LA ROTTA DI ULISSE

 


Contatti: massimomichelini1@virgilio.it

Questo spazio è riservato alle domande dei frequentatori.
Non è un servizio di oroscopi on-line e i quesiti trattati avranno un interesse di carattere generale.
Se la domanda riguarda un particolare tema natale, andranno ovviamente segnalati i dati di nascita completi.

In basso a destra potete trovare il link per leggere l'archivio
con le precedenti risposte.


Forum - Archivio 3

In basso a destra potete trovare il link per leggere l'archivio
con le precedenti risposte.

?
!

AMORE E ARTE: DURERANNO? - 708

Era il 2015 quando le scrissi e le racconto gli sviluppi. Riporto parte della sua risposta: "(…) va tenuto conto anche di questo per fare previsioni. Se ad esempio suonasse o ballasse, per diletto o professione, potrebbe accadere che il Nettuno in negativo la faccia smettere per dedicarsi ad altro. Io penserei però che qualcosa accadrà, facendole cambiare atteggiamento verso qualcosa di ben radicato in precedenza". Sono sempre stata attratta dall’arte (Sole-Marte in V, ascendente Leone, Luna Bilancia) ma non ho mai sviluppato capacità in tali ambiti. Da piccola adoravo disegnare e al momento di scegliere il liceo propendevo per l'artistico, ma poi sa cosa dicono gli adulti "Scegli qualcosa di più concreto" e così scelsi il linguistico, per il quale ero portata (Mercurio in Sagittario) e poi la facoltà di lingue e letterature straniere (non terminata). Insomma, gli interessi artistici sono stati messi da parte fino all'arrivo di Saturno e Nettuno! La mia passione è esplosa dando il via ad un periodo di creatività artistica e portando fuori delle potenzialità mai sfruttate. Tutto questo mi sta dando soddisfazione per l'appagamento personale e il rendermi conto che sto facendo quello che amo e in cui mi riconosco. Come se non bastasse questa situazione mi ha portato la conoscenza di uno straniero (vive dall'altra parte del mondo) con cui si è creato un feeling mooolto stretto. Sono coinvolta ma non ho bisogno del suo aiuto per capire che è una situazione senza futuro. A questo punto mi chiedo se questa esperienza in campo artistico proseguirà, se si evolverà.
Stefania



1 dicembre 2016

Penso che a volte si chieda troppo alle capacità previsionali dell’astrologia che, tra le sue tante virtù e potenzialità, non contempla la quantificazioni degli eventi e pure la sua esatta identificazione in fatti precisi e potenzialità. Faccio un esempio. Nel mondo nascono in ogni singolo secondo miriadi di persone, non so quante esattamente. Pur avendo forti analogie non sono fotocopie, né sul piano caratteriale né su quello fisico. Certo, va tenuto conto del patrimonio genetico, chi se lo scorda, come del diverso contesto culturale e ambientale in cui si viene al mondo. Un islandese e un aborigeno non possono avere la stessa vita, ovvio. Anche nascendo poi in un identico contesto sociale le differenze ci sono lo stesso, e si veda a tal proposito il mistero dei gemelli, anche di quelli omozigoti. Eppure ciò nonostante l’astrologia funziona meravigliosamente, lasciando però uno spazio inesplorato e inesplorabile di cui non puoi non tenere conto. Quindi, cara Stefania, non posso dirle se la sua vena artistica proseguirà ottima e abbondante, non ho le capacità per dirlo. Non trovo però sul suo cammino ostacoli tali da far suggerire un blocco della creatività. A meno che Saturno di passaggio su Nettuno la faccia tornare coi piedi in terra. Mi spiego. Per fare l’artista devi seguire un demone interiore, altrimenti faresti il panettiere o il commercialista. Ora Saturno, momentaneamente, risolve il conflitto natale con Nettuno. Potrebbe trattarsi di una cosa o del suo esatto opposto. Ossia potrebbe decidere di concretizzare ancora di più le sue esigenze artistiche oppure vedere con chiarezza le difficoltà insite e dedicarsi ad altro. Le auguro che accada quanto è meglio per lei, sia la strada in salita sia invece liscia come l’olio. Plutone nel frattempo formerà un sestile al suo Urano radix dalla sesta casa e potrebbe regolarizzare i suoi impulsi artistici. Ovvero potrebbe decidere che è meglio dedicarsi a un lavoro meno aleatorio oppure incanalare l’arte in forme di consenso popolare, magari una mostra in una galleria (se realizza opere d’arte, non mi ha specificato cosa fa) con un riscontro anche popolare. Mi pare vada comunque verso una specie di regolarizzazione. Che potrà però essere di due tipi: l’accantonamento dei sogni oppure la loro produzione costante ma anche riconosciuta dal contesto sociale. Le auguro che le accada il meglio, qualunque esso sia.





?
!

STRANI AMORI - 707

Caro Massimo, sono nata il 31.12.19ZZ alle 9.35 a W. Capricorno ascendente Aquario. Da anni non riesco a instaurare un rapporto duraturo con un uomo. Nel passato ho avuto relazioni che riuscivo a portare avanti solo nella consapevolezza di non essere innamorata e di conseguenza di non essere ferita, dato che da Capricorno avevo in testa obiettivi da raggiungere e non potevo permettere di trovare un ostacolo nell'amore. Le uniche volte che mi sono innamorata è stato con ragazzi con i quali c'era una attrazione fatale, ma per paura non sono mai decollati. Con il primo la storia è durata sette anni, di tira e molla mentre lui continuava ad essere fidanzato. Mentre con il secondo è stata una relazione di un anno dove ho perfino provato la sensazione di aver trovato la persona giusta ma alla fine è finita. Non so più cosa pensare dato che vivo nel costante contrasto di desiderare più di me stessa la persona giusta e la paura immotivata di trovarla. Continuo a lavorare su me stessa ma vorrei sapere se mettermi il cuore in pace e accettare tutto ciò o se a livello astrologico tu possa aiutarmi. Ho decisamente molti corteggiatori, alcuni che a livello razionale sarebbero perfetti ma non provo attrazione e non so più se accettare la realtà e vivere razionalmente ma senza amore o se continuare a sperare che un incontro del destino faccia il suo ingresso nella mia vita. Ti chiedo in quanto ho notato di avere Lilith in settima e la Luna quadrata al Sole. Ti ringrazio
Alice


1 dicembre 2016

Cara Alice,
anzitutto ti consiglio di lasciar perdere Lilith. Non è un corpo celeste reale, viene individuato seguendo strani calcoli a mio avviso parecchio arruffati e serve solo a cercare un altro capo espiatorio rispetto alle possibili sfighe dell’umanità. In questo caso la sua metà femminile. Ossia, se una donna non riesce a trovare uno straccio di fidanzato decente ed è colpa di Lilith, la demonessa pronta a causarle guai. Quando in realtà le cause sono altre. Da Capricorno intelligente e consapevole non hai dato infatti la colpa ad altri della tua situazione affettiva ma hai individuato la tua non volontà di legarti. Ben visibile anche e soprattutto nell’ascendente Aquario, portatore di esigenze di libertà e indipendenza e del tuo Sole in undicesima casa congiunto a Nettuno, che sottolinea la tua necessità vitale di non ingabbiarti in una situazione stabile e definitiva. Già, perché allora mi poni la domanda sulla possibilità di trovare la persona giusta? Le cause sono due: anzitutto il quadrato tra Sole e Luna, poi il trigono tra i pianeti più sensibili nell’attrazione amorosa e sessuale, ossia Venere e Marte. Così da un lato c’è uno scoglio nell’interazione con l’uomo, tante sono le diffidenze e paure nel trovare una persona, dall’altro invece non c’è alcuna difficoltà nel flirt, e suppongo anche nel sesso, dato il calore garantito dalla Venere in Sagittario e da Marte in Ariete. Il maschile ricercato è poi un esempio di virilità, come vogliono sia Marte sia il Sole in Capricorno, mentre rispetto al proprio femminile c’è voglia di fissare un contratto affettivo (la Luna in Bilancia) e di dare tutta la disponibilità possibile in amore (Venere in Sagittario). Cara Alice, sei ben consapevole delle tue contraddizioni interiori e da quelle devi partire. Dovresti forse trovare qualcuno capace di prenderti a livello emotivo che avesse però pure la capacità di lasciarti libera. Difficile, molto difficile, ma non impossibile. Ti consigliare però di non disperare. Spesso la vita ci suggerisce strategie non previste, dettate da transiti del momento. O ci dona saggezza, sia pure a furia di sbattere la testa contro il muro, quella che ti farà trovare il giusto equilibrio nelle tue storie amorose. Perché quello cerchi nella vita, ma sappi che si tratta di una situazione mutevole e instabile che richiede una costante necessità di adattamento. Come quella che tu cerchi nei rapporti affettivi.




?
!

INCONTRI CICLICI - 706

Ciao Massimo,
volevo chiederti se ci possono essere nel tema natale dei segnali che prevedono l’incontro “ciclico” con una persona che è stata importante nella nostra vita. Mi spiego: ho incontrato un ragazzo a diciotto anni e che vive lontano da me. L’unione per un motivo o per l’altro non ha mai funzionato ma ciclicamente, ogni dieci anni, per casi assolutamente fortuiti ci ritroviamo e nonostante le vite diverse che conduciamo, ogni volta è come se il tempo non fosse passato, con la stessa complicità e la stessa confidenza. Io sono nata il 3/5/ZZ a W, lui 27/3/QQ a Y. La butto lì. Potrebbe essere collegato al fatto che i pianeti lenti, pur se in case diverse, formano gli stessi aspetti? Però è anche vero che sono aspetti generazionali. Non so, non mi è mai successa una cosa simile con nessuno ho sempre chiuso di netto le mie storie e ce ne metto di tempo per convincermi a chiudere da buon Toro. Però poi non mi guardo mai indietro in questo caso “trascende ogni mio controllo” (battuta di John Malkovich in ”Relazioni pericolose”) Aiutami a capire se c’è un motivo astrologico o se è solo un caso.
Simona



1 dicembre 2016

Vorrei poterti dire che hai ragione, e che esiste un motivo anche astrologico per il ritorno ciclico ma se fosse così non saprei trovare una convincente spiegazione astrale. Lo vorrei con tutto il cuore, anche per me stesso per gli amori finiti, che magari potrebbero tornare. A me non accade, anzi a volte addirittura se incontro una vecchia fiamma mi chiedo come mai mi accese il cuore. A volte, non sempre. In alcuni casi mi è capitato una nostalgia struggente, in altri proprio non ci siamo più rivisti, ma lo avrei voluto tanto. Quanto a voi, l’unico ipotetico transito potrebbe essere (uso un condizionale più condizionale della libertà su cauzione) sul Marte radix di entrambi all’incirca nella stessa posizione per entrambi, visto che siete nati a distanza molto ravvicinata. In realtà sono a tre gradi di distanza ma hanno una comune congiunzione a due pianeti generazionali e in effetti potrebbe venire stimolato. Non mi hai però detto le date degli incontri e ti invito a controllarle tu stessa. Se per caso poi non trovassi nessun passaggio astrale stimolante fingi che ci sia. In attesa di quello successivo, come la promessa di una futura felicità certa anche se un po’ distante. Magari non capiterà perché gli incontri sono stati frutto del caso, ma i sogni non bisogna spegnerli mai. Forse non si realizzeranno, ma potrebbe accadere pure il contrario. Se di notte mettiamo in scena nel nostro teatrino onirico le nostre paure ma pure le nostre speranze, significa che sono necessari alla psiche. Desideri e timori appunto indispensabili, tanto da consentirci di vivere meglio (nel caso delle attese) ma pure di tenerci coi piedi in terra e di non farmi buttare a capofitto in situazioni pericolose (le paure). Sono un ardente sostenitore degli amori impossibili, e li ho pure vissuti almeno in un paio di occasioni. Ringrazio il cielo (ossia lo zodiaco) che me li ha fatti comunque assaporare e gustare, l’amore è il sale della vita. Quindi preparati a un nuovo incontro tra dieci anni, se l’ultimo è appena capitato. Di certo non è vicino, ma sarà una luce vaga e intermittente capace di far sorridere il tuo cuore.




?
!

GLI ZODIACI B, QUESTI INCOMPRESI- 705

Ahah, buongiorno sig. Michelini, qui Alby.
Leggendo la teoria dei 4 zodiaci e delle trasparenze ho letto che "dovrebbe esistere un universo nel quale...". Ecco la domanda: se i pianeti sono sempre gli stessi, il "punto di vista" degli altri zodiaci non dovrebbe essere interno al sistema solare? Mentre non ho capito la storia di Saturno stella e Urano satellite. Cioè ok la teoria astrologica ma il resto? Ahaha credo sia solo un fatto simbolico, o almeno me lo auguro, s'immagini che freddo altrimenti! Cordialmente,
Alby



1 dicembre 2016

Carissimo Alby,
so per certo che la teoria dei quattro Zodiaci è una delle più difficili da capire e da assimilare, proprio perché riguarda qualcosa che non conosciamo, ed è forse al limite della nostra capacità di comprensione. Ho provato a spiegarla in maniera spero chiara nella serie di articoli sulla struttura dello Zodiaco (http://www.larottadiulisse.it/strutturaz.html) e forse vale la pena rileggerli. Sottolineo – anche se so per certo che mi capiranno in pochissimi – che si tratta di una teoria sì astrologica, ma supportata da ragionamenti fisico-numerici. Lo citò però pure la Morpurgo, ma lo stesso Einstein disse che, date le sue scoperte in fatto di fisica, bisognava ipotizzare una forma di vita anche in altri universi al cui centro c’è una stella fredda, non calda. Non si tratterebbe solo di un fatto simbolico, ma reale. Quindi, comincia ad accumulare piumoni, termocoperte e quanto di più caldo riesci a trovare, se mai finissi negli Zodiaci B ne avresti di certo bisogno. Visto che me lo hai chiesto, provo a spiegarti in due righe la storia di Saturno e Urano. In una qualche parte dell’universo infatti c’è un sistema planetario complementare al nostro, di cui conserviamo il ricordo grazie alla presenza nel nostro ciclo zodiacale delle trasparenze. Ossia dell’influenza occulta dei pianeti esaltati in altro modo negli Zodiaci B. Nota bene che, per una legge universale analoga, negli Zodiaci B sono esaltati per trasparenza i pianeti del nostro Zodiaco. I pianeti sono 12 nel nostro sistema e 12 in quello, hanno valori simbolici analoghi ma hanno una disposizione diversa nelle esaltazioni, altrimenti si tratterebbe di uno specchio. E non può essere uno specchio, ma di qualcosa di simile che completa il “sistema” universo. Perché se qui domina il caldo rappresentato dal Sole, là, negli Zodiaci B, a vincere è il freddo di Saturno, che diventa la stella al centro del sistema planetario come qui il Sole è il cardine del nostro. Se qui da noi, nello Zodiaco rovente, il satellite del Sole nonché altro luminare è la Luna, là, nel freezer spaziale, sarà il pianeta naturalmente opposto alla Luna, ossia Urano. Ne accenno qui e ora per sommi capi, ma so per esperienza pluridecennale che per capire ci vuole tempo, e non tutti ce la fanno. Molto più semplice per molti è ragionare impiegando simboli improbabili, e non cercando di decifrare come funziona l’universo. Non è obbligatorio saperlo, intendiamoci, ma se ci arrivi hai un orgasmo intellettuale mica da poco. Altamente consigliato però a chi sa gestire i piaceri della mente.




?
!

L’ARABA FENICE E UNA CONCENTRAZIONE DI EVENTI - 704

Nei prossimi mesi mi dovrò impegnare sul lavoro perché dovrò ricoprire un ruolo con più responsabilità rispetto ad ora, dovrò cambiare casa e riuscire (speriamo) a superare una delusione amorosa. È forse questo il momento della rinascita dell'araba fenice dalle sue ceneri? Come si spiega tale concentrazione di eventi?
Sono nata a X il 9/11/19ZZ alle 22.15.
T.



1 dicembre 2016

L’araba fenice è notoriamente una delle immagini più simili al temperamento profondo dello Scorpione. Capace spesso di cadute infinite e di risalite inimmaginabili, rigenerandosi appunto dalle sue ceneri. In tutta onestà non so dirti perché ti sia successo o stia per succedere tutto in contemporanea. Giusto oggi ho sentito uno storico che diceva secondo me una cosa molto vera, ossia che chi sa ammettere di non sapere guadagna in autorevolezza. Se ti dicessi quindi che ero certo che avresti dovuto rivoluzionare la tua vita, avrei raccontato una balla, come fanno in tanti, miei colleghi e non, per darsi un’aura di importanza. Però quelli che mi racconti sono fatti e non auspici, quindi provo a capire. Per il lavoro, credo che c’entri il trigono di Urano a se stesso. Urano ora sulla cuspide della decima a significare in qualche modo un avanzamento di carriera. Saturno è poi tornato nella sua posizione natale e, a primavera, si congiungerà all’Urano radix, mandando anche un trigono all’Urano di transito in decima. Plutone sempre di transito è nella tua sesta casa, e può fare intuire una tua presa presenza efficace nel mondo del lavoro. Per il cambio di casa c’entra però Nettuno, ora in ottava e che forma un trigono alla tua Venere in Scorpione e quarta. Transito che non mi fa escludere anche la possibilità di un amore nuovo, o di una trasformazione positiva del ricordo di quello vecchio in qualcosa di diverso. A breve Giove formerà pure un trigono al tuo Marte in settima e a fine 2017 entrerà in Scorpione, portandoti una ventata di ottimismo. Secondo me supererai la delusione d’amore, e di solito accade quando si trova un amore successivo. Arriverà? Non lo escludo, e te lo auguro.




?
!

UN FIDANZATO SBAGLIATO PER LA FIGLIA? - 703

Caro Massimo,
ti scrivo per conoscere il tuo giudizio sul tema natale di un ragazzo che è stato legato per anni con mia figlia. Da circa tre mesi si sono lasciati, forse definitivamente, perché da quest'autunno lui si è trasferito in un'altra città per studiare e da allora ci sono stati dei problemi sia perché la decisione è stata improvvisa e unilaterale sia perché si sono visti poco. Non è la prima volta che si lasciano, succede all'incirca una volta all'anno e sempre alla fine dell'estate: lui commette qualche leggerezza che mia figlia non accetta e da quel momento comincia un gioco al massacro fino a che, dopo mesi, lui ricompare. Questa è la terza volta. Stavolta l'ha lasciata lui, però! Vengo al dunque: secondo te questa storia potrebbe andare avanti? È indubbio che i ragazzi si amano ma sono compatibili? Ho dei dubbi. Sono stati compagni di liceo perciò hanno un vissuto comune molto importante e sono stati sempre innamorati e affettuosi fra di loro ma caratterialmente sono diversi. Ogni volta che si lasciano mia figlia ne fa un dramma con tutte le conseguenze del caso. Mi piacerebbe sapere cosa ne pensi di loro due come coppia e se questo interesse per la cucina è reale e duraturo. Spero di essere stata chiara, sono preoccupata.
Silvana



1 dicembre 2016

Mi permetterai l’impertinenza, ma non capisco se tu vuoi che i ragazzi tornino insieme oppure no. Direi di sì, anche perché mi chiedi conferme sul futuro professionale di lui, come se cercassi una garanzia anche per quello di tua figlia. Loro decideranno come vorranno e potranno ma, se pensassi in astratto e senza l’ausilio dell’astrologia, riterrei preferibile che la storia si chiudesse. Per un’infinità di motivi. Si sono messi insieme giovanissimi, suppongo senza una reale esperienza rispetto ai rapporti sentimentali. Hanno iniziato insieme, immagino, ma ogni anno si lasciano, poi tornano insieme, forse perché non sanno ancora cosa significhi davvero essere autonomi. Qualche pausa di pochi mesi non è una vera indipendenza. Questo denota di certo una difficoltà a stare da soli, forse un grande amore, ma non possiamo esserne certi. Pur essendo molto diversi hanno infatti alcune caratteristiche astrali comuni, come un identico ascendente e, soprattutto, una settima casa, legata ai rapporti di coppia, in cui sono presenti Giove e Plutone in Scorpione. Ossia stentano a restare da soli ma i rapporti affettivi gli riescono meglio se sono complicati. Anche, non solo ma anche. In linea di massima ritengo preferibile che i rapporti, affettivi ma non solo, siano complementari, non speculari. Qualcosa o tanto in comune ci vuole, ma se si è troppo simili si stenta poi ad uscire da certe dinamiche improduttive. Come quelle tipiche del prendersi e lasciarsi, tornando insieme e mettendo una toppa al rapporto, ma non avendo davvero sistemato le difficoltà di base. Proprio per questo spero che lui se ne resti nell’altra città e tua figlia si guardi intorno, per vedere se davvero il ragazzo è l’uomo della sua vita oppure no. Plutone in sestile alla Venere di tua figlia nel prossimo anno potrebbe farle venir voglia di mettersi alla prova, sperando che non le procuri invece l’effetto opposto, facendola incaponire nel cercare di tornare col ragazzo. Senza interferire troppo, cerca comunque di spingere tua figlia a pensare ad altro. E non importa se il ragazzo, o ex ragazzo, ha davvero un interesse per quanto studia. Meglio ragionare per sé, se dovessero davvero tornare ancora insieme ci si penserà. Ma mi auguro che ognuno sperimenti altro.

?
!

IL DIAVOLO FA LE PENTOLE E SE NE FOTTE DELL’ASTROLOGIA - 702

Ciao Massimo,
la domanda che ti avranno già fatto in molti è questa: lo zodiaco inteso come strumento di conoscenza e la sua interpretazione sono frutto di una forza maligna o possono essere inserite in un contesto scevro dal pensiero occulto come di fatto sostiene la maestra Lisa Morpurgo? Ti pongo questo quesito perché sono una grande appassionata di astrologia intesa come un'antica e spesso declassata conoscenza del cosmo e del genere umano. Ciò non significa per me essere in contrasto con la figura spirituale e teologica di Dio, tuttavia una persona che nemmeno conoscevo durante un convegno mi ha redarguito dicendomi se da quando mi interesso di astri nella mia vita personale non mi siano accadute delle disgrazie. Ecco caro Massimo, io forse posso intuire una tua possibile risposta, ma siccome sono dentro di me combattuta e ti ammiro come professionista, più che intuirla mi piacerebbe leggerla. Insomma quanta invidia o ignoranza c'era dietro questa domanda e quanto invece in taluni casi il prezzo da pagare perché il velo sia squarciato e permetta una sbirciatina nell'abisso è poi in sostanza troppo alto. Le disgrazie nella mia vita ci sono state e anche pesanti e continuano a esserci. Senza fare proseliti sciocchi da caccia alle streghe, vorrei solo un parere da te spassionato su cosa ne pensi del binomio zodiaco uguale diavolo. Grazie per la pazienza e complimenti per l'oroscopo, ironico amabile e terribilmente vero.
Mirella






1 novembre 2016

Cara Mirella,
spero non te la prenderai per l’ironia, anche se quasi mai chi mi scrive si offende davvero per le mie battutacce, a volte spinte al limite del lecito. Se proprio immagino il diavolo vedo un caprone un po’ puzzolente e ipersessualizzato che, non riuscendo a trombare come vorrebbe, si diverte a stimolare gli appetiti più sporcaccioni negli umani, e magari si nasconde dietro a una tenda per vedere cosa combinano, per risparmiare l’acquisto di un DVD porno e trovare poi il piacere in solitario. Scusami un attimo, ma cosa cappero c’entra lo Zodiaco con il diavolo? Lo chiedi poi a una persona come me dichiaratamente atea, che quindi dà a Belzebù il peso che si merita, ossia la nomea di un immaginario – non reale, bada bene - vecchio sporcaccione. Quanto al signore che ti ha redarguito, suppongo che abbia un contatto diretto con il creatore e tutti i suoi sottoposti, e conosca a menadito ogni regola di quell’incasinato e doloroso condominio a nome Terra, popolato da storditi che si incasinano da soli la vita. Compreso quello che sentenzia che ogni tipo di divinazione sia opera dell’antagonista del cosiddetto Signore, tal Belzebù dallo zoccolo caprino. La sola e unica superstizione appartiene quindi a quel signore parente dei tanti Savonarola presenti e futuri che bazzicano il nostro pianeta che, non riuscendo a vivere decentemente, non trovano di meglio da fare che rompere le scatole al prossimo. Se ti dovesse capitare di reincontrarlo, chiedigli di non intervenire più alle tue conferenze. O, se è davvero convinto che tu faccia danno alla collettività, presenti un esposto alla magistratura o alle forze dell’ordine, giusto per farsi ridere in faccia. E, per cortesia, non inquini ancora di più il pianeta con le sue sciocchezzuole. Ciò nonostante, suppongo che quel noioso abbia dato espressione a un input interiore molto diffuso, ossia la paura di conoscere il proprio futuro. Evento in realtà terrorizzante per quasi tutti, perché se fosse davvero possibile in todo scatenerebbe panico e raccapriccio. Lo so bene. In un recente conferenza ho parlato di predestinazione e libero arbitrio, scatenando reazioni tanto istintive da avere un senso. Inutile specificare qual è il mio parere in materia. Per concludere con il signore spaventato dal diavolo, mandagli un invito per una qualche sagra delle tue parti, purché sia molto godereccia e si servano piatti saporiti e poco dietetici. Tipo la sagra della salsiccia bisunta. Magari si distrae un po’, e pensa meno a Satanasso o ai suoi parenti. Tra cui non rientrano gli astrologi, qui lo giuro.










?
!

SOLA IN AMORE - 701

Ciao sono Antonella.
Vorrei sapere cosa mi aspetta in amore. Sono tanto sola. Sono nata il 13 novembre XX alle 18.






1 novembre 2016

Di solito non rispondo a domande così generiche, che forse andrebbero rivolte più a un cartomante che a un astrologo. Anche perché Antonella vorrebbe quasi di certo una risposta sola. Ossia spera, com’è giusto che sia per tutti, di trovare l’amore al più presto. Non mi racconta però cosa è successo fino ad ora, se ha avuto altri amori e, se li ha persi, qual è stata la causa della fine di una storia. O, se non ci sono state storie importanti, si è mai chiesta perché? C’è sempre un motivo infatti perché le cose accadono oppure no. Non è questa la sede giusta per analizzare la storia di Antonella, in cui ci sono però anche i semi del futuro. Io non escludo che, nonostante sia Scorpione, con tre pianeti in Sagittario e una Luna in Toro ci sia anche un pizzico di ingenuità. Quella che a volte rende più difficile attirare un uomo affidabile. Cara Antonella, mi auguro che Saturno, che ora passa nella tua settima casa, legata ai rapporti di coppia, ti faccia capire i motivi per cui un incontro come lo vorresti tu fino ad ora non c’è stato. Questo accade proprio adesso, in novembre, e può essere molto utile, anche perché scioglie un tuo aspetto negativo di nascita. Se ciò non capitasse magari l’anno prossimo, a fine 2017, quando Giove passerà sulla tua Venere, qualcosa di positivo accadrà. Te lo auguro.









?
!

PADRI E FIGLI, INCOMPRENSIONI INFINITE - 700

Gentile Massimo,
il quesito stavolta è sul rapporto padre figlio. Non uno normale, ma uno tra un figlio MOLTO LEONE e uno tra un padre MOLTO AQUARIO. Vedi, ho avuto un rapporto molto burrascoso con papà, ma davvero molto. Nonostante tutto è ancora una delle persone più importanti nella mia sfera emotiva. Ma credo sia stato troppo, ma davvero troppo Aquario per me. Astrologicamente parlando un Aquario come lui,a modo suo, come ha visto un figlio Leone così diverso e lontano da lui? (sempre che un acquario si ponga certe domande). Non avendo potuto vivere con lui la mia gioventù (siamo stati lontani) mi piacerebbe immaginare, attraverso l’astrologia, come sarebbe potuto essere il nostro rapporto (che era di odio/amore quando vi vedevamo e spesso di rassegnazione.) Grazie,
Francesco





1 novembre 2016

La tua domanda mi fa una grandissima tenerezza, caro Francesco, perché cerchi in qualche modo di riparare ai danni del passato anche se all’atto pratico non puoi fare più nulla. Non potendo riuscirci davvero perché tuo padre non è più tra noi, cerchi di farlo dentro di te, con le emozioni, o una rielaborazione fantastica del vostro vissuto. I danni del passato, bada bene, sono stati combinati da entrambi, non solo da te, perché le incomprensioni si creano sempre in due. Io penso che, per quanto diversi foste, tu in qualche modo rappresenti il superamento delle paure di tuo padre, sciogliendo grazie al tuo DNA e alla tua storia, che si rispecchiano nel tema natale, i suoi nodi interiori. Andando contro la sua natura cosciente, intendiamoci. Pur non avendo la sua ora di nascita (che potresti comunque recuperare andando all’anagrafe della città in cui è nato, basta chiedere un estratto dell’atto di nascita) non si può non notare che il suo Nettuno gli quadra uno stellium in Aquario. Quasi di certo tuo padre è stato bloccato nella vita, non so da cosa non sapendo nulla di lui. Ha però messo al mondo un figlio con un Sole in dodicesima (una casa nettuniana) in trigono a Nettuno. Una prole capace quindi di inseguire i propri sogni, se non ricordo male la tua vita e quello che hai fatto, andando contro corrente e a prezzo di molte fatiche. Ma l’hai fatto, non accontentandoti e puntando in alto. Ora forse tuo padre aveva un’altra natura, e aveva paura per te, oltre che per se stesso. Nettuno infatti gli quadra anche Mercurio, e suggerisce il timore nevrotico che il figlio cambi o sia diverso dalla norma. Nel tuo tema invece Mercurio, che indica te come figlio, oltre all’ipotetico rapporto che potresti avere con figli tuoi, è isolato e in undicesima casa. Ossia, l’obbedienza non è nelle tue corde, e forse ti sentiresti solo figlio di te stesso. Ho usato coscientemente il condizionale, perché questo accadrebbe se tu non fossi Leone, segno che invece ha il culto del padre. E, avendo pure Mercurio in Leone, ti senti figlio nonostante tutto, pur con la consapevolezza delle estreme differenze di carattere, ma avendo fatto comunque quello che potevi e dovevi fare. Ossia, inseguire i tuoi sogni. Ora non puoi più sapere cosa avrebbe pensato adesso tuo padre di te, e della tua vita, ma hai l’obbligo, per te stesso ma anche in nome della sua memoria, di fare del tuo meglio. E sappi che comunque non avreste potuto fare altro. Ognuno di noi fa cose di cui prima o poi si pente, è inevitabile. Basta però capire che quella era l’unica strada percorribile, nonostante gli errori. Adesso non ti resta che conservare il ricordo, cercando di rendergli onore con il tuo affetto postumo.







?
!

L’URANO DELL’AMANTE - 699

Buonasera Massimo.
Ti ho già scritto varie volte chiedendoti delle interpretazioni rispetto ad alcuni transiti. Interpretazioni che hai azzeccato alla grande e con grande sottigliezza. Con il transito di Urano in 8a in trigono alla mia Venere, Giove, Sole, Marte, ed attualmente Mercurio ho ereditato grosse somme, case, etc., ho avuto qualche problema di salute (intervento cardiaco), e dal lato sentimentale il mio matrimonio regge, (anche se si è stati vicinissimi alla separazione per sms sul mio cell. sfuggiti alla cancellazione). Con l'altra persona con cui invece, mi relaziono da lustri, sto vivendo un periodo strano, altalenante, ma ultimamente, di forte crisi. Il suo Urano di transito, sta quadrando la sua Luna, Ascendente, Saturno, ma nel contempo, trigona il suo Urano di nascita e forma un sestile con Mercurio. Il tutto mi preoccupa molto per gli sviluppi che si verranno a creare. Quando un pianeta come Urano, con le sue forti simbologie, forma in contemporanea trigoni, quadrature e sestili. Porta inevitabilmente alcune metamorfosi, ci saranno forti cambiamenti nella Sua vita personale ed emotiva? Un caro saluto e Grazie Mille !
Rob






1 novembre 2016

Urano in trigono a se stesso porta spesso una nuova fase lavorativa o di voglia di fare, non rotture con l’amante. Nel caso della signora però Urano è in settima e in effetti potrebbe fare pensare anche a questo. Di nascita è però opposto a Mercurio e, il transito attuale, risolve almeno per il momento questa situazione di conflittualità potenziale. Mercurio però ancora una volta mi parla di altro, non dell’amante. Potrebbe riguardare una situazione con figli o fratelli, ed eventuali contratti o rapporti lavorativi con loro. Piuttosto Urano quadra la Luna di lei dalla terza casa, e mi farebbe ancora una volta ipotizzare problemi con i fratelli, oppure con vicini di casa. Con l’amante? Non saprei. Se mi consenti, caro Rob, mi fa un po’ sorridere la tua paura di perdere l’equilibrio affettivo. Non con la moglie, a cui mi accenni appena, ma con l’amante appunto. Qualcosa però dovrebbe cambiare rispetto al tuo rapporto col mondo femminile, non so in che modo. Ossia l’anno prossimo Plutone formerà uno strepitoso trigono alla tua Luna in nona. Plutone che di nascita invece è quadrato alla stessa. Si scardinerà questo rapporto equilibristico e molto immobilistico con le due donne della tua vita? Non lo escludo, come potrei anche pensare all’arrivo di una terza incomoda. Plutone infatti è di transito in quinta, e parla di sesso e rigenerazione. Attento però, se dovesse subentrare pure una terza donna, fa controlli al cuore ancora più frequenti. Il troppo stroppia e, per quanto Leone, non si può esagerare. In bocca al lupo, e grazie per il tuo fulgido esempio di voglia di vivere, comunque e sempre.









?
!

SATURNO PORTASFIGA IN TUTTO? ANCORA? BASTA! - 698

Ciao Massimo
sono nata a X il 23.08.1976 alle 9.QQ. Ho uno stellium in XII casa e una congiunzione tra Luna e Saturno in Leone, tra l'altro Saturno è in caduta. In più nel mio tema c'è Giove in ottava quadrato con il mio Sole. Questo mi fa pensare che sia un brutto oroscopo per la salute. Ho letto che le brutte posizioni di Saturno possono indicare malattie lunghe e lunghe sofferenze fisiche. Adesso, non voglio approfittare della sua disponibilità ma se potesse darci un'occhiata gliene sarei grata.
Rosanna






1 novembre 2016

Gentile Rosanna, non so dove abbia attinto le sue informazioni astrologiche, ma le consiglio di rivolgersi a fonti più attendibili e meno catastrofiste. E al tempo stesso le suggerisco di cercare di capire perché si aspetta disastri attingendo a quel che sa di astrologia. Parliamo di questo, appunto. Saturno sta in ogni segno, compreso quindi il Leone dove lo ha lei, due anni e mezzo circa. Vuole mai che tutte le persone nate in quel periodo siano destinate a sfighe cosmiche e a morti tra atroci sofferenze? Quando mai! Un Saturno per di più in sestile a Plutone e a Giove e in decima casa, che con la salute non ha nulla a che vedere, ma proprio nulla! Quindi, se la fa star bene emotivamente credere che si ammalerà in maniera atroce io le dico che ha ragione, e scelga lei di quale terrificante malattia vuole morire. Se analizzo però il suo tema penso che il suo pianeta più debole non lo abbia nominato, e sia Venere, non Saturno e nemmeno Giove. Come mai non me lo ha citato? Forse perché vuole vedere altro da quello che è la realtà? Immagino di sì. Un atteggiamento comune e rispettabile, ma le diagnosi corrette sarebbero altre. Oppure deve studiare meglio l’astrologia, o non studiarla affatto se quello che legge la angoscia. Perché analizzando un tema natale si parla di morte, malattie, amori, successi e periodi di noia. Tutto quel che prima o poi capita nella vita insomma, non solo le agonie prolungate. Se riesce ad essere serena rispetto a quello che potrebbe succedere prosegua con i suoi studi, altrimenti si dedichi ad altro, possibilmente non aspettandosi sempre disgrazie. Perché forse quel quadrato tra Giove e Sole non le porta sfortuna, la induce invece a non credere che la vita possa essere serena. Ma camperà cent’anni, creda a me. Può farlo da angosciata o da persona consapevole e propositiva. La scelta dell’atteggiamento spetta però a lei, io mi limito a fare una diagnosi.









?
!

NONA SENZA FILOSOFIA E VIAGGI - 697

Se posso parlarti riguardo alla casa nona (dove il mio Marte risiede), la mia contiene tre pianeti eppure la filosofia non mi piace (come materia scolastica), questo grazie a una professoressa che prenderei volentieri a calci in culo, per tutti i guai che mi ha fatto passare (in pratica mi teneva "sotto gli occhi"). Come speculazioni filosofiche, penso che debbano avere un costrutto e una utilità, ma applicarci la logica fine a se stessa sarebbe inutile (infatti, nonostante un Mercurio congiunto a Nettuno, ho un tipo di intelligenza molto pragmatico, amo molto la matematica, mi sono laureato in economia e mi piace molto fare programmi tipo visual basic). I viaggi: prima viaggiavo poco (fino al 2005), adesso invece sto girando parecchio, ma più che altro all'interno dell'Italia, mi piace in pratica girare all'interno del mio ambiente (anche se allargato), insomma sembrano più spostamenti sul modello gemellare "allargato", tipo la nazione intera, dove è imperativo il rientro alla base (spostamenti nettuniani, andare all'avventura senza una precisa meta e un ritorno sicuro, non li concepisco proprio). Potrebbe c'entrare qualcosa Y? oppure Plutone (dispositore della nona) è leso dalla Luna? Cioè è spiegabile il tutto senza tirare in ballo eventuali posizioni di Y?
Luna Capricorno





1 novembre 2016

Y con la nona non ha proprio nulla a che vedere, perché è domiciliato in Gemelli, segno opposto al Sagittario cosignificante della nona. Per la filosofia c’entra invece di prepotenza Giove, come ottimistica voglia di costruire un sistema di pensiero che in qualche modo contenga le ansie e dia una risposta a tutti gli eventi della vita. Credo inoltre che possa entrarci pure con la voglia di viaggiare, come pianeta opposto e complementare a Mercurio, che ha un ruolo fondamentale invece nell’indicare il rapporto con il tempo, insieme a Y. I rapporti con la filosofia e il viaggiare mi sembrano invece strettamente connessi a Giove e Nettuno. Ciò nonostante non è detto che averli strepitosi, ma non ricordo come sono i tuoi, porti in automatico all’amore per Aristotele o Hegel e a un temperamento da esploratori. A volte si manifesta in altro modo. Mia madre ad esempio, Sagittario fino al midollo, è estremamente stanziale e la filosofia la studiò con piacere al tempo delle superiori, poi non se n’è più occupata né ha mai viaggiato più di tanto. Eppure si fa grandissimi viaggi dentro di sé e si dà sempre una risposta a ogni evento negativo. La prende con filosofia, come si dice pure nel gergo popolare, anche se di Platone, Hume e Cartesio non ricorda proprio nulla. Si può viaggiare quindi anche stando seduti su un divano, e costruirsi sistemi di pensiero che magari non rispondono a un’ideologia certificata e condivisa da molti, ma fanno stare bene il soggetto. A volte poi basta un’inezia o un pianeta fuori posto per far rifiutare quello che altre forze planetarie vorrebbero. Non escludo quindi che Plutone signore della tua nona crei un rifiuto a spostarsi (in molti sensi) perché quadra la Luna, indicando anche una qualche forma di paura. Inoltre penso che non sia obbligatorio né viaggiare né filosofeggiare. Quasi di certo il tuo essere Sagittario trova altre forme di espressione. Non cercare quindi di rientrare nella norma del segno, vivi piuttosto al tuo meglio l’essere un Sagittario stanziale e estraneo al pensiero filosofico. Non è mai morto nessuno per questo.






?
!

PAURA PER IL LAVORO - 696

Gentile Massimo,
lavoro da 17 anni nella stessa società e da qualche anno, complice la crisi, sono stata messa part time al pomeriggio. Tale situazione, soprattutto economicamente,ormai non mi basta più. Vorrei cambiare,ma la paura di quel che potrei lasciare (sono stata assunta fin dall'inizio a tempo indeterminato) mi spaventa e non poco. Può dirmi qualcosa in merito? Grazie mille,
Isabella





1 novembre 2016

Non mi spaventerei troppo, perché i transiti peggiori sembrano essere passati, e ne arriveranno altri che invece dovrebbero portare qualcosa di meglio. Dovrebbero, la certezza non c’è mai. Ossia avendo lei Giove a inizi Vergine, quadrato di nascita da Mercurio e Venere in Sagittario, l’anno scorso deve essere stato uno stillicidio per colpa di Saturno, Nettuno e Giove stesso in transito in negativo. Plutone arriva però ora a formare un sestile prima al Sole e poi a Urano, e in seguito anche a Saturno. Tutti segnali che mi fanno ben sperare per una ripresa del lavoro. Non so se nello stesso posto o in un altro. Oppure, visto che fa un part time, potrebbe arrivare un’altra occupazione per il mattino, giusto per incrementare e non perdere la sicurezza. Plutone però quadrerà pure la Luna in Cancro e decima. Non so se questo possa riguardare il lavoro o altri settori della vita, ma dovrebbero essere più forti le spinte positive. Anche Giove poi qui a novembre le entra in prima casa, e qualche notizia positiva dovrebbe portargliela. Non si fasci la testa quindi, le cose stanno per cambiare. Suppongo e mi auguro in meglio.









?
!

LA FATIDICA LUNA IN DODICESIMA? SOLO ASTROCONDRIA!- 695

Ciao Massimo,
la mia domanda riguarda un aspetto astrologico che mi ha sempre fatto patire, ovvero la fatidica Luna in casa 12, in Ariete per giunta; ecco, dopo aver letto di tutto e di più su questa Luna e dopo averla subita e tutt'ora subendo, vorrei sapete se riuscirò prima o poi ad avere un po' di tregua. Inevitabilmente questo stato si ripercuote anche a livello lavorativo, che poi è l'altro quesito che mi interessa, ossia cambiamenti di lavoro spesso in passato per forza di cose, ed ora che vorrei cambiare invece non succede niente; chiedo troppo? Sono nata a X il 27/01/19ZZ alle… Che ne pensi?
Grazie in anticipo
Laura





1 novembre 2016

Ho deciso: d’ora in poi farò previsioni catastrofiche a chi si fa la diagnosi astrologica da solo. Lo farò non per sadismo, ma perché l’autoanalisi, come chi si diagnostica mali incurabili leggendo su internet, è nel 99 per cento dei casi sbagliata e masochistica. Tanto da aver costretto gli psicologi a trovare pure un nome, cybercondria. La condria da auto profezia astrologica, qui la nomino come “astrocondria”, una specie di patologia in cui ci si identifica con Cassandra, non per le disgrazie o infelicità altrui, ma per le proprie. Cara Laura, ci sono tanti incompetenti in giro che scrivono di astrologia, e forse sei incappata in questi, oppure vai a cercarteli con il lanternino. La Luna in dodicesima non è una posizione semplice, ma ce ne sono altre ben più complicate. I tuoi problemi, che del resto non mi hai specificato tutta presa a lamentarti della Luna, nascono da altri aspetti del tuo tema. Soprattutto per il lavoro, perché hai Urano, pianeta che regola la professione, opposto di nascita a Saturno in Pesci e quadrato a Giove. Ossia, hai la tendenza a non essere mai del tutto soddisfatta di quel che fai. Anche perché Urano è strettissimamente congiunto a Plutone, che forma, ovvio gli stessi identici aspetti con Saturno e Giove. Ossia l’appagamento per quel che fai sta di casa altrove. Non dico che tu abbia sbagliato strada lavorativa, non mi dici quel che fai, quindi navigo nel buio. Suppongo che, anche se avessi una professione meravigliosa, non saresti mai del tutto contenta del risultato. Attenzione però, questo serve di stimolo. Ad esempio i grandi artisti hanno tutti una qualche forma di nevrosi che li spinge a cercare ancora e ancora qualcosa di nuovo. Non escludo poi che l’insoddisfazione sia anche legata alla sfera sentimentale o sessuale, o al rapporto con il maschile, perché Marte è quadrato a Nettuno (ma pure trigono a Giove) e Plutone parla anche di sesso. Cambierà tutto questo? Anzitutto devi essere tu a volere cambiamenti, non limitarti a cercarli solo quando non c’è la possibilità di realizzarli. Intendiamoci, mica ti incolpo, lo fanno quasi tutti, senza accorgersene. Per il lavoro potrebbero però esserci degli scossoni, il prossimo anno e negli anni futuri, quando prima Saturno in Sagittario, poi Nettuno in Pesci modificheranno l’impianto di base. In che modo? Lo scoprirai vivendo, come forse, se farai le letture giuste, capirai infine che quella Luna in dodicesima non è una zavorra ma una risorsa, basta capire davvero le tue paure e le tue risorse.









