellarle ai quattro venti. Gli ormoni quasi sempre funzionano molto bene, perché l’eros è vita, e si rinuncia ad esso solo forse solo quando la Nera Signora chiama all’appello, salvo casi particolari. Magari, nei rari casi di castità spostando sulla sfera realizzativa quello che non si sfoga in camera da letto. Come pure si cercherà di sedurre, con consapevolezza oppure no, anche quando si va a fare la spesa al supermercato, perché questo è il messaggio che il corpo e la mente sono abituati a lanciare. Se si è artisti, si tenderà a rappresentare l’eros, oppure si metteranno in scena le complicazioni sentimentali, o il lato oscuro dell’amore e del vivere, perché non si potrà considerare la luce senza l’ombra, e quasi sempre interesserà più quest’ultima. La salute ha di solito impensate capacità di ripresa, oppure si tende ad occultare eventuali malattie o ad aspettare all’ultimo per curarsi, e risorgere poi prontamente, salvo problemi planetari collaterali complessi. Con aspetti negativi di Plutone e Venere, tutto quanto detto non si spegnerà, ma sarà vissuto in maniera complicata. A partire dalla sfera sentimentale e sessuale, settore talvolta – o spesso – dolente. Potremo trovare così un erotismo molto spinto ma mai saziato del tutto, oppure si potrà rifiutare o vivere male l’eros. O ancora si potrà essere ingannati in amore, o ingannare per tormento personale, pur non riuscendo a capire in pieno cosa dà il tormento, e come placarlo. A volte avremo per reazione una buona dose di esibizionismo, che può però lasciar trapelare la sofferenza sottesa, o ci si sentirà tanto insicuri da cercare di non apparire, per evitare che gli altri capiscano quanto si soffre. L’uomo con questo affetto spesso si sfogherà sessualmente faticando a trovare l’appagamento, la donna potrà vivere di più la propria insicurezza, cercando di reagire o nascondendosi, salvo riscatti collaterali. Per quel che riguarda la salute, si potrebbe avere qualche difficoltà nello scoprire eventuali malattie, con sintomi chiari ma non riconducibili a qualche patologia ben definita e conclamata.

PLUTONE-MARTE
La somma di Marte e Plutone costituisce la somma dei valori virili sul piano fisico e mentale, e i due piani dovrebbero funzionare di comune accordo per esplicare al meglio le loro potenzialità. Così, col supporto di Marte, Plutone (lo abbiamo visto in Gli aspetti di Marte) vuole interagire attivamente con il mondo – sul piano sessuale ma non solo – integrando le potenzialità creative plutoniane con il marziano impulso a penetrare, che spinge a conquistare una preda e a sottometterla. Poi il Plutone “retrostante” la feconda (e Marte forse è solo un suo strumento a cui nessuno ha mai spiegato che lo è) per imprimerle il proprio marchio, con una parte di sé che vuole modificare con il suo essere l’altro, anzi l’altra. Di solito gli ormoni funzionano alla perfezione, salvo lesioni planetari collaterali, e garantiscono a chi possiede una combinazione positiva un comportamento virile, anche se si tratta di una donna. Cos’è però la virilità? Forse andare alla conquista del mondo con l’elmetto in testa come vuole l’Ariete, oppure cercare di impadronirsene con mezzi indiretti, oscuri, contorti, come tende a fare lo Scorpione. Potrà così capitare di non avere troppa pietà delle vittime (o conquiste, non stiamo a sottilizzare troppo) per l’insopprimibile bisogno di manifestare se stessi. C’è dell’altro oltre all’Eros? La vita è tutta Eros, attenzione, ma molte possono essere le sfumature e manifestazioni della sessualità. Quella rappresentata da rapporti positivi tra Marte e Plutone indica la capacità di prendere l’iniziativa in campo erotico, e di dominare nel talamo, a qualunque sesso si appartenga. Perché molti sanno che ci sono uomini pur eterosessuali che preferiscono farsi possedere dalla propria partner (anche se gli organi sessuali in teoria direbbero il contrario) e donne che ameranno soprattutto guidare le tenzoni erotiche. Diciamo però che gli uomini con questa combinazione saranno favoriti in questo senso, mentre sovente le donne preferiranno celare la propria virilità intellettuale ed erotica, salvo si tratti di lesbiche, in realtà una minoranza. Aspetti disarmonici tra Plutone e Marte possono creare difficoltà sessuali di tipo ormonale, ma più sovente il problema si manifesta in modo differente, psicologico. Potremo avere così la persona insaziabile sessualmente perché non trova mai un totale appagamento, colui (o colei) che vola di fiore in fiore sperando di fare meglio la volta successiva (cosa che quasi mai avviene) o che ci rinuncia (pochi in realtà) perché capisce che la cosa non fa per lui. Anche coloro che hanno una vita sessuale normale e soddisfacente, avvertono però spesso in sé una sorta di irrealizzazione che non si placa mai del tutto. Va detto che lesioni di questo tipo spingono a cercare di superare i propri limiti, e così soggetti simili si mantengono sempre all’erta fino alla fine dei loro giorni. Per le donne potrà esserci difficoltà ad accettare o trovare un partner davvero virile (senza avene la consapevolezza) oppure ci saranno incontri con uomini poco soddisfacenti e infine in qualche raro caso avremo un rifiuto del sesso. Spesso inoltre si è pavidi, oppure si hanno gesti di una violenza tortuosa e indiretta perché non si sa gestire la propria aggressività.

PLUTONE-GIOVE
Tanto diversi che così diversi non si può, sia pure in maniera differente entrambi i pianeti concorrono alla soddisfazione e alla sicurezza di sé (Gli aspetti di Giove). Giove è però diretto e trasparente, mentre Plutone occulta e la loro unione smorzerà certe punte di ingenuità di Giove come potrà rendere meno tormentato il vissuto di Plutone. Aspetti positivi renderanno estremamente fiducioso del proprio operato il soggetto, che saprà venderlo bene perché crede in quel che fa e vuole perciò che il prossimo lo riconosca. A volte potremo trovare gli abili pubblicitari di se stessi, sovente incontreremo invece persone che non si sognano nemmeno di farsi propaganda, perché non ne hanno bisogno, visto che gli altri riconoscono il loro valore senza ci sia la necessità di spendere troppe parole. Il linguaggio può essere così affascinante e profondo, capace di omettere quanto non va esibito e puntando invece su ciò che va mostrato. Anche il rapporto con la propria immagine, o l’immagine in sé, è caratterizzato da sicurezza quasi sempre senza bisogno di esibizionismi, o apparendo solo quando si vuole farlo, e per il resto restando nell’ombra cara a Plutone. Si potrà non disdegnare di parlare di sesso o durante il sesso, di solito gradito in dosi abbondanti come vuole la voracità di Giove. In campo economico ci sarà un atteggiamento tutt’altro che immobilistico e non ci si accontenterà di conservare i risparmi sotto il materasso, ma a volte si sperimenteranno le speculazioni finanziarie, che potrebbero andare a buon fine se non ci sono lesioni collaterali. Il denaro verrà poi vissuto non solo come strumento di godimento e possesso immediato ma anche come mezzo per creare un futuro diverso da quello attuale. Se dovessero esserci poi perdite importanti, si avrà il coraggio di ripartire, anche per il gusto di mettersi alla prova. Le sfide al rischio proprie di Plutone saranno inoltre affrontate con ottimismo perché si sa di avere molte risorse, avendo fiducia – quasi mai mal riposta – nelle proprie potenzialità e capacità di ripresa. Rispetto al rapporto con il cibo, potrebbe esserci un certo sperimentalismo, e la voglia di conoscere cibi diversi da quelli della propria tradizione gastronomica. Tutt’altra musica si avrà ovviamente con aspetti negativi che, come sempre, stimoleranno le simbologie correlate con risultati però complessi. Anzitutto verrà minata la sicurezza di sé, ma si vorrà lo stesso mettersi alla prova per dimostrare agli altri quanto si vale. La differenza consisterà soprattutto nel non essere mai davvero contenti di quel che si è realizzato, al di là dei risultati ottenuti che potrebbero essere comunque notevoli. Si potrà inoltre essere molto esibizionisti, ma di un esibizionismo insicuro, che necessita costantemente di applausi e omaggi, mai ottenuti nella quantità desiderata, forse eccessiva. Potrà poi accadere che si tenda a mentire, facendosi però scoprire. Oppure si potranno fare pettegolezzi o essere vittime di pettegolezzi, e soffrirne. In campo economico si potrebbe poi restare vittime di fregature per ingenuità o perché si è investito in titoli o azioni a rischio ma non baciati dalla fortuna. Ci si rialzerà comunque anche in caso di cadute rovinose, ma dentro di sé resterà il tarlo della sconfitta, nata soprattutto da troppe ambizioni o da un fiuto che funziona così così. In qualche caso estremo, in verità raro, la difficoltà interiore potrà risultare paralizzante, perché non si ha mai avuto sufficiente sicurezza in se stessi e si è preferito l’immobilismo all’agire.