?
!

NODI CON IL MASCHILE: SCIOLTI OPPURE NO? - 694

Gentile Massimo,
leggo con piacere il tuo sito; ho imparato le cose che conosco dello zodiaco grazie ai libri della Morpurgo. Sono nata a Z il 05/07/19WW alle HH, in una famiglia di donne, mia madre vedova precoce; sono cresciuta con lei e la nonna materna. Indipendente e decisionista, ho sempre avuto problemi nell’accettare l’autorità maschile. La rabbia per la perdita di mio padre l’ho sfogata su tutti i partner, in una escalation culminata con un ex-marito (matrimonio brevissimo), grazie al quale ho sperimentato per la prima volta l’odio, che covavo, e me ne sono liberata. Tutto questo mentre Plutone mi opponeva il Sole, contemporaneamente bersagliato da Urano in Ariete. Passato Plutone, che ha raso tutto al suolo, mi sento rinata, pronta a relazionarmi diversamente con il maschile: non voglio più fare la guerra con nessuno. Novità: se per tutta l’infanzia e adolescenza sono stata attirata da uomini più grandi, adesso il mio interesse è per uomini più piccoli: l’ultimo -13 anni, conosciuto in capo al mondo e che vive a diverse ore di fuso da dove vivo (Marte e Venere in 9 docet). Per me la differenza di età non è un problema, perché svincolata dal fardello sociale di famiglia e figli, che non voglio, concependo me stessa come un’anima immortale incarnata in questo corpo limitato. E se mi lascerà per una più giovane con cui potrà fare dei figli? Sarei felice per lui, se lo desidera. Tornando all’astrologia, la mia domanda è: ci sono conferme che il nodo con il maschile sia sciolto o continuerò a battagliare con gli uomini in forma più subdola ed evoluta? Analizzo sempre Plutone, quello dei miei coetanei mi si ripropone in quadrato al Sole come nel mio TN, con quelli più giovani, invece che ce l'hanno in Scorpione, bellissimi trigoni a Sole e Luna e sesso meraviglioso. Grazie mille,
Me






1 ottobre 2016

In tutta onestà penso che il nodo con il maschile non sia risolto, almeno totalmente, anche per il fervore impiegato nel sottolineare tutte le magagne del patriarcato. Reali, intendiamoci, ma trapela ancora comunque un’ostilità preconcetta verso il maschile. Legata alla rabbia per la scomparsa del padre? In parte sì, ma mi sembra una reazione eccessiva, anche se chiaramente inconscia e non del tutto razionale. La maggior parte delle ex bambine che hanno perso un padre da giovani idealizzano però il maschile, spesso aggrappandosi con disperazione al primo straccio di pantaloni che incontrano per strada. Nel tuo caso invece c’è una esternazione della rabbia da un lato positiva, perché non la fai marcire dentro di te, dall’altro sintomatica di una non totale rielaborazione. Di una perdita? Forse, io direi che non basta, e propenderei di più verso la genetica, il karma, il caso o quello che ti pare. Non mi hai scritto l’età che avevi quando tuo padre è morto. Per essere così arrabbiata con il maschile avresti dovuto avere infatti almeno un minimo di consapevolezza, direi essere quindi oltre i 4 o 5 anni, anche se non sono esperto in psiche infantile. Non sto giudicando, intendiamoci, sto analizzando un comportamento. Mi sembra invece molto lucida, oserei dire geniale, l’osservazione rispetto ai rapporti con i tuoi coetanei con Plutone in Bilancia quadrato al tuo Sole Cancro e invece i rapporti eccellenti con quelli in Scorpione al trigono dei tuoi Sole e Luna. Ottimo, non c’è problema, direi, ma resta il fatto che in un caso e nell’altro cerchi uno specchio esterno al tuo vissuto e ai tuoi problemi. Come facciamo tutti, intendiamoci, magari per nodi irrisolti diversi dai tuoi. Ossia i coetanei stimolano la tua insoddisfazione, i ragazzi più giovani ti donano la vitalità, la libertà e pure la soddisfazione sessuale. Magari da lontano, come vogliono il tuo Marte e la tua Venere. Che dire? La vita è fatta di equilibrismi rispetto alla gestione delle nostre tensioni interiori. Tu ci riesci grazie al rapporto con uomini più giovani che vivono lontano? Benissimo, ne sono felice. Davvero. Perché almeno ne hai la consapevolezza e non ti racconti favole. Utili o indispensabili per chi ne ha bisogno, non per te. Che sia davvero risolto il rapporto con il maschile no, ma non sei né la prima né l’unica. Questa al momento è la tua forma di equilibrio. Durerà? Chi può dirlo, niente è eterno. L’importante è che quello che vivi adesso non ti procuri dolore, e non me ne hai parlato. Cosa succederà domani? Non è concesso saperlo nemmeno a un astrologo bravo! Troppe incognite possono ancora manifestarsi. Perché i simboli astrologici devono trovare un corpo e una forma, con eventi e incontri ancora da conoscere, anche se il tema natale già li prevede, anzi li conosce. Non li sa del tutto però nemmeno l’astrologo, è il bello della vita e della bizzarra e impalpabile scienza degli astri.






?
!

STANCHEZZA PER IL LAVORO E RICERCA DI ALTRO - 693

Buongiorno Massimo,
ti vorrei porre delle domande in base ad un periodo per me molto delicato. Sono nata a Z il 27.09.19QQ alle X,XX. Come vedi il mio tema è complesso, e proprio per capire perché succedevano tutte a me ho cominciato a studiare l’astrologia ed il mondo spirituale in genere. Ora mi trovo che, attirata dai miei studi, non amo più il lavoro che faccio (agente di commercio da 30 anni) e vorrei affacciarmi al mio nuovo interesse.
Ovviamente gli ostacoli sono parecchi ed in primis il settore economico. Inoltre sono sola da circa 10 anni dopo una storia finita per la quale ho molto sofferto. Ti ringrazio anticipatamente se vorrai rispondere a questa mia richiesta. Buon tutto.
Mariella






1 ottobre 2016

Con un tema natale direi poco incline al lamento, hai scritto sinteticamente che succedevano tutte a te, senza scendere nei dettagli, e mi hai lasciato con la curiosità in bocca. Perché non ho capito quali siano stati in passato i settori per te complicati, per il semplice motivo che non lo hai detto: famiglia, lavoro, amicizie, amore, salute? Non si tratta di curiosità morbosa, ma di cercare di capire meglio i veri punti critici della tua carta del cielo. Mi hai fatto invece due domande specifiche molto chiare rispetto al futuro e su quelle mi concentro. Partendo dall’interesse per le discipline alternative e l’eventualità di occupartene full time, non ho capito se professionalmente. Per attitudine mentale sono abituato a fare i conti della serva e, prima della risposta astrologica, ti pongo alcune domande precise. La prima è: vuoi occupartene come lavoro? Se sì lo sai che non è semplicissimo farlo? Non impossibile ma complesso. Se invece vuoi “solo” approfondire questo settore complesso, non riesci a farlo nel tempo libero? Non conoscendo poi la tua situazione economica ti chiedo se puoi permettertelo in questo secondo caso, ma mi sembri una persona troppo ragionante e concreta per non averci già pensato. L’ascendente Vergine e cinque pianeti in segni di Terra escludono tu sia troppo con la testa fra le nuvole. Ma perché hai voglia astrologicamente di farlo ora? La risposta sta quasi di certo nel transito di Nettuno in sesta casa, che si oppone ai tuoi pianeti in Vergine e dodicesima. Indicando una stanchezza profonda per la routine lavorativa, ma anche una ricerca di qualcosa di alternativo, forse anche come lavoro, che abbia comunque una continuità e costanza nel tempo. Può trattarsi però di un’autentica svolta, ma anche di una fuga dettata dalla noia e dalla stanchezza per un lavoro fatto per molto tempo. In questo periodo Saturno in Sagittario ha reso poi ancora più complessa la questione, probabilmente portandoti alla sazietà se non alla nausea rispetto al lavoro. Se vuoi davvero decidere di andare in un’altra direzione ti consiglio di aspettare che almeno Saturno non ti disturbi più, altrimenti potresti fare una scelta nata sull’onda della stanchezza, e non è mai un bene. Quanto all’amore, penserei che devi attendere ancora un po’, e so che a volte sembra un’impresa impossibile. Prevedo e spero che con Plutone sulla congiunzione Saturno e Giove in quinta e col passaggio di Nettuno in settima potresti avere qualche incontro positivo. Perché avrai trovato l’attitudine giusta, come deve accaderti anche per il lavoro. Ossia quando si è pronti le cose poi possono accadere. Prima no.








?
!

NATA SOTTO UNA CATTIVA STELLA? - 692

Caro Massimo,
mi farebbe tanto piacere se mi dessi una tua interpretazione sul mio tema natale.
Sono nata il 22.12.ZZ alle 19.30 a X. Sento che sono nata non proprio sotto una "buona stella", inoltre sono Sagittario o Capricorno? Grazie!
Costanza





1 ottobre 2016

Ribadisco quanto ho scritto altre volte. In uno spazio come questo non si può interpretare l’intero tema natale. Troppa grazie riuscire a rispondere ad alcune domande, oltretutto sempre in crescita grazie alle visite al sito costantemente in aumento. Inoltre, è sempre meglio interpretare una carta del cielo faccia a faccia, si comunicano meglio le cose. Premesso ciò, sei Capricorno e con quattro pianeti nel segno. Questa può essere già un’indicazione chiara perché ti senti nata sotto una cattiva stella. Non sei, ti senti. A volte il risultato non cambia, in altri casi la sfortuna avvertita è solo emotiva, ma i fatti vanno in un’altra direzione. Non so quale sia il tuo caso perché non mi dici in che settore ti senti privata di qualcosa, sperando però tu abbia al tempo stesso qualcosa di cui sei soddisfatta. Non escludo poi che, pur appartenendo al serioso e determinato Capricorno, tu abbia la tendenza a eccedere, se non nei fatti almeno nelle emozioni. Un ascendente Leone e quattro pianeti in quinta casa ti portano suppongo a vedere tutto bianco o tutto nero. Come pure la congiunzione Marte e Plutone in Scorpione è portatrice di grandi passioni, anche se Luna e Venere congiunte tra Capricorno e Aquario tendono a spegnere le emozioni troppo forti, o a controllarle. Paradossalmente poi – almeno rispetto alla sfortuna che dichiari di avere – hai un Giove bellissimo e nessuna lesione planetaria nel tema natale. Ti faccio allora una diagnosi al buio, non sapendo nulla di te. Magari hai troppe poche contraddizioni interiori, e questa coerenza, anziché darti forza, ti appiattisce nel tuo modo di vedere un po’ troppo pessimistico. Forse non sei nata allora affatto sotto una cattiva stella, hai piuttosto difficoltà ad adattarti alla realtà esterna. Prova a fare uno sforzo, non sarà semplicissimo ma magari le cose migliorano, ne sono abbastanza certo.







?
!

DISAGI ALIMENTARI DI UNA FIGLIA - 691

Buongiorno Massimo,
sono sempre Roberta, nata il 6/11/KK alle 9.15 a Z, ancora alle prese con "disagi materni". B. è la prima dei miei figli, nata il 6/3/QQ alle 16.30 a Z. B. è obesa. Fino a un po' di tempo fa mi rifiutavo di pronunciare questo termine e comunque anche adesso mi fa male ammetterlo, inutile dire che mi sento responsabile di questa situazione ma soprattutto del fatto che non so come aiutarla (ammesso, riconoscendo qualche delirio di onnipotenza, di poterlo fare). Mi aiuti a capire? Grazie
Roberta





1 ottobre 2016

Purtroppo l’astrologia può solo limitarsi a evidenziare un problema, se di questo si tratta, fare la diagnosi rispetto alle cause psicologiche o fisiche che determinano una difficoltà, al limite individuare i transiti che possono attenuare o accentuare il disagio. Non sa però dire come si può cambiare una tendenza, ma gli stessi psicologi – almeno quelli seri – sanno che il cammino può essere lungo e non sempre efficace. Perché le persone con una dipendenza come quella dal cibo hanno alla base un problema serio e possono iniziare a risolverlo solo nel momento in cui ammettono di averlo. Qual è quello di tua figlia? Direi una certa insoddisfazione di fondo ereditata o legata alla figura paterna (Giove opposto al Sole in settima). Giove solo leso, quindi pessimista, con la sensazione di non avere mai abbastanza e quindi vorace, e tutti sanno che il cibo ti dà una sensazione di benessere e riesce a colmare altri vuoti. Nel suo caso legati anche al femminile, perché Plutone le quadra Venere. Quindi forse è pessimista e non si piace, e sfoga il malessere mangiando. Plutone è però anche in trigono al Sole e la ragazza ha parecchie risorse, che magari tira fuori o scopre di avere solo nei momenti di difficoltà o soprattutto in quelli. Ha poi un orgoglioso ascendente Leone, oltre a parecchi pianeti in Capricorno e Aquario che le fanno fare soprattutto quel che le pare. Abbastanza ingestibile, immagino, come vuole pure la Luna in Ariete e ottava casa. Cosa si può fare per aiutarla, se è possibile? Forse in tutta onestà bisognava intervenire prima, già nell’infanzia o nell’adolescenza se il problema ha iniziato a manifestarsi allora, e quasi sempre è così. Ora deve essere lei a riconoscere le difficoltà, come tutti coloro che hanno una dipendenza più o meno forte. Se le sembra di stare bene e di essere normale (per quanto possa avere senso questo termine) terapie o diete non funzionano. Se ce la fai prova ad ascoltarla, a farla aprire, a conquistarti o riconquistarti la sua fiducia, se mai si dovesse essere allentata nel tempo. Vedi di non creare il muro contro muro, andrebbe peggio. Oppure se questa dovesse essere stata la tendenza del passato prova a cambiare rotta. Cerca quindi di smussare la tua Luna in Capricorno, e di prendere per il verso giusto pure la sua Luna in Ariete. Ossia non prendetevi a cornate, non serve a niente, se non a manifestare la sua rabbia. Non puoi cambiarla se lei non lo vuole, ma se riesci tu a modificare per prima il tuo atteggiamento, inevitabilmente il rapporto si modifica. Cerca quindi di dar retta al tuo Mercurio molto intelligente ma anche al suo, in Ariete e congiunto alla Luna. Non escludo la possibilità di dialogo, se pure complicato. Se riesci ad entrare nel suo problema, e a farglielo ammettere, si può poi trovare un percorso. Ma da lì bisogna partire, suppongo.






?
!

RICONQUISTARLO A TUTTI I COSTI? - 690

Buongiorno, ho appena scoperto questo sito, bellissimo! Approfitto per fare una domanda: io 19/04/19W ore 3. 55 a X, lui 15/4/19ZZ sempre a X, l’ora non so, sicuramente ascendente Vergine. Ci siamo incontrati tre anni fa,un anno di frequentazione saltuaria interrotta da me perché non voleva "di più", il destino ci ha fatti rincontrare un mese fa e la magia è la stessa, ma lui si è reimpegnato con la relazione precedente, sono indecisa se cercare di conquistarlo a tutti i costi. Grazie
Daniela





1 ottobre 2016

Posso anche fare il tifo perché tu riesca a conquistarlo, ma non è garanzia sufficiente perché i tuoi sforzi vadano davvero in porto. Mi pare inoltre significativo che sia tu a dover prendere l’iniziativa. L’analisi comparata dei vostri temi natali mi fa supporre infatti che tu sia molto più virile di lui, se non sul piano sessuale di certo su quello mentale. Mi sembra infatti che il tuo affascinante Ariete si faccia infatti trainare dalle donne, piuttosto che trainarle. Marte in Capricorno, il tuo, è però prodigioso e basta per due. Una domanda però devo portartela: sei davvero sicura di riuscire a riconquistarlo? Anche se ci riuscissi, non riemergerebbero poi i problemi che a suo tempo hanno fatto sì che la storia finisse? Non voglio portarti iella, ci mancherebbe, ma mi sembra che tu ti sia fatta troppo prendere dal tuo entusiasmo arietino, a cui sommo una Venere in Pesci capace di inseguire un sogno, a dispetto di tutto e di tutti. Intendiamoci, non escludo affatto che tu ci riesca, ma l’anno prossimo, quando Urano e Saturno in aspetto positivo al Sole di entrambi potrebbero portare grossi cambiamenti. Se dovessi farcela però ti suggerisco di riflettere su quali furono i motivi che portarono alla chiusura della storia in precedenza, perché potrebbero ripresentarsi anche questa volta se non sono cambiate le circostanze e/o il vostro carattere. Visto che è difficilissimo riuscire in questa seconda impresa, meglio essere consapevoli che tu sei sempre tu e lui è sempre lui. Cerca però di non aver fretta perché non mi sembra che fino a primavera possano esserci possibilità di cambiamento. Se fossi in te userei poi un attimo di prudenza, perché non so fino a che punto lui sia abituato a dire sempre la verità. Magari però le mie sono precauzioni eccessive. Sappimi dire cosa succederà.







?
!

INTOLLERANZA ALLE PICCINERIE E GIOVE ISOLATO - 689

Ciao Massimo,
ti ho scritto anni fa, la situazione economica è migliorata come hai detto e il mio equilibrio è salvo. Saturno mi ha accompagnato nel corso della vita (congiunzione Saturno a Sole, Mercurio e Luna) mi ha reso matura, seria, affidabile a tratti malinconica. Il suo passaggio in opposizione non è stato una passeggiata mi sono resa conto dell'invecchiamento dei miei genitori, dell'ipocrisia di amiche e anche di zii a cui volevo molto bene. Mi sono allontanata da tutti senza litigare, con sofferenza e delusione, ma il mio rapporto di coppia è così forte che non ha vacillato e neanche il rapporto con i figli. Ho dovuto anche sostenere mia figlia e soffrire con lei (anche lei Toro) per la morte del fidanzatino di sedici anni malato di tumore (per fortuna è forte e ha superato tutto). Adesso Saturno oppone Venere, Marte e Nettuno li quadra, le amicizie continuano a deludermi o forse sono io che sono diventata intollerante alle piccinerie, non sono una pecora e non seguo il gregge. Cosa mi dici dei transiti importanti di Saturno e Nettuno e Plutone che riceve in questo periodo il mio tema natale? Nell'altra discussione hai detto che Giove di nascita è isolato mi piacerebbe sapere come mi influenza. Grazie e complimenti per la bravura.
Maria




1 ottobre 2016

Pur senza avere la certezza di un’ora precisa, hai un’infinità di pianeti in terza e undicesima casa e per te quindi i rapporti sociali sono molto importanti. Il Saturno fortissimo e i pianeti in Toro fanno sì che tu vorresti comportamenti lineari, senza coltellate o ipocrisie alle spalle. Peccato che la maggior parte delle persone, o almeno in tanti, vivano invece i rapporti con grande superficialità, spesso cercando soprattutto il proprio interesse e a volte proiettando sugli altri le proprie insoddisfazioni. Scatenandosi così in malignità, e altre situazioni poco gradevoli. Succede, succede ovunque, e l’unica cosa è non curarsi di loro, e passare oltre. Ignorando queste piccinerie o tagliando i ponti magari facendolo con diplomazia, non a muso duro. Come hai fatto tu, grazie al buon senso dei tuoi pianeti in undicesima casa, che non cercano lo scontro frontale, anzi preferiscono la via dell’equilibrio. Penso tu abbia fatto bene. Se non ci sono cose davvero pesanti è meglio cercare altro, visto che comunque hai la fortuna di avere una famiglia unita. Quanto ai transiti che mi citi, Saturno e Nettuno contro i tuoi Venere e Marte in Gemelli possono in effetti aver contribuito alle situazioni che mi ha descritto. Ora Saturno si toglierà dalle scatole, lasciando anzi il posto a Giove in Bilancia, che dovrebbe darti un bel po’ di sollievo. Nettuno impiegherà di più ad andarsene, ma già lo conosci in negativo e l’effetto più pesante dovrebbe essere passato. Quanto a Plutone in trigono ai tuoi tanti pianeti in Toro, dovrebbe portarti una grande voglia di rivincita e la possibilità di superare molti ostacoli del passato. Veniamo infine a Giove isolato e in quarta. Qui ci vorrebbe un colloquio diretto per capire, e io posso farti solo qualche ipotesi. Potrebbe aver dato problemi con il cibo, con i soldi, con la vista, con la parola o con l’immagine di te. Potrebbe, ma non è detto che lo abbia fatto. Magari poi ha dato solo difficoltà in un settore, non in altri. E forse anche un non eccessivo o incostante ottimismo. Ma non c’è solo lui nel tuo tema natale, perché quel Saturno che mi citavi è anche un bel punto di forza. E non solo. Osserva quindi il tuo Giove, prima o poi lo capirai.






?
!

PESCI ASCENDENTE NON SAPREI - 688

Salve Massimo,
sono una ragazza Pesci ascendente... Non saprei, dato che nata il 26/02/92 alle 22:55 a X e alcuni siti mi dicono Scorpione e altri Bilancia. Comunque volevo chiederti come mai le mie amicizie risultano sempre un po’ complicate e perché sono praticamente una calamita per i Gemelli ascendente Vergine? Ho avuto ben due migliori amiche con questa caratteristica ! Grazie in anticipo
Pesciascendente?




1 ottobre 2016

Per l’ascendente in dubbio i casi sono due: o hai trovato i siti più scarsi del mondo di astrologia, perché ormai praticamente tutti quelli che offrono il servizio di calcolo del tema natale sono del tutto affidabili, oppure hai sbagliato a inserire l’ora di nascita. Se sei venuta al mondo alle 22 e 55 come mi hai scritto non c’è possibilità di dubbio e il tuo ascendente è in Scorpione. Per la Bilancia avresti dovuto nascere almeno un’ora prima, quindi non c’è storia. Per l’altra domanda, ossia perché sei una calamita per le Gemelli ascendente Vergine, suppongo che funzioni l’attrazione per chi in qualche modo è diverso da te. Calamita reciproca, intendiamoci. L’ascendente Vergine delle tue amiche fa sì che la loro settima casa, quella del rapporto con gli altri, cada in Pesci, ecco perché instaurano con te un rapporto così forte. Ma non solo. Tu hai cinque pianeti in terza casa, segno cosignificante dei Gemelli e grazie a loro hai anche un gran bisogno di contatti umani, di relazioni di scambio intellettuale, amichevole e altro ancora. Chi meglio dei Gemelli è capace di soddisfare questa esigenza? A determinare questo “strano” feeling può essere inoltre anche l’opposizione di Giove in Vergine al tuo Sole, capace di farti oscillare tra due estremi e renderti “merce” attraente per i Gemelli. Aggiungi poi che, per bizzarre combinazioni astrali al momento ancora non indagate, accade che in certi periodi della vita ti imbatti in alcuni segni, in altri altri. L’importante è che ci sia attrazione. Se poi le cose dovessero cambiare prenderemo atto che in gioventù le tue amiche vere erano Gemelli ascendente Vergine. E portavano con sé una ventata di curiosità e stimoli mentali. Ma vorrà dire che in quel momento cercherai altro nei rapporti umani, e quello avrai trovato.




?
!

CHIRONE E L’INTERPRETAZIONE DI UN TEMA NATALE - 687

Mi sono interessata solo di astrologia umanistica e anche karmica, ma sono andata in tilt perché troppe sofisticazione mentali, giri di parole inutili, si spazia e si perde il bandolo della matassa, l’essenzialità e il significato del simbolo. Alcuni libri della Greene sono belli ma mancano di praticità e di logica, non ho imparato nemmeno a interpretare un tema natale. Così mi sono imbattuta nel suo sito e ho capito il tipo di astrologia che vorrei imparare, pratica e realistica. L’astrologia è un codice che dovrebbe aiutarci a interpretare la realtà ma credo che abbia dei limiti come tutti gli strumenti. Sulla Morpurgo ho letto sul suo sito e mi piace l’approccio che ha con l’astrologia. Invece Chirone in astrologia umanistica rappresenta il guaritore ferito in un tema e la nostra parte vulnerabile dove siamo stati feriti o dove feriamo gli altri, c'è un discorso mitologico alla base del centauro mezzo cavallo e mezzo uomo. Non so se la Morpurgo tiene conto anche della mitologia. Secondo me bisogna essere bravi a sintetizzare e cogliere l essenza di un tema cosa tutt'altro che facile almeno per me. Il mio Giove, pianeta dell’elaborazione, non è messo bene, è in 11a Ariete e opposto a Marte in Bilancia 5 casa. Il mio sole è in Vergine congiuntissimo a Venere e Urano e a 6 gradi da Plutone ed è opposto al medio cielo. Mi hanno detto che non è positivo in effetto ho avuto molte delusioni dalla vita. Mi può dire qualcosina sempre se può? Ho letto alcune sue interpretazioni e mi sono piaciute davvero!
Paola





1 settembre 2016

Più vado avanti con l’età e l’esperienza, più mi rendo conto che ognuno ha i suoi gusti, e su quelli, come dice una famosa battuta, non si sputa. Non solo. Penso anche che ognuno possa capire solo certe cose e non altre, ed è tempo superfluo insistere a propagandare le proprie idee a spada tratta, ti seguirebbero solo i poveri di spirito. Preferisco vivere in santa pace, anzitutto con me stesso e in secondo luogo con il prossimo, anche se spesso e volentieri, come diceva Sartre, l’inferno sono gli altri. Ma se ha un senso l’opinione di tutti, non tutti hanno ragione. In astrologia, sono certo con ogni mio neurone ancora funzionante, Lisa Morpurgo ha capito davvero il funzionamento dello Zodiaco e della vita umana. Altri no, ma credono il contrario o si affannano ad affermarlo perché in fondo non sono davvero certi di quanto propagandano. Allora, per riuscire a entrare a Troia, bisogna nascondersi dentro un cavallo, altrimenti sarà una guerra infinita in cui non ci saranno vincitori ma solo perdenti. Non entro quindi nello specifico delle altre astrologie, e mi limito ad affermare che nella struttura complessiva dell’universo di cui lo Zodiaco è specchio non ha senso il concetto di Chirone. Perché dovremmo avere tutti una ferita, e una soltanto, come pure la possibilità di guarire? Forse perché così qualcuno può trovarti un rimedio, come certi ciarlatani medievali pronti a venderti unguenti miracolosi per ogni cosa, dai risultati tutti da verificare (e facilmente intuibili). Il concetto di Chirone mi ricorda molto un aneddoto raccontato da un simpatico ed esperto astrologo che, a quanto raccontava, inaugurava sempre il colloquio con una nuova consultante con un “Signora, lei ha sofferto tanto!!!”. L’anima dolente in questione abboccava subito, spifferava tutti i suoi disagi, veri o inventati, e l’astrologo aveva un compito liscio come l’olio. Allo stesso modo, chi le ha detto che i pianeti opposti al Medio Cielo sono in una posizione infelice, e il suo Giove lo sarebbe altrettanto, le ha trovato una giustificazione (quasi di certo non vera) alle delusioni che è impossibile non abbia provato nella vita, essendo una donna adulta. Le ha avute poi sul lavoro, in amore, in famiglia? Perché c’è una certa differenza e le simbologie diverse, e nessuno afferma che si possano avere sfighe a 360 gradi, nemmeno i seguaci di Chirone o altro iettatore. Così per il suo fortissimo stellium in Vergine tra terza e quarta casa vedo un gran concentrarsi sulle cose del giorno, mi verrebbe da pensare con un buon senso del commercio. Non è diventata miliardaria? Giove in undicesima vuole moderazione, e l’opposizione a Marte (tutt’altro che devastante) può avere portato qualche inciampo di fortuna. Magari non consentendole di divertirsi come avrebbe voluto, o di studiare come sperava (Saturno parzialmente leso in nona). Non è però mai troppo tardi per ampliare gli orizzonti e, se vuole approfondire l’astrologia, sappia che non troverà nessun libro che le consenta di interpretare all’istante un tema natale, nemmeno quelli della Morpurgo. Che possono però fornirle la chiave di lettura RAZIONALE E VERA dell’astrologia. Poi lei farà le scelte che il suo tema natale le consente, come tutti. Le auguro di fare buone letture, e di trarre le conclusioni giuste.







?
!

RAPPORTI VIRTUALI E L’INTERESSE PER L’ASTROLOGIA - 686

Gentilissimo Massimo,
mi chiamo Cristina. Come potrà vedere dal mio tema natale, quell'ottava casa così affollata mi porta ad avere un enorme interesse per l'astrologia ed altre discipline esoteriche. La mia domanda, se può rispondermi, è se secondo Lei si potrebbe mai realizzare un rapporto di coppia con questo Luca. Rapporto che dura da due anni, rapporto virtuale, mai visti di persona, lui scappa e fa fatica a mostrarsi persino in foto, ma non riusciamo a staccarci, almeno finora, nonostante alti e bassi, non è mai avvenuta la rottura definitiva. Empatia, attaccamento, ma nulla di concreto. Accadrà qualcosa?
Allego carte natali di entrambi, carta composita e sinastrica. Grazie mille
Cristina




1 settembre 2016

Per il rapporto con questo fantasmatico Luca non uso l’astrologia ma il buon senso. Se in due anni non ha avuto la voglia e la possibilità di passare dal virtuale al reale, non lo farà nemmeno tra un mese, un anno o dieci. Il rapporto l’ha impostato così e non ha intenzione di cambiarlo. Per quale motivo lo sa davvero solo lui ma si possono fare delle ipotesi. Non so se ha mai visto un programma TV, Catfish, credo che possa trovare gli episodi vecchi anche su YouTube. Il programma parla appunto di persone che abboccano in rete a storie d’amore con persone che, all’atto dei fatti, non vogliono incontrarle. Quasi sempre perché hanno raccontato balle rispetto alla loro vita “reale” e spesso anche sull’aspetto fisico che notoriamente conta, e anche molto. Non sono affatto contrario alle storie iniziate in rete, ma dopo un mese, due, al massimo sei, bisogna incontrarsi per testare che un rapporto possa funzionare al di là del monitor del PC. E questo suo Luca dell’Ariete è probabile che qualcosa abbia da nascondere, con un Urano solo leso in Scorpione, un Plutone in dodicesima in trigono a Giove in Gemelli e ottava casa. O ha già una storia consolidata, oppure non si sente all’altezza di mostrarsi fisicamente, e non so il perché. Darei abbastanza per scontato che non si piace, se a ragione o a torto non saprei, con quei Marte e Venere in sesta casa e lesi. Lei ha un carattere molto più forte e coerente, ma con quella Venere in Vergine in ottava e quadrata a Nettuno magari da un lato cerca storie non comuni, dall’altro forse si fissa su relazioni per le quali non c’è un vero futuro. O almeno lo ha fatto in questa storia. Che dire? Se vuole continuare a chattare con questo ragazzo lo faccia senza problemi, non è pericoloso. Salvo lei nutra l’ambizione di trasformare la storia in qualcosa d’altro. Minacci di troncare, se se la sente. Se Luca tiene a lei si sforzerà di incontrarla, qualsiasi siano i problemi in ballo. Se non lo fa, vuole solo giocare e la storia non gli interessa davvero. Ci pensi. Sinastrie, non sinastrie, temi integrati e non so che altro non servono a niente se non vede la persona, che comunque troppo trasparente non è. Almeno secondo il mio giudizio.






?
!

STABILITÀ AFFETTIVA, QUESTA SCONOSCIUTA - 685

Volevo capire,
astrologicamente parlando, se riuscirò o meglio come posso fare per avere un po' di stabilità affettiva con Q nato a ZZ il 31 00 19ZZ alle 20. visto che sono tre anni e mezzo che tra alti e bassi continuiamo a frequentarci. Sono nata a Y il 2 HH 19KK alle 19.45. Grazie per l'attenzione. Cordiali saluti
Rossella





1 settembre 2016

A differenza di altri, Rossella non mi racconta la sua storia nel dettaglio, mi fa una domanda secca su una relazione che si trascina da anni. Non so quindi nulla del vissuto della coppia e devo solo ipotizzare quale tipo di rapporto si sia instaurato. Premetto però che quando una relazione si prolunga nel tempo è difficile modificare le modalità di comportamento reciproco, perché spesso si attende dall’altro più o meno sempre la stessa cosa. Per un cambiamento radicale di solito è necessario qualche evento scatenante di portata molto forte, tale da costringere a cambiare le abitudini. Di solito si tratta di fatti dolorosi che fanno entrare in maggiore intimità, magari perché uno dei due ha bisogno di sostegno emotivo o materiale per motivi seri. Altrimenti è molto improbabile che la storia vada in altro modo. Non sapendo per quale motivo il lui di Rossella non le conceda stabilità, analizzo il suo tema natale e trovo qualche sorpresa, che mi crea alcune domande. L’uomo ha infatti una Luna in Toro congiunta a Saturno in seconda casa, in trigono al Sole e quadrata a Venere in Leone e quinta. Venere in trigono a Nettuno in ottava, mentre l’altro pianeta della sessualità Marte, è in Sagittario e nona, quadrato a Plutone. Io penso quindi che abbia anche bisogno di stabilità, e sia pure geloso, ma al tempo stesso abbia bisogno di altro. Mi sembrerebbe la classica situazione di chi ama tenere il piede in più staffe, almeno in due. Penserei quindi che abbia una relazione stabile e ufficiale, penserei non con Rossella, e al tempo stesso coltivi altri interessi. Ma perché Rossella accetta una situazione di questo tipo, avendo una Venere in Bilancia e quarta casa? Il responsabile è Marte in Gemelli e dodicesima casa (oltre al Sole in Sagittario in quinta) che le fa incontrare uomini vivaci ma abbastanza incontenibili. Cara Rossella, se la mia diagnosi è esatta, c’è un modo per fare cambiare il suo lui? Dubito. Penserei quindi che o lo tiene così com’è oppure con un grosso sforzo chiude la storia. Tenendo conto che, se lui ha una relazione ufficiale e decidesse di chiuderla per unirsi a lei, prima o poi forse ci cadrebbe di nuovo, e troverebbe un’altra, senza rinunciare a lei. Per quel che vale il mio consiglio, accetti la realtà, in un senso o nell’altro. Se lui ha un’altra, goda il piacere di un amore fuori dagli schemi ma, se non ce la fa, abbia il coraggio di chiudere e di cercare altrove quello che quest’uomo non le dà. Ci sono tre miliardi e mezzo di uomini sulla Terra, di certo ce n’è qualcun altro adatto a lei.






?
!

UNA VITA COMPLESSA - 684

Gentile Massimo,
sono una persona infelice. Ho avuto un'infanzia e un'adolescenza complicate da una situazione familiare tesa e dall’ incapacità di legare con i coetanei. Sullo sfondo l'onnipresente mancanza di soldi. L'unica cosa che pareva funzionare era la mia testa, e così ho tentato il salto di qualità, con enormi sacrifici da parte della mia famiglia, iscrivendomi alla facoltà di medicina - il mio sogno da sempre - lontano da casa. E i miei vent'anni se ne sono andati così, con me intrappolata in una cittadina che odio mentre cerco di conquistare la laurea. La mia testa ormai è andata, non ho più energie. Ho un compagno in un'altra città che non mi ha mai vista sana di mente, e che da un lato mi sprona e mi sostiene (anche economicamente) perché arrivi dove vorrei, dall'altro non vuole vedermi prendere farmaci perché ha paura cambino la mia personalità, e sostiene che il mio sia un problema di mancanza di volontà. Con lui ho costruito molto, e finalmente progettiamo una convivenza, ma non so se avverrà mai visto che vediamo le nostre vite in posti diversi. Quando gli dico che vorrei un po' di serenità, almeno sentimentale (non c'è stata nella mia vita. Scelte sbagliate, persone sbagliate, ho cercato di tenere in piedi storie che non avevano motivo di esistere), lui si dice convinto che la cosa tra noi funzionerà indipendentemente da tutto. A chi non mi conosce non racconto di me - e questo non mi aiuta nello stringere rapporti, perché mi vergogno di non avere niente di bello da raccontare: non ho costruito niente, mi sento una fallita. Le vite degli altri vanno avanti. Io mi sento come se tutti avessero un manuale di istruzioni segreto che a me invece non è stato dato. Era scritto nelle stelle tutta questa pesantezza d'animo? Sarà sempre una battaglia sfiancante contro i mulini a vento?
G.





1 settembre 2016

Quando ricevo e-mail che raccontano situazioni emotive ed esistenziali complicate come la sua mi pongo sempre il dubbio etico se darle un contentino raccontando balle, come fanno in tanti, forse la maggioranza dei miei colleghi, oppure essere sincero. Opto per la seconda, è ovvio, perché non puoi non essere trasparente se vuoi aiutare davvero una persona. Quindi anziché dirle che domani cambierà carattere e smetterà di avvertire tanta pesantezza esistenziale le dico che lei ha un’emotività fortissima, e con quella deve convivere. Ha cinque pianeti (Luna compresa) in segni d’acqua e non può fare diversamente. Ma non può nemmeno arginarla come fece il bambino della leggenda olandese che, per tamponare la falla di una diga che si stava rompendo, infilò il suo piccolo dito in attesa dei soccorsi. Nella favola salvò la città, nella vita reale avrebbe perso il dito e forse pure la vita. Senza imitare l’olandesino può però cercare i rimedi del caso: costruire metaforicamente bacini idrici per contenere i suoi dolori, canalizzarli in appositi condotti per irrigare terreni che ne hanno bisogno, senza far ristagnare la sofferenza in paludi putride. Il rischio è quello, e lei lo sa benissimo. Non può farsi travolgere dal suo lato di pessimismo cosmico proprio dei Pesci. Faccia invece conto che ha un solido ascendente Toro e un Giove e un Plutone molto belli, capaci di aiutarla nei momenti più difficili, e di farla andare avanti. Certo, con angosce e paure infinite, quelle le appartengono, ma se le nasconde sotto il tappeto fanno ancora più male. Come certe ferite vanno disinfettate, non lasciate marcire. Lei che studia medicina sa che in questi casi potrebbero addirittura costringere ad amputare la parte malata. Oltretutto ha un compagno che la sostiene in tutti i modi, ma in cui lei forse non crede del tutto. Perché altrimenti non vede un futuro tra di voi, a differenza sua? Cosa non la convince, se c’è qualcosa? Non vorrei che il pessimismo cosmico dei Pesci la portasse davvero a quelle disgrazie di cui ha tanta paura. Se è davvero depressa si faccia aiutare da uno specialista, e non c’è nulla di male ad adottare farmaci se la fanno stare meglio e non le creano dipendenza. Però non può non tentare almeno di prendere provvedimenti. Non stravolgendo il suo carattere, è impossibile, ma tentando di avere una visione della vita appena più costruttiva. Ma deve essere lei a farlo, nessuno la aiuterà se non si dà per prima una mano da sola. Ha fallito fino ad ora? D’accordo, ma non è morta, e non è detto che non riesca a migliorare. A fatica, perché lei fa fatica, ma ce la fa. Conti su Giove, su Plutone e pure su quello straccio di fidanzato che crede in lei. Perché lei invece non crede in lui? Si interroghi e cerchi di capire come stare meglio, da sola, o con l’aiuto di qualcuno. Ma deve farlo, non per gli altri, per se stessa. Se volesse perseverare nel dolore non mi avrebbe scritto.






?
!

L’INTERPRETAZIONE: COME UNIRE I SIMBOLI? - 683

Buongiorno,
sono appassionata da sempre di astrologia, ma in questo periodo mi sono ritrovata ad approfondire molti aspetti di cui prima neanche sapevo l'esistenza. Ho letto molte caratteristiche su vari siti che dovrebbero appartenermi, ma solo nel suo ho trovato tanta precisione e intuito nelle interpretazioni, dando anche il giusto spazio agli aspetti caratteriali negativi di una persona, che per me sono essenziali quanto quelli positivi. Vorrei però che qualcuno unisse tutte le informazioni che ho accumulato in questi anni da un libro di qua o da internet di là sempre in maniera sconnessa, analizzando davvero e in toto il mio tema natale, mettendo il luce la maggiore rilevanza di certi aspetti rispetto ad altri, e come una certa caratteristica unita ad un'altra possa dare origine a qualcosa di ulteriormente diverso. Vorrei che questa persona fosse lei!. Sono nata l'11 agosto del 1994 alle 11.20 a ZZ. Mi aspetto la sincerità e la capacità di immedesimazione che la caratterizzano. In qualsiasi caso la ringrazio, anche solo per aver creato il bellissimo sito da cui traggo una marea di informazioni affascinanti. Non ho domande specifiche da farle perché tutti i pianeti nei segni e le case nei segni ecc. li ho già guardati sul suo sito e in molti altri, ma è l'unione del tutto che mi manca, cosa che nessun calcolatore elettronico potrà mai fare. In poche parole mi piacerebbe avere una mia descrizione sulla base delle conoscenze astrologiche che non fosse una semplice addizione delle singole parti. Ecco, una domanda di cui mi interesserebbe sapere la risposta è come si fa a capire se un pianeta è "leso", non so se utilizzo la terminologia giusta.
Arianna





1 settembre 2016

Partiamo dal semplice, ossia dalla definizione di “leso” che indica semplicemente una distanza angolare tra pianeti, negativa sulla carta. Ossia quando tra due pianeti c’è una distanza di 90 gradi (quadrato) o 180 (opposizione). La distanza non è detto debba essere per forza precisa al grado – come del resto accade pure per gli aspetti positivi – ma può esserci pure una tolleranza di 6 gradi per il quadrato e 9 per l’opposizione. Per fare un esempio, un Sole a 1 grado del Leone è quadrato a Marte a 6 dello Scorpione, perché c’è una distanza tra loro di 95 gradi. Se Marte fosse a 8 i due pianeti non sarebbero lesi perché sono distanti 97 gradi. Passiamo poi al complicato. Anzitutto ringrazio Arianna per la fiducia, ma non è questo il luogo per interpretare un tema natale, che va fatto in privato se possibile con un colloquio diretto con l’interessato. Resterà quindi inappagata la domanda iniziale, ossia come unire le varie informazioni sul tema natale? In parte sì, ma qualche dritta la posso dare. Anzitutto, cara Arianna, tenga conto che non si finisce mai di conoscersi e, per quanto sia introspettiva, a 22 anni ha quasi di certo molto ancora da scoprire su di sé, astrologia o non astrologia. Il tema natale dà però le informazioni di quel che siamo e di come stiamo vivendo un determinato periodo, in maniera oggettiva per così dire, e non soggettiva. Ossia noi siamo quello che la carta del cielo dice, ma in certi momenti i transiti del periodo spingeranno più sul nostro Marte, in altri freneranno Venere, in altri ancora daranno una spinta a Giove ma un freno a Saturno. I vari pianeti sono poi come le parte del corpo, che tutte insieme costituiscono il nostro essere “fisico”. Noi siamo quindi una bocca, una schiena, delle natiche e tutto il resto, e se ci guardiamo allo specchio riconosciamo l’insieme del nostro corpo come pure le sue singole parti. Lo stesso dicasi del tema natale. Ossia ha tanti elementi che, sommati, fanno sì che lei sia lei, io sia io, con una Venere di un certo tipo, Marte di un altro (oltre a un naso prominente o le gambe lunghe). Come interpretarli? Ci vuole pazienza, e in questo caso mi appello al suo ascendente e ai pianeti in Bilancia perché il Leone di certo non ha pazienza. Giusto per stare a questo esempio, provi a far mente locale su come attende la realizzazione di una cosa. Ci riesce o non ci riesce? Vorrebbe tutto subito o sa che per avere il meglio bisogna aspettare? Osservi poi le persone che conosce meglio, i familiari, gli amici, le persone che ama. Raccolga i loro temi natali e li confronti. All’inizio magari non ci capirà nulla e si scoraggerà, ma annoti i comportamenti, il modo d’essere e di agire. Un po’ alla volta riuscirà a farsi un’esperienza. Per il suo tema, se vuole capirlo subito, cerchi qualcuno che glielo interpreti, e soprattutto verifichi se quello che le dicono è vero oppure no. Qualche astrologo infatti le spara grosse, e non è detto ci azzecchi. L’astrologia è però una cosa serissima, e vale la pena di approfondirla. Nel migliore dei modi.





?
!

I PIANETI MASCHILI LESI - 682

Buonasera Dr. Michelini,
cortesemente vorrei chiederle come influiscono in un tema femminile gli aspetti di quadratura di Saturno e Giove al Sole e le opposizioni di Urano e Nettuno a Marte nel rapporto col mondo maschile? Il tema natale appartiene ad una ragazza madre, nata il 25 QQ 19YY in provincia di Z., l'orario non è certo comunque attorno alle WW.
Felice



1 settembre 2016

Incidono sì, creando rapporti non troppo semplici con il mondo del maschile, anche se essendo entrambi i pianeti in segni femminili, Toro e Cancro, suppongo che la difficoltà non assuma toni drammatici. Ossia, escluderei violenze ma abbandono sì. Forse subito in maniera dolorosa perché sia il Toro sia il Cancro vorrebbero protezione, e in questo caso non riescono a ottenerla del tutto dal partner. Il Sole poi è nella settima casa, quella delle unioni stabili, e la ragazza aspirerebbe ad avere al fianco un compagno, ma forse non le risulta semplice averne uno. Oppure ancora avrà relazioni stabili ma non la soddisferanno del tutto. Oppure quel Sole faticoso si riferisce a suo padre, che stava stretto nel matrimonio o le ha trasmesso una non totale fiducia rispetto alla possibilità di avere un rapporto come vorrebbe. Le sfumature sono tante, e magari ce ne sono altre più pertinenti che al momento mi sfuggono. Ha poi un Giove in decima sia pure solo leso che, anche in questi casi dà un aiuto a districarsi nelle difficoltà della vita, spesso riuscendo ad avere successo in quel che fa. Inoltre la Venere è positiva, e non credo avrà difficoltà ad avere nuove storie. Plutone poi è solo bello, e suggerisce che se pur avrà difficoltà come accade praticamente a tutti, troverà risorse interiori che nemmeno lei sa ora di avere. Appartiene poi a uno dei segni più stabili e positivi in assoluto, il Toro, e ha un mite ascendente Bilancia. Dubito che si farà davvero massacrare dalla vita, avrà sicuramente inciampi, ma poi saprà risollevarsi, certa che domani è un altro giorno. E come dice il filosofo, tutto scorre e non ci si immerge mai due volte nella stessa acqua di un fiume. (« Non si può discendere due volte nel medesimo fiume e non si può toccare due volte una sostanza mortale nel medesimo stato, ma a causa dell'impetuosità e della velocità del mutamento essa si disperde e si raccoglie, viene e va. ») Consiglierei però prudenza alla ragazza nella scelta dei partner futuri, per evitare di incontrare altri uomini che non fanno al caso suo.






?
!

LEI, LUI E L’ALTRO - 681

Caro Massimo,
sono nata il 25/0W/19ZZ alle 10.40 a YH, mio marito il 4/0W/19XX all’ora X. Volevo sapere della nostra vita amorosa perché ultimamente, nonostante ami mio marito e sono ricambiata, e anche se la nostra vita sessuale è molto appagante, mi sento attratta da un altro che ho conosciuto da poco e, nonostante faccia di tutto per evitarlo, ci incrociamo ogni giorno perché lavora vicino casa nostra. Questo ragazzo è nato il 24/0Z/19ZZ, non conosco l'ora di nascita. Ci siamo visti una sola volta e mi sono trovata molto bene in sua compagnia. Mi ha colpito che parlavo di tutto con lui, in genere sono riservata e timida quando sono all'inizio di una conoscenza, con lui sono stata subito a mio agio. L'ho trovato un ragazzo sofisticato, che si interessava alla mia vita ascoltandomi con garbo e gentilezza. Sarà che nella mia vita ho sempre incontrato gente più egocentrica dove ero io quella che ascoltava e loro quelli che parlavano di se stessi. Sono spaventata da questa attrazione e quando ci incrociamo evito anche di salutarlo e scappo via. A livello affettivo mio marito è un po’ carente perché non è un uomo affettuoso, attento e premuroso quello si, ma non è tipo da coccole e carezze. Sarà che nel mio tema natale vedo questa opposizione tra la Luna e Venere che genera in me questa tempesta emotiva fra sentimenti non appagati totalmente e una vita sessuale più appagante. Mi dica cosa ne pensa.
C.




1 settembre 2016

Le dico che la maggior parte delle donne (anzi, delle persone in generale) metterebbero la firma per poter dire di avere una vita sessuale appagante. Questa intensa attività non le basta però evidentemente per fermare i palpiti del cuore scatenati da un affascinante semi-sconosciuto. Sofisticato e soprattutto capace di ascoltare, qualità che evidentemente non appartengono al marito Ariete. Che, a onor del vero, mi sembra dotato anche di una discreta sensibilità, forse non manifestata appieno come accade a molti uomini. Mentre l’altro – almeno nell’unico incontro a due che avete avuto - con Luna, Venere e Marte in Pesci - sguazza nei sentimenti e nelle emozioni, pur mancando un’ora di nascita in grado di dare informazioni più precise. Non so però se davvero potrebbe essere l’uomo ideale. Bisognerebbe anche testare se, oltre alla sensibilità, siete pure compatibili nell’intimità. Certo è che, se evita di salutarlo e scappa via, questo ragazzo la turba parecchio. E di certo lo ha capito o lo capirà pure lui, ma dipende da lei se vuole approfondire la conoscenza oppure no. Visto che ha chiesto il mio parere glielo do, non partendo dal tema dei due uomini tra cui si dibatte, ma dal suo. Con quella Venere in Leone stimolatissima in dodicesima casa, oltre che opposta alla Luna in Aquario, pure in trigono a Saturno. Lei in amore vorrebbe tutto, magari idealizzando i sentimenti, e sognando a volte l’impossibile, ma restando però con i piedi in terra grazie all’aiuto di Saturno che le dà la volontà e la possibilità di far durare una storia. Ma la Venere in dodicesima va oltre, vaga con la fantasia e l’irrequietezza, anche se lei cerca di tenerle a freno per la necessità di stabilità. Non credo si possa avere la botte piena e il marito ubriaco, e suppongo che pure lei ne sia molto consapevole se evita come la peste colui che potrebbe farla indurre in tentazione. Anzi, c’è già riuscito, dati i sommovimenti emotivi di cui mi ha parlato. Penso però che, se mai nascesse qualcosa fra di voi anche di molto serio, prima o poi la sua Venere in dodicesima si accenderebbe per voglia di altro. Non la biasimo affatto, accade alla maggior parte delle persone. È preferibile però avere la consapevolezza che è raro, quasi impossibile, trovare qualcuno capace di soddisfare tutti i nostri desideri, sessuali, emotivi, economici eccetera eccetera. Qualcosa sfugge sempre, è nella natura dei rapporti. Può quindi trovare un altro, ma sappia che, conoscendolo, quell’altro avrà qualcosa che non la soddisfa. Forse per colpa dell’ipotetico partner, forse perché nessuno è perfetto per noi. Nella migliore delle ipotesi ha molte delle caratteristiche che cerchiamo. Non le dico però di non pensare di cambiare o di cambiare davvero, stabilmente o con una storia parallela. Tutti siamo liberi, anzi abbiamo il dovere, di cercare la nostra felicità. Provi a capire dove sta la sua, e sappia che la vita spesso ci costringe a fare scelte che non avremmo immaginato. Non so quali, ma le sue le troverà da sola.





?
!

FRENI SESSUALI E DIFFICOLTÀ A LEGARSI - 680

Caro Massimo
sono nata il 19/10/19ZZ alle ore WW.40 a X. Nonostante una meravigliosa famiglia, una brillante carriera scolastica e universitaria e una certa serenità affettiva nel campo delle amicizie, pare che io abbia molta difficoltà nella vita relazionale. Nella mia sfera sessuale esiste come un irremovibile freno rispetto a pulsioni sotterranee e irraggiungibili (che, però, ci sono). Mi preoccupa però di più la mia difficoltà a legarmi, a sentirmi coinvolta, e la mia tendenza ad annoiarmi piuttosto in fretta: ricerco rapporti e poi, negli stessi, mi sento costretta, responsabile dell'altro e in gabbia. Così finisco a flirtare con molti uomini senza però innamorarmi di nessuno. Potrebbe dipendere dalla mia configurazione astrologica? C'è un modo di superare queste sensazioni o sarò destinata a queste sensazioni di straniamento per sempre?
C.




1 agosto 2016

Tutto dipende dalle configurazioni astrali del momento della nostra nascita, sempre. Essendo però tu giovane, moltissimo se raffronto la tua età alla mia, non vorrei che le mie parole suonassero come una condanna all’insoddisfazione perpetua. Credo però di potermi rivolgere a te con serenità. Sei infatti molto lucida e mi fai la domanda giusta senza tanti giri di parole, e immagino tu abbia ipotizzato pure la possibilità che non ci sia una via d’uscita per questa situazione che non ti piace. Se penso però che tu ti sei fatta una diagnosi più che lucida, suppongo ci sia pure la possibilità di trovare la via d’uscita. Gran parte di chi affolla le agende e gli studi di psicologi e psicanalisti passa infatti anni e anni a cercare di vedere il proprio carattere per quello che è, non sapendo poi né volendo tentare di cambiare davvero le modalità di comportamento che crea loro problemi. Tu vorrai farlo? Davvero non lo so, ma posso spiegarti le ragioni astrologiche del tuo modo d’essere. Anzitutto l’opposizione Sole-Luna tra Bilancia e Ariete, entrambi quadrati a Urano e Nettuno. Traducendo il simbolo in un comportamento e una modo d’essere, posso immaginare una indecisione tra il lato maschile e quello femminile, tra l’io conscio e le sensazioni interiori, difficili da integrare in una consapevolezza affettiva. Ossia a volte sei in un mondo, a volte in un altro e non sai deciderti, suppongo costringendoti a un’opera di equilibrismo perché se il lato Bilancia vorrebbe rapporti umani equilibrati e logici, quello Ariete è pronto a diffidare e scoppia, agendo in maniera discontinua e impulsiva. Tendenze queste ultime rafforzate dal Marte isolato in Leone e settima casa, combinazione che mi fa pensare che tu faccia fatica a entrare in un contatto profondo con il maschile, non so se sul piano fisico o “solo” su quello psicologico. Sia come sia, il rapporto con un ipotetico partner non è lineare. Intendiamoci, non lo è quasi per nessuno, quindi non si tratta di una condizione disperante. L’altro pianeta affettivo-sessuale, Venere, è molto bello. È in Scorpione, congiunta a Giove e Plutone e in sestile a Nettuno. Insomma, le capacità seduttive sono tante ma in qualche modo la Venere in Scorpione e congiunta a Plutone rafforza il senso di precarietà affettiva, una certa tendenza a sfidare il rischio. Queste sono tendenze che saranno sempre dentro di te, ma possono essere modulate in vari modi, e non sempre agiranno come stanno facendo ora. Sono certo che tu possa capire cosa ti impedisce di fermarti in un rapporto, sempre che la cosa ti faccia soffrire e, da sola o con l’aiuto di un buon specialista, tu possa modificare quanto ti crea un problema, se te lo crea. Se mai dovessi farti aiutare ti consiglio di scegliere con attenzione, sei troppo intelligente per cadere nelle mani sbagliate. O magari capirai che preferisci non legarti, oppure no. Non precluderti però nessuna possibilità, solo con il tempo scoprirai cosa ti riserva il tuo tema natale, ossia come puoi declinare la tua vita.




?
!

PLUTONE QUADRATO A MARTE: LA CAUSA DI TUTTO? - 679

Carissimo Massimo,
come posso superare i casini sentimentali che sto passando? Ti faccio la lista di cosa mi è accaduto da novembre 2014. Da allora inizia una relazione che si interrompe da un giorno all'altro, perché la persona non vuole "storie serie". Rimango malissimo per l'accaduto, ma penso sia un caso isolato e cerco di uscire con altri. Appuntamenti sbagliati con gente sbagliata. Vado da una psicoterapeuta per cercare di capire se sono io la causa del problema, scopro di avere dei blocchi sessuali causati da un trauma infantile. Finisco la terapia verso febbraio. In data odierna, esco con un ragazzo interessante. Fa il militare e mi dice che ha appena avuto la notizia che, il trasferimento che ha chiesto, forse non gli verrà accettato e lo manderanno al sud. Più che triste sono incazzata e mi sento impotente per cosa mi accade e non so come fare andare meglio le cose. Cosa potrei fare per migliorare la situazione e soprattutto è Plutone quadrato al mio Marte in settima la causa di tutto? E quindi aspettare rassegnata che passi il periodo no.
C



1 agosto 2016

Sì, la causa principale è il transito di Plutone di transito contro il Marte in settima, destinato però a terminare a breve. Non è però l’unico evento astrologico scatenante. Venere infatti ha ricevuto un trigono di Urano dall’Ariete che, anche se sulla carta è un aspetto buono, può aver dato quello che descrivi. Ossia tante occasioni ma nessuna definitiva. Magari lasciandoti la convinzione di essere destinata ad avere una vita sentimentale infelice o complicata. Sensazione insopportabile per una Bilancia, nata in teoria per una vita di coppia. Va detto però che Marte in settima e Bilancia ti resterà comunque, anche quando non verrà più infastidito da Plutone. L’allontanamento del signore degli inferi può però farti evitare di restare vittima di abbagli o situazioni poco chiare, non da parte tua s’intende. Marte che di nascita è quadrato a Urano e Nettuno in Capricorno, e lascia intuire una certa sofferenza nei rapporti di coppia. Fermo restando che questa può essere una tendenza, i transiti possono aiutare, in un senso o nell’altro, ma data la tua giovane età, con tutta la vita davanti, dovresti cercare di capire qual è il tuo ruolo in queste situazioni complesse con il maschile. Tieni conto che non si finisce mai di conoscersi e di capirsi e, anche a tarda età, puoi scoprire aspetti di te non sospettabili. Quel Marte può poi rappresentare una tua ferita e, anziché correre al riparo quando un’infezione si è diffusa nel corpo, ti converrebbe cercare di rafforzarlo preventivamente. Con un percorso di autoconoscenza o con l’aiuto eventuale di qualcuno, e possono essere infiniti le persone in grado di darti aiuto, ma dipende da te trovare chi fa al caso tuo. Se poi non avessi voglia di tentare di agire sulla psiche, puoi sempre concentrarti sul corpo. Un Marte in Bilancia in settima mi fa pensare a un’arte marziale giapponese, non importa quale, capace di rafforzare la muscolatura ma pure di aiutarti a concentrare genericamente di più e a combattere con la tua parte ombra, se così si può dire. Un calcio di karate o taekwondo ben assestato può aiutarti anche nella tua sfera affettiva, credimi. In ogni caso già da settembre Giove in Bilancia di passaggio nella tua settima dovrebbe crearti un clima migliore, e Saturno in sestile dal Sagittario potrebbe fare altrettanto. Non lasciarti però abbatterti dalle esperienze negative, cerca solo di capirle nel migliore dei modi per evitare che si ripetano in futuro.




?
!

UN BRUTTO MERCURIO E I FIGLI - 678

Ho iniziato una convivenza con il mio migliore amico storico (e lo è ancora, anche se sono cambiati i ruoli!). Eravamo distanti e poi la storia è mutata e stiamo provando a costruire molto assieme. C'è stato un vero e proprio salto, ed è avvenuto un po' tutto in fretta (Urano in passaggio in 5a sulla mia congiunzione Venere-Marte). C’è però un aspetto del mio tema natale che non riesco a ignorare, parlando di figli con il mio compagno. Il mio Mercurio è in Toro, tra 5a e 6a, colpito da Saturno e Urano. Unici aspetti e nessun riscatto da altri pianeti. Se è vero che l'astrologia non emette sentenze, Mercurio ha pur sempre la simbologia di figlio e, per quanto ci siano altri fattori legati al concepimento e gravidanza (Luna, Plutone, Nettuno), come si fa a ignorare? Mercurio è sì come noi siamo stati figli, come abbiamo vissuto la nostra adolescenza, ma ha anche la simbologia del proprio figlio. L'astrologia come può essere di aiuto? Vedendo un aspetto simile è meglio "evitare" di scaricare tale aspetto su chi ancora non c'è, oppure è proprio un aspetto da superare perché più psicologico e legato alla paura di come essere madre ecc...? Potrebbe essere questo il caso di desiderio egoistico che un'altra persona poi pagherà? So che l'astrologia non potrà mai arrivare a dire: no, guarda, è meglio se lasci perdere e ti eviti problemi, però magari potrà fornire indicazioni su cosa potrebbe comportare avere questo aspetto specifico. Secondo lei mi sto mettendo in allarme per nulla?
Sonia




1 agosto 2016

Io ho un Mercurio molto bello e senza lesioni e non ho uno straccio di figlio, e non ne ho mai desiderato uno o più. Ho in compenso una marea di fratelli, nipoti e pronipoti con i quali ho un ottimo rapporto, a testimoniare il mio bel Mercurio. Il simbolo, come lei ha capito molto bene, si può esprimere in molti modi e, per quanto l’astrologo possa essere eccellente nell’interpretare un tema natale, ha la chiarezza del tutto solo nel momento in cui si manifesta. Tanti astrologi o presunti tali gongolano nello sparare sentenze e consigli non richiesti, a volte azzeccandoci più spesso no. Penso inoltre che anche se avesse una fiducia cieca nelle mie capacità, se io le dicessi di fare il figlio lei ci penserebbe due volte, ma potrebbe accadere pure il contrario come è normale che sia. Ossia la decisione finale spetta a lei e al suo compagno, non a me. Le posso però dare ben volentieri il mio parere basandomi sul suo Mercurio e su quello del partner. Ben consapevole per lunga esperienza che, se mai avesse un bebè, salvo incognite al momento imprevedibili, il piccino avrà con ottime probabilità un Mercurio diverso dal suo e da quello del padre. Ipotizzo però che questo nascituro sarebbe o sarà figlio unico (come mi pare sia lei, se non ricordo male) e magari questa condizione gli peserà un po’. Inoltre su di lui (o lei, uso il maschile per comodità) lei-mamma riverserà molti dei suoi pensieri e attenzioni (vedi la Luna strettamente congiunta a Mercurio del suo partner) da un lato mettendolo un po’ troppo sul piedistallo (la quinta casa), dall’altro limitando la sua libertà (gli aspetti negativi di Urano e Saturno). Se così non fosse magari i genitori avranno il dono del suo arrivo solo dopo molte difficoltà, vista la sua posizione in quinta. Sarà un figlio perfetto con cui lei avrà un rapporto ottimale? Quando mai, queste situazioni ci sono solo nei film di serie B! Il consiglio vero che posso darle è di non perdere troppo tempo a decidere. Se lei e il suo compagno pensate di volere questo benedetto figlio non rimandate oltre, buttate preservativi e anticoncezionali nella spazzatura e vedete cosa succede. Non procrastinate al prossimo anno dopo un’ipotetica promozione del compagno o dopo un ultimo viaggio in mari esotici. Lei ha 39 anni ed è ora che si impegni se lo vuole fare. Vero, ora la tecnica consente di fare figli a tardissima età, ma lei sa la fatica necessaria per fare la madre? Tanta, soprattutto se se non ci si è abituati e si sfiora la quarantina. Quindi non esiti più, metta nel cassetto i libri d’astrologia e faccia altro. Tanto, che lei sia destinata a diventare madre o non lo sia, lo deciderà il destino, non lei. E il tema natale lo capisci spesso a cose fatte…




?
!

RITORNO DI FIAMMA ALL’ESTERO? - 677

Caro Massimo,
lo scorso ottobre dovetti lasciare la nazione che amavo tanto, perché le cose col mio compagno non stavano andando bene (in uno stato estero dove è necessario il permesso di soggiorno). Il mio compagno (nato il 2 z 19ww alle 3.30) si è fatto risentire alla mattina alle 7,30 del 3 aprile 2016 e mi ha fatto capire che vorrebbe riprovarci. Finché non torno da lui, a fine giugno, abbiamo ripreso a scriverci via whatsapp e skype, come ai primi tempi della nostra relazione. Vorrei sapere se torneremo insieme (io sono nata a il giorno 1 ottobre 19ZZ, alle WQ.). Mi pare che in autunno ci siano transiti fantastici per la Bilancia, posso sperare?
Bilancia '81




1 agosto 2016

Sperare non costa nulla e non fa affatto male se non si inseguono sogni troppo impossibili. I transiti per la Bilancia in autunno sono buoni, ma va detto che non a tutte le Bilance le cose andranno meravigliosamente. Ad alcune non succederà niente, altre avranno problemi seri, altre ancora staranno bene o benone. Ma non illudiamoci che Giove nel segno possa portare miracoli, nei migliori dei casi porta periodi sereni con qualche colpo di fortuna annesso. Farebbe comodo anche a me, essendo io di questa famiglia, ma meglio attendersi il giusto. Mi chiedo poi, indipendentemente da un ritorno di fiamma tra di voi oppure no: se ci sono stati problemi tali da causare una rottura ora sono passati del tutto? Avete chiarito davvero (o lo farete) o avete appiccicato una toppa provvisoria su una stoffa già lisa? Intendiamoci, credo sia possibile ricucire, in questo e in altri casi, ma bisogna fare davvero pulizia e risistemare le cose per creare qualcosa di stabile. Sempre che interessi realmente farlo. O non siete piuttosto nella fase del rimpianto per le belle cose che avete avuto, immagino sul piano fisico o affettivo, senza avere provato in seguito qualcosa di altrettanto forte? Quello che mi fa specie, cara Bilancia 81, è che non mi hai detto una cosa che ti manca di quest’uomo. Parli della storia e del paese molto amato, ma lui resta in secondo piano, un po’ come se fosse un attore chiamato a ricoprire un ruolo, non un amore sconvolgente. La cosa singolare è che né ora né in autunno ci sono transiti tali da giustificare un ritorno di fiamma appassionato. Vero che potreste decidere un riavvicinamento con una buona fetta di testa e una minor parte di cuore (o di attrazione fisica, non fa differenza) e in tal caso non ci sarebbero transiti significativi. Quelli che di certo ci sono stati al momento del vostro incontro, e del tuo trasferimento nel suo paese. Un transito che però potrebbe fare indicare un tuo ritorno nel paese dell’amato è Plutone in sestile alla Luna, che può suggerire un trasferimento un po’ complicato. Altrimenti potrebbe darsi che tu vada ad abitare in altro luogo rispetto a quello dove vivi ora. Un ritorno quindi? Non lo escludo ma, se così è, la passione scivola un po’ in secondo piano, a mio avviso. Del resto, non si può vivere sempre e soltanto di impulsi magnifici e irripetibili, ma va messa in conto pure la noia, come pure gli attriti di carattere.




?
!

ARRIVATA ALLA FRUTTA? - 676

Caro Massimo,
sono arrivata alla frutta e non mi va di vedere il dessert. Non mi va più di vivere, perdona la brutalità. Come giustamente prevedevi tu, l'argomento casa è aleatorio. Sono vigliacca e vedermi magari il 20 maggio sbattuta fuori da quella che per 36 anni è stata la mia casa, mi distrugge e non so se sono in grado di sopportarlo. Sono caduta in un gioco al massacro con me stessa, dove più mi faccio del male più viene voglia di farmelo. Detto questo, puoi dirmi come può influire nel mio tema natale Plutone in ottava in trigono all'ascendente in termini di successioni legali e immobili? Ho bisogno di sperare con tutte le mie forze che non sono una condannata a soffrire a oltranza, ma che nella mia carta d'identità celeste c'è qualcosa di bello per cui valga la pena andare a vedere come va a finire. Ce l'ho con il mondo intero, ma principalmente con me stessa perché non sono in grado di affrontare l'inevitabile cambiamento. Altra domanda: sono ascendente Aquario, con la seconda in Ariete, deduco che nella prima casa ci sia anche i Pesci. Quindi sarei Scorpione ascendente mezzo Aquario, mezzo Pesci?
Mirella



1 agosto 2016

L’e-mail è di qualche mese fa, e spero che nel frattempo le cose si siano sistemate. Penso però che la disperazione dichiarata sia reale ma di superficie. O meglio, c’è molta più speranza e attesa per il futuro di quanto dichiari, pensi o dici. Infatti mi fai due domande che riguardano il futuro, non di morte ma di speranza. La prima su un’eventuale eredità, la seconda sul tuo modo d’essere, legato all’ascendente. Se fossi davvero sull’orlo del precipizio non te ne fregherebbe nulla di entrambe le cose. Detto questo, non ha importanza che un pianeta sia in trigono all’ascendente ma è più importante la casa in cui si trova. Un Plutone in ottava favorisce in effetti le eredità, ancor più se senza lesioni, come è il tuo, e in trigono alla Luna. Può avere però altri cento significati, come tutti i pianeti in ogni posizione. Ammesso che si tratti di eredità, c’è la possibilità che qualcuno te ne lasci una? Perché se mai fossi orfana e senza parenti o fidanzati è abbastanza improbabile che ti venga lasciato qualcosa. Come pure se invece hai parenti, ma sono più poveri di te. Non escludo però che i tuoi pianeti in Sagittario ti diano un ottimismo a oltranza, anche se quelli in Vergine e Scorpione vanno in direzione opposta. Questo può essere uno dei motivi per cui da un lato invochi la morte (a parole?) dall’altro ti aspetti (o pretendi?) miracoli. Il consiglio che ti posso dare, anche se tu mi hai chiesto altro è di affrontare davvero i problemi, non di accantonarli o sperare in un miracolo. Non è semplice, lo so, e non so nemmeno quale possa essere la soluzione ai tuoi problemi, non conoscendoli nel dettaglio. La differenza la fa però il modo in cui li affronti, e questo in parte puoi modificarlo. In parte, non del tutto. Come non puoi modificare l’ascendente, che Aquario era e Aquario resta nonostante ospiti tutto il segno dei Pesci. Cosa serve allora questo secondo segno? Non influisce sul carattere ma ospita il transito dei pianeti. E, nel momento in cui Venere, Marte e chissà quale altro astro, passano di lì, ti fanno assumere connotazioni del segno. Ma, appena passato, tutto torna come prima, ossia ascendente Aquario. Diverso è il passaggio di segno delle altre case, che davvero cambiano modalità di espressione nel corso della vita, ma questo è un altro discorso, da trattare a parte.




?
!

PLUTONE QUADRATO A NETTUNO: UN’APOCALISSE? - 675

Buongiorno, mi sarebbe utile conoscere la sua opinione sugli effetti che potrebbe apportare, e la sua durata, un transito di Plutone quadrato a Nettuno natale, Plutone attualmente mi transita in 1ª casa, e quadra da almeno 3 anni il mio Nettuno di nascita a 14 gradi, in Bilancia, in 9ª casa. Il mio Plutone natale è a 14° in Leone. In merito a questo transito ho letto cose alquanto pesanti e drammatiche in qualche libro di noti astrologhi. Leggo con interesse i suoi interventi e spero di non essermi dilungato troppo, come da lei consigliato.
Andrea




1 agosto 2016

No, non si è dilungato troppo, anzi mi ha messo allegria. Perché da come pone la domanda mi ha fatto sorridere facendomi supporre che spavento i frequentatori del forum. In realtà credo di limitarmi solo a suggerire una domanda concisa perché in questo spazio non posso rispondere a tutti i quesiti della vita. Una domanda alla volta per carità. Inoltre, il crescente successo del sito e della rubrica mi porta ad avere tempi di risposta sempre più lunghi, tanto che suppongo che a breve dovrò dire di no a molti, o a qualcuno. Valuterò cosa sia possibile fare. Vengo per il momento alla sua domanda, su cui a onor del vero non mi ero mai soffermato a riflettere, quindi rispondo senza reale esperienza in merito. Non so cosa scrivono i noti astrologi a cui accenna e non so nemmeno di chi parla, per cui non so né contestare né confermare. Per la durata, il tempo è lungo trattandosi di un pianeta lento come Plutone, quindi due o tre anni suppergiù, all’incirca da quando era a 12 gradi fino ai 16 del Capricorno. Non credo poi possano esserci effetti materiali vistosi, mentre è possibile che ce ne siano di psicologici o più in generale rispetto alle attese su cosa può ancora riservarti la vita. Si può parlare poi solo del quadrato tra i due, essendoci stato nella nostra epoca un lunghissimo sestile, in cui Plutone precedeva Nettuno. Essendo Nettuno più rapido dell’altro, a un certo punto della vita di ognuno di noi può formarsi un quadrato tra il Plutone di transito e il Nettuno radix, quando il soggetto ha superato i sessant’anni. L’aspetto negativo potrebbe quindi coincidere con un periodo di minori attese verso il futuro, di spegnimento delle ambizioni, speranze e sogni. Una patina di grigio che ti cala sulla vita, ma la tonalità di colore varia di tema in tema, perché nessuno di noi è davvero uguale all’altro. Sto parlando di grandi numeri, s’intende, perché altri aspetti possono attenuare o vanificare del tutto gli influssi negativi. Penso poi che possa ridursi la capacità di adattamento alla realtà circostante, iniziando quella fase dell’esistenza in cui non capisci più come sta andando il mondo. Dati gli eventi storici che stiamo attraversando ritengo però che questo possa accadere pure ai ventenni ai giorni nostri. Plutone di transito quadrato a Nettuno potrebbe quindi dare una difficoltà a trovare risorse interiori per far fronte a una società in movimento. Non è però una tragedia, ma una tappa inevitabile nel corso della vita, se si superano i sessanta.




?
!

INDIZI PER UNA BUONA CARRIERA - 674

Ho investito la gioventù in lavoro e studio, per arrivare all’apice in età adulta. Il guadagno per me è importante come poter gestire la vita con libertà e so che è possibile se ho un bagaglio lavorativo che mi permette di non dipendere dalle esigenze materiali. Sto faticando tanto, 3 anni fa mi sono trasferita in Germania per migliorare il tedesco, ho finito la seconda laurea, mi sono dedicata allo sport e autodisciplinata per arrivare rinunciando a vita privata, tempo libero e far nulla. Ho fatto più lavori per pagarmi gli studi, alla ricerca del lavoro a cui aspiro. Insomma, sono fiera delle mie conquiste, ma non sono soddisfatta della situazione professionale, ho fatto tanto ma non ho esperienza nel settore nel quale vorrei crescere. Sarà il ritorno di Saturno dell’ultimo anno? O mi sfugge qualcosa? Oppure si tratta di un gioco delle stelle, che mi hanno dato l´ambizione e reso impossibile la sua realizzazione al tempo stesso? Ho sempre pensato che chi si dà da fare riesce e trova la sua strada, ma ora questo punto fermo è diventato discutibile. Poi guardo la mia carta natale: Marte in 6 casa e in Capricorno dovrebbe essere ottimo per la carriera, ma è opposto al Sole. Significa che tendo ad ingannarmi da sola nelle mie aspirazioni? Per quanto ho letto, tale opposizione può creare conflitto con il vero io e la volontà rappresentata da Marte. Potrei aggiungere il fatto che la seconda casa è vuota e non importante nel mio tema natale. Mi sapresti dare qualche indizio?
Kristina



1 agosto 2016

Cara Kristina,
io penso che ognuno debba fare quello che può, poi la vita – e lo zodiaco – sanciranno quello che davvero ti è concesso ottenere. Ma io non so dirti se sei destinata al successo o alla mediocrità, ho visto troppi temi natali di persone dell’una e dell’altra categoria per affermare che di certo esistono gli astri del carrierista fortunato e quelli del perditempo sfigatissimo. Di certo sei ambiziosa, come dichiari e come vuole Plutone in trigono al Sole e hai un tema natale in cui non ci sono solo rose e fiori, tra aspetti planetari negativi e altri positivi. In cui però quasi sempre un pianeta leso riceve riscatti da altre forze planetarie. Ad esempio, Mercurio è quadrato da Plutone ma riceve un trigono da Saturno, a sua volta opposto alla Luna che si riscatta con Mercurio. Eccetera eccetera. Ossia inciampi, risalite, nuovi ostacoli, rimonte prodigiose. Come è stata la tua vita finora. Ci sarà una svolta decisiva e stabilizzante in futuro? Te lo auguro, ma non so se accadrà in tempi brevi. Anche per la tua stessa struttura caratteriale, intendiamoci, che ti ha spinto a non accontentarti e a puntare oltre ma in qualche modo “al buio”. Mi spiego. Se non avessi avuto l’ambizione che hai, magari a vent’anni ti saresti accontentata di un lavoro qualunque ma stabile come fanno in tanti magari limitando sogni e speranze, ma riuscendo ad accontentarsi. Tu non sei fatta così, e hai cercato una seconda laurea. Purtroppo con i tempi che corrono un secondo titolo di studio importante non è affatto una garanzia di occupazione. Anzi. Pare che siano molto più facilitati a trovare un impiego quelli senza laurea, perché l’azienda può pagarli di meno, all’inizio. Nel tuo caso poi c’è anche una tendenza alla sfida al rischio, come vuole il Plutone forte, ma pure il Giove in Pesci in ottava casa. Quest’ultimo quadrato però a Urano in Sagittario, e capace di lasciarti un po’ di amaro in bocca nel settore del lavoro, ma al tempo stesso in sestile a Marte in sesta, dandoti i famosi recuperi di cui ho già detto. Morale della favola, la noia è esclusa dalla tua vita, in passato ma anche in futuro. Per i transiti del periodo non credo tu possa trovare in tempi brevi quanto cerchi. Immagino che accadrà quando Plutone arriverà in sestile al tuo Giove, tra due o tre anni. Certo non è domani, ma non è nemmeno un mai. Poi posso sempre sbagliare, s’intende. Quello che posso suggerirti è di non credere che sempre “volere è potere”. Fai quello che devi e fallo bene, poi accadrà quanto può realmente succedere. A volte senza che tu abbia fatto davvero qualcosa di sbagliato o giusto, magari solo perché ti sei trovata nel posto giusto al momento giusto. Non disperare, qualcosa comunque arriverà.




?
!

DISAGI SU MOLTI FRONTI - 673

Sono bloccata da un male per cui non c'è diagnosi certa, da due mesi; idem sul lavoro, c'è una mobilità in atto e se busso ad altre porte manco mi rispondono. Il mio matrimonio si trascina in una tregua armata. La malattia ha confermato il ruolo di vittima dal quale tento di sganciarmi, ma quando la salute manca anche la risolutezza diminuisce. Lui ha confermato l'egoismo e pretende che svolga le mansioni di tuttofare domestico come se nulla fosse. Come se non bastasse, in famiglia pensano che esageri sulle mie condizioni, che rompa le scatole ecc. Mi domando se non sia un destino segnato da Venere in Scorpione, in XII, abbinata a una Luna natale in Cancro, in VII e a un Giove in Pesci in III. Mi chiedo se a breve ci sia speranza che cambi qualcosa in positivo. Per ricominciare daccapo. Mio marito è Capricorno ascendente Bilancia, non riesco a spiegarmi la sua aggressività nei miei confronti. Forse è una 'unione karmica', in cui dovevo imparare una lezione e per questo non mi sono resa conto subito della sua freddezza, volontà di controllo e della forte irritabilità? Una curiosità: l'essere nata con un rischioso cesareo d'urgenza - forse avevo qualche presentimento su quanto mi aspettava - può avere influito sul quadro? O per gli esperti di astrologia il tipo di parto non ha importanza?
Kate



1 luglio 2016

Un parto difficile di certo influenza la psiche del nascituro e la sua vita futura, anche se non ne siamo consapevoli in quanto al momento della nascita non abbiamo ovviamente ancora sviluppato la coscienza di capire quanto ci capita. L’astrologia testimonia queste difficoltà iniziali, ma nel suo tema natale i segnali non sono così chiari come succede a volte, e ipotizzerei che il trauma non sia stato così devastante come in altri casi. Ipotizzo, non ne ho la certezza. Per quanto riguarda suo marito, suppongo che in realtà l’assenza precedente di problemi seri non le abbia fatto percepire certi lati del suo carattere. Quanto mi dice di lui “freddezza, volontà di controllo e irritabilità” parla di alcune delle peculiarità caratteriali del Capricorno che per forza di cose doveva possedere pure prima. Magari ora si sono accentuate per i brutti transiti che ha subito di recente la sua Venere a inizi Sagittario. Diamogli per questo una parziale giustificazione, non di più, sperando si ravveda al più presto. Credo però che questo le appaia più evidente perché Plutone di transito si oppone alla sua Luna in settima, scoperchiando comportamenti pur presenti nelle dinamiche di coppia. Plutone evidenzia le infezioni sotterranee, ma ha in sé anche il potenziale rimedio alle difficoltà, pur sapendo che a un suo passaggio bisogna preventivare un periodo complesso prima del superamento del problema. Perché una soluzione c’è sempre. Lei mi parla di unione karmica con suo marito, dalla quale trarre una lezione. Forse, nessuno può avere la certezza se sia vero o no, ma in tutta onestà questa delle lezioni karmiche mi sembra una sciocchezzuola molto di moda per dare un senso a questioni in cui ci siamo infilati e da cui non riusciamo a uscire. Se guardo poi a coloro che strombazzano tali teorie, e non mi riferisco a lei, vedo spesso persone che predicano tanto per sentire meno lo stridore interiore dei propri disagi esistenziali. Alcuni di questi maestri di vita sono in buona fede, intendiamoci, da molti non ascolterei nemmeno le indicazioni per prendere un autobus, le darebbero di certo sbagliate. Per tornare a lei, purtroppo in questo momento il suo tema natale è soggetto a transiti fastidiosi su vari fronti, compreso il lavoro. Il suo Urano a inizi Vergine ha subito infatti passaggi planetari complessi. Non escludo che questo c’entri anche con la difficoltà a trovare una diagnosi certa per il suo disagio fisico. Causato di certo da quella Venere in Scorpione e dodicesima, capace di occultare perfino i motivi fisici del malessere, in cui però non escluderei una componente psicosomatica. Componente, intendiamoci, non di più. Penso che per il rapporto di coppia e il lavoro il punto più critico stia per essere superato. Sulla salute non saprei proprio perché non c’è chiarezza sulle cause. Mi tenga aggiornato e confidi che i suoi tanti fronti di malessere abbiano origini diverse, e la matassa possa venire sbrogliata filo per filo. Una alla volta, con pazienza, come sono certo lei possa fare.


?
!

UN DIVORZIO DOLOROSO - 672

Ero sposata. Nei primi anni il matrimonio è stato felice anche se non ho potuto avere figli e mio marito non ha voluto adottarne. Qualche anno fa, all’improvviso, mi ha lasciato per una donna con un bambino. Ho vissuto come una catastrofe l’abbandono: ho perso interesse alla vita, credevo fosse non solo mio marito ma anche un amico. Ora vuole il divorzio (chiesto via mail!) e sono incerta se iniziare una battaglia giudiziale per sentirmi “riconosciuta”. In questi anni sono sopravvissuta e non mi sono rifatta una vita. Non sono un’astrologa ma mi sembra che i transiti non siano stati benevoli con me in questi anni e temo per il transito di Plutone sui miei pianeti in Capricorno. Ho letto in un sito in cui si parla di rivoluzioni solari che il mio Indice di Pericolosità dell’Anno per il 2017 è di 94 su 100! Mi sembra di aver capito che Lei non ritiene molto le rivoluzioni solari ma ritiene più significativi i transiti. E nei transiti mi sembra di leggere che le cose capitano indipendentemente da noi. Soprattutto come posso amare ancora un uomo così? Posso affrontare un divorzio giudiziale, o i transiti me lo sconsigliano? In tutti questi anni ho sempre sperato che mio marito tornasse ma così non è stato: avrà mai un rimpianto per me e per avermi lasciata senza chiedermi scusa per tutto il male che mi ha fatto? So invece che mi porterò dentro la ferita per tutta la vita, si formerà una cicatrice ma è come se fossi stata menomata.
E.



1 luglio 2016

Anzitutto, rivoluzioni solari o no, ritengo i passaggi planetari non quantificabili prima che il fatto avvenga. Basta vedere quello che può accadere a gemelli, astrali o monozigoti, in cui ad una persona capitano eventi importanti e all’altra no, non importa se in positivo o in negativo. Quindi dubito fortissimamente che esista un indice di pericolosità, sia esso calcolato con le rivoluzioni o con i transiti. Non mi piacciono poi i terrorismi, astrologici o no, e non credo che a nessuno prima o poi non accadano esperienze pesanti. Ma veniamo a lei, cara E., che non è ancora riuscita a superare il trauma dell’abbandono. Atteggiamento psicologico rintracciabile nel suo tema natale per una nostalgica Luna in Cancro e seconda casa, opposta a Saturno in settima. Il ricordo di un passato protetto e affettuoso fa fatica ad abbandonarla, in qualche modo anche rendendole difficile credere alla possibilità di creare un nuovo rapporto o – ancora meglio - di stare bene con se stessa, senza bisogno di qualcuno al fianco. Temo poi di doverla deludere perché, pur non avendo la certezza del contrario, ritengo altamente improbabile che suo marito si penta di come si è comportato (ho omesso dal racconto della separazione molti passaggi che non rendono onore al suo ex coniuge). Non parlo dell’innamorarsi di un’altra, accade e può far parte dell’ordine naturale delle cose, per quanto doloroso sia per chi viene lasciato. È come lo si fa, per non parlare dell’altro su cui è meglio tacere. La consolazione è suppongo che l’“altra”, per il tema natale che ha, sia una vera arpia manipolatrice, e riuscirà a spremergli tutto quel che può. La sua unica responsabilità, se proprio vogliamo trovarne una, è di non aver capito quali insensibilità albergassero nel cuore del suo coniuge, arrivando così sprovveduta al momento del distacco. Che si porterà forse sempre dietro come l’ennesimo ricordo della sua Luna (e sensibilità) ferita, ma con la consapevolezza e voglia di cambiare pagina. Io sono certo possa capitarle, e non escludo che succeda pure in tempi brevi, transiti futuri alla mano. Plutone poi non è solo una minaccia, se positivo è anzi un’immensa risorsa. Ora sta infatti ronzando intorno ai suoi Venere e Marte in Capricorno, e seguirà poi il fantasioso e mutevole Nettuno a sostenerli. Come pure Urano formerà un trigono a Giove in settima casa e alla sua posizione natale. Se sento che non crede davvero alla possibilità di rifarsi una vita con un’altra persona, sono certo che possa invece scoprire che ci sono tante cose nel mondo, al di là del suo ex marito. Anche perché, paradossalmente, per come si è comportato dovrebbe brindare per averlo perso, non piangere ancora!


?
!