PLUTONE-SATURNO
Oscuro e ambizioso l’uno, freddo e ambizioso l’altro, le unioni di Plutone e Saturno possono creare una notevole dose di determinazione, sempre che gli aspetti tra di loro siano positivi. Mentre con aspetti negativi si aspirerà comunque al potere, ma sovente la scalata al successo sarà solo un’aspirazione o se lo si otterrà non si vivrà il raggiungimento di alte posizioni con serenità (ne abbiamo già trattato in Gli aspetti di Saturno). L’apporto di Saturno a Plutone può infatti sfrondare le implicite complicazioni proprie di quest’ultimo, indirizzandolo verso l’ottenimento di ciò che si vuole senza eccedere in seghe mentali. E a farlo durare, perché i semi plutonici attecchiranno in un terreno fertile e stabile, crescendo nei tempi giusti e arrivando a raggiungere spesso una forma solida e matura. Le fisime stanno di casa altrove, perché Saturno consente di concentrarsi sulla struttura portante delle situazioni, lasciando ad altri decorazioni, arzigogoli e dettagli inutili. Intendiamoci, trattandosi di pianeti lenti o semilenti, i loro rapporti interessano intere annate di persone, che saranno però caratterizzate dall’avere le palle oppure no (ovviamente la seconda eventualità con aspetti negativi). E non tutti i nati con aspetti positivi diventeranno presidenti della repubblica, è chiaro, eppure nel loro ambito garantito da un sano realismo sapranno ottenere posti di rilievo. Nei casi in cui ciò non accadesse per aspetti collaterali complessi, le persone risulteranno cocciute e poco elastiche, perché troppo sicure del proprio pensiero. Plutone poi perderà un po’ della sua tendenza a mentire per cose superflue, ma non per quelle importanti. Così potrà accadere che si dica solo ciò che si vuole, e che può risultare proficuo, nascondendo ciò che invece potrebbe danneggiare. Di rado si avrà la tendenza a farsi calpestare, semmai potrà dare persone che – se del caso – possono schiacciare il prossimo. Non per cattiveria gratuita, intendiamoci, ma per spietatezza finalizzata a uno scopo. Tutt’altro discorso vale per i rapporti negativi, pare superfluo ribadirlo. Manca soprattutto la sicurezza in sé e si può pure avere la tendenza a colpevolizzarsi per ciò, se pensiamo a Saturno come SuperIo in senso psicanalitico. A volte sarà stato il padre a castrare (mai termine fu più appropriato se pensiamo alla simbologia di Plutone-testicoli) le aspirazioni del figlio, ma anche se non ci fu un genitore prevaricante resta un timore interiore di affermarsi. Ciò accade in particolare per gli uomini, ai quali la società ha sempre imposto di farsi valere nel loro ambito, giudicandoli male se non ci riescono. Anche se poi nessuno emette una sentenza di condanna per scarsa virilità, va detto che ciascuno di noi proietta all’esterno le proprie immagini interiori, e le ambizioni frustrate prima o poi emergono sempre. In taluni casi ci si rassegnerà alle proprie debolezze, altre volte si tenterà di superarle riuscendoci di rado. Astrologicamente si può avere una soluzione dei problemi se in un quadrato tra i due Plutone precede Saturno, e ciò accadrà nel momento in cui Plutone scioglie la quadratura passando su quest’ultimo. Si potrà poi avere genericamente una difficoltà a gestire in modo razionale la creatività che, se pur presente, potrebbe non venire valorizzata a sufficienza. In qualche caso la debolezza interiore può far sì che si venga sfruttati dagli altri, spesso molto abili nel cogliere le difficoltà del prossimo per trarne vantaggio. Rendendo ancora più frustrato chi viene pure usato da personaggi senza scrupoli morali. Come per tutti gli aspetti negativi, comunque, resterà sempre una volontà di riscatto che aiuterà nel corso della vita a non rassegnarsi mai del tutto, in attesa di una rivincita, che non è detto che arrivi anche se non è escluso che accada.

PLUTONE-URANO
Si sa che gli aspetti tra questi due pianeti sono generazionali e durano a lungo (e ne abbiamo già parlato in Gli aspetti di Urano) ma come scritto ciò non significa affatto che siano meno importanti per la strutturazione dell’Io, anzi. Rapporti positivi con Urano indirizzano la creatività plutonica verso una realizzazione materiale, che sappia tradursi in oggetti, progetti concreti, posizioni sociali riconosciute. Con un notevole attivismo, perché Urano non sa stare con le mani in mano e vuole agire, in questo caso sospinto anche da notevoli ambizioni che riguardano in parte l’Io ma soprattutto quello che l’Io riesce a fare. Ambizioni in parte omologate, perché rispondono a quelle desiderate dai più. Così il soggetto potrà vantarsi di avere stretto un contratto con un importante partner lavorativo, di avere avuto un avanzamento di carriera, anche di avere sfacchinato otto ore alla catena di montaggio senza stancarsi. La creatività è spesso tecnica o meccanicizzata e lascia poco spazio all’improvvisazione, anzi non gliene lascia affatto. Il disegno complessivo di un progetto o di un lavoro avrà ogni suo dettaglio funzionante e funzionale, e guai se accadesse il contrario. Allo stesso modo il corpo e le sue necessità fisiologiche andranno controllate e irreggimentate secondo regole precise (anche se queste mie affermazioni sono legate soprattutto al suo ultimo passaggio in Vergine, quando i due pianeti furono a lungo congiunti) e anche sul piano sessuale – territorio molto amato da Plutone – si punterà più sull’efficienza che sulla fantasia. Sempre per la generazione degli Anni Sessanta, con i due pianeti in Vergine e per la simbologia di fecondità, non si considera affatto disonorevole ricorrere a tecniche di fecondazione se non si dovesse riuscire a concepire per vie naturali. Inoltre non si disdegna di cogliere quante più opportunità possibili, visto che, come ben sappiamo, Urano soffre a lasciar perdere un’occasione. A volte – specie se sono carenti valori saturnini o Bilancia – si potrà anche giocare sporco pur di ottenere quel che si vuole, sia sul piano lavorativo sia su quello sessuale. Il fine giustifica i mezzi, e il fine è l’ottenere quanto si ha in mente, sia esso un avanzamento di carriera sia una bella fanciulla o fanciullo che si intende conoscere in senso biblico. Tutto sommato molte contorsioni mentali di Plutone si semplificano o sono piuttosto incanalate in un ambito preciso e prevedibile, con un sottofondo di compiacimento sul proprio operato. Cosa che non accade invece per gli aspetti negativi che, anziché spegnere la creatività, rendono insoddisfatti di ciò che si fa. Lasciando sovente un tarlo interiore che spinge a non restare mai con le mani in mano (anche se possono pure capitare casi di persone rinunciatarie e inerti) non sapendosi poi accontentare del risultato raggiunto e alzando progressivamente sempre più in alto l’asticella delle mete da scalare. Si potrà poi ritenere che la società non apprezzi a sufficienza la propria posizione sociale, creando livori sotterranei che potrebbero anche incanalarsi nella tessitura di complotti per arrivare più in alto. Complotti che potranno pure andare a buon fine, ma non risolveranno il problema interiore del Plutone leso, perché di questo si tratta. È possibile inoltre – in particolare per gli uomini – non essere pienamente soddisfatti della sfera sessuale, forse per propria inefficienza o perché si aspira ad altro da quel che si ha ma non si mettono poi in atto i giusti passi per raggiungere ciò che si vorrebbe. O forse più semplicemente non se ne ha mai abbastanza, e si cerca ancora e ancora. I problemi, se ce ne sono, sono più spesso interiori che nel rapporto col mondo (anche se a volte può esserci una certa paura di agire che potrebbe risultare paralizzante), ma il risultato non cambia.