LA CONFUSIONE DI UNA VENTENNE PESCI - 671

Vorrei sapere a cosa è dovuta questa fissa riguardo a cosa pensano gli altri di me, inoltre vorrei conoscere in linea generale il mio temperamento. Ho visto i suoi video, sia sul mio ascendente e sul mio segno, è vero i Pesci hanno molte paure, confermo, ma io le ho sempre affrontate, sono sempre stata temeraria non so se questo dipende più da Marte in Leone o dal mio ascendente, mi dica lei. Invece riguardo al mio ascendente Gemelli, i professori mi hanno sempre criticata sul fatto che faccio fatica a individuare le cose importanti da studiare, infatti al quinto anno di scuola superiore nei miei compiti scritti dove c'erano le dieci righe da rispettare a volte non centravo, la domanda infatti vado molto meglio all'orale, adesso vado all'università.
Stefania



1 luglio 2016

Per individuare un temperamento con l’aiuto dell’astrologia va fatta, possibilmente insieme alla persona analizzata, un’analisi dell’intero tema natale. Qualcosa accenno comunque. Sicuramente cara Stefania, lei ha un carattere un pizzico esibizionista (asc Gemelli e Luna in prima e Cancro) e dominante (congiunzione Sole e Saturno in decima), ma è pur sempre una Pesci emotiva (Sole e Luna), con una certa dose di calore (Marte e Giove in segni di fuoco) e possiede anche un pizzico di realismo (Urano e Nettuno in Capricorno). Insomma, non si fa mancare niente nella vita, e questo suo avere tante sfumature a volte può essere fonte di confusione e conflitto, anzitutto per sé ma in qualche modo anche nel rapporto con il prossimo. Perché poi le importa tanto il giudizio degli altri? Anzitutto perché è giovane, e dubito infatti che le sia cresciuto abbastanza pelo sullo stomaco per non farsi ferire dalle critiche altrui. Capire che il giudizio degli altri non è sempre fondamentale non è però sufficiente, perché quasi sempre la reazione alle critiche è emotiva, non razionale. Perché le succede? Per ragioni mondane ma al tempo stesso emozionali. L’ascendente Gemelli vorrebbe infatti che molto in lei brillasse e fosse fonte di ammirazione nel rapporto con il prossimo. Poi Sole e Saturno in decima le impongono la voglia di arrivare in alto, di dominare le situazioni e di controllarsi, ma il quadrato di Giove a entrambi non la rende del tutto soddisfatta di quello che ottiene, e teme che gli altri la trovino inadeguata. Intendiamoci, poiché lo sente come un problema lo è davvero, ma lo è solo in parte. Nel corso della vita infatti quasi di certo riuscirà a dare meno peso al giudizio altrui, forse perché nel frattempo avrà imparato lei per prima a giudicarsi meno. Nel frattempo si consoli, perché ha molte frecce nel suo arco, e prima o poi le scaglierà.


?
!

ASPETTI CONTROVERSI? QUANDO MAI! - 670

Ho una domanda e riguarda un aspetto controverso in astrologia. Mercurio in Leone, in dodicesima casa, isolato, senza aspetti. Un astrologo molto noto afferma che un pianeta senza aspetti è particolarmente negativo. Mi è stato detto che il mio Mercurio, in questa posizione, è come un contenitore del Pensiero che non riesce ad esprimere la propria potenzialità e si rinchiude in una gabbia di silenzio. Sarebbe un Mercurio autolesionista che non accetta il confronto e non vuole esprimersi nel sociale, inibendo l'energia della mia Luna (che è in Pesci, in ottava, dominante e in trigono con Urano e Marte). Ma sinceramente del sociale non mi importa niente e il mio pensiero è creativo ed è rivolto all'Ignoto, che è il mio territorio d'elezione e di creazione artistica. Come interpreta questo aspetto di Mercurio?
Mark



1 luglio 2016

Io credo che un pianeta si possa definire negativo solo se crea davvero problemi. Se non ne procura la negatività non esiste. A lei non interessa la socievolezza e dichiara di preferire un isolamento grazie al quale può sperimentare al meglio la sua creatività. Quanto alle affermazioni che mi riporta, in tutta onestà non ne capisco il senso. Anzitutto perché il pensiero non è riconducibile al solo Mercurio, e comunque esprime le potenzialità che gli sono proprie, come accade per tutti gli altri pianeti. Ossia farà quel che può e deve, come sarebbe successo pure se il suo Mercurio fosse stato in Gemelli e terza casa, tanto per fare un esempio qualunque. Sicuramente nel suo caso la socievolezza non è in cima alla lista dei pensieri, e il suo Mercurio è in Leone, e ha in sé una grande carica di orgoglio. Suppongo che lei si senta quindi oltre la mentalità corrente, tanto che punta dritto all’ignoto. Chi va in queste direzioni sa da subito che non potrà trovare molti interlocutori, perché quel territorio l’ha toccato solo lui, e forse pochi altri. I navigatori solitari sanno che non incroceranno sulla loro rotta molte persone e, se hanno scelto di compiere quell’impresa, lo hanno fatto per temperamento, altrimenti andrebbero a lavorare in un centro commerciale. Aggiungo che ci sono altre indicazioni per una scarsa propensione alla socievolezza, come Saturno e Nettuno in terza casa e pure la Luna in ottava e Pesci. Anzi a ben vedere, il Mercurio isolato in Leone sembra voler sottolineare che ci sia anche un po’ di autocompiacimento in una situazione di orgoglioso isolamento, creativo oppure no. Può darsi in effetti che non accetti il confronto, ma di certo non inibisce l’energia della Luna, anzi è tutto il contrario. Ossia vaga nel mondo della fantasia e delle emozioni e si esprime solo come gli pare a lui. Perché dovrebbe fare in altro modo?


?
!

LASCIARE UNA SOCIETÀ? - 669

Sono nata il 30 gennaio. Lavoro e sono socia in un'impresa familiare con i fratelli (pure loro soci) e uno zio che ha il 50% della società. Da alcuni anni i rapporti con lui sono diventati difficili oltre al fatto che la crisi ci ha messo a dura prova sotto tutti gli aspetti. Il mio dilemma è: vale la pena restare in società e affrontare un futuro pieno di incognite o si può sperare in un miglioramento della situazione? Sono stanca e la mancanza di sintonia mi sta logorando. Sono solo mie fissazioni, ma ultimamente ho sempre più difficoltà a gestire la vita di tutti i giorni e ho come l'impressione che tutto mi sfugga, mentalmente e materialmente. Grazie per i suggerimenti e i consigli che mi darà.
Patrizia



1 luglio 2016

Indipendentemente dai transiti attuali e dal rapporto con suo zio, credo che per lei le società, come pure i rapporti umani in generale, siano croce e delizia. Con cinque pianeti in Aquario (ma quattro in dodicesima) e Urano e Plutone in settima, dubito che lei possa prescindere davvero da una collaborazione col suo prossimo. Certo, nessuno quasi mai può fare davvero l’eremita, ma nel suo caso penso sia ancora più improbabile, nonostante i tanti pianeti in dodicesima che la rendono atipica e forse anche solitaria. Peccato però che il suo Urano sia parecchio complesso e che quello che sulla carta avrebbe potuto essere un passepartout per rapporti umani vantaggiosi a volte si trasforma in una palla al piede. Se analizziamo poi il tema natale di suo zio ci troviamo di fronte a una persona per molti versi decisa e determinata, a volte penso anche troppo, ma che ha problemi guarda caso con Mercurio e la terza casa. Nel suo tema infatti si presenta Mercurio a fine Vergine in settima quadrato a Giove in Gemelli e terza. Se quindi ora è lei a scrivermi per manifestare il suo disagio, sono abbastanza certo che in precedenza lo zio avesse avuto problemi con suo padre ma pure con i suoi fratelli. Aggiungo però che avendo lui un carattere molto forte, dubito che riuscirà ad averla vinta su di lui, o a trovare una forma di compromesso. I transiti però danno per lei un segnale molto positivo, e non escludo che un cambiamento possa esserci, non so se radicale ma comunque cambiamento. Il suo Mercurio in prima, di nascita opposto a Urano in settima, riceve ora il sestile da Urano in Ariete, e guarda caso mi parla proprio ora di voler dare una svolta radicale al suo lavoro. Sembra quasi che fino ad ora non avesse potuto fare a meno di queste relazioni anche importanti, mentre adesso almeno tenta di provarci. A breve poi pure Saturno in Sagittario aiuterà i suoi pianeti in Aquario, compreso lo stesso Mercurio, e sono abbastanza certo che riuscirà ad analizzare la situazione per quello che è, trovando poi la soluzione più vantaggiosa per lei. Transitando Saturno in decima casa e Urano in seconda non escluderei che possa capitare pure qualcosa di vantaggioso economicamente e che le renda l’autonomia. Magari uscendo dalla ditta, oppure trovando infine un accordo con questo zio che, nonostante l’età, non si decide a ritirarsi a vita privata. Cosa accadrà non lo so, ma qualcosa di positivo dovrebbe arrivare. Mi faccia sapere cosa, quando avrà deciso, o lo farà la vita al posto suo.


?
!

HABEMUS IELLA? - 668

Ciao Massimo, non so più cosa pensare, ciclicamente ne succede una. Sono sempre Simona. Dopo tutte le mie disavventure da fine 2015 (madre, marito, lavoro) ieri 18 aprile mia figlia ha avuto un incidente bruttissimo ed è salva per miracolo. Quando ho visto l'auto, com'era ridotta, mi é preso un colpo. Dimmi potrò stare un po' tranquilla? Lei è nata a X il 28/4/ZZ alle 11. Sono preoccupata per questa figlia, mi sembra di non riuscire a comprendere qualcosa che la tormenta o forse è soltanto una mia impressione.
Simona



1 luglio 2016

Voglio buttarla sul paradossale, per alleggerire un attimo la tensione dopo tutto quello che ti è capitato. Essendo tu stata colpita nell’intera gamma degli affetti e interessi (famiglia, lavoro, madre), ora puoi e devi tirare un sospiro di sollievo visto che pure il diluvio universale dopo quaranta giorni cessò, e tu hai avuto sei mesi di fuoco, ben più del diluvio. Ora arriverà di certo una colomba con un ramoscello di ulivo in bocca. Non ti posso garantire pace eterna, ma mi auguro e sono convinto che problemi così drammatici per un po’ non dovrebbero esserci. Anche il fatto che tu, avendo visto come era ridotta la macchina dell’incidente, possa ancora abbracciare tua figlia, mi sembra una gran cosa. Penso invece che sia più importante capire cosa tormenta ora questa tua figliola miracolata. Non mi hai detto nulla della sua vita per cui posso soltanto fare delle ipotesi, e soprattutto immaginare grazie all’astrologia che non sia del tutto soddisfatta della sua vita. Mi verrebbe da aggiungere però: “Chi lo è?” Nel suo caso questo stato chiamiamolo di incompletezza è provocato da Giove opposto al Sole, segnale di non totale appagamento. Un altro segnale in tal senso potrebbe essere Plutone opposto a Venere, mentre in contemporanea Marte in Ariete manda un trigono molto stimolante alla Luna in Sagittario in quinta, rendendola anche molto esuberante. Mi chiedo, ti chiedo, e ti chiedo di girare la domanda a lei. “Come stai affettivamente parlando? C’è qualcosa che ti turba, che non hai trovato, che vorresti ma non sai? O che sai ma non riesci ad ottenere o ti spaventa?” Non lo escludo, anche se Urano e Nettuno in settima le donano una grande capacità di adattarsi e di voltare pagina, se una situazione non le piace. Aggiungo poi che è ancora giovane, ha poco più di vent’anni e la felicità è difficile da trovare a tutte le età. Visto però che tu sei la madre, e sei preoccupata, prova a interrogarti sulla quella sua Luna-madre, da quello che vedo vissuta come una donna esuberante, impulsiva e un po’ ingenua (Luna in trigono a Marte in segni di fuoco) ma pure non troppo capace di ascoltarla (il quadrato a Saturno). Vedi allora di stupirla, partendo dalla domanda diretta su quello che la turba. Forse non ti risponderà, ma avvertirà il tuo interesse. Probabile che sbuffi, come fanno molti per le interferenze dei genitori, ma non escludo che in un secondo momento sia lei ad aprirsi. Oppure no, ma si sentirà comunque amata, ed è la cosa più importante del mondo.


?
!

SI SBLOCCA OPPURE NO? - 667

Ciao Massimo,
mi piace da morire un ragazzo forse per la prima volta in vita mia! Lo conosco da un anno, sono sicura di piacergli (e non sono una che si illude facilmente, anzi) ma non si sblocca e non fa nulla, non riesco a capirlo. La cosa più semplice sarebbe lasciar perdere, a maggior ragione perché trattasi di un Aquario, ma sento che anche lui prova qualcosa. Vorrei capire qualcosa su di lui, il suo modo di amare e come dovrei comportarmi con lui. Lui è nato a gennaio, io a luglio. Ti ringrazio se vorrai rispondermi, attendo con ansia
Simona



1 luglio 2016

Credo che il tuo complicato Aquario appartenga alla categoria di chi ama i fiori che non coglie, ossia ha difficoltà ad avere rapporti affettivi sereni, vorrebbe, non vorrebbe, vuole, non vuole. Il suo rapporto con il femminile è complesso, con una Luna in Pesci e dodicesima in trigono a Urano e quadrata a Nettuno, come pure per una Venere quadrata a Plutone e Saturno, ma recuperata da un sestile a Venere. Ossia semplice il ragazzo non è, per niente. C’è una possibilità che si sblocchi? Non saprei, se vi frequentate da più di un anno qualcosa avrebbe già dovuto succedere se c’è un’attrazione. I casi sono due, o non è interessato o è inibito, vai a sapere tu per quale motivo. Tu che lo conosci escludi la prima ipotesi, quindi concentriamoci sulla seconda. Se è bloccato le alternative, detta terra terra, sono due. Una è quella di lasciare perdere ma dici di non riuscire a farcela. L’altra è di prendere l’iniziativa tu. Di certo sei molto più diretta e lineare di lui, come quasi tutti i Leoni. Non sto dicendo di saltargli addosso, ma di dirgli in maniera chiara che ti suscita qualcosa, e vedi cosa succede. Hai paura di ricevere un rifiuto? Devi metterlo in conto e l’orgoglio leonino, come pure la Venere in Vergine, potrebbe risentirne molto, se accadesse. In ogni caso preparati a una impresa complessa, il ragazzo è tosto e non ha un carattere semplice. Ma un Leone mica si spaventa per così poco. Certo lui non è lineare e sarebbe preferibile che le cose accadessero da sole, ma visto che questo non succede non so dire come sia possibile ottenere quel che vuoi, non sono un esperto nell’arte del convincimento amoroso. Inoltre non escludo che stia passando un momento in cui è ancora più chiuso rispetto alle relazioni affettive. Plutone dal Capricorno gli quadra infatti Marte in settima, ed è probabile che abbia qualche ulteriore problema relazionale in questo periodo. E se non te la sentissi di dirgli papale papale quello che ti suscita? Penso che il prossimo anno, con lui o un altro, è quasi impossibile che qualcosa di importante a livello affettivo non accada. Plutone infatti formerà un trigono prima alla tua Venere e poi al tuo Marte in Vergine (e l’aspetto positivo durerà nel complesso due o tre anni). Vuoi mai dire che qualcosa di importante non succeda nella tua vita affettiva? Lo escluderei. Quindi, con l’Aquario o con un altro, non importa di che segno, dovrebbe esserci una rinascita nella tua vita, o almeno un grosso movimento.


?
!

LA DIFFICOLTÀ DI AMARE E GLI ASTROLOGI INCAPACI - 666

Faccio questa domanda perché, forse non lo accetto dentro di me, non sono per niente tranquillo e soddisfatto. Sono nato il 27 06 19WW a ZZ alle 11. Ho fatto leggere il mio tema ad una persona molto competente, mi hanno detto. Il risultato è questo: tutte le mie storie d'amore saranno tormentate e insoddisfacenti, avrò molte storie ma molta instabilità, in più ha visto un periodo di solitudine che può arrivare a 20 anni (devo ammettere che io ho 24 anni e non sono mai stato fidanzato ho avuto tutti innamoramenti non corrisposti o difficili, sono cosciente della mia bisessualità). Nel mio tema natale non c'è l'amore se non con i figli, e che io difficilmente potrò cambiare questo perché è scritto, diciamo che è il mio "destino", inutile andare contro. Secondo lei è questo quello mi potrebbe aspettare nella vita?
Filippo


1 giugno 2016

Mi auguro di tutto cuore che lei abbia capito male il “responso” dell’astrologo che le ha fatto il tema natale, ma non ne sono certo. Se a volte infatti i consultanti afferrano solo le negatività che l’astrologo individua, altre è il professionista che esagera, o non sa quello che dice e, soprattutto, non sa come può e deve dire le cose. Perché nessun tema natale deve essere vissuto come una condanna e, se è pur vero che alcune posizioni planetarie sono più complicate per questo o quel settore della vita, alla fin fine l’unica cosa su cui non è possibile porre rimedio è la morte. Inoltre, se questa presunta persona espertissima è scesa tanto nel dettaglio ha raccontato balle, perché nessuno – e sottolineo nessuno – può essere davvero certo di quel che accadrà, a chiunque. E mi ricorda di una cartomante che in un giro di carte disse a un ragazzo giovanissimo che mai e poi mai avrebbe trovato l’amore. Quando i tarologi più seri sanno perfettamente che la sentenza di un consulto dura tre, sei mesi al massimo. Per tornare a noi, nel tema natale ci sono segnali che suggeriscono in maniera più o meno chiara il nostro comportamento futuro, quello che determinerà poi quanto ci succede nel corso degli anni. Modo d’essere sul quale si può però lavorare, e che può cambiare nell’arco della vita. Anche se chi sa leggere un tema natale vede i punti di difficoltà e quelli a favore, ci mancherebbe se non lo sapessimo fare. Tutta questa filippica per dire che effettivamente la semplicità affettiva nel suo caso forse non è molto probabile. Venere, Marte e Giove in Leone in dodicesima, quadrati a Plutone suggeriscono in effetti la tendenza a complicarsi affettivamente la vita, o a scivolare in storie complesse. Come l’opposizione Sole Luna di certo non aiuta a capirsi del tutto. Tanto per cominciare allora le suggerisco di individuare cosa vuole. Si dichiara bisessuale, e già questa classificazione lascia aperto un infinito ventaglio di possibilità. Avere una storia con un uomo o con una donna non è però la stessa cosa, sessualmente, socialmente e per mille altri motivi. Vorrebbe andare in una direzione, nell’altra, mantenerle entrambe? Capire cosa si vuole, se è possibile farlo, è già una prima indicazione per ottenere poi qualcosa di chiaro, e per dare corpo reale ai desideri. Può anche decidere di lasciare tutto sul vago, e di accettare quel che capiterà, non ci sarebbe nulla di male. La vaghezza però potrebbe anche continuare a far restare nel mare magnum dell’insoddisfazione. Lo vuole? Cerchi di capirlo, solo se lo fa può poi ottenere quel che desidera, magari restando col piede in due scarpe. Tutto però dipende anche da lei, non solo dalle stelle del suo tema natale.


?
!

GIOVE IN SETTIMA: UNA FREGATURA? - 665

Ciao Massimo,
come ogni domenica al lavoro, sbircio sul tuo sito. Nella sezione sul tema dei personaggi famosi, mi sono imbattuta in Anne Nicole Smith. Non nego di essere da sempre attratta dalla vita di personaggi fuori dagli schemi e con una propensione all'autolesionismo, ma quello che più mi ha stupito sono le analogie riscontrate con il mio tema natale. Ora purtroppo sappiamo la fine poco felice dell'ex coniglietta di Play Boy e appurato che la sottoscritta non fa parte di quel mondo, anche se per certi versi mi piacerebbe; ho notato insomma che Giove in settima nella Vergine non è che sia fautore di unioni sentimentali fortunate. Con i miei pianeti in Vergine mi ha preso l'ipocondriaca tremarella di fare una finaccia simile anche io o, peggio addirittura, di fare un po' come si dice a Roma "la parte della Sora Camilla che tutti la vonno, ma nessuno alla fine se la pija". Dai illuminami sul significato di Giove in Vergine nella casa delle unioni. Resta il fatto che Giove in Vergine in settima mi suona tanto di fregatura. Cosa ne pensi?
Mirella


1 giugno 2016

Anzitutto ti comunico che l’ora di nascita di Anne Nicole Smith è tutt’altro che sicura, tanto che circolano almeno altre due o tre ore, e su nessuna c’è la certezza. Me la avevano spacciata per certissima quando scrissi l’articolo, ma pare non lo sia, e non l’ho mai cambiata per pigrizia e perché è comunque un’analisi astrologica fatta con tutti i crismi, anche se basata su dati incerti. Quindi sta tranquilla per il tuo Giove in Vergine e settima, non per lui farai la fine della Smith. Mi pare piuttosto che dovresti tu riflettere su quel Giove di cui non sei soddisfatta. Ipoteticamente, poi analizzerai tu le tue ragioni. Penso che il malessere sia dettato dal fatto che Giove vorrebbe tanto e la Vergine vira in automatico sulla risicatezza dei doni ricevuti o auspicati, sulla possessività del partner o sul partner. Sulle tante attese che puoi avere verso gli altri che non sono del tutto soddisfatte. Se è così dovresti però agire per tentare di cambiare quanto non hai o non vuoi. Perché ho visto spesso – spesso, non sempre - Giove in settima in tema di donne un po’ passive rispetto al rapporto di coppia. Si aspettano sicurezza, affettiva ed economica, poi se le cose vanno in maniera diversa rispetto a quanto previsto, hanno bisogno di un sacco di tempo per reagire. Oppure ancora sono ingenue nel rapporto, e non si accorgono dei segnali che precedono una crisi. Trovandosi poi spiazzate e magari pure in difficoltà economiche, perché contavano troppo sul partner. Parlo di Giove in tutti i segni, non necessariamente di quello in Vergine. Ti invito quindi a darti da fare per ottenere altro se lo vuoi, oppure a batterti per migliorare quello che hai. Perché da quello che mi scrivi mi sembra un po’ la situazione di chi vede una tegola penzolare da un tetto e non si sposta per evitare che le cada sulla testa. Con risultati facilmente immaginabili.


?
!

ARRIVERANNO I CAMBIAMENTI? - 664

Buongiorno,
sono nata il 7/8/19ZZ a X alle 13.30. Sono in un periodo particolare perché sto cercando di cambiare lavoro e aspetto delle risposte. A giugno mi scade il contratto dove attualmente lavoro, ma vorrei cambiare, questo mi porterebbe anche a fare altri cambiamenti. Sa dirmi qualcosa a riguardo? Sono anche indecisa sulla mia strada o vocazione.
A.


1 giugno 2016

Quello che le capiterà a giugno purtroppo non dipende da me, ma da un insieme di circostanze che non conosco. I transiti non parlano però di un periodo eccezionale. Anzi si accaniscono in quel periodo contro il suo Giove a quasi 13 gradi della Vergine, che vede Giove di transito passare su se stesso, ma al contempo deve fronteggiare Saturno in Sagittario e, sia pure meno preciso, Nettuno in Pesci, oltre al passaggio in Gemelli di Venere e Mercurio, capaci però di influenzare solo per qualche giorno o ancor meno. Le faccio quindi due ipotesi. O il contratto non le viene rinnovato oppure sì ma lei non è del tutto contenta di restare in quel posto di lavoro. O ancora le propongono condizioni in qualche modo penalizzanti. Non si tratta però di una catastrofe cosmica, ma di un momento non felicissimo. Magari poi il transito negativo si scarica su altre simbologie di Giove, come denaro, alimentazione o altro, e lo scoprirà a breve. Il pianeta del lavoro Urano, non riceve poi transiti particolari e potrebbero davvero accadere altre cose, e sul piano professionale magari tutto va avanti liscio. Visto che mi fa la domanda diretta, sono abbastanza certo che non sia ancora convinta della strada che sta seguendo, ma in tutta onestà non so se può o vuole davvero trovarne una soltanto. Nettuno in trigono al Sole, quadrato da Urano, come pure le sue forti case ottava e dodicesima secondo me la spingono a non voler davvero mai confinarsi in un’unica situazione. Non saprei quindi cosa suggerirle in proposito, anche perché di solito alla sua età,si sa abbastanza cosa si vuole, e soprattutto cosa non si vuole. Se non è certa dei suoi desideri si concentri allora su quanto non le piace. Almeno potrà escludere dal suo futuro alcune vie ipotetiche. Se non altro saprà dove non perdersi. Quanto al dove andare, a volte la vita stessa ha senso in quanto viaggio piuttosto che come meta da raggiungere. Compia se vuole il percorso dentro di sé, magari una risposta la troverà.


?
!

LO VOGLIO O NON LO VOGLIO? - 663

Buongiorno Massimo,
dopo una sofferta separazione giudiziale ancora in atto, da un anno vivo un rapporto conflittuale a cui prima mi sono aggrappata, poi innamorata. Non riesco a viverlo in maniera serena, sicuramente anche il suo carattere e vissuto fanno da sfondo, ma lui sembra essere chiaro per ciò che vuole, cioè che al più presto io divorzi per vivere insieme. Una parte di me ha lo stesso suo desiderio, l'altra tende a spingere verso la rottura, quasi ad esorcizzarla. L’ambivalenza crea sofferenza e per questo sto affrontando una psicoterapia. L'ansia attanaglia e i litigi sono pesanti. Non vorrei che la storia finisse, solo il pensiero mi getta in un baratro che evoca quello della separazione, temo che mi lasci, che possa stancarsi. Riuscirò a superare tutto ciò e soprattutto la nostra storia sopravviverà alle pressioni?
Olimpia


1 giugno 2016

Cara Olimpia,
sei consapevole delle tue contraddizioni di fondo, e quelle devi risolvertele tu, non posso certo farlo io. Perfino la domanda, anche se all’apparenza lineare, ha un’ambiguità sottostante. Se infatti ti rassicurassi sulla durata del rapporto dentro di te non saresti contenta, se facessi il contrario il malumore sarebbe altrettanto. La cosa da farsi semmai è prendere tempo, perché tu non sai cosa vuoi e qualsiasi decisione prendessi ora non ti soddisferebbe, con risultati immaginabili. Questo lo dico astrologicamente, per te ma anche per il tuo partner. Anche se non mi hai fornito la sua ora di nascita, dandomi quindi la possibilità di inquadrare in modo più chiaro il suo carattere, appare evidente che entrambi state passando un periodo di forte nervosismo. Lui ha di nascita un Mercurio in Gemelli quadrato da Marte in Pesci, e ora Saturno è in aspetto negativo con entrambi, mentre Nettuno su Marte gli quadra Mercurio. Ossia, la serenità sta di casa altrove e lui non può andare nella direzione che vorrebbe. Il senso di frustrazione potrebbe poi fargli accrescere l’aggressività. Va detto che i suoi pianeti femminili non sono interessati da transiti particolari, e questo potrebbe far supporre che nonostante tutto stia bene con te. Quanto a te, patisci un analogo nervosismo, ma nel tuo caso sono interessati i pianeti dell’affettività e della sessualità. Nel tuo tema di nascita infatti Marte in Gemelli quadra Venere in Vergine, ed entrambi sono ora vessati da Saturno e Nettuno. Giove però sostiene Venere, ma pure lui quadra Marte. Non mi sembra davvero il momento giusto per fare delle scelte, anzi forse per l’amore in genere. Vero poi che le cose possono cambiare nel tempo, ma iniziare una convivenza senza essere convinti di quel che si fa non mi sembra partire col piede giusto. Per aiutarti a riflettere ti do un ulteriore spunto di riflessione. Ossia tu hai un Marte leso in Gemelli e settima casa e forse, trovi – inconsciamente, bada bene – partner con cui discutere o litigare. Lo fanno in tanti, ma l’importante è esserne consapevole. Quindi non ti dico che il tuo partner non ti abbandonerà mai, ti suggerisco che forse preferisci i rapporti complessi, in cui entra in gioco anche una tua dose di aggressività. Perché non c’è guerra senza nemico, e tu sei una delle due parti in causa e certe situazioni le crei anche tu. Magari è il caso di riflettere su questo perché forse mi sbaglio, ma forse no. Pensaci.


?
!

INTRECCI DI VENERI - 662

Ciao Massimo,
sono Patrizia, una capricornina ascendente Cancro. Ho Venere in Aquario, mi piacerebbe che dall'alto della tua sapienza astrologica me la interpretassi spiegandomi i suoi lati particolari e come lega con una Venere in Bilancia (mio marito). Grazie quando puoi e se vuoi.
Patrizia


1 giugno 2016

Un Capricorno di rado si informa della sua Venere, ha di solito altri interessi e priorità. Se però hai un ascendente Cancro e una congiunzione Sole e Luna in settima fai molta fatica a stare da solo, e lo stare in coppia è una necessità autentica, imprescindibile. Una Venere in Aquario e ottava casa, larghissimamente congiunta alla Luna ma lesa da Nettuno in quinta complica un po’ le cose. Indica infatti un’affettività che ha paura di cambiare, ma la vita forse ha fatto sì che ti capitasse. Una Venere per cui il dialogo con il partner è indispensabile, e in questo non puoi non andare d’accordo con la Venere in Bilancia di tuo marito, nata anche lei per stare in coppia. Una Venere la tua però che, nonostante sia in Aquario, ha un gran timore dell’abbandono, e guarda caso ti informi da me come può andare in sintonia con quella del marito. Ma Venere non è tutto nel rapporto di coppia, ogni singolo pianeta indica delle cose. Nel vostro caso mi pare ci siano elementi affini e altri invece parecchio diversi. Non potrebbe essere in altro modo però, non esiste una simbiosi o un incastro perfetto. Semmai sono le diversità e i piccoli conflitti a far sì che le coppie funzionino. Tuo marito, nonostante un Saturno in prima casa che lo rende anche tenace, rigoroso e a volte testardo, è anche un irrequieto e ottimista (i pianeti in Sagittario e dodicesima), che cerca una donna amica e complicata (la Luna in Scorpione e undicesima). Tu saresti immagino più tranquilla, tra l’ascendente Cancro, i pianeti in settima, ma hai pure un Marte in Toro e undicesima che dà un lato ti dà la voglia di un partner amico, dall’altro ogni tanto ti fa venire forse i cinque minuti in cui spaccheresti tutto. Si tratta di cinque minuti, ma poi torni tranquilla. Con quella paura in sottofondo di perdere il rapporto di coppia. Nessuno ha la certezza che vada bene per sempre, cara Patrizia, cerca allora di non rovinarti la vita con la paura che le cose non possano andare. Non analizzare allora gli astri come possibili minacce alla tua serenità, ma piuttosto come uno strumento di indagine capace di farti capire perché le storie vanno in un certo modo. Magari aiutandoti a dare il tuo meglio per farle durare quanto vuoi tu. Te lo auguro, per l’affetto che provi per tuo marito.


?
!

LO VOGLIO E NON LO VOGLIO?!? - 661

Gentile Massimo,
sono il leoncino ascendente Bilancia. Mi ha divertito molto la sua risposta, azzeccata. Ultimamente sono distratto. Con il pesciolino si prosegue per inerzia, mentre potrebbe interessarmi un Sagittario anche se finiamo sempre per prenderci a botte, il Sagittario è troppo didascalico. Questo Sagittario (asc Scorpione) mi ha dato stimolo per riflettere sulle conseguenze di una casa 1a piena, con uno stellium di Sole, Mercurio, Saturno, Urano (e Venere poco lontana): cosa ne pensa di una settima vuota con una prima piena? Il ragazzo è davvero molto in gamba, è un professionista arrivato nonostante la giovane età. Questa prima piena nel suo caso ma anche più in generale aumenta così tanto l’egopatia a rischio di narcisismo? Nella mia esperienza di astrologo raramente mi sono confrontato con committenti con uno stellium in prima. Ci ricasco sempre, anelo alla legeresse di un simpatico Gemelli e mi becco la pesantesse didascalica del suo opposto!
Matteo


1 giugno 2016

Non gufo, ma sono certo che se trovasse un partner definitivo (non importa di che segno) la ritroverebbero morto di noia dopo poco più di una settimana. Visto che mi è troppo simpatico per augurarle un evento del genere (e non lo farei nemmeno per uno dei tanti che nella vita me l’hanno giurata o mi hanno combinato cose abominevoli), mi auguro invece che continui ad esplorare il mondo dei sentimenti e dei sensi anche e soprattutto per interesse astrologico! Scherzi a parte, veniamo al cuore della domanda, una prima casa importante, stipata di pianeti. Le dirò, quando ne ho trovate non mi sono capitati quei mostri di egocentrismo che in teoria potresti immaginare. Di recente mi è venuta a trovare una ragazza giovanissima con la bellezza di sette pianeti e dico sette in prima casa, ma è una persona simpatica e disponibile, non chiusa in se stessa come supporresti. Se molto egocentrica compensa bene nelle relazioni con gli altri. Ho poi una carissima amica dello stesso segno e ascendente del suo aspirante o aspirato fidanzato che davvero non è un mostro di egopatia, nel suo caso suppongo per una congiunzione di Sole e Saturno, come ha del resto pure il suo Sagittario. La consolo poi sempre in base alla conoscenza diretta del “caso” simile al suo, la mia amica non è nemmeno eccessivamente didascalica, suppongo anche in virtù dell’ascendente Scorpione. Anzi, è molto umana, nel senso migliore del termine. Ho trovato invece spesso e volentieri succhiasangue e succhiaenergie con case settime debordanti di pianeti. Non sempre è così, intendiamoci, ne conosco altri del tutto tranquilli e molto equilibrati nel rapporto con gli altri. Aggiungo poi che l’egocentrismo è una struttura fondante della personalità umana, e trovi “mostri” self-centred” con ogni combinazione planetaria. Sono al contrario così rari i veri altruisti o quelli davvero disposti ad ascoltare gli altri che il loro tema andrebbe analizzato per bene. Non essendo però clonabili dalla scienza, bisogna tenerseli stretti se ti capitano, ma sono merce che scompare in fretta dagli scaffali. Quanto al suo amico, io consiglio sempre di sperimentare se ce la fai. Magari scoprirai che è l’ennesimo Sagittario didascalico, ma se non lo annusi davvero – in tutti i sensi e per maggior gloria dei sensi – la curiosità ti resta dentro.


?
!

AIUTO, ARRIVA IL FUTURO - 660

Ciao Massimo,
è un anno difficilissimo. Da settembre sperimento grandi difficoltà di vita su tutti i fronti. Riv. Solare orrenda! Ho avuto problemi di salute (per fortuna risolti), solite tensioni in famiglia, umiliazioni. In questo momento mi trovo in un limbo di azzeramento totale. Scarse frequentazioni, disillusioni, perdita di obiettivi. Ho sofferto per un ragazzo conosciuto a settembre. Ci siamo frequentati per 2/3 mesi ad intervalli perché lui era spesso via per lavoro. Per me è stato un colpo di fulmine. Lui contorto e difficile: all'apparenza facilone e bonaccione, in realtà diffidente e compulsivo. L'impressione era che avesse “paura" di me perché mi cercava e poi fuggiva. Mi ha illusa e ci sono cascata. Nel frattempo frequentava anche un'altra! Tutto finito chiaramente, ma sono rimasta a pezzi. In più ho un tarlo che mi assilla da tempo: la possibilità di avere figli! Nel mio Tema Natale vedo fattori contrastanti circa la mia fertilità e mi preoccupo. Avrò figli? Finirà questo periodo di prove? E cosa mi dici della vita sentimentale? L'amore è fondamentale, ma ci metto tanto a riprendermi dopo una delusione o la fine di una storia. Ho bisogno di un po' di fiducia per tenere duro! Ti ringrazio, leggerti è uno spasso :)
Emme


1 giugno 2016

Mancano all’appello solo la pellagra e il buco dell’ozono poi abbiamo fatto l’en plein di problemi concentrati in una sola persona! Cara Emme, provo a farti ridere, con il dichiarato intento di portarti a riflettere sulle tue ansie, di certo dettate dal Giove radix in Pesci e dodicesima opposto al Sole. Anzitutto ti invito a metterti subito in ginocchio sui ceci, come si faceva un tempo con i bambini disobbedienti a scuola: se fossi tanto attenta a quanto scrivo ricorderesti che io non credo alle rivoluzioni solari, quindi il tuo annus horribilis è certo dettato da altro tipo di transiti. Per il timore di non poter fare figli, suppongo prima andrebbe trovato un partner che abbia il desiderio di diventare papà, perché mi pare che serva anche un lui. In attesa di reperirne uno valido, se hai questo tipo di timore (astrologico, mi pare di capire) non posso io spostarti Venere, la Luna o Mercurio se fossero i colpevoli, tanto per citare qualche pianeta a casaccio. Posso tutt’al più consigliarti di fare gli esami necessari, giusto per sapere se davvero devi preoccuparti oppure puoi più proficuamente angosciarti per altre cose più reali. Provando anzitutto a capire meglio quel tuo Giove in Pesci, nel caso ancora non ci fossi riuscita. Quanto al tuo recente innamorato, ha il classico tema natale del molto birichino in amore e, nonostante la tua delusione del momento, non poteva andare diversamente, suppongo. Oppure se la storia fosse continuata le alternative erano imparare a portare con classe inestirpabili corna di cervo o ripagarlo della stessa moneta. Prendi il buono che l’esperienza ti ha lasciato, se ce la fai, è stata comunque una storia, anche se non quella definitiva. Di certo però con quella congiunzione di Venere e Plutone in settima fai fatica a stare da sola affettivamente, e l’amore è in cima alla lista dei tuoi pensieri. Sono però entrambi in Scorpione e forse le cose affettivamente semplici non le vedi neppure, o non ti capitano, ma il risultato non cambia. Non c’è problema, basta saperlo, per non credere poi di essere definitivamente sfortunata in amore, anzi con una iella addosso più appiccicosa del vinavil. Tra l’altro quella congiunzione di Venere a Plutone non è affatto lesa, quindi suppongo che nel momento in cui vuoi, riesci a trovare abbastanza facilmente qualcuno. Non escludo che qualcosa del genere potrebbe capitarti quest’estate, quando Giove passerà sul tuo Sole sciogliendo l’opposizione natale. Potrebbe trattarsi di un incontro felice, anche perché in quel momento il tuo pessimismo cosmico è allentato. Approfittane, fanne tesoro, scopri che la vita non è fatta solo di disgrazie o delusioni. Sappi che tu partecipi alla realizzazione del tuo destino e, se pure non sei responsabile di tutto quanto ti accade – non esageriamo, Superman esiste solo al cinema e nei fumetti - se ti aiuti, gli astri ti aiutano. Quindi il mio augurio è questo, darti una mano per vedere tutto meno nero. Puoi farcela, ne sono certo.


?
!

TROPPA MADRE, SANT’ANTONIO! – 659

Sono nata a ZZ il 6/11/XX alle 9.15, mamma (tra gli altri) di G., nato a ZZ il 22/2/WW alle 10.15. Abbiamo un rapporto fatto di grande amore e conflitti, a volte ho la sensazione che mi ammiri, altre che disapprovi tutto quello che faccio. Certo, all'apparenza un rapporto normale; io però ho da poco perso la mamma, con la quale ho avuto buoni rapporti fino ai 40 anni, rapporti poi deterioratisi in seguito anche, credo, a causa di mia sorella, personaggio molto impegnativo. Ecco, vorrei invece capire dove mi posso correggere e dove mi posso scusare per atteggiamenti sbagliati, perché ci tengo e mi dispiacerebbe che i miei rapporti con lui si sciupassero per mie mancanze. Grazie,
Roberta

1 maggio 2016

Cara Roberta,
visto che ti suppongo intelligente e davvero pronta ad ascoltare un parere sarò del tutto sincero, sfiorando forse la crudeltà. A volte la terapia d’urto serve. G. non è il tuo unico figlio, eppure sembra che pendi dalle sue labbra come se si trattasse di un padre, di un fidanzato, di un maestro di vita. Tutto tranne che un figlio. Che succede? Perché gli stai attribuendo questo potere immenso? Non hai forse tu diritto di sbagliare, di fare un tuo percorso costellato di cose sì positive ma pure di inciampi, di errori, di cambi di direzione? Vuoi sapere come ti vive astrologicamente tuo figlio? Analizziamo la sua Luna, bellissima ma debordante, diciamolo subito. Ossia una Luna in Cancro e terza casa, in trigono a Giove in Scorpione e a Venere in Pesci, ma pure opposta a Urano e Nettuno in Capricorno. Ossia una madre capace di un amore immenso, totalizzante, a volte eccessivo, che però ha delle angosce di fondo e pensa di avere manchevolezze pratiche, perché tutta incentrata sul sentimento, sul mondo delle emozioni e degli affetti. Non inseguirlo, non ossessionarlo, non cambiargli ancora il pannolino. Ha 22 anni ed è quindi un uomo, sia pure con un’emotività direi esagerata (vedi la Luna, ma pure il suo essere Pesci con un Sole in undicesima, che lo proietta in un mondo tutto suo). Cosa devi fare per vivere al meglio il vostro rapporto? Essere consapevole che tu sei madre, e proprio per questo è tuo dovere renderlo autonomo. Davvero, non solo a parole. E qui sta di certo la cosa che più di turba perché la sua ipotetica autonomia ti spaventa, nonostante la tua Luna in Capricorno congiunta a Marte. In seconda casa però, quindi desiderosa di avere la prole a portata di vista, sotto gli occhi, per controllare che non se ne vada, che ti voglia ancora bene. Una Luna quadrata a Saturno però, quindi mica tanto razionale, diciamocela tutta. Hai poi un Mercurio figlio molto bello, in Scorpione, undicesima e sestile a Giove, quindi il figlio non lo perdi. Il rischio semmai è il contrario. Ossia che tu lo condizioni troppo e lui resti sempre attaccato alle gonne di mammà. Spera quindi che ti mandi a quel paese in continuazione, vuol dire che è sulla buona strada per trovare una sua autonomia. Favorisci inoltre una sua vita affettiva, o almeno non ostacolarla. Perché solo una sana e consapevole libidine salva il giovane… Insomma, sei una donna intelligente, e non puoi non sapere che la vita è sua, non tua. Ti vorrà bene solo se tu non ti considererai insostituibile, e allora non se ne andrà mai davvero del tutto, pur trovando una sua strada. Perché il pericolo (reale, data la sua Luna troppo forte) è che non si stacchi mai veramente da te. Se gli vuoi bene davvero recidi quel cordone ombelicale, solo così assolverai davvero al tuo ruolo di madre.



?
!

COLPA DI GIOVE? - 658

Caro Massimo
leggevo il tuo ritratto di Amy Winehouse perché anche io sono una Vergine ascendente Gemelli, nata il 9 settembre 19ZZ alle 22.45 a X, anche se non ho in comune con lei né vizi né virtù. La domanda che ti vorrei rivolgere è: ritieni che i problemi economici che sto attraversando (banca in amministrazione controllata, furto e insolvenze varie) siano da imputarsi al transito di Giove in Pesci? Me lo chiedo perché ho pressoché perso (o nella migliore delle ipotesi parzialmente congelato) i risparmi di venti anni di sacrifici. Sarah

1 maggio 2016

Fermo restando che non so davvero come si risolverà la tua situazione, e mi auguro per te nel migliore dei modi, i segnali di quel che è successo erano più d’uno, e nascono non ora, ma nel passato, penso. Penserei anzitutto quando Plutone ha quadrato la tua congiunzione radix di Mercurio e Plutone e Urano ci si è opposto, rispettivamente dall’ottava e dall’undicesima. Suppongo quindi che il problema sia nato dal rapporto con le banche, o con ipotetici finanziatori, ma non escluderei nemmeno qualche amico o persone con cui potevi aver stretto un qualche tipo di contratto di lavoro. Ipotizzo che si sia trattato di un momento di disattenzione, come può capitare a tutti nel corso della vita. I problemi attuali non li imputerei a Giove (attualmente in Vergine, non in Pesci), ma dal quadrato che il Giove stesso ha subito da Saturno in Sagittario. L’anno prossimo però (e forse già adesso comincia a sentirsi qualche segnale) su Giove passerà Nettuno, sciogliendo per sempre il quadrato natale che i due pianeti hanno. Ossia penso che un certo pessimismo di fondo, o ottimismo altalenante, dovrebbe risolversi davvero. Aggiungo che il Sole ha or ora subito il quadrato di Saturno, che non è una passeggiata. Lo scoglio più duro mi sembra rappresentato però dall’opposizione che il Saturno radix in Cancro e seconda casa riceve da Plutone di passaggio in ottava. Ossia, il blocco economico, per problemi vari complicati e forse oscuri. Un Saturno che però di nascita è molto solido, perché in trigono a Giove e in sestile al Sole. Insomma, secondo me dovresti farcela a resistere ai colpacci della vita, compresi quelli finanziari. Ovvero i problemi ci sono e penso sia impossibile che tu non ci rimetta niente, ma penserei che dovresti riuscire a sistemare le varie questioni. Forse non nell’immediato, ma mi sembra che si tratti di un giro di svolta, e magari, prima del cambiamento definitivo devi pagare qualcosa. Per uscire poi dal tunnel. Te lo auguro.





?
!

L’ANSIA DEL FUTURO - 657

Ciao Massimo. Verso giugno se non erro Giove di transito si andrà a congiungere con il mio Giove di nascita situato in undicesima casa in Bilancia. E quadrerà il mio Sole e Mercurio in nona casa, in Cancro. Facendo a sua volta un trigono con la Venere di nascita in settima casa, in toro. Volevo sapere se riesci a dirmi un transito come questo cosa poteva procurarmi. Principalmente quando Giove di t. si metterà in quadratura con il mio Sole. Amore? Lavoro? Amicizie? Salute? Quale parte della mia vita sarà condizionata da questo transito? Puoi tenere presente anche gli altri transiti come l’opposizione di Plutone e la quadratura di Urano.
Anna

1 maggio 2016

I transiti fai da te, per un dilettante ma pure per molti esperti, sono deleteri, perché spesso proietti su di loro tutte le negatività possibili e immaginabili, quasi sempre prendendo fischi per fiaschi. Tanto per cominciare, il quadrato radix tra Giove e il Sole è larghissimo, oltre i sei gradi, e io lo considererei al limite dell’inconsistenza. Ossia mi sembra che non ci sia in realtà, e io penserei piuttosto che il tuo Giove è isolato, ossia non ha rapporti con altri pianeti. Quando Giove sarà in Bilancia, a inizi novembre, darà fastidio al tuo Sole per una settimana, massimo due. Mi sembra perciò che non abbia davvero tempo di fare danni seri, tutt’al più può generare piccoli contrattempi, normale amministrazione inevitabile nel corso di ogni vita. Quanto al quadrato a Mercurio e al trigono a Venere, capiterà ancora più avanti, ossia per una sola settimana a fine settembre 2017. Non mi sembra quindi il caso di preoccuparsi ora, per un transito poi che non può essere significativo in alcun modo. Quanto all’opposizione di Plutone al Sole e il quadrato di Urano allo stesso (questi sì transiti davvero pesanti), sono già passati, ed è inutile preoccuparsi per cose già successe, se non hanno lasciato strascichi.
Insomma, molto rumore per nulla, ma ciò nonostante la domanda mi serve per fare una considerazione generica. Ossia se vogliono farsi previsioni i dilettanti – ma pure gli esperti - devono capire davvero quando riceveranno transiti positivi o negativi, altrimenti prendono fischi per fiaschi. Sapere quanto un transito dura e quando arriverà, questo è indispensabile. Se Giove è in Bilancia non darà fastidio a un pianeta in Cancro per un anno, ma solo per il tempo in cui formerà davvero un quadrato. La prima cosa è quindi sapere a quale grado si ha il proprio pianeta nel tale segno, e calcolare poi quanto durerà il transito. Temo però che molti usino i transiti solo per alimentare le proprie nevrosi e paure: desiderio legittimo per carità, ma allora è compito dell’astrologo dire che quella negatività non c’è, o ha origini di altro tipo. Lo accetterà la persona nevrotica o paurosa di natura? L’esperienza mi dice che lo farà in un caso su cento, ad essere ottimisti. Molto più semplice alimentare le nevrosi, e dire che in effetti il pianeta X o Y ce l’ha con te, quando in realtà si fa i fatti suoi e ha tutt’altri pensieri.




?
!

TRASFERIRSI ALLE CANARIE - 656

È la prima volta che le scrivo anche se da tempo frequento il suo sito! Sono nata a WW il 17/06/XX alle ore 11.40. Sto pensando ad un prossimo trasferimento alle Canarie. Guardando i transiti futuri ho notato come Urano stia per entrare nella 9a casa facendo un sestile a Sole-Saturno in 10a, ma anche come Saturno in 4a si opporrà quadrerà il mio Sole-Saturno e Marte. Giove rimarrà un annetto in 2 negativo alla mia Luna/Venere-Mercurio già messi molto male alla nascita, Plutone in 5a toccherà malamente Mercurio mentre Nettuno in 7a diventerà positivo per Luna/Venere. Mi chiedo quale possa essere il significato e in quale direzione potrebbero andare i suddetti.
Cristina

1 maggio 2016

Sento talmente tanta gente intenzionata o in procinto di trasferirsi alle Canarie che suppongo che a breve resteranno solo posti in piedi o al massimo all’interno di uno dei tanti vulcani sparsi nell’arcipelago. Scherzi a parte cara Cristina, penso che un tentativo di questo tipo non sia mai del tutto sbagliato. Male dovesse andare l’esperienza – ma io mi auguro il contrario – farà comunque un tentativo che le servirà in ogni caso per essere ancora più consapevole della possibilità di cambiare le cose, in questo modo o in un altro in futuro. I transiti venturi sono misti, divisi tra positivi e negativi, e mi stupirei del contrario. Ossia se fossero tutti - e ribadisco tutti – catastrofici le consiglierei senza problemi di lasciar perdere o almeno di rimandare perché andrebbe incontrato a difficoltà tutte da verificare. Più realistico invece un mix di buono e di negativo, nessuna impresa o nuovo lavoro parte sempre e soltanto col piede giusto. Un cambiamento importante, anche se salutare nei tempi lunghi, comporta inevitabili complicazioni perché si tratta appunto di una nuova impresa. Allora chiedo io a lei lumi non sui suoi astri futuri ma su quanto ha in mente di fare. Ossia, vorrebbe aprire una sua attività ex novo oppure si appoggia a qualcosa di esistente? La differenza è sostanziale. Dai transiti che mi elenca comunque mi pare prevalga il buono, almeno lavorativamente parlando. Anzitutto Urano in nona in sestile Sole e Saturno, transito ottimo per un cambio di nazione e un’affermazione nel lavoro, di qualunque tipo sia. Saturno però si opporrà alla congiunzione in decima, e non mi stupisco, una qualche forma di complicazione per il distacco dall’Italia è il minimo che possa accadere. Come pure mi sembrano abbastanza prevedibili i transiti negativi rispetto alla Luna e ai suoi pianeti in Cancro, passaggi planetari che ribadiscono la separazione dalla madre patria. Prima di prendere una decisione le consiglierei però di valutare con attenzione tutte le questioni pratiche, anzitutto se il lavoro che si accinge a fare là sia solido e soddisfacente oppure no. Gli astri non sono nel frattempo disastrosi. Un po’ complicati, questo sì, come sempre accade in momenti di cambi radicali.



?
!

FIDANZATO CON PROBLEMI PRATICI - 655

Ciao Massimo,
il mio fidanzato ha perso di punto in bianco il lavoro su cui pensavamo di poter contare per una vita assieme. È stato licenziato senza motivo, un'escalation di problemi che sommati ai miei ci hanno portato sull'orlo della rottura. È nato il 15 gennaio 19XX ore 11.27. Ti scrivo perché il lavoro che seguiva è terminato e all'orizzonte non si prospetta altro. Il suo ex datore di lavoro malgrado una sentenza continua a non corrispondergli l'ultima tranche di tfr che gli deve. Così non possiamo andare avanti, senza una progettualità di vita insieme i malumori sono all'ordine del giorno. Vorrebbe creare una società di servizi internet per la gestione di pagine social ma serve una base economica da cui partire. Puoi dirmi se la situazione è in fase di miglioramento o c'è, come temo, da stringere i denti. Vorrei vederlo sereno per pensare a un'esistenza insieme.
Mirella

1 maggio 2016

Spero di sbagliarmi, ma temo che dovrete stringere ancora i denti per un po’ o, se non fosse così, mi pare un po’ improbabile che, nell’immediato tutto fili liscio nel settore del lavoro. I miei dubbi in proposito nascono dalla posizione radix nel tema natale del tuo fidanzato di Urano – pianeta del lavoro - a sette gradi del Sagittario, che ha subito transiti pesantissimi di recente (opposizione di Nettuno, quadrato di Giove, passaggio di Saturno e Marte su di lui). Se la congiunzione di Saturno e Marte è parzialmente positiva (scrivo parzialmente perché sono comunque passaggi duri, ma di chiarimento sulla situazione reale, in particolare Saturno). Peccato che Giove e Nettuno contro di lui gli abbiano fatto perdere momentaneamente le virtù migliori, ossia ottimismo e fiduciosità, mentre Saturno lo appesantiva. Ma lo rendeva anche realista su quanto può davvero fare lavorativamente. Non so se ci saranno sbocchi professionali immediati, ve lo auguro, ma la situazione mi pare ancora in movimento. Nei limiti del possibile cercherei di guardare in prospettiva senza scoraggiarmi, fra qualche anno le cose dovrebbero andargli molto meglio, quando Plutone gli passerà sul Sole sciogliendo il quadrato di nascita. Arrivati a quel punto dovrebbe esserci una netta affermazione personale. Certo, forse prima dovrà mandare giù qualche boccone amaro, come gli è già successo. Ma è pure Capricorno, e non dovrebbe perciò temere le difficoltà. Spero pero davvero per entrambi che le cose si sistemino prima. In ogni caso compierei ogni azione giudiziaria contro l’ex datore di lavoro, all’impudenza c’è un limite. Visto che è stata emessa una sentenza da parte di un giudice va rispettata.



?
!

SATURNO IN SETTIMA E LA VEDOVANZA – 654

Ciao Massimo,
vorrei una spiegazione sulla settima e la vedovanza. Mia mamma rimasta vedova il 1° gennaio 1953 era nata il 10/03/1918 alle 6 e mio papà morì improvvisamente per un infarto. Nel suo tema natale c'è una durissima opposizione tra Luna-Venere in 1a e la congiunzione Saturno-Nettuno in 7a. In più Mercurio-Sole a fine 1a si oppongono a Marte all'inizio dell'8a. La Morpurgo, ne La natura delle case spiega che Saturno in 7a spesso indica vedovanza e direi che il TN di mia mamma è da manuale. Con Marte coinvolto, è stato un evento violento, data anche la giovane età sia di mia mamma sia di mio papà. Osservo invece il tema di un’amica, nata a X il 14/03/1950 alle ore 18.20. Il suo Sole in 7a ha un solo aspetto, l'opposizione a Saturno in 12a. Sempre la Morpurgo, ne La natura dei pianeti spiega che questo aspetto, se uno dei due poli poggia sulla settima, indica "vedovanza, separazione, allontanamento volontario o forzato del compagno". La mia amica è sposata dal 1978 e ha anche un buon affiatamento col marito, vivo e vegeto. Se anche succedesse un evento luttuoso, avrebbe avuto una lunga vita matrimoniale. Sai darmi una spiegazione?
Tiziana

1 maggio 2016

Cara Tiziana,
Lisa Morpurgo ha scritto libri fondamentali e unici, di certo secondo me i migliori dell’ultimo secolo e oltre, ma non può essere presa comunque e mai come un vangelo. Soprattutto se si parla di considerazioni che, per forza di cose, è stata costretta a generalizzare come appunto la posizione dei pianeti nelle case. Ho riletto poi i suoi testi che parlano di Saturno in settima (L’introduzione all’astrologia e La natura delle case) e sono stato costretto a notare che tu hai preso solo uno dei tanti possibili significati di Saturno in settima, ed escluso tutti quelli che non parlano di vedovanza. Ma la domanda verte proprio su quello e non su altro, e ha quindi un significato, non in astratto ma per te. Mi spiego. Saturno in settima può significare vedovanza, ma almeno altre dieci possibilità che tu hai escluso di partenza, perché la storia di tua madre in realtà le ha portato soprattutto questa tragica eventualità. Avevo una zia con Saturno in settima, beneficato e leso, che rimase vedova a 85 anni dopo 55 anni di matrimonio, e che sposò un generale. Ossia nel suo caso il significato era quello di nozze con persona potente, oltre ad averle dato altre caratteristiche caratteriali che non c’entrano con la domanda da te posta. Nel tema di tua madre c’è poi un altro indicatore di possibile vedovanza, e tu l’hai citato, ossia il Marte leso in ottava che, in questo caso, parla di partner morto. Anche per questa possibilità conosco però donne a cui non è capitato, o capiterà solo quando il buon signore (o il buon Zodiaco) lo deciderà. La cosa che mi sconcerta è che tu paragoni il tema di tua madre a quello della tua amica con cui non ha nulla in comune. Perché non puoi pensare che sia la stessa cosa un Sole leso in settima a un Saturno, non lo è. È vero poi che la Morpurgo parla di possibili vedovanze per gli aspetti negativi che coinvolgano la settima, ma fa altri cento esempi. Perché allora tu lo citi per la tua amica, di cui mi avevi già parlato in precedenza? A me verrebbe da pensare che non si tratti solo di curiosità astrologica, ma di qualche tua difficoltà personale proiettata sull’amica, nata solo a pochi giorni di distanza da te ma con una vita del tutto diversa dalla tua. Se però ti capitasse di conoscere altre dieci donne nate in quei giorni sono certo troveresti altre storie, con analogie caratteriali forti ma differenti. Se ti manca qualcosa, in questo caso suppongo un partner, è inutile lamentarsi con la sorte. Oppure puoi farlo inchinandoti di fronte al destino o al contrario combattendolo, in questo caso cercando qualcuno da amare. Anche accettando il fatto che tua madre è rimasta vedova giovane, la tua amica no, mentre tu magari vorresti ora quella storia che fino ad oggi non è arrivata.




?
!

IL SESSO DEI SEGNI - 653

Buongiorno signor Michelini, qui Alby!
In questa giornata piovosa in quel di Milano io mi riscaldo approfondendo lo studio dei segni di fuoco. Arrivato al Sagittario scopro che è un segno femminile. Ma come? Spesso mi è capitato di leggere la divisione m/f come yin/yang degli elementi, ovvero fuoco e aria maschili ecc. Posso chiederle una veloce tabella con le reali corrispondenze? Se esiste, ovviamente. Scorpionici saluti.
Alby

1 maggio 2016

Non esiste nessuna tabella attendibile, almeno per quanto ne so io. Ci sono appunti sparsi, e credenze stratificate nel tempo, a mio avviso errate. Mi spiego: la tradizione astrologica afferma che a un segno maschile segue un segno femminile, sempre. Così avremmo Ariete maschile, Toro femminile, Gemelli maschile, etc. Creando però bizzarrissime attribuzioni sessuali, come quelle che vogliono Scorpione e Capricorno femminili e Bilancia maschile, mentre la realtà dei fatti indica senza possibilità di equivoci l’esatto contrario. Lisa Morpurgo accennò al problema, ma non lo trattò mai nella sua compiutezza. Avendola conosciuta suppongo che sia perché davvero non era arrivata a nessuna conclusione definitiva o perché le interessava altro. Per quanto ha scritto, a determinare il sesso dei segni sono i pianeti in domicilio ed esaltazione ed è per questo che Scorpione e Capricorno non possono non essere maschili, grazie al Marte dominante, mentre la Bilancia è femminile per l’influsso di Venere. Va detto che il discorso non è del tutto lineare e spiegato compiutamente, perché alcuni pianeti si alleano sia con quelli del tutto femminili sia con quelli maschi maschi. Ad esempio Saturno sostiene Marte in Capricorno e Venere in Bilancia. Appartiene quindi all’area dei pianeti femminili o di quelli maschili? Essendo il pianeta naturalmente opposto al Sole (maschile) per la legge degli opposti deve essere femminile, ma la lettura della sua valenza come di altri pianeti non è lineare come accade invece per i luminari e i pianeti direttamente sessuali. Come comportarsi allora nell’interpretazione dei segni e nella loro attribuzione di genere? Io suggerisco di non trarre interpretazioni definitive da una loro identificazione sessuale. Ossia meglio non vaneggiare su una presunta femminilità dello Scorpione o di chi altri. Oppure prendere atto che in astrologia, come in natura, le varianti sessuali sono molte più di quelle che immaginiamo. Scherzo, ma non troppo. E che la femminilità o mascolinità si misura dalle componenti planetarie, proprio come certi dosaggi ormonali..



?
!

UN COINQUILINO PARTICOLARE - 652

Ciao Massimo,
mi è successa una situazione che non mi sarei mai aspettata. Sono nata il 00/00/19XX, a X, alle 11.15. Ho avuto problemi familiari che mi hanno portata a vivere da sola. Mi sono trasferita in un'altra casa e mi sono trovata a condividere l’appartamento con un uomo più grande di me. Lui è nato il 00/00/19XX, a W, alle 7. Fatto sta che tra noi due è cominciato un rapporto intimo. Non stiamo assieme e non so nemmeno io esattamente come stiano le cose. Se per favore potessi farmi capire un po' di più te ne sarei grata. Scusami se non mi dilungo in dettagli,
Sam

1 aprile 2016

Una delle poche cose che ho imparato nella vita è il “Mai dire mai”. Inoltre, per quanto tu sia matura e lucida, sei ancora molto giovane e immagino quindi tu debba ancora fare delle esperienze che magari ti consentiranno in futuro di non fare cose che adesso invece ti capita di mettere in pratica, per inesperienza o ingenuità. Ma, per quanto tu abbia vissuto, è possibile o probabile che, in particolari circostanze, tu ti ritroverai a fare cose non ipotizzabili, ma non necessariamente si tratta di un male. Come appunto avere una storia con un coinquilino molto più grande di te. Da brava Scorpione mi accenni solo alla natura del vostro rapporto, che intuitivamente, dalle tue parole, penserei soltanto o soprattutto di tipo sessuale. Nonostante la differenza di età non ci vedrei nulla di disdicevole, ma bisogna che ti preventivi tutte le difficoltà di una storia del genere. Se non scattano altri sentimenti, prima o poi il rapporto è destinato a concludersi, spero e immagino senza drammi. Problemi potrebbero nascere se uno dei due passasse da un semplice flirt a un innamoramento, e allora vivere sotto la stesso tetto diventerebbe un incubo, per uno o per entrambi. Ma se anche la storia scemasse senza traumi potrebbe scivolare nell’imbarazzante quando uno dei due iniziasse una relazione con altri, portando a casa il partner del momento. Se fosse possibile ti consiglierei di sistemare la cosa in altro modo, cercando un altro coinquilino. Poi la storia fra di voi potrebbe continuare ugualmente, ma solo se non fosse alimentata solo da una convivenza coatta. Sto parlando però in astratto, indicando come dovrebbe essere se le condizioni materiali lo consentono. Diamo però un’occhiata al tema natale di entrambi. Lui è indubbiamente attirato dalle ragazze più giovani, con quella Luna in Gemelli. Non è poi un passionale, grazie a Venere in Aquario e a Marte sempre in Gemelli. Ossia va di solito dove il vento lo porta affettivamente senza lasciarsi coinvolgere troppo. Dubito sia poi una cattiva persona, di certo è un irrequieto preferibile come amico che come fidanzato. Però tra voi qualcosa è scattato, forse anche perché in questo periodo Nettuno è in trigono al tuo Sole e sei in una fase sperimentale e irrequieta, e ti è capitata una storia atipica. Ti consiglierei di viverla per quello che è, con le avvertenze che ti ho dato in precedenza. Se possibile non facendoti prendere troppo dal tuo lato insicuro, come vuole la tua Luna in sesta, e in parte anche da una Venere in Vergine e nona casa. Vivi quel che vuoi, e tieni conto che comunque tu hai il coltello dalla parte del manico da un punto di vista psicologico, perché tanti anni in meno del tuo coinquilino indicano che, nonostante la minore esperienza, a decidere nella relazione sei tu. Sistema quindi le questioni pratiche per poter poi agire come vuoi davvero, e non come sei costretta a fare.



?
!

IL SEGNO CHE OSPITA GLI ASPETTI - 651

Che valore uno stesso aspetto assume in segni e case diverse? Prendiamo Marte congiunto a Plutone. L'aspetto dice, indipendentemente dal sesso del soggetto: forza, grinta, coraggio, amore per le sfide, attributi teutonici e camere da letto incandescenti. Ma tali caratteristiche come possono essere riconosciute in relazione a segni diversi? Se la congiunzione fosse in Scorpione, quindi a casa sua, di base avrebbe la stessa “potenza” se l’aspetto fosse in Cancro, Pesci o Bilancia? Ho scelto questi segni perché il divario tra il primo e i secondi, in termini di grinta e sprezzo dei pericoli, ma non riesco a fondere insieme la natura di un segno con quella di un aspetto, almeno nel caso più semplificato della congiunzione.
TW

1 aprile 2016

Fermo restando che nessuno ha ancora stabilito con criteri all’incirca scientifici come funziona l’astrologia e come vanno “misurati” gli influssi delle forze planetarie - e spesso anche la loro completa valutazione simbolica - alcune certezze, o tante, le possediamo. Stando all’esempio da te fatto, una congiunzione Marte-Plutone, in QUALSIASI segno cada, dà un accumulo di valenze maschili. Ossia chi possiede questo aspetto – salvo altri valori astrologici che vadano in altra direzione – rende grintosi, energetici, sessualmente attivi, a volte un filino violenti, se del caso ma anche no. Non è detto poi che il cadere in un segno maschile come lo Scorpione, dove entrambi i pianeti sono di casa, renda più violenti, crudeli, eccetera eccetera. Suppongo invece che non dia alcun dubbio sul proprio modo d’essere. Ho visto congiunzioni di Marte e Plutone in Cancro, in teoria quindi spente, in persone di un’aggressività e crudeltà uniche. Ma ne ho viste altre che assorbivano altre simbologie, e usavano la forza solo se necessario. Inoltre la crudeltà si ha più spesso quando i due pianeti sono lesi, tra di loro o da altre forze planetarie. Insieme possono dare un eccesso di energia che potrebbe se del caso risultare distruttiva, ma non è detto che lo sarà. In Cancro, Pesci o Bilancia questo aspetto è comunque maschio, anche se dietro una patina di delicatezza. Questo traspare soprattutto nelle mode di certi periodi, in cui va per la maggiore un uomo all’apparenza effemminato, come accadde ad esempio negli Anni Settanta con il Glam Rock, quando Plutone era in Bilancia. Moda in cui le rock star del momento andavano in giro più truccate di una battona di periferia, pur essendo quasi sempre del tutto eterosessuali. Se poi non vogliamo limitarci al campo dell’eros, troviamo comunque persone (perché queste combinazioni riguardano entrambi i sessi) con un’energia di un certo tipo ma una patina o una forma di un altro. Ossia, sempre stando a Marte e Plutone, magari sembreranno una fanciulla o un adolescente implume, ma possiederanno la carica vitale e aggressiva di un visigoto pronto a saccheggiare l’Occidente.



?
!

AMORI DISTANTI - 650

Gentile Massimo,
Sono nata il 6/7/1977 ore 11.35 in provincia di Z. Volevo sapere se ci saranno (prima o poi) novità positive nella mia vita sentimentale, nell'ultimo anno ho vissuto due storie a poca distanza l'una dall'altra, entrambe, per motivi diversi, mi hanno fatto soffrire molto. Nel mio tema natale ho tre pianeti (Marte, Giove e Venere) in nona, c'è una corrispondenza con il fatto che abbia sempre frequentato uomini di città diverse dalla mia? Questa circostanza si potrebbe ripetere? Si potrebbe prospettare per me un trasferimento in un' altra città in futuro? Grazie mille
Milla

1 aprile 2016

La prima parte della domanda ha una risposta astrologica semplicissima. Sì, è abbastanza ovvio che con Marte e Venere in nona lei abbia sempre trovato amori distanti, mi sarei stupito del contrario. L’alternativa sarebbero stranieri che vivono però nella sua città oppure insegnanti, di scuola superiore o universitari. Come è successo in passato potrebbe ricapitare pure in futuro, con un suo contributo cosciente oppure semplicemente perché accadono, o un mix di entrambe le possibilità. Ossia un po’ li cerca e un po’ le capitano. Come pure potrebbe trasferirsi lei altrove, e non lo escludo affatto perché la sua quarta casa, quella legata anche all’abitazione, è in Sagittario, segno del lontano. Insomma, se fossi in lei terrei le valige pronte, e immagino che non le dispiaccia nemmeno nonostante sia Cancro, e legata quindi alle sue radici, e i suoi Marte e Venere siano in Toro, segno altrettanto conservatore. Trovandosi però in case irrequiete hanno fatto sì che l’attrazione sentimentale la faccia spingere lontano dalla sua terra d’origine. Data poi la quarta in Sagittario non escluderei nemmeno che le capitasse qualcuno che viva in campagna o in un luogo a contatto con la natura. Per amori futuri, non importa se lontani o no, penserei che qualcosa di molto serio e importante possa avvenire tra quattro o cinque anni, quando Plutone stimolerà in positivo la sua Luna, Marte e Venere. Impossibile che qualcosa non accada. Le sembrano troppi anni? Forse, ma mica è detto che nel frattempo non succeda nulla. Immagino però che in quel periodo succederà qualcosa di più, anzi ne sarei praticamente certo. Se si ricorderà allora mi faccia sapere cosa le è accaduto, sono molto curioso.



?
!

CONCLUDERE TARDIVAMENTE GLI STUDI - 649

Cosa puoi dirmi della conclusione dei miei studi giuridici (Giove opposto a Saturno, opposizione quarta/decima casa)? E dello studio della lingua inglese? Sto studiando per il livello WW e conto di proseguire. Sono nata a X il 3/2/19ZZ alle 16.45.
C.

1 aprile 2016

Da lungo tempo mi chiedo come mai i dilettanti, ma pure alcuni professionisti, trovino sempre una causa astrologica sbagliata o approssimativa al loro modo d’essere, si tratti di difficoltà oppure di lati positivi. In questo caso la difficoltà a completare gli studi non sta nell’opposizione tra Giove e Saturno, ma piuttosto nelle lesioni tra Marte in nona e Urano in terza. L’ipotesi da lei fatta mi stupisce parecchio perché anche le altre scuole astrologiche diverse dalla mia indicano gli studi superiori in nona, e la difficoltà a completarli con lesioni di pianeti eventualmente presenti nelle due case. Credo inoltre che vadano tenute separate le due domande, ossia la conclusione degli studi in legge e l’apprendimento dell’inglese. Anche se c’è probabilmente una comune difficoltà a portare del tutto in porto gli studi, di qualsiasi materia si tratti. Non mi fornisce poi i dati tecnici per capire quanto davvero siano possibili entrambe le cose. Anzitutto, quanti esami devi ancora sostenere all’università? Perché i transiti possono indicare i periodi buoni o difficili all’interno dei quali potrebbe arrivare la laurea, ma anche l’astrologo più solerte stenta poi a trovare una risposta se mancano i dettagli precisi di un percorso di vita. Inoltre, la laurea dovrebbe tornare utile sul piano professionale oppure si tratta solo di volere concludere un ciclo? Fatte tutte queste premesse, constato che in futuro non ci sono transiti né troppo positivi né negativi rispetto ai pianeti in terza e in nona, ma pure a quelli in decima e quarta, per sondare pure la sua ipotesi di partenza. Penserei perciò che, anche si dovesse laureare, la vita non le cambierebbe più di tanto. Le auguro comunque di riuscirci ma, per farlo, secondo me deve cercare di tenere a bada le cose che glielo hanno impedito fino ad ora, e suppongo si tratti di una difficoltà a concretizzare gli obiettivi, come vogliono sia l’opposizione di Urano a Marte, sia quella di Giove a Saturno. Lavori quindi in questa direzione per centrare il bersaglio.



?
!

CAMBIARE VITA, VOLENTI O NOLENTI - 648

Gentile Massimo,
mi chiamo Laura e sono nata il 3/5/1967 a Milano ore 9.30 circa. Due anni fa ho perso il posto di lavoro ed ho deciso di cambiare “rotta” iscrivendomi ad un corso triennale di counseling e frequentare la facoltà di Psicologia all’Università. Mi piace molto ma sto facendo fatica. Le domande sono due: 1) riuscirò a portare a termine bene gli studi in tempi non troppo lunghi? 2) l’anno prossimo (a partire da gennaio 2017) vorrei incominciare la professione di counselor. Come vede questo nuova opportunità di lavoro per me?
Laura

1 aprile 2016

Chissà per quale motivo astrale questo mese mi sono giunte più domande sulla conclusione degli studi, da parte di persone non giovanissime. Suppongo che, sul piano generale, questa voglia di terminare gli studi superiori complicati sia legata ai transiti complessi che stanno subendo Sagittario e Gemelli, e proprio perché non si tratta di transiti semplici non si diffonde solo la voglia di studiare e basta, ma si ha paura di non farcela. Veniamo però al caso specifico di Laura. Come si può leggere anche nella risposta 649, non è così semplice dare una “sentenza” al buio se non sai davvero a che punto sia il percorso di studi. Posso però ipotizzare altre cose. Ossia, l’interesse per il counseling e la decisione di farne una professione le è nato grazie a transiti positivi, ossia Nettuno sulla Luna e a Plutone in trigono al Sole. Transito quest’ultimo capace di darle una notevole grinta per superare un ostacolo complesso come appunto la perdita del lavoro precedente. L’orientamento professionale mi sembra corretto rispetto alle potenzialità, perché la Luna in Pesci le conferisce una grossa sensibilità, e Plutone favorevole di transito la spinge a ravanare nell’inconscio, suo e altrui. Detto questo non posso però garantirle alcunché, soprattutto per il tipo di attività che vorrebbe intraprendere, e non importa se l’iter di studio è concluso o meno. Si va infatti a ondate di interesse verso certi determinati argomenti, assecondando i transiti celesti e le inclinazioni individuali garantite dai pianeti lenti, quelli generazionali capaci di spingere i nati in un lungo periodo ad avere interessi simili per certe discipline. Creando purtroppo una concorrenza numerosa e agguerrita. Tanta offerta di un certo tipo di professionalità rende infatti più complessa l’affermazione o anche solo la sopravvivenza lavorativa. Quindi io posso dirle che capisco perché ha scelto un certo percorso e ha fatto bene a intraprenderlo, mi sembrerebbe però più agevole, visti i suoi Plutone e Urano in terza casa, un tipo di professione legata al contatto con la gente. Suppongo però sarebbe meglio non quella in cerca di una cura per l’anima, ma quella più interessata alla comunicazione o al commercio. Di certo posso sbagliarmi, perché in fondo anche nel settore del counseling e della psicologia è necessario sapersi vendere. E lei ha buone possibilità di riuscirci, questo sì. In ambito commerciale e, forse, terapeutico. Certezze previsionali però non ne ho, nessuno può averne.



?
!

TRANSITI, UN COLPO AL CERCHIO E…- 647

Buonasera sig. Michelini, avrei una domanda sulla teoria che mi assilla.
Per non perdere tempo porto subito un esempio chiarificatore, ovviamente su di me! In questo momento Venere transita in Aquario. Ora, io ho il Sole in Scorpione ma Venere in Bilancia. Non so come interpretare al meglio i transiti. La Venere di oggi, è sia quadrata al mio Sole (lo sarà verso il 9) ma in trigono con la mia Venere radix. Quindi come dovrei leggere la sua posizione nel nostro cielo? Mi scuso se il mio dilemma è tanto puerile quanto irrilevante...
Alby

1 aprile 2016

Caro il mio Alby, il transito da lei citato è sì irrilevante, perché ad essere larghi di manica dura al massimo un paio di giorni. Però le rispondo pubblicamente perché la domanda vale anche per transiti molto più consistenti, come pure per l’interpretazione del tema natale radix. Per trovare un esempio più pertinente sostituisco la poco influente Venere di transito con Plutone, tanto per dirne uno. Ora, ipotizzando si tratti di un transito reale, nel momento in cui Plutone fa o farà un sestile al Sole quadrerà pure Venere. Cosa potrebbe succedere? Le varianti del caso sono come sempre tante, ma fermiamoci in ambito sentimental-sessuale. Plutone in rapporto positivo al Sole in questo caso tenderebbe a stimolare il desiderio di conferme nel settore erotico, ma l’aspetto negativo a Venere potrebbe far sì che si becchi una grossa fregatura in questo ambito, oppure non si riesca a soddisfare del tutto il desiderio. Insomma, da un lato Plutone spinge ad agire per “cuccare”, dall’altro l’azione non è del tutto appagante, e i motivi possono essere tanti. Spostiamoci in avanti e ipotizziamo Plutone in Aquario. In questo caso quando formerà un trigono a Venere quadrerà il Sole. Potrebbe accadere che l’affettività e la sessualità siano del tutto appagate, ma gettino poi un’ombra sul soggetto. Magari potrebbe esserci una storia con una persona più giovane che potrebbe crearle problemi sociali. Oppure, se donna si incontra un uomo molto appagante sul piano sessuale ma poco onesto, e questo rende il rapporto poco sereno. O molto altro ancora, le varianti dei transiti sono sempre molte più di quanto sappiamo immaginare. Se dovessi trovare una definizione per questo tipo di transiti misti (o aspetti radix) direi appunto un colpo al cerchio e uno alla botte, senza vincitori né vinti. Ossia tanti stimoli, alcuni positivi altri no. Non sarà un trionfo ma nemmeno una debacle, ma è innegabile si tratti di un periodo molto vitale. Se stiamo parlando però di un transito decisivo. Venere, come pure gli altri pianeti rapidi, possono portare tutt’al più qualche ora di movimento intenso, nulla di più. Salvo i casi in cui stia transitando in contemporanea anche un pianeta lento. In queste occasioni allora si amplifica l’effetto dell’altro pianeta, nettamente più rilevante.



?
!

IL TRANSITO DI NETTUNO SUL SOLE - 646

Ciao,
vorrei chiederti quale effetto ha Nettuno in transito congiunto al mio Sole pescino? Molti siti lo considerano come un passaggio negativo, il tuo, mi sembra, lo dà come foriero di ideali, illusioni, confusione, passerò due anni a illudermi dietro qualche "ideale"? Potrebbe portare un incontro amoroso pieno di illusioni ? Mi puoi dare qualche delucidazione in più? Ti ricordo la mia data di nascita: 4 3 19xx alle 5.50 a W.
Adele

1 aprile 2016

Negativo il transito in sé non è, salvo vada a risvegliare lati caratteriali pericolosi per il soggetto. Nettuno poi di suo è talmente sfuggente e mutevole da risultare a volte impalpabile, se il passaggio è in positivo. Discorso diverso se si pone in quadrato o opposizione perché in questo caso qualcosa, almeno a livello emotivo, accade. Non si può poi prescindere dalle simbologie legate a Nettuno, che su un piano caratteriale sono irrequietudine, mutevolezza, voglia di allargare i confini, fantasia, sperimentalismo ed equilibrio mentale. Sul piano fisico, sistema immunitario e tutta un’altra serie di caratteristiche poco visibili ma fondamentali per l’integrità fisica e psichica del soggetto. Bisogna poi tenere conto pure del segno in cui cade o passa il pianeta. Tu sei Pesci, con un Nettuno in nona non in trigono al Sole, e nient’affatto leso, anzi in trigono a Saturno e Marte natali. Ovvero il passaggio di Nettuno rafforzerà tutta una serie di tue peculiarità caratteriali, io penserei in positivo. Sempre però non allontanandosi troppo dall’ambito di quanto il dio del tridente può dare. Probabile che possa portare quindi anche un amore, di quelli che piacciono tanto ai Pesci, non so se ora col passaggio sul Sole o in seguito quando arriverà su Marte. Preparati a tutto, perché Nettuno è davvero il pianeta più imprevedibile, oltre che inafferrabile. E sono abbastanza certo che saprà stupirti in molti sensi. Magari facendoti provare un’attrazione insospettabile non per il genere maschile ma per un’idea, una causa, una religione. Mi saprai dire ma non mi preoccuperei troppo. Se una cosa accade è perché deve succedere. Inutile quindi cercare di evitarla. Più saggio invece tentare di comprenderla: se c’è modo di indirizzare il destino questa è l’unica via, e vale la pena provare a percorrerla.



?
!

COSA PUÒ DIRE L’ASTROLOGIA E COSA NO - 645

Gentile Massimo,
questo 2016 è iniziato per me in maniera più serena rispetto ad altri anni, ma certe "ancore" del passato non riesco a togliermele di dosso. Da due anni c'è il pensiero di una storia finita con una persona per la quale avevo perso la testa, ma che ho dovuto, mio malgrado, interrompere. Nell'arco di questo tempo, c'è stato uno scambio di qualche messaggio, poi a gennaio ci siamo rivisti: una bella chiacchierata di due ore in cui ci siamo raccontati le rispettive novità. Non so cosa chiederti, forse vorrei solo sapere o capire se quella chiacchierata ha lasciato qualcosa di bello solo a me o ha scosso anche lui. Sono nata il 9/11/ZZ alle 4, lui 1/1/WW, non so a che ora. Sento ancora per questa persona di provare un sentimento e in cuor mio c'è sempre una lieve speranza che un giorno possiamo ritornare assieme. Potrei capire cosa recitano i nostri temi natali?
Isabella





1 marzo 2016

Come ho già scritto in privato a Isabella, l’astrologia non può dirti cosa prova un’altra persona. Ci sono altre arti divinatorie che lo fanno, in qualche caso in maniera molto fantasiosa, in altre arrivando davvero al succo della questione. Un astrologo sincero questo non lo dice. Per fare un’analisi seria, poi, bisognerebbe contestualizzare la storia e il rapporto analizzato. Ossia, tu mi chiedi del presente e del futuro, ma cosa ha fatto sì che la storia finisse? Perché se un amore arriva al capolinea qualche motivo deve pur esserci. Magari poi si riparte meglio di prima, però non si può ignorare cosa è successo in precedenza. E per analizzare davvero il carattere di lui sarebbe necessaria un’ora di nascita che non abbiamo. Senza l’ora, posso dire che il tuo Capricorno abbia una Luna isolata in Leone o Vergine e una Venere quadrata a Urano e opposta a Saturno. Ossia mi verrebbe da pensare che non abbia dei rapporti facilissimi col femminile, indipendentemente da te. Se poi aggiungiamo che ha Marte congiunto a Nettuno in Sagittario, penserei a una persona anche irrequieta, non so quanto. Oltre non mi spingo perché direi sciocchezze. Per te, Sole e Venere in seconda casa ti portano alla fedeltà e a una necessità di stabilità affettiva, poi Marte in undicesima in trigono a Nettuno ti rendono possibilista e tollerante verso il compagno. Aggiungo che i transiti contro la tua Venere degli ultimi due anni possono aver fatto crescere il dolore per la separazione. Ci sarà una riconciliazione? Non saprei, non mi pare ci siano transiti particolari in tal senso. Nel giro di un paio d’anni però il tuo Sole riceverà ottimi aspetti planetari. Magari arriverà qualcosa di nuovo, meno probabilmente ci sarà il ritorno del Capricorno. Non dimenticare mai cosa fece chiudere la storia, lì ci sta il segreto del futuro. Prova a capire se le cause della chiusura si possono riparare oppure no. Se sì lascia aperto il cuore alla speranza, se no pensa al domani. Perché un domani c’è sempre.


?
!

L’ANELLO DI SOSTA DI MARTE E UN AMORE COMPLICATO - 644

Caro Massimo,
mi piacerebbe avere un tuo parere. Cosa potrà portarmi Marte in Scorpione da qui a giugno, soprattutto dal punto di vista lavorativo (devo vedere anche la casa in cui mi cade e quindi a prescindere se sia in Scorpione o Sagittario?). Sono Scorpione ma il mio Marte è in Aquario casa VI. Marte a mio avviso simboleggia anche la persona che mi segue sul lavoro, che ha Marte in Aquario in congiunzione con il mio. Porto avanti più lavori insieme ma il principale è uno e investe interamente la mia giornata/nottata, weekend compresi. La persona che mi segue è esigente e, pur lavorando in autonomia, le decisioni spetteranno sempre a lui per motivi di forza maggiore. Inoltre la Venere sua in Gemelli che farà più volte opposizione con Saturno potrebbe portarlo alla rottura definitiva (già pre-annunciata) con la fidanzata, anch’ella con Venere in Gemelli, due gradi prima della sua?
A.





1 marzo 2016

Andiamo per ordine: per te e per molti avrà molta più importanza la casa in cui Marte fa un anello di sosta piuttosto che il segno in cui cadrà, anche se lambirà due tuoi pianeti, nel viaggio di andata e in quello di ritorno. Nel momento in cui si ferma sfiorerà appena il tuo Saturno, a 9, quasi 10 del Sagittario e, tornando indietro, arresterà la retromarcia proprio sul tuo Sole. Coinvolgendo in entrambi i casi due pianeti che riguardano il maschile penserei che potrebbe succedere qualcosa nel rapporto con il tuo superiore, non credo sul piano professionale. Ipotizzerei un periodo di intensi spostamenti e relazioni sociali, dapprima fiduciose e un po’ ingenue (il periodo del Sagittario) poi più complicate se non tormentate (lo Scorpione). La terza casa mi farebbe anche pensare alla possibilità di pettegolezzi, agiti o subiti. Cosa succederà lo si scopre solo dopo, per quei tre mesi di anello di sosta starei comunque attento a non dare adito a dicerie. Inoltre, come penso di avere già scritto altrove, sconsiglio caldamente relazioni sul luogo di lavoro perché nel momento in cui la storia dovesse finire si creano inevitabilmente crisi grosse, quasi sempre destinate a far sì che uno dei due cerchi un altro posto. In questo caso tu sei in una posizione subordinata, e immagino quindi cosa potrebbe succedere alla fine della vostra storia. Confidi poi molto nella rottura del tuo capo con la fidanzata storica, benedicendo in questo caso Saturno che ostacola la Venere di entrambi. Possibile, ma in questo caso il tuo lui (anche se ora è formalmente impegnato con un’altra) non passerebbe un gran bel momento. Dubito quindi che se mollasse la fidanzata storica per te tu riusciresti ad essere serena o felice. Per esperienza temo poi che questi superiori che hanno relazioni con dipendenti di rado abbandonano il sicuro per imbarcarsi con una ragazza che prima o poi potrebbe decidere di sistemarsi con un coetaneo. Il tuo Cancro poi mi sembra decisamente furbetto, dal tema natale e dai fatti. Ti fa sbattere e lavorare 24 ore al giorno per 365 giorni l’anno, ma il merito delle tue fatiche spetterà in gran parte a lui. Ti faccio allora un’ipotesi sconveniente per i transiti dei prossimi mesi. Con Marte in terza casa ti stancherai di certi suoi atteggiamenti, gli farai una sceneggiata pubblica, lui avrà una crisi con la fidanzata e… Mi augurerei che tu a questo punto vivrai felice e contenta, magari con un altro che non abusi della sua posizione di potere per avere tutto quello che vuole senza troppa fatica. Cara A., immagino tu vorresti sentirti dire altro e magari mi sbaglio rispetto alla natura del tuo capo. Se così è chiedo venia. Se non mi sbagliassi però magari non sarebbe male che prendessi nel migliore dei modi l’anello di sosta di Marte, tirando fuori tutta la rabbia inespressa e giustamente accumulata fino ad ora.


?
!