PLUTONE-NETTUNO
Gli astrologi contemporanei (come si è visto in Gli aspetti di Nettuno) hanno avuto modo solo di assistere a un sestile tra Plutone e Nettuno e di questo parleremo, perché pare inutile al momento analizzare in astratto tutti i possibili rapporti tra i due. Possiamo però dare rilievo a come la creatività plutoniana abbia sempre avuto nell’ultimo secolo la necessità di trasformarsi, di non restare ferma nelle posizioni precedenti. Così, anche in virtù di questo sestile, si sono compiuti cambiamenti rapidissimi e definitivi che hanno stravolto lo status quo precedente e spesso abitudini sociali radicate nei millenni. Le ambizioni però avevano spesso anche un sottofondo ideologico, come vuole Nettuno, e magari si inalberava come un vessillo un’idea di un certo tipo per dare corpo alle proprie aspirazioni. Tanto per fare un esempio, i sessantottini iper-politicizzati volevano anche cambiare la società ma per ottenere qualcosa di più anche per se stessi, magari fosse solo un posto di rilievo all’interno del proprio gruppuscolo extraparlamentare. Perché non dimentichiamo che una delle simbologie di Plutone è anche la politica. Si è così mediamente avuto il coraggio sufficiente di cambiare la società anche per dare spazio al proprio Io, che non avrebbe saputo restare sottomesso e incapace di mutare. O si è aspirato a farlo, in fondo non fa differenza. Comunque anche i temperamenti più conservatori e immobilistici hanno dovuto adattarsi alla trasformazione più che rapida della società e delle sue certezze. Anche sul piano sessuale ha imperato mediamente la mutevolezza, sia nel variare dei partner nel corso del tempo, sia nella diversa visione dell’Eros che si è avuto nei vari periodi. Così dopo il tradizionalismo della generazione con Plutone in Cancro si è passati all’Eros come affermazione dell’Io per quelli che l’avevano in Leone. Girando poi nuovamente pagina con Plutone in Vergine e il suo culto del raggiungimento dell’orgasmo perfetto (ma tutto sommato omologato), per arrivare a un ritorno all’aspirazione al Partner Ideale quando Plutone entrò in Bilancia, ottenendo infine la consapevolezza che non esiste con il suo passaggio in Scorpione, e quindi tanto valeva divertirsi il più possibile sfidando il rischio. Non dimenticando che ciascun passaggio era accompagnato dalla presenza di Nettuno in due segni successivi, e vivendo così i dubbi esistenziali quando fu in Bilancia, la metamorfosi pericolosamente erotica se in Scorpione, l’avventurosità ingenua in Sagittario, il realismo spinto con Nettuno in Capricorno. Resta il fatto che il rapporto stretto tra i due rende spesso difficile scindere la loro analisi anche all’astrologo più accorto. Io ho provato a dare qualche input, di certo c’è molto altro da aggiungere.


Massimo Michelini, 1/07/2012