FISSAZIONE SENTIMENTALE - 643

Salve Massimo,
sono rimasta colpita quando mi dice di raccontarmi "cento e mille volte al giorno che la storia è finita, finita, finita." Ci vedremo l'11, ma non sono sicura di volerlo incontrare. Sono venuta a sapere di una conversazione in cui lui ''incoraggia'' un altro a contattarmi, dicendogli "hai via libera, non te la tocco". È tornato come in passato, ci siamo anche sentiti per telefono. si è occupato di una cosa importante per il lavoro di gruppo che stiamo organizzando, senza che gli dicessi nulla. Poi una collega mi disse che aveva avuto l'impressione che lui ci tenesse a non deludermi. E mi sono illusa, si è risvegliato quello che me lo aveva fatto piacere. Con questo concorso ho conosciuto tante persone interessanti, intelligenti, ma solo con lui è scattata questa cosa. Non capisco più con chi ho a che fare. Al di là dei miei sentimenti, non si comporta correttamente, perché quando ha bisogno di una mano io sono disponibile ad aiutarlo, a parti invertite non c'è nessuna considerazione da parte sua. È così insicuro come sembra? Ma soprattutto, vorrei capire non se prova qualcosa per me ma se è sleale.
E.





1 marzo 2016

Ribadisco quanto già scritto nella risposta precedente e raddoppio la terapia d’urto: sarebbe assurdo e crudele fornirle qualche speranza rispetto ai sentimenti del ragazzo. Anzi sarò all’apparenza crudele, per il suo bene, perché in questo momento sta perdendo tempo e si sta facendo del male. Punto. Di bei tenebrosi che nascondono un tesoro d’amore purché si trovi la chiave giusta ce n’è uno su cinque miliardi, ossia un unico rappresentate sulla faccia della Terra, e per giunta sperduto nella foresta del Borneo. Tutti gli altri sono persone normalissime che provano quello che manifestano, ossia nella maggior parte dei casi solo l’interesse per i propri interessi. Intendiamoci, in ogni sentimento, anche il più pulito, si vuole qualcosa per sé, fosse semplicemente lo stare bene. Però ci deve essere reciprocità, almeno un minimo. Questo ragazzo la cerca solo quando ha bisogno, addirittura incoraggia altri a corteggiarla. Cosa spera di trovare in lui? Può avere solo conferme di un disinteresse, se vuole continuare a farsi del male. Io non sono nella testa del ragazzo, né in quella di nessun altro, ma l’unica cosa da fare in storie come questa è basarsi sul comportamento della persona, inequivocabile. Ha perso tempo nell’inseguire un sogno d’amore irrealizzabile? Quando mai!, piuttosto questo ragazzo ha stimolato il suo cuore, e di questo gli si può essere grati, comunque, senza attribuirgli però progetti futuri di intenzioni che non ha. Coltivando però le speranze nate negli ultimi mesi, e rivolgendole ad altro, a qualcuno che ancora non c’è. Cercando anche di non farsi prendere dalla troppa idealizzazione emotiva come vuole la sua Luna in Pesci, e non scambiando per un tenerissimo ragazzo chi invece pensa ad altro, come potrebbe indurla a fare il quadrato tra Marte e Plutone. Punti piuttosto sui suoi pianeti in Vergine, lucidi e acuti. La fantasia e l’emotività sono sentimenti incantevoli, ma se non si prendono abbagli. Confidi allora sul suo lato lucido prima di donare il cuore a chi è distratto o pensa a tutt’altro. Le assicuro che può farlo benissimo, basta non insistere a credere agli abbagli, e ai furbetti del quartierino.


?
!

TORNA IL SERENO, DOPO TANTE TEMPESTE? - 642

Ciao Massimo sono sempre io... Dopo il lutto di mia madre il 30 dicembre, domenica scorsa, mio marito ha avuto un infarto dal quale si é salvato per miracolo. È nato il 13 8 XX a YY. Cos’ altro mi devo aspettare? Ho visto che a maggio Giove si congiungerà ai miei Marte Urano Plutone. Porterà qualcosa di buono finalmente?
Simona




1 marzo 2016

Se fossi religioso ti consiglierei un qualche pellegrinaggio o la recita di novene e contronovene, perché davvero il destino si sta accanendo contro di te mica male. Sono però un agnostico e sono costretto a dirti di stringere i denti e tirare avanti. Magari cercando nel frattempo una spiegazione astrologica alle bombardate che sei stata costretta a subire negli ultimi tempi. La cosa che forse ti può consolare è che ogni singolo evento capitato è facilmente rintracciabile nel tuo tema natale. Hai infatti Giove e Luna a inizi Gemelli, e Saturno e Nettuno contrari di transito hanno fatto sì che accadesse la tragedia di tua madre. Non solo. Il tuo Marte in Vergine ha subìto gli stessi identici transiti, e tuo marito subito dopo la perdita precedente ha avuto un grosso infarto. Bene, sono passate entrambe le cose e hai già dato abbastanza, e non mi aspetterei nient’altro di più, è stato sufficiente. Tuo marito poi non ha transiti che giustifichino ulteriori preoccupazioni. Quindi anche tu mettiti il cuore in pace i transiti futuri dovrebbero essere molto più tranquilli. Goditi la convalescenza di tuo marito, riprenditi dalla perdita di tua madre, nonostante il cattivo rapporto che avevi con lei. E magari a maggio prenditi una vacanza insieme a tuo marito, se ce la fai. Se non fosse possibile suppongo che si tratterà di un periodo positivo, magari sul piano delle finanze visto che Giove passerà sui tuoi pianeti in Vergine e seconda casa. A un Toro certo non dovrebbe dispiacere un evento del genere. Qui dichiaro che per un bel po’ di tempo la tua dose di sfortune reiterate è infine giunta al termine. La certezza matematica non posso garantirtela, ma mi sembra abbastanza probabile di essere nel giusto. In bocca al lupo per tutto.


?
!

PROBLEMI DA RISOLVERE AL PIÙ PRESTO - 641

Ciao Massimo, una situazione legale che si trascina deve trovare una risoluzione. Sono abbattuta: il 4 febbraio io e mia madre abbiamo lo sfratto dalla nostra casa e questo evento mi distrugge. Ho visto nella rivoluzione solare del 2016 l'ascendente in 12 casa e Marte in prima. Aspetti considerati funesti per chi si trova a sostenerli, ora volevo capire quali possono essere gli ostacoli e se c'è un modo per contenerli. Stiamo cercando una nuova abitazione anche se non abbiamo trovato quella adatta alle nostre esigenze economiche e logistiche. Il mio timore è di non riuscire a trovarla prima dello sfratto esecutivo. Secondo te c'è la possibilità di risolvere la questione senza rovinarsi economicamente? Grazie davvero della saggia leggerezza delle tue risposte. Saturno è andato via dal mio Sole ma la riscossa tanto decantata agli Scorpioni per ora non la percepisco.
M.





1 marzo 2016

Forse ti è sfuggito che non pratico le rivoluzioni solari, e dubito della loro efficacia, quindi ritengo ininfluente il fatto che l’ascendente di rivoluzione ti capiti in dodicesima o qualsiasi altra casa. Al tempo stesso solo un dilettante può affermare che, uscendo Saturno da un segno, si risolvano all’istante le difficoltà in corso. Attenzione poi, Saturno, soprattutto se in congiunzione, non fa che far emergere problemi preesistenti, imponendo di risolverli. Ma non è colpa sua se c’erano questioni irrisolte, le evidenzia soltanto. L’ultima volta che mi passò sul Sole, tanto per farti un esempio, ebbi un periodo molto bello, in cui davvero mi sentii sicuro come non mai. Dipende poi anche da quali caratteristiche Saturno ha nel tema natale. Nel tuo è beneficato e leso. Manda infatti aspetti positivi al Sole ma quadra al tempo stesso Luna e Venere. Passando sul Sole ha purtroppo portato alla luce i problemi legali connessi all’abitazione, e ora la situazione deve venire risolta. Non voglio crearti ulteriore angoscia, ma mi sembra che nell’immediato non ci siano segnali chiari della risoluzione del problema. Temo infatti che dovrai aspettare fine anno, quando proprio il fatidico Saturno passerà su Luna e Venere, per sistemare davvero la questione. Il suo passaggio infatti scioglie la quadratura di nascita, quella che ha accentuato le difficoltà. Nel frattempo poi anche Giove sarà passato dalla Vergine alla Bilancia, e non disturberà più le già citate Luna e Venere. Suppongo dovrai portare pazienza e stringere i denti. Se non trovi immediatamente una soluzione definitiva, e sei costretta a cambiare casa, trova una sistemazione temporanea, da fine anno ipotizzerei tutt’altra musica. Ma la colpa non è di Saturno: il poveretto certifica “solo” la realtà dei fatti. A volte dura, innegabile. Se lo si ritiene un veleno si cerchi però di capire che rappresenta anche la medicina. Non sempre le carezze curano, a volte sono necessarie le maniere forti. Prendi quindi il periodo complesso come un momento di crescita, lo sarà davvero.


?
!

I TRANSITI DI CHI SUBISCE FURTI - 640

Caro Massimo,
voglio sottoporti un fatto ripetutosi due volte a distanza di 34 anni. Il pomeriggio del 20 gennaio 1981 i ladri sono entrati nell'appartamento dove abitavo. Hanno forzato la porta d'ingresso, allora non blindata, e hanno portato via tutto ciò che hanno trovato in oro. Il 10 dicembre 2015 ho ricevuto un'altra visita dai ladri, tra le 9.30 e le 11.45 del mattino, mentre ero fuori. Questa volta c'era la porta blindata, ma sono riusciti a forzare la serratura. Anche questa volta hanno portato via oggetti d'oro che avevano per me, ovviamente, un valore anche affettivo. Sono nata a XX il 16 marzo 1950 alle ore 0.40. Secondo la Morpurgo, oltre alla quarta, anche la Luna rappresenta l'abitazione. A dicembre 2015 Urano transitava nella mia quarta, ma nessun pianeta transitante faceva aspetto con la mia Luna. Inoltre Urano è in Ariete dal 2010 e rimarrà lì ancora fino al 2018, quindi forse non è determinante. Si può prevedere un evento simile?
Tiziana




1 marzo 2016

Credo che nulla sia davvero del tutto prevedibile, ma a cose fatte una spiegazione astrologica si trova sempre, spesso diversa da quella che immaginavamo. Non voglio spaventarti, e spero non ti resti il timore che si ripetano di nuovo episodi simili, ma nel tuo tema è prevista la possibilità di subire furti, anche se molti altri a cui capitano episodi analoghi di certo non hanno un tema natale come il tuo. A riprova, resta il fatto che il tuo Plutone radix in ottava opposto a Venere in seconda e a Giove in terza parla proprio di questo. Plutone manovre oscure (quindi anche quelle dei ladri) è nella casa ottava e colpisce gli affetti e le proprietà (Venere e Giove), in tempi rapidi (Giove in terza e pure Mercurio sempre in terza e leso di nascita). Attenzione, non pensare però che visto che c’è la predisposizione ti debbano toccare in sorte altri furti: suppongo infatti tu abbia già dato abbastanza per i prossimi cent’anni. Veniamo però alle date dei furti, per capire se astrologicamente qualcosa è stato attivato, e la risposta è positiva. Nel caso dell’81 Mercurio e Marte in Aquario (forse in ottava di transito, e il condizionale è d’obbligo perché manca la certezza sull’ora dello scasso) si oppongono alla Luna in Leone. Qualunque fosse l’ora precisa, in quel giorno c’era l’opposizione al tuo Plutone radix. Inoltre al momento dello scasso Saturno, Giove e Plutone erano in quarta casa (quella celeste, non la tua) e suppongo che altri ladri stessero operando altrove, o in alternativa in molte abitazioni si siano creati problemi, scassi o non scassi. Nel dicembre scorso avevi invece Giove opposto al Sole, mentre il Sole in Sagittario quadrava il tuo Mercurio sempre in terza. Nel quadro astrale delle ore del furto, poi, Giove era in ottava e quadrava il Sole, e parlava ancora di possibilità di perdita di denaro. Nell’episodio recente sembra siano presenti meno fattori astrali rilevanti rispetto al furto, anche se non mancano. Quanto alla possibilità che pure l’astrologo migliore del mondo ti avrebbe potuto predire che in quel giorno o periodo i ladri sarebbero entrati in casa tua, dubito assai che esista e possa farlo con chiarezza. Magari lo sogna, nel senso dell’aspirazione, non di un racconto onirico.


?
!

RIUSCIRÒ AD AVERE UN BAMBINO? - 639

A febbraio dovrò affrontare una fecondazione assistita. Andrà bene visto che tutte le volte che sono rimasta incinta spontaneamente l’ho perso? Sono nata il 4/11/19ZZ alle ore XX e mio marito è nato il 01/11/19XW alle WW.
Manuela




1 marzo 2016

Mi auguro che nel momento in cui leggerai questa risposta la fecondazione assistita abbia avuto successo e non ti serva quindi più il mio parere. Se per malaugurato caso invece non fosse andata a buon fine ecco quanto penso. Già il fatto che tu sia già rimasta incinta altre volte mi sembrerebbe un segnale positivo, anche se purtroppo poi la gravidanza non è andata a buon fine. Non mi hai specificato qual è il problema “tecnico”, ma la mia totale ignoranza scientifica mi impedirebbe comunque una reale comprensione medica. Posso però azzardare ipotesi astrologiche, quelle di mia pertinenza. Hai una Luna importante, in Ariete, quarta casa, e in trigono a Venere, Nettuno e Saturno, ma opposta a Plutone. La difficoltà non sta quindi nell’infertilità, ma in altro. Hai poi un Giove isolato in Toro e sesta casa e potrei immaginare che il problema sia l’attecchimento dell’embrione, o qualcosa di simile. Mi chiedo poi se per caso in passato hai avuto qualche disturbo alimentare, il Giove isolato potrebbe suggerirlo, e non escluderei che fosse lì l’origine del problema. Non mi sembrerebbe però nulla che non sia risolvibile, ma purtroppo il momento non è particolarmente propizio per una tua gravidanza. L’unico pianeta che di nascita hai negativo rispetto alla tua Venere, Plutone, riforma una negatività dal Capricorno. Non so se nel periodo siano aumentate le tue difficoltà a concepire, mi sembra però che il problema ti stia ossessionando e in questi casi diventa molto complesso riuscire nell’impresa. Al di là dei medici forse dovresti allora cercare di prendere il riuscire a restare incinta non come un’ultima spiaggia, ma come un evento che potrà accadere oppure no. Spesso in questi casi la gravidanza arriva nel momento in cui ci si è rassegnati, come pure è accaduto più di una volta che una donna diventasse madre dopo aver adottato un bambino perché pensava di essere sterile. Tranquillizzati se ce la fai, e tenta di prendere la vita come viene. Se ce la fai è altamente probabile poi che un bebè arrivi. Quest’anno o il prossimo, ma cerca di non trasformare il pensiero in un tarlo.


?
!

TRAGICI SCHERZI DEL DESTINO - 638

Ciao Massimo, sono Simona.
Mi hai risposto il mese scorso su mia madre e mi hai consigliato di accettare il suo modo di essere, mentre cercavo di mettere in atto i tuoi consigli lei è caduta e si è rotta il femore. Un mese di ospedale ma non ha voluto che fossi informata. Stendo un velo pietoso su mio fratello che mi chiama all’ultimo istante per dirmi che mia madre sta morendo di setticemia mentre sono all’estero. Era destino che non dovessi vederla neanche un ultima volta? Ora sto peggio di prima: puoi dirmi qualcosa di lei? Era nata a W il 12/2/ZZ alle 14. 20. Grazie ancora.
Simona





1 febbraio 2016

Se credi al destino, dagli la colpa dell’impossibilità di dire addio a tua madre come sarebbe stato normale fare, e non sbaglierai più di tanto. Non vedo infatti altre spiegazioni per il concorso di fatalità che hanno portato a questa brutta chiusura di un rapporto già troppo complicato. Sembra purtroppo una storia scritta con uno stile sopra le righe da un autore attirato dai finali ad effetto, ma essendo stato più volte involontario protagonista di vicende architettate con analogo stile, do la colpa della dozzinalità della trama al Gran Burlone, come lo definisce una persona a me cara. Provo a confortarti per quel che posso analizzando in estrema sintesi il tema natale di tua madre. Era Aquario, un segno che spesso farebbe bene a non fare figli, non è la sua massima aspirazione e quando li fa spesso sperimenta troppo o li gestisce in maniera stravagante o dolorosa. Forse però un ascendente Cancro le ha imposto di rientrare nella norma e fare quello che fanno tutti, ossia creare una famiglia con tanto di prole. Peccato però che il suo Mercurio, pianeta dei figli, fosse in settima, opposto a un duro e protagonistico Plutone in prima casa e quadrato a Urano. Non era soddisfatta dei figli e mai avrebbe potuto esserlo. Mi accenni a un fratello, e non so come fosse il suo rapporto con lui. Suppongo migliore, visto che almeno lui sapeva che era in ospedale. Un figlio maschio, per una madre da un senso materno tutto suo, è però magari più gestibile rispetto a una figlia su cui proietta il suo malessere esistenziale, e la sua insoddisfazione. Tieni inoltre conto che aveva una Luna in Pesci, capace sì di grande sensibilità, ma che spesso confonde i rapporti tra genitrice e figli, e fa da madre alla propria madre e chiede ai figli di accudirla, o attribuisce loro responsabilità che non avrebbero, almeno nell’infanzia. Non so quale storia avesse alle sue spalle, ma resta evidente che il vostro rapporto non andava. Prova a prendere la storia per quel che è stata, ossia l’incapacità a dialogare con una madre troppo diversa da te. Se mai tu avessi avuto poi parte delle responsabilità tieni pure in conto che le storie si fanno in due, e tua madre l’ha fatta al cinquanta per cento (e più).
Cerca di non sentirti in colpa: se è andata così DOVEVA andare così. Il senso non si sa, ma il succo è questo.


?
!

I TRANSITI, QUESTI SCONOSCIUTI - 637

Ciao Massimo.
I pianeti sottoposti ad un transito negativo risentono o un po’ meno della" sfiga" se nel tema natale gli stessi hanno tra di loro un aspetto positivo ? Il mio Sole in sestile a Nettuno è ora opposto allo stesso.
Massimo





1 febbraio 2016

Credo che sia giusto essere consapevoli che nessuno, e ribadisco nessuno, ha scoperto la regola aurea per decifrare preventivamente i transiti, e soprattutto quantificarli. Ossia se il transito è negativo si ipotizza così che potrà esserci un problema, resta da sapere quale sarà esattamente, e soprattutto in che entità ti potrà colpire. Faccio un esempio reale. Anni fa ipotizzai per una mia consultante che in un certo mese avrebbe dovuto stare attenta agli incidenti. La signora, molto scrupolosa, mi prese alla lettera ed effettivamente evitò due o tre scontri in auto, sempre causati da altri. Quando il transito negativo stava ormai per passare, una sera in un locale scivolò letteralmente dai tacchi, ruzzolò dalle scale e si ruppe una gamba. Samarcanda era dietro l’angolo e alla fine le cose andarono come ipotizzato, ma non nel modo più prevedibile. Per un pianeta alla nascita positivo con un altro pianeta che, per il suo moto, arriva a formare un aspetto negativo, ci sono due scuole di pensiero, una ottimista l’altra meno. Ossia quella che pensa al meglio ritiene che data la sostanziale positività di entrambi i pianeti radix, reggeranno meglio al passaggio incriminato. La pessimista ritiene il contrario ossia, non essendo abituati a lottare, i pianeti reggeranno peggio proprio perché si trovano in un terreno per loro sconosciuto. Credo che entrambe le teorie abbiano parte di verità, verificabile comunque solo di volta in volta e di caso in caso. Nettuno opposto al Sole si farà quindi sentire, caro Massimo mio omonimo, e può darsi sia che tu lo viva male come pure tu possa trarre qualche lezione dalla difficoltà, sia pure momentanea. Penso che potrebbero esserci dei problemi – o cambiamenti, chi può dirlo ora? – nel settore del rapporto di coppia o, genericamente, nel rapporto con il prossimo. Io non posso rassicurarti in anticipo sul fatto che non ti accorgerai del transito (ipotesi comunque plausibile perché Nettuno è sfuggente e a volte non ci si accorge di lui, soprattutto però se il transito è positivo) ma penso però che ogni evento della vita possa essere preso come un’esperienza. In ogni caso non si potrebbe evitarlo, tanto vale cercare di capirlo e affrontarlo come un fatto che deve essere, perché non potrebbe andare in altro modo. Nettuno infatti ti sarà contro il Sole, prima o poi succede. Buona avventura, e mi saprai dire.


?
!

RAPPORTI CHE NON SI SANNO DEFINIRE - 636

Ciao Massimo,
complimenti per il sito, mi piace molto come sai essere profondo con leggerezza. Sono appassionata di astrologia e di Lisa Morpurgo, anche se non mi definisco un'esperta in materia. Separata da 5 anni, ho avuto in seguito varie frequentazioni tutte con la scadenza di uno yogurt. La mia idea di relazione è abitare a ragionevole distanza, vedersi ogni tanto, sentirsi ogni giorno. Credo che Venere in Scorpione e Luna in Gemelli mi rendano incapace di stare in una relazione normale. Da due anni ho un rapporto che non so ben definire con un Capricorno. Mi piacerebbe sapere cosa vedi nei nostri temi e ti ringrazio in anticipo.
Anna


1 febbraio 2016

Ovviamente senza l’ora esatta di nascita di lui l’interpretazione è approssimativa. Inoltre in gran parte ti sei fatta l’analisi da sola, pure giusta. Cosa aggiungere sul tuo tema? Che il Giove in settima e la Venere in seconda, se pure in Scorpione, cercherebbero una stabilità affettiva e, anche se non hai capito bene cosa sia la storia con il Capricorno, resta il fatto che dura da un paio d’anni. Magari in forma atipica e senza un contratto matrimoniale, ma dura. Nel tema di lui per quel che riguarda i pianeti femminili, quelli che indicano il suo rapporto con le donne, ha una Venere in Aquario e la Luna e Marte in Toro. Ossia da un lato ama in maniera possibilista e amichevole, dall’altro forse anche lui cerca una qualche forma di stabilità affettiva. Oltre non mi spingo perché davvero sarebbe necessaria l’ora di nascita. Va detto poi che tu cerchi un maschio amico, i tuoi Marte e Plutone sono in undicesima, la casa delle affinità elettive, e una relazione a distanza mi sembrerebbe davvero la soluzione ideale, e non è del tutto impossibile realizzarla, conosco varie coppie che si incontrano solo il fine settimana, e sono pure felici. Mi chiedo però perché tu mi posti questa domanda proprio adesso. Evidentemente qualcosa ti spinge a interrogarti sul futuro, o sui tuoi desideri. Magari vuoi qualcosa in più dal tuo Capricorno a distanza? Potrebbe essere, visto che Giove ti è passato su Marte. Al tempo stesso però hai Saturno contro la Luna, e questo transito potrebbe indicare un momento cupo per l’umore, forse anche legato alla paura di invecchiare. Quello che posso dirti io è che suppongo ci siano elementi in comune, forse quelli che vi fanno mantenere il vostro amore part-time. Posso però aggiungere che stai per passare un periodo di riflessione, in cui magari ti chiederai se vuoi ancora avere storie simili o hai necessità di altro. La risposta però spetta a te, ma suppongo tu sia abbastanza lucida e aperta di idee per non spaventarti di andare controcorrente, in quale modo lo sai tu o lo scoprirai in corso d’opera.



?
!

PLUTONE: COME RAGGIUNGERE LE VETTE - 635

Gentilissimo Massimo,
mi assilla un transito, Plutone sul MC. Sembra un miglioramento (sconvolgimento?) nella sfera sociale e lavorativa. Il transito è affiancato da uno attivo da due anni (Urano quadrato MC radix, che ha prodotto un netto miglioramento, vissuto con timore), e dall'attuale transito di un Giove che, congiungendosi a Plutone, trigona il MC. Inoltre, considerando che già ho un trigono tra il Plutone radix e il MC, sembra che entrerà in risonanza , e sarà propedeutico al trigono che Plutone formerà con sé stesso. Non credo a un miglioramento eclatante nel lavoro. So d'aver impiegato l'esistenza per costruire una situazione sociale e lavorativa poco favorevole. Ho creduto che le responsabilità fossero degli altri, ma ora ho capito di aver contribuito a tutte le mie 'sfortune'. Mi sono resa conto di aver fatto del mio meglio per fare del mio peggio. Mi stupisce che possa esistere una possibilità di miglioramento radicale, poiché, essendomi accorta delle mie storture, so che sono strutturali e insormontabili. Insomma, mi piacerebbe ma non posso e non sono in grado. Preparandomi ad affrontare la 'tempesta perfetta', mi appiglio maldestramente dove riesco per non affondare, e Le chiedo spunti di riflessione.
Eleonora

 

1 febbraio 2016

Visto che ha speso tante belle parole verso di me, mi permetto di usare un metodo shock, sperando possa risultarle di stimolo. Ossia, non passi troppo tempo a pensare cosa potrebbe accaderle e a scovare tutte le sue magagne piuttosto che a costruire davvero il suo futuro. Analizzando quel che mi scrive (non i suoi transiti futuri, che vedremo poi) non capisco se lei voglia davvero fare un salto ulteriore nella carriera, oppure se speri piuttosto che le dica che questo non succederà, in qualche modo deresponsabilizzandola se non dovesse realizzarsi. O ancora che alimenti i suoi sogni rassicurandola che senza possibilità di dubbio ci riuscirà. Intendiamoci, volere non è potere, o almeno non lo è sempre, e se mai volessi diventare sultano del Brunei pur usando tutta la mia volontà sarei destinato al fallimento. Inevitabilmente. L’astrologia inoltre non può garantire certezze rispetto alle previsioni e, se può analizzare con sufficiente obiettività i transiti futuri - conoscendo però bene la vita del soggetto analizzato – puoi scoprire cosa succederà davvero solo nel momento in cui è accaduto. Veniamo a questo benedetto passaggio di Plutone al medio cielo. Facendo però prima un altro passo indietro, ossia al suo tema natale e al suo carattere. Lei non mi chiede di amore o altro, come fanno quasi tutti, mi parla di avanzamenti nella carriera. E, nel suo tema natale, è evidente il suo interesse per il lavoro. Venere in Aquario e decima casa fanno sì che si vorrebbe davvero arrivare in alto, e spesso ci si riesce pure. Plutone e Urano in Vergine e sesta rafforzano la determinazione professionale, ma in questa posizione Plutone è spesso un demone mai sazio, capace di esigere molti sacrifici alle proprie ambizioni, di rado pari a quanto ottenuto, poco o tanto esso sia. Detto in altri termini lei vorrebbe arrivare. Punto. Tre pianeti in Vergine (compreso Giove opposto al Sole) la rendono però ipercritica, verso gli altri ma pure verso se stessa. Ed ecco il lungo elenco di sue “colpe” da lei stessa individuate. Che forse ci saranno pure, ma non è detto siano così gravi come lei ritiene. Ma, essendo molto consapevole di quanto fa, teme possano esserle d’ostacolo al prossimo passo verso la vetta. La rassicuro e la disilludo al tempo stesso, allora. Non è detto che in automatico Plutone in decima (e sulla sua cuspide) la porterà all’apice della carriera. Potrebbe farlo come pure no e penserei invece che darà il suo meglio quando sarà in trigono a se stesso. Le do però un consiglio, per quel che può valere: dica apertamente, almeno a se stessa, che vuole arrivare, la aiuterà a concentrarsi sull’obiettivo da raggiungere.


?
!

SVOLTE IN ARRIVO? - 634

Il 2016 avrà per me una svolta nel campo dell’amore e del lavoro?
Marilena





1 febbraio 2016

Pregherei tutti quelli che mi fanno domande di essere chiari esponendo un problema o un desiderio, perché io possa rispondere come si deve. Marilena mi indica due settori, lavoro e amore, ma non mi racconta cosa fa, cosa vorrebbe fare, perché ancora non ha trovato un lavoro soddisfacente. Sì, posso interpretare i simboli e magari farlo pure bene, ma con una maggiore conoscenza del passato la risposta sarebbe più plausibile. Stando alla semplice domanda posso dire che tra i due settori di certo il lavoro ha prospettive migliori. Nel tema di Marilena infatti il pianeta del lavoro, Urano, è in seconda a 18 gradi del Sagittario. Quest’anno riceverà il doppio transito favorevole di Saturno e Urano. Saturno gli passerà sopra e potrebbe farle fare la scelta giusta, indirizzando meglio le sue possibilità, e Urano in Ariete, che inizia a percorrere oltretutto la casa del lavoro, la sesta, promette bene. Penserei a qualcosa di nuovo ma, se dovesse mantenere l’occupazione attuale, dovrebbe esserci un salto di qualità, o almeno qualcosa di meglio. Quanto all’amore non vedo invece niente di particolarmente davvero significativo. Si dia comunque da fare per smentire l’astrologo, e ottenere quel che vuole.



?
!

PASSIONI PLATONICHE AI TEMPI DI INTERNET - 633

Gentile Massimo,
sono ''ossessionata'' da una persona. È una dipendenza, è un rapporto a distanza che si nutre di facebook, whatsapp, non ci siamo mai incontrati. Quando l'ho conosciuto mi suscitava tenerezza ma è scattato qualcosa e ho sentito che ci fosse qualcosa anche da parte sua. Sensazione, che poi non ho avuto più. Insicurezze personali, mancanza di fiducia, fraintendimenti hanno rovinato il rapporto iniziale. Lui è un personaggio! Ed io, nonostante adesso non ci sia più la complicità iniziale, mi sento ''appesa'' a lui in attesa di un cenno. Non è una relazione sana, voglio uscirne. Ho vere crisi di astinenza dei suoi messaggi e audio, ho bisogno di ''dosi quotidiane di lui''. Se mi scrive, riesco ad avere autonomia, se passa tempo scatta la crisi. Siamo colleghi virtuali in un lavoro che ci vedrà coinvolti, e per un periodo dovremo avere a che fare l'uno con l'altro. Non capisco se è tutto frutto della mia immaginazione, se ci sarà qualcosa, anche se una parte di me sa bene che qualcosa si è spezzato, ce n'è un'altra che si ostina a sperare. Ho creduto in un nuovo amore: l'ennesima illusione? Che faccio?! PS: ho provato a chiedergli di chiarire cosa è successo, ma non ne vuole sapere: non dovrei avere dubbi.
E.






1 febbraio 2015

Anzitutto le dico che non ho alcuna intenzione di fornirle motivi di speranza, perché sarebbe deleterio da un punto di vista psicologico. Non so se ce ne sono, ma visto l’atteggiamento di lui mi pare più saggio smorzare in partenza ogni possibile occasione di illusione. Perché se è ancora aggrappata a messaggi che alimentano un sentimento quasi di certo irrealizzabile, è giusto riportarla alla realtà. Non so se lui avesse intenzioni che ha poi cambiato in corso d’opera, ritengo abbastanza probabile che quando si è accorto di cosa stesse causando in lei abbia fatto una retromarcia clamorosa. Lei forse si è illusa, mentre suppongo a lui stesse bene un gioco affettivo-seduttivo che ha deciso di troncare nel momento in cui ha capito che le attese erano diverse. Non cada nel tipico errore femminile di cercare di chiarire con lui, come può immaginare di farlo con uno Scorpione così Scorpione che di più non si può? Anzi, è uno sbaglio farlo con tutti i segni, si spinge l’altra persona a scappare a gambe levate, se pure aveva una mezza intenzione di cambiare idea. Oltretutto con un Giove nel segno, pure isolato, e quindi suppongo che non dica mai del tutto quel che pensa davvero. Anche la sua Luna è isolata, e suppongo che non gli sia poi così semplice stringere rapporti reali e duraturi con una donna. Il suo Sole in settima congiunto a Venere lo rendono però un seduttivo, ne sia cosciente oppure no. Entrambi i pianeti nei mesi scorsi hanno ricevuto un trigono di Nettuno, e in effetti potrebbe starci anche il sognare per un amore. Il suo, un altro? Non lo sappiamo, ma se anche fosse stata lei a suscitargli questo sentimento ora lui non ne vuole sapere, è un dato di fatto. So che infine vi vedrete a breve, sempre per lavoro. Non si aspetti niente, parli con lui come se stesse vivendo un film che forse non finisce come vorrebbe, oppure no. Soprattutto cerchi di non assillarlo, l’unico sistema per non farlo fuggire. Non perché lei sia un mostro, intendiamoci, ma perché lui è sfuggente. Si prepari psicologicamente al peggio, si racconti cento o mille volte al giorno che la storia è finita, finita, finita. Dopo la centomillesima volta si sarà stancata di ripeterselo, e magari si sarà convinta. Magari aprendosi così a nuove storie, o vivendo il rapporto con questo ragazzo di certo complicato in maniera più serena. Ma il problema ora non è se la storia finirà o no, è come lei la vive. Mi faccia sapere però come è andato il primo incontro. L’annusare fisicamente una persona reale potrebbe cambiare il suo atteggiamento. Oppure no, staremo a vedere.




?
!

RISALITA PERSONALE - 632

Gentile Massimo,
vorrei impegnarmi nei prossimi mesi a dedicare atti e pensieri ad ognuno degli dei/pianeti importanti per il mio segno nel 2016. Vorrei concentrarmi su ognuno di loro, uno alla volta, mese per mese, oppure più tempo per ognuno a seconda della loro incidenza nel mio tema natale e nell'anno che arriva. Potrebbe indicarmi quali saranno i pianeti "cruciali"? Questo sarà l'anno in cui voglio pianificare la mia risalita personale, economica e professionale. Sono nata il 22. 2.19XX a mezzanotte, a X.
Grazie e buon anno nuovo!
Giovanna





1 febbraio 2016

Confesso di non aver ben capito cosa intende Giovanna quando dice di voler concentrarsi ogni mese su ogni suo singolo pianeta, ma se intende riflettere su quanto lei è e come potrebbe agire le sue forze perché no. Io penso però che per quanto ci si concentri su un problema, pur con le migliori intenzioni di questo mondo, si riuscirà a risolverlo solo se il tema natale lo consente, e se ci sono i transiti opportuni. Ora Giovanna mi consulta a mo’ di oracolo, senza spiegarmi cosa l’ha spinta verso il basso, se ora deve risalire. Mi fa cenno a problemi economici e professionali, e analizzo quindi i transiti in base a quest’ottica. Suppongo che gli ultimi mesi siano stati pesanti, almeno fino a fine 2015, per Saturno contro il Sole. Ora però Saturno è andato oltre e passa proprio nella seconda casa, quella delle finanze. Se vuole pianificare i suoi cambiamenti economici futuri questo potrebbe essere un momento buono. L’altro transito negativo è stato in precedenza Urano contro la Luna in Capricorno e seconda casa, facendo intuire ancora difficoltà economiche. Va aggiunto però che sulla Luna è passato pure Plutone, capace di accrescere le ambizioni ma anche di far tirare fuori una grinta sufficiente per far fronte alle difficoltà. Plutone è però un pianeta cruciale nel tema di Giovanna, nel bene e nel male, essendo in decima casa, in trigono a Giove ma opposto al Sole. Tradotto dal linguaggio astrologico a una modalità caratteriale, lei Giovanna è una persona ambiziosa ma mai del tutto soddisfatta di quello che riesce a fare. Se vuole dedicarsi a capire i suoi pianeti in quest’anno si concentri allora su Saturno e Plutone. Saturno l’aiuterà a razionalizzare la sua vita, Plutone da un lato le conferirà la grinta per risorgere. Le consiglio però di usare Saturno per tenere a bada Plutone, che suppongo in passato possa averla fatta rischiare o esagerare. Meglio usarlo bene, allora. Non lasciarlo inattivo, non si potrebbe, ma da maneggiare con cautela.




?
!

DETERMINISMO E LIBERO ARBITRIO – 631

Ascoltando il tuo video (Astrologia – una, nessuna e centomila, visibile su YouTube in due parti) noto una facile tendenza a credere nel libero arbitrio. Una delle caratteristiche che contraddistingue il vero morpurghiano dagli altri astrologi è l’essere “deterministi”. La Morpurgo nel Convitato di pietra ha dimostrato ampliamente la sua teoria. Vorrei solo aggiungere che se i pianeti visti dentro un Tema Astrale fossero solo una indicazione allora il passato non sarebbe identificabile. (…) L’inesistenza del libero arbitrio non esclude una possibilità di aiuto, ognuno di noi è in perenne evoluzione perché i transiti sono sempre in movimento. Con un esame dettagliato forniamo delle basi su cui il serio consultante può ben ragionare tentando di capire se stesso. La Morpurgo su La natura dei segni scriveva : “Le perplessità nascono sempre da pregiudizi o da errata impostazione interpretativa. La tradizione con il suo catechismo semplificante ha tutt’ora un peso grande che limita o blocca la reale osservazione empirica, l’analisi del comportamento umano al di fuori dell’astrologia.” Mi sono sentito il dovere di intervenire con questo commento perché il lavoro di Lisa Morpurgo svolto con impegno ed efficacia, espresso con i suoi scritti non venga trascurato ma possa risultare il perno su cui fare affidamento.
Giuseppe








1 gennaio 2016

Purtroppo ho dovuto riassumere la lunga e-mail di Giuseppe per problemi di spazio, ma mi pare di non averne alterato il senso. Temo che la non perfetta qualità dell’audio del video abbia creato qualche problema di totale comprensione, perché in quella conferenza tenuta a Milano io mi dichiaro apertamente determinista. Franca Mazzei no, e di certo subisce l’influsso del suo tema natale - come me e tutti noi - anche nell’affermare questo. Determinista ero e determinista rimango. Morpurghiano ero e morpurghiano rimango. So al tempo stesso che molti non sono né l’uno né l’altro, o ondeggiano in cerca di un approdo sicuro, preferendo navigare nel mare dell’incertezza e del possibilismo. Bazzicando gli ambienti astrologici da un’infinità di tempo so inoltre che aleggia una grande confusione su innumerevoli questioni, nonché emergono pareri così soggettivi che più soggettivi non si può. Oltre a un eccessivo protagonismo spesso frustrato per mancanza di solide e durature conferme da parte di chi vorresti ti riconoscesse un ruolo di grande ricercatore o astrologo. Palma che spetta a pochi, come è normale che sia nell’ordine delle cose. Generando ancora più frustrazione in chi spera di volare in alto (nell’empireo dei grandi geni?) ma si imbatte soprattutto nell’indifferenza di chi non viene nemmeno sfiorato dal problema. Questo accade sia nel campo degli astrologi morpurghiani sia in quello di tutte le altre scuole, anche se a volte si maschera la sostanziale indifferenza verso il pensiero altrui dietro a una formale amicizia, tutta da verificare. Atteggiamento che mi ha creato, dopo eoni di frequentazioni giornaliere, almeno telematiche, una stanchezza che a volte vira verso la nausea. Perché rimirando il proprio ombelico gli studi astrologici non hanno fatto un passo in avanti dalla morte di Lisa Morpurgo, anzi spesso si sono arenati nella fissazione acritica e fideistica non più al verbo tolemaico ma a quello morpurghiano. Dimenticando che LM non ha fornito un catechismo, ma uno strumento d’indagine eccezionale se lo si sa impiegare davvero. Non fissandosi nell’ “L’ho detto io e quindi è così”. Può esserlo ma non è detto lo sia, va verificato e dimostrato. Insomma, andrebbe fatto un bagno di realismo epistemologico, ma dubito siano in molti a volerlo fare davvero. Dal canto mio continuo a essere determinista e morpurghiano, pur avendo la certezza che molte cose non siano ancora state spiegate. Ma per farlo ci vuole autentica intelligenza, applicando bene quello strumento incredibile che ha nome codice zodiacale. Bene, non male.







?
!

RASSEGNARSI AL PROPRIO TEMA NATALE? - 630

Gentile Massimo,
impelagata nei doveri quotidiani (casa e lavoro), dopo anni di iscrizione all'università a tutt'oggi riesco con difficoltà a vedere la laurea, per non parlare del tanto agognato amore; flirt platonici che non decollano. Rassegnarmi ad alcuni aspetti negativi del mio tema natale?
Nadia







1 gennaio 2016

Nelle sue poche righe, parlando di quello che vorrebbe ottenere ma non è riuscita ancora ad avere, ha sintetizzato con chiarezza i due punti più critici del tema natale, che sembrano paradossalmente connessi. Giove nel suo tema è infatti in nona e riceve un quadrato da Plutone in sesta e da Venere in terza, anche se riceve pure un trigono da Marte. Venere ha aspetti negativi appunto con Giove e Plutone. Ossia, difficoltà affettive e fatica a compiere gli studi superiori. La cosa positiva è che non rinuncia ancora a nessuno dei suoi sogni, anche se, scrivendomi, lascia sottendere che qualche dubbio sta cominciando a sorgerle. Partiamo da quello più semplice, ossia gli studi: quanto le manca per terminare l’università? Pochi esami o troppi? Mi pare di capire che lei a differenza di altri ha un lavoro, quindi una laurea le servirebbe forse per dire a se stessa di avercela fatta, oppure ne avrebbe bisogno per fare un passaggio ulteriore nel mondo del lavoro? Visto che mi accenna a un’occupazione, non so se soddisfacente o meno, le consiglierei proprio di fare una valutazione pratica – indipendentemente da quanto può dire il suo tema natale – sulla raggiungibilità dell’obiettivo o meno. Se è dietro l’angolo insista, se le ci vogliono ancora anni decida se è il caso di perseverare oppure no. Non è comunque né la prima né l’ultima a non essersi laureata, e si può vivere bene anche senza uno straccio di attestato. Più complessa è invece la questione affettiva, sfera che preme a tutti tanto. La Venere mi fa ipotizzare una sua certa difficoltà ad approcciarsi, se mi parla soprattutto di amori platonici. Chiudendoti nel proprio guscio è difficile che qualcuno venga a stanarti. Non escludo però che qualcosa nell’aria di più concreto possa esserci, Urano in Ariete in trigono ai suoi pianeti in Leone potrebbe portare cose buone, come pure Saturno in Sagittario. Dovrebbe però dare una mano al suo destino, mettendosi almeno in situazioni in cui ci sia la possibilità di conoscere gente davvero, prima di buttare la spugna. Forse dovrebbe capire cosa, nel suo comportamento, le ha impedito di fare un incontro giusto. Perché a volte c’è una componente di sfortuna (componente, non parlo di sfortuna cosmica) altre siamo noi a non lanciare i messaggi giusti. Provi a pensarci, magari qualcosa cambierà. I transiti non lo escludono.







?
!

SINCERO E FUGGITIVO - 629

Ciao Massimo
mi è successa una storia non cercata. R., persona separata che sembrava presissima da me. A me non piaceva, ma il suo corteggiamento mi ha fatto cascare come una pera cotta. Telefonate, messaggi w.a. ogni ora, frasi dolci per 3 settimane. Quando l'ho conosciuto di persona mi diceva: "Ti adoro e ti voglio più bene di quanto non ti dica". Il problema è che veniva da un divorzio pesante e da una storia successiva che gli aveva fatto male. Diceva che era per il periodo di insicurezza che non riusciva a perdere del tutto la testa. Grande passione, ci vediamo su sua insistenza, andiamo a letto insieme per tutte e tre le volte, (bellissimo e coinvolgente anche da parte sua), fino a che dopo una notte di passione (a cena mi dice: sto benissimo con te), il giorno dopo non si fa sentire, non mi manda il messaggio del mattino e lo stesso il giorno seguente per poi dirmi che lui voleva i suoi spazi e più gli dicevo mi manchi e più si sentiva soffocare. Nota bene il mi manchi è stata una costante detta da parte sua un milione di volte. Sai Massimo, io credo sia sincero. È questo che mi fa impazzire! È anche un genio, ha il QI di 143, quindi non dovrebbe essere pirla; mi sembra irrazionale e lunatico ma sincero. Mi dice che lui crede che io sia andata troppo avanti e lui non riesce a tenere il mio passo; che non vuole farmi questo. Ora l'orgoglio mi dice di mandarlo al diavolo ma mi piace e ci tengo a lui. Mi contatterà? O finirà del tutto? Riesci a vedere se avremo una storia seria?
Elena






1 gennaio 2016

Confesso che dubitavo un po’ sul QI mostruosamente alto di R. ma quando ho visto il suo tema natale mi sono ricreduto. Ossia sono certo che sia davvero molto intelligente, ma questo non gli garantisce una sincerità assoluta o una propensione alla stabilità in amore, anzi. Un Mercurio in Aquario in trigono a Plutone in Vergine e altri elementi del suo tema natale lo rendono di certo anche scaltro e possibilista. Io penso che all’inizio fosse sincero, nel suo genere, poi si sia accorto che si era spinto troppo oltre nel gioco e tu eri presa e, se restava nella storia, avrebbe dovuto offrirti qualcosa di più, che non poteva o non voleva darti. Non vedo altre motivazioni reali, su quelle immaginarie non saprei. Voi donne avete spesso la tendenza a credere sul momento a tante bugie che l’uomo racconta poi, quando venite a scoprirle, non credete più nemmeno alla verità. Non so di certo se sia del tutto sincero su quanto vi è accaduto, può darsi che dica quello che ritiene che non ti faccia soffrire troppo e gli salvi al tempo stesso la faccia. Penso però che se era davvero preso tornerà, più prima che poi. Concediamogli un periodo di panico e di maturazione della decisione, se la prenderà. L’astrologia non può dirti però se e come ci sarà questo ripensamento. Può però dirti quali sono i suoi transiti imminenti, ed i suoi. A lui passerà Saturno su Venere a fine gennaio. Potrebbe essere il momento di una stabilizzazione di una storia ma anche della sua chiusura. A te prosegue, come ti dissi, Nettuno in sestile a Venere e potrebbe in effetti continuare a farti sognare. Ci sono però due tipi di sogni: quelli basati sulla presenza e quelli invece incentrati sul ricordo di una storia bellissima che avrebbe potuto essere in un certo modo ma ora non lo è più. Non escludo un ritorno ma, se così fosse, starei attento a cercare di non illudermi troppo. Il gioco finora l’ha condotto lui, ed è estremamente intelligente. Anche tu sei tutt’altro che cretina, ma in questo periodo sei sotto l’effetto di Nettuno, e tendi a sognare. Consiglio prudenza, altro non posso fare.


?
!

IN CERCA DI AMORI COMPLICATI - 628

Salve Sig. Massimo,
Mi ritrovo a scriverLe perchè la sua sensibilità e ironia mi aiutino a comprendermi maggiormente. L'infinita relazione epistolare con il mio ex marito in Giappone ha subito un'interruzione, come Lei aveva previsto (Saturno opposto per due anni). Quello che mi porta a scrivere questa volta è il mio modo di innamorarmi: improvviso, totalizzante, passionale, pronto a tutto dall'oggi al domani. Mi chiedo come mai, visto che il mio Sole in Acquario è sempre descritto come 'distaccato'. Io do tutta me stessa e spesso non capisco le vere intenzioni delle persone. Ora sono innamorata di un ragazzo più giovane di me di 15 anni: mi attrae in modo irrazionale e profondissimo e mi ha fatto vivere emozioni che non vivevo da molto. Eppure sembra già 'altrove'. Ma sono sempre la sola e unica ad innamorarmi?!?!
L






1 gennaio 2016

Cara L.,
un giorno ci troveremo e lei mi racconterà la sua Venere in Pesci e io il mio Marte nello stesso segno, e capiremo quanto è bello sognare, e non importa se la realtà ci dà conferme oppure no. Uso la terapia d’urto, poi lei seguirà quello che le dicono sia il cuore sia il suo tema natale. Come per suo marito, nella storia che mi racconta è proprio quell’“altrove” che la attira, ma trattandosi di un luogo (o dimensione dell’anima) tanto affascinante bisogna pure essere consapevoli che non necessariamente – o probabilmente – la storia si tradurrà in una realtà stabile. Con il ragazzo ci sono certo molti punti di contatto, entrambi avete un Sole in quarta casa, lui ha una Luna in Aquario (suo segno solare), lei ha la Luna in Ariete lui Venere in Ariete. Però ci sono pure quindici anni di differenza, e soprattutto lui ha vent’anni, ossia ha un’età di esperienze e trasformazione. Se ne avesse dieci o venti in più non sarei così scettico. Conosco diverse coppie con una differenza di questo tipo e funzionano benissimo da tempo immemore, ma per l’età del ragazzo francamente faccio fatica a immaginare una relazione duratura. Se riesce a usare la sua parte razionale, di certo molto sviluppata grazie al Sole in Aquario in trigono a Saturno e all’ascendente Bilancia, prenda l’esperienza per quel che immagino sia, ossia un meraviglioso tuffo nel mondo delle emozioni, destinato a durare lo spazio di un mattino o in rari casi per un tempo molto più lungo. Ma deve avere la consapevolezza delle difficoltà implicite in un rapporto (o sogno) di questo tipo. Se invece usa la sua Venere in Pesci o l’infuocata Luna in Ariete si lasci andare alle passioni e ai sentimenti senza confini, con l’inevitabile dose di sofferenza implicita in queste attitudini umane. Prenda la storia come un dono, e lo è comunque, sia essa basata sul trasporto erotico soddisfatto sia solo immaginata o vissuta come un’eterna attesa inappagabile. Non so se la relazione con il ragazzo possa continuare o riprendere, qualche dubbio ce l’ho, però mi sembra comunque di buon auspicio per voltare pagina rispetto al marito lontano. Se poi dovesse miracolosamente durare meglio ancora, le ha comunque mostrato che il suo cuore può battere ancora, ma deve trovare solo a chi dare l’amore. E prima o poi accade, mi creda. Con il ragazzo o con qualcun altro.




?
!

IL SOLLEVAMENTO PESI: UN MISTERO ASTROLOGICO? - 627

Ciao Massimo,
ho trovato la data di nascita di Dmitry Klokov, sai il campione di weightlifting?
Mi immaginavo un super Marte in Ariete trigono a Plutone, invece guarda qui Marte in Pesci congiunto a Venere e quadrato a Nettuno (non ho l’ora di nascita, ma quelli restano). Insomma ho trovato il tuo secondo lavoro (Marte in Pesci weightlifter???) o come è possibile sta cosa?!?
Ivan







1 gennaio 2016

Penso che qualsiasi ragionamento astrologico vada sempre confrontato con la realtà dei fatti, pena clamorose sconfessioni, temi natali alla mano. Come appunto questo campione di sollevamento pesi, appartenente al mite Aquario e con un Marte in Pesci capace di svenire se solo sente un “buh!” alle spalle (e lo dico a ragion veduta, avendolo pure io). Mi mancano i dati di altri campioni della disciplina, e non mi sono preso la briga di cercarli, e provo ad analizzare questo caso. Partendo dalla pratica sportiva, in cui non si gareggia fisicamente con il prossimo ma solo con se stessi e con i pesi via via caricati. Marte è sì il pianeta degli sportivi, ma di quelli che combattono l’uno contro l’altro, non con i propri limiti, fermo restando che il pianeta, in qualsiasi segno cada, non perde mai le sue caratteristiche, e ha quindi comunque e sempre voglia di gareggiare. In questo caso però l’agonismo è ridotto al minimo. Vediamo poi una congiunzione Venere e Marte, e suppongo che nelle motivazioni di questo robusto atleta russo ci sia anche la voglia di mostrare i suoi bei muscoli, o di concepirsi avvenente solo se muscoloso, soprattutto se si pensa che Marte cade nei gradi finali, governati da Giove=vista. Ossia, guardate come sono belli i miei muscoli! Una ricerca di molti anni fa di Ugo Greci sui culturisti sancì poi che i body builder non avevano affatto Marti strepitosi, ma era piuttosto Plutone a risultare stimolatissimo. Come nel caso di Dmitry Klokov, congiunto com’è a Saturno e in trigono al Sole, oltre a vari altri aspetti che non elenco qui. Non avendo mai praticato il sollevamento pesi e pensando di non farlo in futuro manco morto, immagino però che per arrivare a questi livelli sia necessaria una determinazione enorme, perché devi gareggiare solo con te stesso, anche se poi viene stilata una classifica finale di chi solleva di più. Tale determinazione è in questo caso certo garantita da Saturno congiunto a Plutone e in trigono al Sole. Aggiungiamo poi che manca l’ora di nascita di questo sportivo, e il tema domificato potrebbe rivelare altri dettagli che ora non si possono individuare. Insomma, non in automatico Marte fa lo sportivo, ma può indicare il modo in cui gareggi e le motivazioni sottostanti. Suppongo che per il robusto atleta russo all’origine ci fosse il bisogno di sembrare potente, per non dover fare a botte con coetanei magari più muscolosi di lui. Molti body-builder sono stati ragazzini gracili o obesi, e hanno iniziato a fare palestra proprio per questo. Parola di un Marte in Pesci che ha dovuto imparare a difendersi con la lingua anziché con i muscoli.




?
!

ENDLESS LOVE? - 626

Caro Massimo,
anni fa nella mia vita entrò una persona che mi ha segnato. Ero giovane e la differenza d'età tale che il rapporto non avrebbe potuto che rimanere sul piano dell'amicizia, anche se c’è stata un'infatuazione mai confessata. La relazione era profonda nonostante fosse per cultura, convinzioni personali e stile di vita, opposta a me. Una relazione fatta solo di accese discussioni, battute taglienti e battaglie verbali sui grandi ideali. Dopo un anno si trasferì per lavoro, ma mi dimostrò il suo affetto cercandomi per salutarmi, chiedendo nei mesi successivi di potermi parlare al telefono quando contattava amici comuni (all'epoca niente cellulari), ed inviandomi un libro ed una breve lettera dopo un anno. Tentativi di comunicare a cui mi sottrassi, non so il perché. Soffrivo per l’assenza, e la sofferenza mi fece incaponire nel rifiuto. Smise di provarci, gli anni passarono ed il mio cuore guarì. Con il tempo il ricordo era appannato. La mia vita è andata avanti. Se non fosse che da qualche mese, senza una ragione plausibile, è tornato a galla. Sentimenti, ricordi e pensieri. Non riesco a pensare che a lui, come se fosse ancora con me. Nulla di particolare è accaduto nella mia vita, una mattina mi sono svegliata e lui era di nuovo nella mia testa. C'è un motivo? Dovrei dare un seguito alle mie farneticazioni e contattarlo? Come potrebbe reagire? E se questo fantomatico legame fosse esistito solo nella mia testa?
Elena







1 dicembre 2015

La sua Luna in Gemelli la rende sufficientemente lucida per lasciarle almeno il tarlo del dubbio sulla possibilità che la storia sia solo inventata. Ma non credo lo sia, dentro di lei era reale, altrimenti il ricordo sarebbe evaporato, come quasi sempre accade in caso di innamoramenti fantasmatici. Va detto che lei è Pesci e un po’ potrebbe tendere a idealizzare il maschile, anche se altri elementi del suo tema farebbero pensare il contrario, e parlano di passione, e voglia di concretizzarla. Mi permetterà la sincerità, ma credo che dietro questo tira e molla di allora la sostanza fosse da parte di entrambi interesse sessuale. Capisco che lei non abbia preso in considerazione l’ipotesi, per la differenza di età e di altro, ma alla base di queste scaramucce c’è sempre quello. E il fatto che lei abbia respinto approcci all’apparenza innocenti significa secondo me altro, ossia che temesse i suoi istinti e di cedere alla tentazione. Il ritorno della curiosità per questa persona mi fa ipotizzare due cose, e mi scusi sempre la sincerità. Non le è mai passata l’acquolina in bocca, anche se stenta ad averne consapevolezza, e nel frattempo non ha incontrato nessuno che le abbia davvero fatto dimenticare quel rapporto mai nato come forse avrebbe voluto. Oppure, come molti Pesci, si strugge per i fiori che non colse, o che il destino fece volare via, per voglia di perdersi nel sogno. Tentazione più che lecita, ci mancherebbe. Mi sembra però che quella persona si sia comportato da vero signore e che i contatti siano sempre stati all’insegna della correttezza, e della coscienza della differenza di età. Perché, astrologicamente, all’improvviso le si è risvegliato il ricordo e – mi permetta – forse si è risvegliata pure lei? Due motivi molto semplici e altrettanto stimolanti. Nettuno le è passato sul Sole, mentre Urano ha fatto altrettanto rispetto a Venere e Marte in settima. Detto in altre parole ha voglia di nuovo, magari fantasticando il vecchio. Se fossi in lei comunque proverei a contattare la persona, se non fosse altro per non lasciare il tutto nel vago limbo del possibile. Magari sta facendo altro e non si ricorda più di lei, ma potrebbe anche essere diversamente. Se le desse la sua disponibilità stavolta però non sia ambigua, approfondisca il rapporto, e veda che succede. Altrimenti corre il rischio di ripensarci fra dieci anni, e allora sì che sarebbe troppo tardi.





?
!

UN COMPAGNO POCO COMPATIBILE? - 625

Gentile Massimo,
vorrei chiarezza sulla mia coppia. Nella sinastria mi fa dubitare il suo Saturno opposto al mio Sole. Mi sento affine a lui, ma finisce nei guai, è impulsivo e poco rispettoso per gli altri. Ad esempio con la mia macchina ha provocato un danno al muro di casa, e mi sono beccata quasi la denuncia. Non ha chiesto scusa agli inquilini e ho dovuto rattoppare i “buchi”. Mi sento responsabile di lui ma non mi piace, vorrei avere un compagno in grado di crescere accanto a me. Lui vorrebbe migliorare, ha già fatto tanto (ha un passato burrascoso) e io lo prevarico troppo, le nostre liti sono violente, siamo arrivati alle mani. Alla fine si giustifica con il fatto che non lo ascolto, né gli do fiducia. Di positivo nella sinastria vedo il rapporto tra le Lune (la sua in Bilancia e la mia in Gemelli). Vorrei trovare una soluzione alla nostra situazione, ma non so se investo le energie nella persona adatta. Un'altra cosa che mi confonde è l’opposizione tra Luna in Gemelli in 11a e Saturno in Sagittario in 5a. Quali effetti provoca? Quello che so è che produce la soppressione della femminilità, assenza di figli (nonostante il Sole in Cancro non ho desiderio di avere figli). Quello che mi preme è che questa posizione (soprattutto Saturno in casa 5) che in un certo senso possa influenzare la mia capacità di crescere ed affermarmi (ho anche l’opposizione tra il Sole e Marte). Ho sempre la sensazione di dover lavorare il triplo di altri per affermarmi. A me viene in mente Saturno, però so anche Massimo, che tu prendi distanza dalla teoria del karma e dal significato dei pianeti retrogradi.
Kristina







1 dicembre 2015

Come spesso accade, cara Kristina, hai messo insieme cinquanta domande ed è difficile rispondere a tutte in uno spazio ristretto. Sintetizzo: non desideri figli pur essendo Cancro, perché hai Sole e Luna in undicesima, una Luna poi in un segno poco romantico come i Gemelli. Quindi non si pone il problema e il karma non c’entra nulla, non sei portata per la maternità. Poi magari cambierai idea e avrai figli, ma il tuo istinto profondo è di altro tipo. Per l’affermazione professionale non riesco a rispondere qui e concentriamoci piuttosto sul rapporto con il tuo ragazzo. Il problema nell’interpretare la sinastria, tuo ma pure di tanti altri dilettanti e professionisti d’astrologia, è sbagliato. Ossia vi concentrate su quanto di positivo ma soprattutto di negativo c’è nella comparazione dei tuoi temi, dimenticando che è impossibile che non ci siano motivi di conflitto, astrali e non solo. Anzi, quanto non va è spesso molto più forte di quanto invece va. Perché – e questo accade soprattutto alle donne - ci si concentra soprattutto sulle negatività del partner, con l’illusione e la presunzione di cambiarlo. Oppure puntando su quella negatività proprio per prendere la distanza, e tornarsene da soli. Così di certo quel Saturno di lui opposto al Sole di lei significa un non comprendersi su cosa è legge e rispetto, uno li intende in un modo l’altra nel suo esatto opposto. Certo, disturba, ma è un motivo sufficiente per chiudere la storia? Forse sì, se per lei la questione è così importante. Se non lo è, meglio chiudere le effemeridi, guardare la sintonia affettiva ed erotica, eventuali altri motivi di incomprensione. Aggiungi poi che a volte sono proprio gli aspetti negativi che cementano un rapporto, pur complicandolo. Una relazione perfetta non esiste, semmai esistono storie che fanno star bene e altre che fanno star male, ma nessuna potrà essere solo e soltanto positiva. Dopo questa indispensabile premessa, pensa che i punti di contatto ci sono, Giove in ottava per entrambi, Saturno in quarta sempre per entrambi, per te Venere in prima, per lui la Luna in prima. Ma siete pur sempre un Cancro e un Ariete, segni al quadrato tra di loro, ossia con un’impostazione di vita molto molto diversa. Non posso suggerirti di restare o andare, ti posso solo dire di ragionarci su. Di certo prima o poi lui farà altre scemenze e impulsività, perché è fatto così, ma devi capire tu se sono cose terribili oppure piccoli peccati veniali, ovviamente per te. Ma prima o poi le rifarà, è del tutto certo.





?
!

IL SEGNO PERFETTO PER TE, QUESTO SCONOSCIUTO - 624

Gentile Massimo,
con grande piacere ho scoperto La rotta di Ulisse, sono un appassionato di astrologia morpurghiana e avrei sempre voluto conoscere Lisa Morpurgo. Approfitto di questa sezione Forum per porre una domanda sul mio tema, ma allo stesso tempo può essere più ampia e generica. Da tempo mi arrovello per capire se esiste davvero un partner zodiacalmente compatibile. Ad esempio, io Leone ascendente Bilancia, sono attratto dai Gemelli e qualche volta dagli Acquari ma senza fortuna. Finisco sempre con i Pesci! Non sopporto gli uomini Cancro, (Cancro e Leone insieme cos’hanno che non va?!) e tollero appena i maschi e le femmine Sagittario, ma li evito. La ringrazio anticipatamente se vorrà rispondermi. Sono nato il 25/7/75 a X alle WZ
Matteo







1 dicembre 2015

Perché accontentarsi di un segno soltanto quando se ne possono sperimentare vari? Battuta a parte, sono certo non ci sia un segno davvero giusto per nessuno e, se mai esistesse, si incontrerebbe sempre la persona non del tutto perfetta rispetto allo schema ideale. Per un motivo semplice: ogni tema natale ha in sé qualche contraddizione, quella che ci fa sentire incompleti e cercare chi sulla carta ci completi. Certo, c’è pure un’esigenza in cui si deve essere in due (quasi) per forza, ossia il sesso, ma si potrebbe pure cercare una bambola o un bambolotto gonfiabile per sopperire alla bisogna, oppure provare ad avere rapporti in cui non ci si basi sui sentimenti ma su questioni molto più terra terra. Eppure non lo si fa praticamente mai perché evidentemente in quel complicato groviglio che è la mente umana è previsto come un dato di fatto il contorcimento emotivo, sempre e comunque. Con tanto di simpatie e antipatie. Ora perché lei ha le attrazioni e repulsioni che mi indica? In alcuni casi posso capire, in altri prendo atto. L’idiosincrasia per il Sagittario mi pare anzitutto la più difficile da rintracciare, forse solo grazie al suo Giove complesso in settima che le rende probabilmente ardua la convivenza con ottimisti ad oltranza. Anche l’incompatibilità con i Cancro non è semplicissima, ma forse si può dedurre dal fatto che lei ha il Sole in decima, e ama quindi poco un atteggiamento passivo e troppo bisognoso di attenzione. L’attrazione per Gemelli e Aquari è forse deducibile dalla presenza di Venere in undicesima e dalla Luna in Aquario, ma perché poi lei non riesca a quagliare è forse imputabile a una sua tendenziale possessività (Marte in Toro e Giove in settima). Perché finisce sempre con i Pesci? Immagino che il trigono (largo) di Nettuno al Sole la renda irrequieto, e che tra fuggitivi ci si attiri. Le suggerisco però di provare Capricorni e Scorpioni, forse saprebbero mettere alla prova il suo lato dominante e battagliero, sempre che non insista a trovare partner per lei incompatibili, o compatibili ma con un contratto a tempo determinato.





?
!

FIGLIA DI UNA MADRE PESSIMA - 623

Ciao Massimo,
ti ho già scritto. Sto cercando di mettere in pratica il consiglio di approfondire il mio tema natale ma trovo difficile sviscerare certi aspetti nel più profondo. In compenso però mi capitano situazioni che mi portano a ripensare al passato, vicende dolorose che tornano a galla soprattutto con i miei genitori, mia madre in particolare. È ancora in vita ma è come se non ci fosse, questo mi ha fatto molto soffrire nella vita ma adesso é come se avessi una corazza contro questa mancanza di amore da parte sua che poi si é estesa anche ai miei figli, suoi nipoti. Amo tanto i miei figli e non potrei mai pensare di avere un atteggiamento nei loro confronti come mia madre l'ha avuto con me. Penso e ripenso ma resto sempre nei miei grovigli, cercando di trovare spiegazioni che ancora non riesco a trovare. Sono nata a W il 3/ZZ/1965 alle 10.30. Leggo spesso il tuo sito e ritengo sia uno dei migliori.
Simona







1 dicembre 2015

Nel momento in cui leggevo la tua domanda e non avevo ancora visto il tema natale mi sono chiesto se fosse vero l’atteggiamento che mi descrivi, non tanto perché tu possa non essere sincera, quanto piuttosto perché quando si parla della sfera più intima spesso il diretto interessato non riesce a essere obiettivo, ed esagera o attenua i dati di fatto. Vedendo il tema non posso però non darti ragione, perché una Luna in Gemelli in undicesima casa, congiunta sì a Giove, ma quadrata a Marte, Urano, Plutone e Saturno non può indicare mai un buon rapporto con la madre. Donna che vedrei di certo fredda e insoddisfatta, concentrata sulla vita sociale e capace di infondere mille insicurezze, quasi di certo perché il suo mestiere non era quello della madre, pur avendoti concepito. Lo dico a chiare lettere proprio perché tu stai soffrendo per il ricordo. Ora il tempo passato non si recupera, è impossibile farlo, soprattutto se tua madre è fatta così e non ha alcuna intenzione di correggere il suo atteggiamento. Capisco che sia difficile da mettere in atto, ma ti consiglierei una presa d’atto della realtà, dolorosa finché si vuole ma l’unica via di salvezza. Intorcinandoti sul perché tua madre sia così, dandoti in maniera più o meno inconscia la colpa del suo non amore non ti aiuta, anzi peggiora solo la situazione. Per tua fortuna, forse anche per recuperare l’affetto che ti è stato negato, con i tuoi figli hai un atteggiamento del tutto diverso. Ottimo, solo l’amore, se pure di altri, può curare. Ti consiglio però di non esagerare in affetto, legittimo, ma pure il troppo amore può far danno. Non so se lo stai facendo, ma spesso ho visto mettere in atto questi meccanismi compensativi, con risultati immaginabili. Mi sembri comunque sulla buona strada, hai riflettuto sui miei suggerimenti, mi sembra nella maniera corretta. Prova poi, se ce la fai anche se probabilmente ci vorrà del tempo, a vivere in maniera positiva quella tua Luna che non rappresenta solo tua madre ma pure te stessa in quanto donna. Ossia vedi di prenderla con allegria, almeno di tanto in tanto, con spirito ironico e anche saggio. Come diceva il poeta Fried, tuo compagno di segno, “è quel che è”. Si riferiva all’amore, ma la frasi si può applicare pure all’affetto non ricevuto, o ricevuto male, da tua madre. Ti auguro di riuscirci, mi sembra che tu ce la stia mettendo tutta.





?
!

FUSSA CA FUSSA LA LEI GIUSTA… - 622

Ciao Massimo,
Ti seguo con ammirazione sempre!! Sono nato il WW dicembre 1963 a Z alle ore 2.15. È circa due anni che combatto con la mia ex. Mi sono lasciato a febbraio del 2014, ma la crisi era già iniziata da tempo. L'ex non ha ''digerito'' la mia uscita di casa e continua a stressarmi. A maggio 2015 ho conosciuto una donna di cui mi sono innamorato. Potrà essere questa la volta buona per poter avere più stabilità nella mia vita affettiva?
Luna in Gemelli





1 dicembre 2015

Nessuna persona seria, astrologo o no, può davvero affermare senza timore di smentite che una certa persona che amiamo resterà al nostro fianco per sempre, soprattutto da qualche anno. Un tempo spesso si restava infatti insieme per necessità - e ancora qualcuno o molti sono costretti a farlo per analoghi motivi - ma se la situazione economica lo consente appena, ci si lascia senza rimpianti. Meglio soli che male accompagnati, c’è sempre la possibilità di un nuovo amore. Come è successo a Luna in Gemelli, stressato dalla storia precedente ma già pronto a innamorarsi. Sarà appunto quella giusta? Te lo auguro, e punti di contatto indubbiamente ce n’è più d’uno. Suppongo una comune curiosità o socievolezza, come vogliono i tuoi tanti pianeti in case d’aria (cinque tra terza e undicesima) e il suo essere Aquario con sei pianeti in segni d’aria. Disponibile e carina, quindi. Ma chi comanderà tra i due? Se analizzassimo solo il segno solare non ci sarebbe storia, avrebbe la meglio il Capricorno, ossia tu. Lei è poi Aquario, quindi sulla carta poco interessata al potere, soprattutto perché ha un ascendente Pesci. Eppure, eppure una congiunzione stretta di Luna e Marte in Toro e prima forse la rendono meno malleabile di quello che sembrerebbe di primo acchito. Inoltre ti consiglierei di mantenere aperti gli occhi, perché quella tua Luna in Gemelli e ottava ti porta a volte a cacciarti in situazioni affettive complicate. Si è visto con la fine della storia precedente. Ti consiglio solo un minimo di prudenza, non guasta mai in nessuna relazione. Penso che la vostra storia potrebbe durare a lungo se riuscite ad usare entrambi al massimo la testa, sopportando i difetti dell’altro che prima o poi emergeranno senza possibilità di dubbio. Se riuscirete a gestirli tutto OK, ma usa tutta la tua razionalità e pragmatismo nella relazione. Non guastano mai.





?
!

IL PLUTONE IN ME … - 621

Mi sento inadeguata. Provo difficoltà a dialogare con le persone, per sfiducia verso gli altri e me stessa. Questo mi porta ad essere poco aperta al dialogo. Sono poi confusa su quale facoltà universitaria scegliere e quale sia il lavoro adatto a me. Mi sembra di vivere in una bolla fatta di insicurezze e riflessioni sui comportamenti miei e altrui. Anche in una relazione di coppia mi sento insicura, ma se qualcuno fa il duro mi indispettisco fino a diventare una belva. Ho pensato che il Plutone in prima casa e Scorpione è la causa delle mie stranezze e modi rudi, addirittura aggressivi. Ho letto da qualche parte che Plutone è aggressivo e, se associato allo Scorpione, la cosa si aggrava? Il mio tema natale nel complesso è buono o sono veramente sfigata come avverto di essere?
Sara F.






1 dicembre 2015

Plutone in Scorpione è solo parte della questione, ma in realtà suppongo tu abbia più di un lato di spigolosità. Non sono infatti morbidi nemmeno il Marte in Vergine e decima come pure la tripletta di Luna, Nettuno e Urano in Capricorno, capaci di renderti a volte davvero testarda. Prendine atto, e non nasconderli sotto il tappeto, come si fa con la spazzatura se arriva all’improvviso un ospite inatteso. Perché sei sì Cancro, con un lato quindi di tenerezza, però molti altri elementi del tuo tema natale vanno in direzione contraria, e non puoi cancellarli. Puoi però imparare a cavalcarli, anzi devi farlo, tenendo conto che certi momenti di malumore li avrai sempre, forse anche a causa del Giove contrario al Sole, che ti fa spesso vedere la bottiglia mezza vuota, o svuotata del tutto, quando in realtà è ben lungi dall’essere terminata. Sei ancora giovane, molto, e quasi mai alla tua età riesci a gestire certi sbalzi d’umore, soprattutto se la personalità è variegata. Tieni conto però che la complessità è un dono, significa che hai tante cose dentro di te. Certe buone e altre meno. Reprimere quelle che ti creano problemi senza averle assimilate significa far peggio, perché la causa della difficoltà non è risolta. Tieni quindi conto che sei dura e anche non lo sei, che da un lato il Sole in Cancro ti vorrebbe alla perenne ricerca della coccola, ma il Marte in Vergine può diventare acido e sprezzante. La Venere in Toro cerca ancora affetto, poi il Plutone in prima ti fa agire in modo strano? Una condanna a vita? Quando mai… Preparati piuttosto a convivere con quel che sei, e magari, visti nel tuo tema natale i molti elementi di introversione, potresti decidere di approfondire gli studi di psicologia, oppure fare l’investigatrice privata o la poliziotta, o ancora lavora nella finanza o fare la mafiosa. Scherzo, ma non troppo. Gli amanti delle definizioni ad affetto direbbero che hai un forte lato ombra. Non puoi illuminarlo a giorno, la tua natura profonda te lo impedirebbe. Cerca piuttosto di usare la lampada giusta per illuminarlo. Non per mostrarlo agli altri, per te stessa, potrai capire che la complessità è un dono, non necessariamente una maledizione. Magari imparando però a moderare certe reazioni troppo dure, che fanno male soprattutto a te stessa.





?
!

MATRIMONIO VACILLANTE? - 620

Da dieci mesi sono mamma di due gemelle e da allora il rapporto con mio marito vacilla. Io sto subendo la quadratura di Nettuno alla mia Venere e l'opposizione di Saturno al mio Marte (Saturno transita in settima casa). Tra pochi mesi andrà a quadrare anche Venere! E in più sempre nel 2016 Urano andrà a quadrare il mio Sole in Cancro. Insomma a me sembra un disastro! Ho guardato i transiti di mio marito che dal 2017 sono disastrosi anch'essi. Cosa aspettarmi e lei cosa ne pensa? (sono nata a X il 18/07/1977 alle WZ mentre mio marito è nato a CC a mezzogiorno)
Federica





1 dicembre 2015

Anzitutto gli aspetti negativi verso Marte sono passati tutti, una difficoltà in meno. Quelli verso Venere no, e sono i più antipatici, perché dovrà subire la negatività di Saturno e, soprattutto, Nettuno, con il quale forma già di nascita un aspetto problematico. Se i transiti sono fastidiosi non è detto però in automatico che siano destinati a portare una crisi irreversibile. Indicano piuttosto che stanno emergendo tensioni che andranno sistemate. Si risolveranno? Me lo auguro, ma è probabile siano destinate a durare per un po’. Come cercare di sistemare i problemi? Non mi spiega perché sono iniziate queste difficoltà, se non che sono partite al momento della nascita delle gemelle. Visto che suo marito ha al momento meno transiti negativi penserei che l’insoddisfazione sia soprattutto sua. Suo marito la trascura oppure lei è troppo concentrata sulle figlie? Dal suo tema natale mi sembrerebbe che lei abbia qualche difficoltà di dialogo con gli uomini in generale, visto che ha Marte e Sole isolati. Il Sole è però in Cancro e quarta, e penso perciò che per lei la presenza di un partner in casa sia indispensabile, purché ce ne sia uno. E mi pare anche che la sua Luna in Leone e la Venere in Gemelli, la rendano brillante e capace di oscurare il partner. Peccato che in questo caso si tratti di un orgoglioso e suppongo introverso Scorpione con un Marte in Leone, quindi doppiamente orgoglioso. Con una Luna in Cancro e settima però, quella che vi ha fatto incontrare. I transiti che vi aspettano non sono semplicissimi, soprattutto i suoi, ma penserei che individuando davvero le criticità lei possa risolvere la situazione, sempre che vogliate e possiate farlo entrambi. L’importante è non lasciare crescere il bubbone, che prima o poi potrebbe esplodere con il suo carico di negatività. Se lo si cura in tempo la ferita resterà invece indolore o curabile e il malessere si risolverà. Le auguro comunque di sistemare i problemi nel migliore dei modi.





?
!

MAMMA ANCORA IN PENA?: BASTA! - 619

Gentile Massimo,
Le ho già scritto tempo fa, sono quella mamma strana e angosciata che le scrisse chiedendole rassicurazioni sulla possibilità che il mio bimbo avesse una vita felice! Grazie alle sue parole mi sono calmata e fiduciosa sto andando avanti anche se continuando a leggere il suo bel sito ho capito che il mio bimbo ha un aspetto tra i più negativi e cioè una quadratura tra Sole e Luna, e cerco di non pensarci ma ora leggendo i suoi approfondimenti su Mercurio vedo che ha anche una quadratura Mercurio Luna, questo fatto mi ha mette di grande preoccupazione, volevo chiederle non ci sono altri aspetti che vanno un po' a mitigare questa negatività? o devo aspettarmi proprio il momento in cui non ci capiremo? Mi scuso per la mia angoscia ma dopo varie delusioni sul lavoro non pensavo di scoprirmi anche una cattiva mamma, mi pare di mettercela tutta per farlo stare sereno ma forse c'è davvero qualcosa che non va in me.
Elena






1 novembre 2015

“Quella mamma però ha un bellissimo Mercurio in Aquario e nona casa, congiunto a Giove e senza lesioni. E Mercurio indica il figlio. Così cara Elena, quel figlioletto per cui nutre tante paure in realtà sarà fortunato e si costruirà una sua felice vita adulta. Altro che brutta persona… Anche suo marito ha un gran bel Mercurio, congiunto com’è a Venere e Saturno in Gemelli. Quindi, Elena, la smetta di rovinarsi di rovinarsi la serenità con paranoie infondate.” Questo avevo scritto a suo tempo per cercare di placare le ingiustificate apprensioni di una madre con una Luna in Pesci quadrata a Saturno, ossia una genitrice troppo emotiva e poco razionale. Visto che se mi limitassi a spiegare astrologicamente perché le sue angosce sono infondate non otterrei un bel nulla, uso il paradosso sperando almeno di farla ridere. Quindi, suo figlio con quella Luna in Toro quadrata a Mercurio avrà un istinto da cannibale. Se vuole salvarsi, bruci perciò tutti i libri di ricette che ha in casa, e oscuri i siti internet di cucina, perché se mai trova le indicazioni per marinare una madre cotta al forno con salsa al rosmarino il suo destino è segnato. Al tempo stesso eviti di comprare seghe elettriche, perché potrebbe farla a tocchetti prima di infilarla nel forno a microonde. E soprattutto non lo bagni né gli dia cibo dopo mezzanotte, altrimenti corre il rischio di trasformarsi in un Gremlin. Cara Elena, ovviamente scherzo, e scherzo di brutto per tentare di farle capire che esagera, anzi esagera tanto. Capisco la sua emotività, una Luna in Pesci non potrebbe non essere apprensiva, ma forse eccede, anzi tolgo il “forse”. Non cada poi nel delirio di onnipotenza di credere che sia solo responsabilità sua l’educazione del bimbo. Dotato anche di un padre, se non ricordo male, come pure portatore di una sua personalità che non è solo il frutto del suo lavoro di genitrice. Di certo farà errori nell’educazione del bambino, nessuno non ne fa, ma non può pretendere di cambiargli la vita o evitargli problemi. Ne avrà come tutti e, se solo non si fa travolgere dalla sua emotività esagerata, potrà stargli al fianco senza soffocarlo con i suoi timori. Perché sono certo che, leggendo il mio prossimo scritto, troverà altri motivi per angosciarsi. Normale, intendiamoci, quando ero un principiante e vidi i temi natali dei miei parenti mi spaventai anch’io. Eppure sono ancora tutti vivi, hanno condotto esistenze più o meno normali, con gioie, dolori, problemi e successi personali nella norma. Un tema natale evidenzia le criticità e le potenzialità, non rappresenta una condanna a vita. Lo legga quindi per quello che è, poi la vita farà il resto. In bocca al lupo per tutto.


?
!

COME PREVISTO, È ARRIVATO IL TERZO INCOMODO - 618

Come aveva ipotizzato, entrambe le storie sono state da me chiuse. Questo ha coinciso con una ripresa della serenità. Là ha parlato della dicotomia tra dipendenza e indipendenza sentimentale segnalata dall’enfasi su settima e dodicesima casa, le do ragione. Ho deciso che lascerò prevalere la dodicesima, stando (bene) sola e/o beneficiando di un legame anticonvenzionale. Mentre mi godevo il ritrovato spirito libero da tormenti, è entrato nella mia vita un Pesci con il quale la reciproca conoscenza ha cambiato la vita. Io sono quella che pone limiti, lui ha già scoperto le carte e espresso desiderio di provare a stare insieme. Siamo entrambi liberi, legati dall'arte, connessi in maniera potente e sono ricaduta nel tormento. Forse perché ho visto il suo tema. Nel suo ambiente è stimato, e di talento. È una persona intelligente, carismatica, disponibile. Ma è lui il terzo incomodo che lei mi ha prospettato nella risposta? Devo lasciarmi andare a vivere questa storia che già così, mi infonde incredibile energia creativa, apertura mentale, passione intellettuale e fisica? Posso fidarmi del destino e dell’astrologia? Ho paura che lui viva di fuochi di paglia. Ha avuto storie lunghissime, due, e un colpo di testa qualche anno fa, ma continua a credere nell'amore. Non vorrei soffrire ancora, ma mi sembra possa offrirmi un legame non convenzionale. O non è lui quel lui portato da Plutone?
Lelia







1 novembre 2015

Del destino deve fidarsi perché non può fare altrimenti, quanto all’astrologia non è una scienza perfetta, e si basa sull’interpretazione di simboli. Quindi può essere fallace se mal interpretata, ma può dare al tempo stesso indicazioni chiare, che si capiscono spesso solo a cose fatte, a volte dopo aver combinato danni. Non so se dovrei consigliarle la prudenza, ma non è nel mio stile, soprattutto in fatto di amore, e credo che ogni storia che ci arrivi sia un dono, e come tale non vada rifiutata. La vita è breve, e va goduta, mettendo in preventivo che ci saranno pure sofferenze, quando mai non ci sono? Soprattutto in amore, terreno meraviglioso ma complicato in cui può capitare di tutto. Se rilegge però lei stessa quanto mi ha scritto si accorgerà delle sue incoerenze, anche rispetto all’analisi del tema natale del Pesci che le sta cuore. Ovvero, lei è già presa, e, pur avendo paura di abbandonarsi, dice che è una persona fedele. Quindi qual è il problema? Non crede alle sue parole o al suo tema natale? Io penso che quest’uomo la lascerebbe libera grazie alla sua settima casa in Aquario, ed è quello che lei desidera. Dove sta allora l’inghippo? La paura del troppo coinvolgimento? Prima o poi le sarebbe capitato ancora, e se non fosse lui il dono di Plutone mi sembrerebbe quanto meno azzardato non sperimentare se è tutto oro quello che luccica in quest’uomo. Non lo sarà di certo, nessuno è immune da difetti. Ma se dovesse scoprire che non siete fatti l’uno per l’altro come ha chiuso due storie precedenti farà anche con il Pesci. I doni vanno accettati, questo è il mio consiglio, sempre. E se per caso si dovesse stancare la vita è mica finita. E in fondo è il suo bello.




?
!

IL PERCHÉ DELLA FINE DI UNA STORIA - 617

Caro Massimo,
purtroppo, un mese fa io e il mio compagno abbiamo deciso di separarci. Non è stata una sceneggiata alla Mario Merola per fortuna, ma una decisione ragionata nel tempo. Io gli facevo notare che non mi piaceva il suo modo ipercritico (pareva Furio in "Bianco, rosso e verdone") sempre negativo (pure io sono una pessimista cosmica) su tutto il creato, a farmi sentire giudicata e inadeguata; anche invidioso del fatto che la mia carriera andasse a gonfie vele e lui a dire che la "rompi" lagnosa ero io, per non parlare del sentore di corna. Per stare nel campo dei media, posso dire di sentirmi come Irina Shayk con Cristiano Ronaldo. Irina ebbe a dire " Mi faceva sentire brutta, stupida e inadeguata". Quando gli feci capire che non potevo andare avanti e ripresi a soffrire d'insonnia, mi è stato d'aiuto per le pratiche burocratiche per organizzare il mio rientro nel paese straniero dove vivo, ma mi disse di avere ancora sentimenti per me, che magari il nostro potrebbe essere "un arrivederci", ecc, tutte cose che lasciano il tempo che trovano, perché chi ama non lascia. E un Capricorno asc. Scorpione con Luna in Scorpione non tentenna, nemmeno nelle faccende amorose. Cosa potrebbe aver portato a questa rottura?
Bilancia '81







1 novembre 2015

A me sembra abbastanza superfluo cercare una spiegazione astrologica, perché la risposta semplice e univoca è che la vostra storia era finita, nulla di più. Già quando mi scrivesti l’anno scorso io avevo dubbi sui tuoi sentimenti e mi pareva che stessero arrivando al capolinea come poi è successo, sui suoi non metto bocca non avendo una sua conoscenza diretta. Quindi ha senso indagare sulla data del chiarimento finale le ragioni della chiusura? Le spiegazioni le hai già date tu. Mi pare invece più utile cercare nel tuo tema natale le ragioni che ti hanno spinto alla rottura, per avere consapevolezza del tuo ruolo nelle prossime storie che ti capiteranno. Partendo dal tipo d’uomo da cui sei attirata, rappresentato dal Sole congiunto a Saturno in ottava casa e da Marte in settima e Leone in trigono a Nettuno e quadrato alla Luna in Scorpione. Ossia da un lato cerchi la stabilità affettiva, come vuole il Sole ma pure il Marte in settima, poi però idealizzi il partner e instauri un rapporto conflittuale, vista la negatività rispetto alla Luna. Suppongo tu sappia infatti di non disdegnare le situazioni di battaglia amorosa, i pianeti in Scorpione si annoierebbero senza ma pure il tuo Marte inizierebbe a sbadigliare. Forse il Sole cercherebbe un compromesso, ma Luna, Venere e Marte vogliono il contrario. Nulla di male, in tanti hanno una vita sentimentale complessa, capace di far sentire vivi. Cosa fare in futuro? Anzitutto prendere consapevolezza del tuo ruolo in quanto ti capita. Da quanto mi scrivi infatti le colpe, se vogliamo chiamarle in questo modo, sono tutte da imputare a lui. Possibile che tu non abbia fatto nemmeno uno sbaglio marginale? Impossibile. Risulta però più semplice attribuire all’altro ogni negatività. Non c’è problema, basta sapere quanto si vuole. Soprattutto per il futuro, anche se dubito che la tua vita amorosa termini qui. Con qualcun altro, s’intende, il suo ventilato “arrivederci” non si realizza mai. Perché possono esserci sì dei ritorni, anche felici, ma non quando una persona dice queste frasi, un modo diplomatico per chiudere una storia.






?
!

AMORI COMPLICATI - 616

Ciao Massimo,
ho visto i tuoi video su youtube e ne sono rimasta affascinata. Oltre che come astrologo mi sei piaciuto come persona, un uomo serio e competente e anche dolce. Ti disturbo chiedendoti se puoi darmi una mano, vista la situazione complicata in cui mi trovo.
Sono sposata ma considero il mio matrimonio finito dal punto di vista sentimentale (…)
Non so se hai già visto la mia situazione astrale, in caso negativo ti chiedo di vedere solo cosa ci sarà per me, nel mio futuro, perché dal famoso M., ieri sera, ho avuto una rivelazione: ha 3 amanti, oltre alla moglie ufficiale! Inutile scriverti come ci sono rimasta, il bello è che lui vorrebbe essere un amico e poi se deve succedere, succede. E pensa che sembra ci tenga anche alla mia frequentazione! Io sono scioccata, perché lui mi piace ma non posso sostenere una situazione simile, mi fa troppo male. È per questo motivo che mi scuso con te e ti chiedo se puoi fare il mio oroscopo senza guardare sto imbecille. Mi sento sola! Sola e triste! Come ti ho scritto anche nel matrimonio ormai sono sola! Io non cerco sesso ma una persona che mi ami e mi voglia bene sul serio. Impossibile forse. Scusami Massimo per lo sfogo ma mi è caduto il mondo in testa.
Elena






1 novembre 2015

In tutta la tua complicata vicenda sentimentale mi paiono chiare alcune cose. Ossia punto primo, il tuo matrimonio è tenuto insieme col nastro adesivo per il bene dei figli o altro. Punto secondo, un’unione di questo tipo non ti basta e vorresti innamorarti ancora. La situazione di bisogno affettivo ti rende però vulnerabile da abbagli di vario tipo e questo in teoria risulterebbe parecchio strano per uno Scorpione ascendente Vergine. Strano se non si tengono in conto i pianeti femminili del tuo tema natale, ossia una Luna in Leone e dodicesima casa, trigona a Marte e quadrata al Sole, e una Venere in Capricorno e quinta opposta a Saturno, quadrata a Plutone e sestile a Mercurio. Ossia, e lo dico per il tuo bene, in amore sei un’irrazionale e impulsiva, anche se poi vorresti che le cose durassero per l’eternità. Agendo però parecchio in base all’istinto non sei riuscita fino ad ora a trovare quello che vorresti, superata la fase iniziale dell’innamoramento. Intendiamoci, da quel che mi dici tuo marito è tutt’altro che un cattivo diavolo, forse semplicemente per entrambi è passata la fase della passione, e bisogna prenderne atto. Al tempo stesso però io starei attenta a cosa vai incontro nel mondo esterno. L’amore è infatti difficile per tutti, ma tu hai un handicap in più, sei ancora sposata. Una preda ideale quindi per chi non vuole complicazioni affettive, ma storie parallele senza impegno. Peccato che tu dichiari di non cercare sesso (o non solo) ma affetto vero. D’accordo, ma siamo sicuri che sia possibile avendo ancora ufficialmente un marito? A me sembra almeno difficile. Non impossibile, di certo non semplice. Cosa dicono i tuoi transiti? Non sono brutti, anzi, ma forse devi avere un po’ di pazienza. Plutone da un paio d’anni ha infatti sciolto il quadrato di nascita sulla tua Venere, suppongo facendoti capire che cercavi altro da tuo marito, e procurandoti al tempo stesso il paio di storie che hai avuto. Ora Plutone è andato oltre rispetto alla tua Venere, ma arriva in suo soccorso Nettuno, che ti farà un sestile dalla settima alla quinta casa. Mi farebbe però pensare a un amore ancora idealizzato: staremo a vedere. Urano il prossimo anno formerà poi un trigono alla tua Luna (cambiamento di casa?). Tra un paio d’anni poi Plutone formerà un sestile al Sole mentre Saturno passerà su Venere, sciogliendo l’opposizione natale. Sarà questo il momento per un incontro importante? Potrebbe essere. Non credo quindi che sull’istante ci sarà qualche novità travolgente rispetto all’amore. Penso in realtà sia meglio, perché mi pare che tu non abbia del tutto chiaro cosa vuoi dall’amore. Magari puoi approfittarne per fare chiarezza dentro di te. Tutti avremmo bisogno di qualcuno che ci voglia bene, ma forse bisognerebbe essere certi di cosa offrire in cambio. Pensaci, non potrà che farti bene in tutti i sensi.






?
!

COME VIVERE UN SOGGIORNO ALL’ESTERO - 615

Gentile Massimo,
mi sono trasferita a Parigi per un Erasmus di 9 mesi. Dopo 10 giorni, sono tornata a casa in Italia per un esame e tra una settimana ripartirò per tornare solo durante le feste comandate. È la prima prova fuori casa, lontano da famiglia, amici, fidanzato. So che la nostalgia è normale, ma ultimamente quando esco dall’Italia rivaluto sotto ogni aspetto il nostro bistrattato Paese. Tu dirai: ovviamente, è casa tua. Non è solo quello, secondo me in Italia si vive meglio che altrove. Questo trasferimento, per quanto momentaneo, mi crea stress, insomma non vivo facilmente il distacco. Allo stesso tempo penso di essere mossa da un’irrequietudine che mi spinge verso nuove esperienze; si tratta di un bisogno forse nemmeno affiorato alla coscienza, visto che il percorso verso l’Erasmus è stato fatto solo col desiderio di andare via. Cosa mi porterà questo viaggio? Vedi del positivo nei miei transiti? Grandi ostacoli o possibilità di crescita? Magari anche possibili aperture sul fronte lavorativo? O opportunità di altri soggiorni all’estero? Qualche consiglio? In particolare ho notato un transito di Saturno sul mio ascendente (e opposto a Venere) e uno di Plutone alla mia Luna. À bientôt!
Giulia







1 novembre 2015

Ti sei fatta una domanda, ti sei data una risposta e il mio compito è quindi inesistente. Anzi, dovrei “solo” dirti cosa ti riservano i transiti futuri, se possibile confermando quello che hai in mente tu. Come accade a tutti, intendiamoci che, nel momento in cui si rivolgono all’astrologo, vorrebbero essere rassicurati rispetto a quanto sentono e sanno. I transiti che mi segnali sono giusti e danno un quadro perfetto rispetto a quanto mi hai raccontato. Ossia Saturno sull’ascendente in Sagittario segnala una tua maturazione (all’estero) che comporta un distacco affettivo (opposizione a Venere) e uno sradicamento (il tuo Saturno radix, anche se non riceve transiti negativi, è in seconda e denota un attaccamento al territorio). Il sestile di Plutone alla Luna parla anche di una tua crescita interiore, e amplifica la tua possibilità di crescere emotivamente. Quindi i transiti sarebbero a tuo favore. Perché allora tanta nostalgia e insicurezza? Per il semplice motivo che nel tuo tema natale tu hai sì un ascendente Sagittario, e ami quindi viaggiare, ma hai pure tre pianeti in seconda casa, che suggeriscono che tu abbia radici solidissime nel tuo habitat naturale. Hai però anche Marte e Giove in ottava, e sei pure attirata dalle sfide, cercando al tempo stesso di sradicarti, o almeno mettendoti alla prova, come stai facendo ora. Queste caratteristiche le avrai però sempre, non soltanto in questi mesi di Erasmus. Ora le stai sperimentando in tutte le loro sfumature. Suppongo che, a ogni tuo ritorno in Italia, sarei ben lieta di rivedere i volti e i luoghi noti, ma il metterti alla prova ti servirà, eccome se lo farà. Probabilmente dandoti la certezza che non starai mai bene del tutto nel tuo territorio ma non starai pure nemmeno bene fuori da esso. Per tua fortuna però oggi è molto semplice spostarsi, e trovare soluzioni di vita atipiche, quelle che ti consentiranno di ritrovarti con la botte piena e la moglie ubriaca, magari trovando un lavoro che ti consenta di viaggiare per poi tornare. Te lo auguro.






?
!

AMORI DI LUNGO CORSO, E TANTA DISTANZA - 614

Da 20 anni amo una persona. Migliori amici al liceo, poi conviventi perdutamente innamorati, poi sposi. Ma lui nel 2010 è tornato nel paese di origine di suo padre (Giappone) e io sono rimasta in Italia in attesa di raggiungerlo. L'ho raggiunto ma le cose non sono andate come credevamo. Sono tornata in Italia. Doveva rientrare anche lui invece mi ha lasciata, ma ancora mi cerca e ci scriviamo continuamente, senza avere più il coraggio di affrontare il viaggio per incontrarci. Esiste l'anima gemella? Torneremo a poterci amare dopo sei anni di errori e dolore e distanza?
L.






1 novembre 2015

Prima ancora di consultare le effemeridi, ero certo che L. avesse Venere in Pesci, come ha davvero, ossia facesse parte di quel dodicesimo dell’umanità che in amore ama tanto sognare, magari soffrendoci pure su. Non posso né condannarla né biasimarla, il mio Marte in Pesci mi procura effetti analoghi, senza tenere in considerazione che il Gran Burlone – come lo definiva una persona a cui ho voluto un bene profondo e singolare – architetta scherzi del destino davvero bizzarri. Come quello di trovare appunto un’anima gemella che si trasferisce dall’altra parte del mondo per problemi pratici. Indipendentemente dalle beffe dell’esistenza, penso che L. non viva solo di sogni perché il rapporto esiste davvero se con la persona amata si sente con regolarità. Non so se nemmeno se ci sarà davvero un esito positivo alle sue traversie affettive, nessuno può esserne certo. I miei pianeti in Vergine – pratici e realistici - mi consigliano però di suggerire di guardare in faccia la realtà e di verificare su un piano concreto le varie possibilità e conflittualità. Ossia, fra di voi c’è un legame forte ma ci sono stati pure problemi di convivenza, almeno in Giappone. Ora io procederei per tentativi. Affrontando la questione senza tanti giri di parole o timore di fare passi falsi. Il dolore della distanza è di certo superiore alla possibilità di commettere un altro sbaglio. Provate allora a rivedervi davvero, non su Skype o via e-mail. Potrebbe essere anche una delusione, meglio non illudersi troppo, ma potrebbe accadere pure l’esatto contrario. Se ora continuate a cercarvi è evidente che c’è un qualche tipo di necessità reciproca, è un dato di fatto. Se dopo un incontro il tentativo dovesse risultare fallimentare ne prenderete atto entrambi, ma la storia non finirebbe comunque nel dimenticatoio. Avete vissuto in parallelo per vent’anni sin da giovanissimi, e forse è il caso di provare a capire qual è il senso attuale della storia e come viverla. Con rimpianto per quel che poteva essere e non è più, oppure costruendo qualcosa? La risposta non spetta a me ma a voi. Va detto che la Luna in Leone in nona di lui parla di una donna lontana, e lei lo è. Mentre il suo Marte in Vergine e dodicesima parla di un uomo fuggitivo, per lavoro ma pur sempre fuggitivo. Lei è una donna intelligente e razionale, lo dice senza possibilità di dubbio il suo Saturno in trigono a Mercurio e Sole. Forse insicura sul piano affettivo, come vogliono le sue Luna e Venere complesse, ma provi ad analizzare la realtà con il suo emisfero cerebrale razionale, è quello per lei vincente. Dubito che lei e suo marito vi perderete per sempre, forse vale però la pena di capire se il rapporto resterà a distanza oppure riuscirete a riavvicinarvi. Perché lei non mi ha raccontato cosa non è funzionato quando è andata in Giappone. Ci ragioni, e affronti la situazione, magari tenendo conto che Saturno in Sagittario potrebbe per un po’ crearle problemi di dialogo. Ma passato Saturno…






?
!

LASCIARE LA VIA VECCHIA PER LA NUOVA? - 613

Ciao Massimo,
ho conosciuto una persona più grande di me e con figli da precedenti relazioni. Il signore mi ammalia eppure come spesso mi accade appena lo percepisco interessato tendo alla fuga e a non prendere decisioni. Vorrei un aiuto per chiarire il guazzabuglio dei miei sentimenti. Lui è Bilancia ascendente Toro con Marte in settima come la sottoscritta, e una gelosia che un siciliano con la lupara al confronto è svizzero. Che faccio? Mollo il mio lui storico, accetto il fallimento, oppure resisto, me lo tolgo dal cervello e vado avanti nel mio percorso? Comunque sia mi sembra di perdermi qualcosa, di non vivere appieno. Con questa nuova persona non c'è stato niente se non lunghe telefonate e un capirsi senza parole. Sembra quasi un incontro inevitabile e karmico. Che dici faccio fruttare il mio sfigatissimo Saturno in Vergine in settima casa e mi fidanzo con chi ha 15 anni più di me?
M.






1 novembre 2015

La decisione non spetta a me, tutt’al più posso aiutare a riflettere, e se ce la faccio ho già assolto gran parte del mio compito. Quanto agli incontri inevitabili e karmici, in qualche raro caso esistono, ma se guardo agli amori passati miei e altrui, spesso ti accorgi che si trattava solo di subbugli ormonali. Tanto che spesso ripensando alla propria storia affettiva a volte ti chiedi come poffarbacco hai fatto ad invaghirti di quella tal persona. In questo caso cosa deve fare M.? Io penserei che prima di prendere qualsiasi decisione sarebbe ragionevole almeno dare almeno un assaggino a chi ti tenta. Una telefonata è un po’ poco per capire se è fatto per te oppure no. Potrebbe anche darsi che tu ti accorga, cara M., che di karma non c’è nemmeno l’ombra, ma il signore della Bilancia viene a riempire “solo” un vuoto lasciato dal fidanzato storico. Magari questa assenza è solo una pausa in un rapporto destinato a durare, ma resta la crisi già in atto da tempo, e questa new entry è capitata a fagiolo. Perché con i tuoi pianeti in Sagittario magari sei portata a ricoprire di attese fantasiose i tuoi incontri, non lo escludo. Ci sono punti di contatto tra di voi? Di certo una comune passionalità, ma l’impeto amoroso non è detto sia destinato a creare storie durature, anzi. Proprio per questo ti consiglierei di provare davvero a conoscere meglio questa persona. Sono del parere che si muore molto più di rimpianti che di rimorsi, e in ogni caso vale sempre la pena vivere. E non è detto che assaporare il frutto del peccato costringa poi a chiudere una storia precedente. Lo fanno in tanti, basta saper muoversi con discrezione prima di prendere una decisione. Finirò all’inferno perché do questo genere di consigli, ma quel poco di saggezza che ho raggiunto mi dice che il cuore è governato da leggi poco razionali, e proprio per questo è forse meglio procedere per gradi prima di scoprire di avere inseguito solo un’illusione.






?
!

SARÒ LA PROSSIMA REGINA D’INGHILTERRA? - 612

Buona sera! Il mio tema natale è stato creato da John Dee (come data dall’incoronazione di Elisabetta I)? Sono nata all'estero il 7 WZ 19XX, alle 10 e 10. Il mio Tema Natale sembra “creato” proprio da questo astrologo, cioè tanto fortunato. Lei può confermare la felicità del mio Tema Natale?
Eva






1 ottobre 2015

Avrei potuto liquidare la risposta con una battuta frettolosa, ma preferisco entrare nel dettaglio anzitutto perché Eva mi è simpatica. Poi ho una spiccata attrazione per gli stranieri, e grazie a una nona casa importante del tema dell’inaugurazione del mio sito ricevo visite in quantità da ogni parte del mondo. Infine perché, anche se non ha alcun fondamento astrologico, la domanda di Eva è sintomatica di una mentalità diffusa. Direi infatti che i fruitori medi dell’astrologia si dividono sostanzialmente in due grandi gruppi, i pessimisti e gli ottimisti. I primi vedono il proprio tema natale come una maledizione biblica e attendono i vari passaggi planetari come il prigioniero di un carnefice si aspetta l’ennesima tortura a cui non potrà porre rimedio. I secondi sono certi di essere baciati in fronte dalle stelle e pretendono da te, povero astrologo, la conferma che riceveranno il premio Nobel (non importa per quale disciplina), l’Oscar alla carriera, anche se non hanno mai fatto nemmeno una recita parrocchiale, verranno eletti presidenti della Repubblica o forse Zar di tutte le Russia, anche se la monarchia a Mosca è decaduta nel 1917. Fatta questa indispensabile premessa, confermo alla simpatica Eva che è nata fortunata, per un semplice motivo: ha un ottimismo fuori dalla norma, grazie a una triplice congiunzione di Nettuno, Luna e Mercurio in Sagittario e casa nona, che le fa vedere sempre la bottiglia non solo mezza piena, ma interamente piena, direi sul punto di esplodere per la troppa abbondanza! John Dee o chi per lui non ha però disegnato il suo tema natale per donarle tanta fortuna. Per il semplice motivo che il tema dell’incoronazione di Elisabetta I era del tutto diverso dal suo, e direi che non aveva proprio nulla in comune. Ma se il suo ottimismo irrefrenabile la porta a vedere pure questo chi sono io per negarle tale gioia? Auguri di tutto, cara Eva, ha la fortuna dalla sua. Ma il tema dell’incoronazione di Elisabetta I è un’altra cosa.




?
!

EQUILIBRIO PRECARIO? – 611

Ho i dispositori dell’undicesima (in Sagittario, ossia Giove ed Eris=X) in quadrato strettissimo tra di loro, dunque potrei essere uno squilibrato? L’undicesima poi possa anche in Capricorno, e in quel caso i suoi pianeti sono in ottimo legame (trigono Saturno/Urano). Ciò potrebbe aiutarmi per il mio equilibrio?
Luna Capricorno






1 ottobre 2015

Come molte delle domande che mi vengono poste, quella di LunaCapricorno omette a mio avviso parte del ragionamento e del vissuto del consultante. Mi spiego. Pur avendo dato di matto parecchie volte in vita mia, non mi sono mai posto il dubbio di poter perdere il mio equilibrio oppure no, per il semplice motivo che la questione mi tocca poco, per l’insieme del mio tema natale. Diverso discorso vale invece per LunaCapricorno, con un ascendente Aquario, che aspirerebbe appunto a una visione moderata della vita e con due dei quattro pianeti del Sagittario nella casa preposta all’equilibrio (l’undicesima appunto) entrambi lesi. All’analisi dei pianeti del nono segno aggiungo infatti pure la Luna, in trasparenza nel nono segno. Giove e la Luna in Capricorno, ridimensionano poi o distorcono il tendenziale ottimismo sagittariano, riducendo in automatico la carica fiduciosa del segno, rendendo meno certi della realizzazione dei desideri. Non spegnendoli, ma lasciando un sottofondo di amaro in bocca che non aiuta a vedere davvero in positivo come il Sagittario vorrebbe. Non tuffando nemmeno in automatico sul versante del disfattismo, il segno non lo consentirebbe. Può aiutare a mantenere in equilibrio il trigono tra Saturno e Urano? In parte sì, ma non si possono pretendere miracoli. Ossia, se temi di perdere un atteggiamento misurato, caro amico dalla LunaTosta, devi capire cosa ti crea pericoli in questo senso. E io penserei alla gestione dell’emotività, oltre a una difficoltà a fidarsi del tutto. Non si può avere sempre tutto sotto controllo, in primis i sentimenti, e quando non ottieni quello che vuoi puoi deragliare dai binari. Però i simboli del tema natale riflettono il nostro modo d’essere e di sentire, e se un trigono tra pianeti rocciosi può aiutare, soprattutto per il mantenimento degli obiettivi anche esistenziali, bisogna poi capire cosa invece fa deragliare. Perché si esce dal binario se c’è un masso ad ostacolarti, altrimenti procedi nel viaggio. Quello va capito e il tema natale è uno strumento eccezionale per individuare i pericoli ma pure i punti di forza. Poi però devi metterli in atto nella tua vita, transiti permettendo.





?
!

AHI, CHE BRUTTO MARTE: TROVERÒ LO STESSO UN COMPAGNO? - 610

Buon giorno Massimo,
ho facilità a comprendere i temi natali delle altre persone, ma quando si tratta di interpretare il mio ho difficoltà. In particolare vorrei soffermarmi al Marte in settima in Bilancia, quadrato a Nettuno e Urano in decima. Ho letto che questo Marte non facilita le relazioni con il prossimo e che il prossimo viene visto come nemico, in particolare questa "rabbia" si scarica sul compagno. Quello che cerco in realtà è una relazione normale, niente principi azzurri su cavalli bianchi. Una persona con cui condividere la vita. Per ora le relazioni che ho avuto sono state di breve durata e sono finite così nel nulla. Vorrei sapere se questo Marte mi causerà molti problemi nella ricerca del mio "compagno", o se lo interpreto male. Dovrei forse guardare il Sole trigono a Saturno? Che ho letto essere indice di un compagno più grande o comunque saturniano? La ricerca dell'ideale compagno è un deficit delle Bilance.
Carola






1 ottobre 2015

Sì, non posso negarlo essendo pure io Bilancia: abbiamo la fissa dell’altra metà, anzi dell’altra metà perfetta. In qualche caso la ricerca va a buon fine al primo colpo, più spesso dopo più di un tentativo o a seguito di esitazioni varie. Vero che lei ha un Sole in trigono a Saturno, per cui l’uomo ideale può arrivare tardi, essere più grande o comunque un personaggio autorevole. Ipotesi tutt’altro che da scartare. In attesa però dell’arrivo tardivo di un uomo maturo, non trascurerei quel Marte in settima, in effetti non facilissimo. Soprattutto perché, per il quadrato a Urano e Nettuno, mi fa pensare a esitazioni infinite nella scelta del partner o nell’aprirsi più genericamente al prossimo, tendenza forse accentuata dall’ascendente Ariete, altro indizio di una diffidenza di base. Può anche darsi che gli altri, e in particolare un ipotetico partner, non si avvicinino per il semplice motivo che vedano da parte sua una chiusura di fondo, o almeno la difficoltà ad aprirsi. Se è pur vero che lei non cerca il principe azzurro, penso però che, da Bilancia qual è, non potrà mai accontentarsi del primo buzzurro di passaggio. Più plausibile invece che lei aspetti la persona giusta, e l’“Altro”, il papabile promesso sposo, non si sia ancora profilato all’orizzonte. L’amore arriva quando lanciamo i segnali giusti e, se in teoria saremmo disposti ad accoglierlo sempre, all’atto pratico lo facciamo solo quando siamo pronti a riceverlo. Lei sta studiando astrologia, e ha quindi un’arma in più. Non un astratto manuale di psicologia che forse descrive davvero il suo caso oppure no. Lei ha davanti il suo tema natale, e quella è lei. Avendo quel suo Marte, provi a capirlo, ad assecondarlo nei suoi lati buoni, e a frenarlo per quelli peggiori. Mica è semplice, intendiamoci, ma non è nemmeno impossibile. Se poi aggiungiamo che il suo Marte, a 14 della Bilancia, subisce ora il quadrato di transito di Plutone e (a breve) l’opposizione di Urano, possiamo immaginare che da un lato questo non sia il momento ideale per trovare il partner perfetto, dall’altro lei si stia ponendo seriamente il problema, tant’è che mi ha scritto. Quindi, sarà un Marte da gestire con cautela ma, dal momento che lo sa, può solo trovare una soluzione. Forse non domani, prima o poi certo sì.





?
!

FARFALLE NELLO STOMACO? NON PERVENUTE - 609

Da anni scambio e-mail con un collega con il quale mi trovo in sintonia; in passato mi ha chiesto di vederci ma ho inventato scuse. Con un trucchetto mesi fa mi ha "estorto" il numero di cellulare e abbiamo cominciato a sentirci sempre più; mi ha chiesto di vederci e ho acconsentito. Il mio cervello farebbe qualsiasi cosa per assecondare l’immensa paura di mettermi in gioco; talvolta distrugge potenziali pretendenti, altre mi fa invaghire di persone inaccessibili. Fattosta' che ci vediamo; lui, sarà Nettuno in transito congiunto al suo Sole, ha avuto un black out con il risultato di un pessimo aperitivo nel quale ho parlato sempre io. Se c'è una cosa che non voglio è, nelle relazioni affettive, fare l'uomo; mi sono sentita tutto addosso, non "la gentile ospite". Capisco che lui sia preso e io no e l'emozione possa aver fatto un brutto scherzo, pertanto gli darò un'altra possibilità. Non provo nulla per davvero o per il solito istinto di autoprotezione? Lo vorrei più coinvolgente, ma ho altrettanta paura che potrei darmi alla fuga. Ti chiederei di vedere se possa esserci dell'attrazione, le famose farfalle nello stomaco alle quali non sono disposta a rinunciare per una scelta di cervello. In effetti io non ho mai frequentato Pesci.
E
.






1 ottobre 2015

Forse sarà per il fatto che, invecchiando, tendo sempre più a semplificare le questioni, ma mi pongo una domanda semplice semplice. Se con questo collega non è scattato nulla, come è possibile che io riesca a trovare astrologicamente la traccia di un futuro che quasi di certo non ci sarà? Perché è simpatico e carino e parlate bene? Ma questi sono gli amici, non gli amanti. Lui ha una personalità meno forte della tua? Sì, senza possibilità di equivoco. Tu hai un Sole congiunto a Giove e Plutone, lui un Sole in Pesci opposto a Marte e Giove. Ossia l’uomo tra i due sei tu. Punto. Ma lo saresti anche con chiunque altro, perché hai una personalità forte. Va detto che a lui, con quella Luna in Leone, le donne forti piacciono. E tu, con un Marte in dodicesima in trigono a Nettuno sei attirata dagli uomini sfuggenti. Non ti è ancora sfuggito abbastanza? Prova a dargli una chance e magari lo farà! Scherzo, ma mica più di tanto. Ossia, il primo appuntamento è stato deludente, suppongo per entrambi, perché pure lui si sarà accorto di non avere dato il meglio di sé. Se ti interessa, un tentativo lo farei. Ripromettendoti però di non parlare tu e basta. Magari di tanto in tanto fagli una domanda, e prova ad avere la pazienza che ti risponda. Una defaillance emotiva può capitare a tutti, soprattutto se una persona ti interessa tanto. In realtà mi pare ci sia più di un punto di contatto tra voi. Non so se riguardi solo la capacità di dialogare (come avete sempre fatto in maniera molto piacevole) oppure possa toccare anche la sfera intima, ma questo non spetta a me scoprirlo. Cara la mia amica, non trincerarti dietro la scusa troppo cerebrale dell’istinto di autoprotezione, che non ha reali riscontri nella realtà. Il tuo collega ti piace o non ti piace: se ne sei attirata lasciagli una chance. Se non lo sei, vedi se l’incompatibilità è totale oppure magari si può fare un tentativo. Forse l’“assaggino” potrebbe farti cambiare idea. A volte conoscere una persona, anche intimamente, fa prendere una direzione tutta diversa a una storia. Non posso però essere io a dirtelo e non puoi chiedere alle stelle un pronostico certo. I tentativi, e gli errori, hanno un valore enorme nella vita. Meglio vivere di rimorsi piuttosto che di rimpianti, ma la scelta finale spetta solo a te.





?
!

POSSESSIVA? QUANDO MAI! - 608

Il mio dubbio è che io, avendo come ascendente lo Scorpione e Venere in Toro e essendo una cancerina, dovrei essere ai limiti della possessività e invece in una mia relazione precedente sono stata accusata di poca partecipazione e pochissima gelosia. Infatti io non mi sento affatto gelosa, anzi il contrario. Mi potrebbe aiutare a capire un po’ meglio?
Anna





1 ottobre 2015

L’ascendente Scorpione non dà in automatico la gelosia, se mai induce spesso a nascondere almeno in parte le motivazioni del proprio comportamento. Il Sole in Cancro e la Venere in Toro invece spingono quasi sempre a essere possessivi. Perché allora Anna non lo è? Una prima ipotesi è che la storia che ha vissuto le importasse poco o nulla, anche se magari sul momento pensava di sì. Essendo quindi presa il giusto dall’amore, quasi in automatico non soffriva troppo per il timore di perderlo. Ci sono però altre spiegazioni prettamente astrologiche, che però confermano almeno in parte quanto ho scritto prima. Ossia nel tema di Anna i pianeti maschili, Sole e Marte, risultano deboli per gli aspetti che ricevono. Il Sole è ovviamente in Cancro ed è quadrato a Giove, quasi a dire che non si ha poi troppa fiducia in un ipotetico compagno. Marte dal canto suo è sì in decima casa, ma opposto a Saturno, aspetto questo capace di accentuare ancora un poco l’essere attirata da partner forse non troppo solidi. Mentre Anna, con una Luna in Capricorno congiunta a Urano e Nettuno è quasi di certo più che solida, oserei dire una roccia umana, anche se magari il suo essere Cancro non gliene dà reale consapevolezza. La Venere in Toro, la principale imputata per un’ipotetica gelosia, è poi in settima e rende molto importante ottenere rassicurazioni affettive da un partner, ma è pure in sestile a Mercurio e forse dà di tanto in tanto il bisogno di novità, mentre l’opposizione a Plutone e il quadrato a Saturno fanno sì che forse la stabilità in amore non sia in cima alla lista dei pensieri. Detto questo, cara Anna, prenda atto che fino ad ora non è stata gelosa. La Venere in Toro trova evidentemente altre manifestazioni, oppure rivelerà la sua natura gelosa solo nel momento in cui dovesse incontrare qualcuno che la prenda davvero. Per ora le auguro soprattutto la miglior vita possibile.





?
!

SENTIRE IL NEGATIVO E NON IL POSITIVO - 607

Nonostante i lavori su me stessa per migliorare e cambiare, alcuni blocchi non riesco scioglierli. Ho difficoltà nelle relazioni, son sempre stata timida, nonostante sia cambiata. Ora sono brillante, disponibile, ma non riesco ad approfondire le relazioni. Ho Saturno in 12a opposto alla Luna ma sestile a Sole e Giove, Plutone congiunto alla Luna e in trigono a Mercurio, così come la Luna ha i suoi trigoni, ci sono difficoltà ma superabili. Perché non nella realtà? I transiti negativi li sento tanto, quelli positivi poco. Per me significa che sono bloccata nelle mie opposizioni, eppure ho altri aspetti belli nel mio tema! Ho avuto eventi difficili da superare ma sono positiva, ma non mi basta pensare che è questo che mi ha aiutata nelle difficoltà. Sono arrivata a metà della vita, riuscirò a sbloccarmi ? O finirò in solitaria la mia vecchiaia come Saturno in dodicesima mi dice? Sono stata sposata, ho una figlia, mio marito è morto, un fratello fragile. Il problema più grande è il lavoro, cambiamenti tanti e con difficoltà finanziarie, relazioni complicate tant’è che non mi metto con uomo perché non so gestire una relazione. Non ho mai più convissuto dopo mio marito. Con mia figlia il rapporto è ottimo. Seguo molto il suo sito, lo trovo tra tutti il migliore.
Patrizia






1 ottobre 2015

Le domande poste da Patrizia comporterebbero l’analisi dell’intero tema natale, ma questo non è lo spazio giusto per sviscerarlo a dovere. Mi concentro allora sul succo del discorso, ossia sul sentire solo il negativo del proprio tema e dei transiti, e poco il positivo. Caso tutt’altro che unico e raro, anzi direi del tutto comune, per un motivo a mio avviso molto semplice. Ossia la maggior parte delle persone è portata ad attendersi tanto dalla vita, spesso troppo, ingigantendo al contempo le negatività proprie di ogni esistenza. Fastidiose e dolorose, intendiamoci, ma la vita non è una passeggiata, purtroppo lo si scopre sempre in corso d’opera. Al tempo stesso si vorrebbe, o si sognerebbe, un’esistenza dove le gioie sono all’ordine del giorno, quando in realtà sono rare per tutti, perché per la maggior parte del tempo quasi sempre si va avanti in un noioso ma rassicurante tran tran. Perché astrologicamente accade tutto questo? Per i transiti bisognerebbe verificare di volta in volta, e andrebbe capito cosa si considera negativo. Per il tema natale invece le informazioni sono già sulla carta. Partendo dall’ascendente in Pesci, inquieto e pessimista, contraddetto però in maniera radicale dalla congiunzione stretta, al sessantesimo di grado o giù di lì, di Giove al Sole. Dati che mi fanno pensare al contrario di quanto afferma, cara Patrizia, ossia che anche quando cade cade in piedi. Certo, le opposizioni tra pianeti in sesta e Saturno in dodicesima le creano insoddisfazione lavorativa, mentre la Luna in Vergine e casa sesta non la rende sicura, come pure il Nettuno negativo non le concede una piena serenità, ma non c’è solo quello nel suo tema. Anzi. Io posso dirle questo e forse potrei dirle anche altro, se scendessi nei dettagli, ma resta (anche) la sua inquietudine e non serenità di fondo. Come superarle? Capendole, prendendo atto che non sarà mai del tutto sicura e serena, e questo fa parte della sua vita. Accettando questo dato di fatto può compiere un primo passo per vivere meglio. Non è facile, ma non è impossibile. Almeno io ci proverei.





?
!

LA VENERE PIÙ SCHIFOSA DEL REAME? - 606

Caro Massimo,
mi complimento per il sito molto interessante e approfondito. È la seconda volta che ti scrivo: sono nata il 20/1/79 a W alle XZ. Scommetto che una Venere più disastrosa della mia non l’hai mai vista. Sogno l’amore, Venere è congiunta a Nettuno, ma l’amore non arriva, Saturno è in settima e quadrato. Ma la cosa che mi pesa di più è la Luna in Bilancia in settima, che influisce anche sulla mia sfera intima, è congiunta a Plutone. Cosa vedi nel mio futuro? Riuscirò mai a liberarmi di questa Luna e questo Saturno soffocante?
Venere disastrata






1 ottobre 2015

Un Capricorno che crede di essere il più sfigato sentimentalmente al mondo non poteva non avere un ascendente Pesci. Ti contraddico subito, tanto per iniziare: ho visto centinaia se non migliaia di Veneri messe molto peggio della tua che, tanto per cominciare, è in un segno ottimista come il Sagittario e per di più nella casa cosignificante, la nona. È sì quadrata a Saturno in settima, ma pure in sestile alla Luna e Plutone e sempre in settima, per non parlare dell’evanescente e sognatrice congiunzione a Nettuno. Quindi è possibile che fino ad oggi tu non abbia trovato la persona adatta a te, oppure le storie non siano durate, ma non hai appeso le scarpette da ballo al chiodo, ancora sei in pista, e pienamente intenzionata a danzare finché hai fiato in gola. Con la forza del tuo lamento hai parlato solo della tua sfortuna, senza però spiegare in alcun modo cosa non è andato fino a questo punto della tua vita. Ossia, hai incontrato persone sbagliate, non hai incontrato nessuno, hai incontrato uomini che sembravano quello perfetto e poi si sono rivelati denti cariati o pustole perianali? Perché per cambiare le cose non puoi dare solo la colpa alle stelle, ma devi anche analizzare la realtà. Forse in parte lo stai già facendo: la tua domanda infatti verte sul liberarti dalla tua Luna e da Saturno. Ovviamente non puoi farlo, lì erano al momento della tua nascita e lì resteranno, ma puoi capire come ti impediscono di trovare l’amore. Non è escluso tu già lo sappia, o lo capisca in parte, ma forse la parziale consapevolezza non ha ancora prodotto i cambiamenti auspicati e auspicabili. Cosa ti riserva il futuro? Sia pure non in simultanea, transiti stimolanti ce ne saranno. Anzitutto Saturno si congiungerà alla tua Venere, a partire da dicembre, e magari smetterai un po’ di sognare e aprirai gli occhi. In seguito Plutone quadrerà la tua Luna, sciogliendo la congiunzione natale. Se pur tecnicamente si tratta di un transito negativo potrebbe aprire un varco nella tua sfera emotiva, quello indispensabile per far entrare davvero qualcuno. Magari smetterai un po’ di sognare a occhi aperti, ma se è l’amore che vuoi quello potrebbe arrivare. Visto che suppongo che madre natura ti abbia fornito di una buona intelligenza, usa quella per capire qual è il tuo ruolo nella sfiga affettiva. E le stelle possono indicarti poi la direzione giusta per invertire la rotta.




?
!

LA BESTIA DEVE RIMANERE BESTIA - 605

Caro Massimo,
ti chiedo di gettare uno sguardo sulla gran confusione emotiva che vivo. Dopo una separazione dolorosissima, frequento sale da ballo dove ho incontrato un uomo che mi ha ammaliato. Un tipo fascinoso che ha avuto molte donne e che mai avrei guardato prima. Un carattere burbero, ma con tratti di ingenuità. Caduto in disgrazia perché l'ultima moglie giovane e straniera gli ha tolto tutto, era un costruttore edile. Ora fa di tutto per sopravvivere, ristrutturazioni , traslochi ecc. Questo passato pesa molto su di lui ed anche tra di noi, spesso inveisce contro le donne che vogliono solo sesso, soldi e divertimento. Di fondo è geloso, a tratti pare ingenuo, in altri diviene sadico. Insomma, non è una storia che va giù d'un fiato. Con pazienza all'inizio mi ha conquistata, io mi sono comportata come una gallina senza testa. Mi sono adeguata al suo modo di vivere, ma non pesa la grande incertezza e non riesco a individuare se è solo mia o è per la natura di questo uomo. Amiche e familiari non scommettono un soldo sulla nostra relazione, sostengono che non è adatto a me. Sento vuoti affettivi che lui non riesce a colmare, è un uomo che ha blocchi e limiti, è primitivo in certe esternazioni. Che sia coinvolto, certo, che poi ci sia anche un pensiero di interesse (io sono economicamente indipendente, mentre le sue ex non lavoravano e ha dovuto mantenerle) può darsi. La paura che questa storia finisca e che possa nuovamente soffrire c'è in noi, che fare? A tratti lui immagina un futuro insieme in altri parla come se dovesse finire. Mia figlia pone limiti, ha timore che la madre possa andare via. Aiutami a chiarire !!!
Olimpia






1 settembre 2015

È pur vero che non mi hai fornito l’ora di nascita del tuo amato, ma per le sole posizioni planetarie non domificate di ingenuità nel tuo lui non vedo nemmeno tracce in una vita precedente. Una Luna in Aquario, Venere e Mercurio in Gemelli, un Marte sì in Pesci ma in trigono al Sole, suggeriscono piuttosto irrequietezza, instabilità, quasi di certo ormoni molto funzionanti. Nulla di male, per carità (ma comunque un giudizio definitivo si potrebbe dare solo con un’ora di nascita certa), purché tu non pensi che quest’uomo d’improvviso cambierà per adattarsi al tuo modo d’essere e alle tue esigenze. Ossia, è rozzo, a volte sadico e primitivo? Ha quasi sessant’anni, è del tutto impossibile che tu riesca ad ammaestrarlo. Ossia, come avrebbero detto le nostre nonne, o mangiare questa minestra o saltare dalla finestra. Non c’è un piatto alternativo, quello è l’unico. Quindi, o ti adatti o ti adatti, dubito si possa fare diversamente. Ma cosa ha astrologicamente fatto nascere questa storia? Giove sui tuoi pianeti in Leone ha condito il periodo di ottimismo e voglia di vivere, ma la molla fatale è stato Plutone in trigono alla tua Venere radix. Ossia, attrazione erotica e voglia di imbarcarsi in una impresa complicata, anche per il gusto di farcela. Nulla di strano, intendiamoci, l’importante è che tu lo sappia, prenda quel che c’è da prendere senza foderarti gli occhi di prosciutto sulle caratteristiche di questo sciupafemmine che di certo ha avuto almeno una grande virtù, ossia il farti voltare pagina rispetto al passato. Dubito che nell’immediato la storia finisca, penso però che il prossimo anno il tuo Marte in Gemelli e settima casa dovrà fare i conti con Saturno in Sagittario e Nettuno in Pesci. Lì deciderai e capirai se vale la pena di continuare il rapporto, o sarà l’altro a farlo. Quello che posso dirti senza timore di venire smentito è che puoi baciare quanto vuoi il rospo, ma sempre rospo resta. La Bestia non si trasformerà in principe incantevole se lo porti al ballo, resterà sempre lui. Intendiamoci, non credo e penso che la persona che ti fa battere il cuore sia infame. Anzi, piuttosto non ne ho idea, e non mi interessa. Mi interessano piuttosto i molti dubbi che tu stessa hai espresso su di lui. Sono però certo che nessuno si rivela del tutto diverso da quello che è e il carattere, superata l’adolescenza, non si può rivoluzionarlo. Basta saperlo, e agire di conseguenza. Ho però un consiglio da darti: goditi la storia, soprattutto il suo lato carnale e passionale. Se è quello il perno della relazione non c’è motivo di trasformare la Bestia in un damerino, che altrimenti sarebbe noioso e pure poco soddisfacente. In ogni caso sogneresti solo di cambiarlo, perché lui resterebbe comunque e sempre se stesso, come tutti.






?
!

LE AUTENTICHE RAGIONI DEI PROBLEMI - 604

Buongiorno Massimo,
Mi occupo di astrologia da qualche tempo, mi entusiasma constatare le caratteristiche corrispondenti alle varie configurazioni astrali e quindi mi affascina come mi ha sempre affascinato anche il mondo dell’occulto.(Nettuno/Scorpione in 4°?) Ho dei seri problemi agli occhi, uno in particolare, probabilmente segnati dall’asse Vergine/Pesci molto leso. L’ultima opposizione di Saturno è stata veramente devastante a 360°, mi ha proprio distrutta. Il mio secondo matrimonio stava per naufragare anch’esso, ma sembra che si riesca a recuperarlo. Sul lavoro mi ha portato una causa che spero si risolva per il meglio e in tempi brevi. Dal 2012 siamo ancora in attesa, ma del resto con Saturno opposto cosa mi potevo aspettare, al di là della lungaggine delle procure italiane? La mia domanda è.il passaggio di Giove su Marte, Urano e Plutone radix potrà contrastare l’opposizione di Saturno radix ad i suddetti in seconda casa? Che tanti problemi mi hanno creato nella vita? Quel Nettuno in opposizione dalla quarta mi creerà sempre problemi sul lavoro e in amore?
Simona





1 settembre 2015

Ci provo e ci riprovo ad allontanarli, ma i pregiudizi astrologici sono difficilissimi da estirpare, e se si è assegnato a Saturno il ruolo di grande malefico, a lui verrà attribuita pure la colpa dell’assassino di John Kennedy anche se in quel momento era in bagno a far pipì a Singapore. Ma il colpevole degli strazi è comunque lui, sempre, almeno per chi capisce poco di astrologia (e Simona con i suoi ironici pianeti in Gemelli mi perdonerà per la battuta). Anche nel caso di Simona in cui l’opposizione al Sole è durata 15-20 giorni, oltretutto in moto diretto, quindi non insistente, nell’ottobre del 2013. E se la causa è iniziata nel 2012, Saturno entrò in Scorpione e non toccò in alcun modo il suo Sole. Come può quindi essere lui il responsabile? Ma un colpevole ci vuole sempre, e diamo pure la colpa a lui, tanto c’è abituato. Poi ha infierito su Giove in Gemelli, ma guarda caso non viene citato chi invece ha insistito molto più a lungo sui pianeti in Gemelli e su Marte, contro il quale ha formato un anello di sosta, ossia Nettuno in Pesci. Tanto per fare un po’ di chiarezza, anche per i problemi alla vista, i veri colpevoli sono altri. O meglio l’opposizione tra pianeti in Vergine e quelli in Pesci è corresponsabile, ma solo perché si sviluppa tra la seconda, casa del Toro, contro cui batte anche la Luna (e per la congiunzione alla Luna pure Giove), per non parlare del Sole nei gradi di Giove (pianeta della vista) opposto a Nettuno. Quanto a Nettuno, potrà creare sì problemi nella scelta dell’uomo, ma non sul lavoro perché non ha nulla a che vedere con questo settore. In questo caso, dove il colpevole sarebbe davvero Saturno, perché si oppone alla tripletta di pianeti in Vergine in cui c’è pure il vero pianeta del lavoro, ossia Urano, non viene citato affatto. Insomma, cara Simona, io ti consiglio di rivedere un attimo i tuoi studi astrologici, perché al momento stai semplificando troppo, cercando solo colpevoli che non ti fanno poi vedere gli autentici responsabili di quanto accade. Anzi, ti suggerisco di analizzare meglio il tuo tema natale, perché potresti davvero capire il motivo autentico per cui certe cose ti capitano. Sparando colpevoli a casaccio non affronterai mai le questioni per quello che sono, e proprio per questo poi tenderanno a ripresentarsi perché non risolte. Trovare un nemico sul piano psicologico può aiutare, ma non è detto che faccia andare avanti. Puoi farcela come tutti, ma ce la farai meglio se trovi un colpevole diverso da Saturno, e a riconoscere davvero cosa fa sì che ti capitino certe cose. Puoi farcela, ma devi fare pulizia dentro di te, anche astrologica. Plutone in trigono al Sole può aiutarti ora in questo senso dandoti la profondità di analisi ma pure la capacità di andare oltre, e attingere a forze profonde che a volte di dimentichi di possedere. Auguri allora, e cerca di fare chiarezza astrologica, può solo esserti utile.






?
!

NULLA DI CERTO, URANO E PLUTONE… - 603

Gentile Massimo,
Sono nata il 15 luglio 19XX all'1.30 in provincia di ... A marzo si è conclusa una storia a cui tenevo molto, ma della cui precarietà ero consapevole. A questa situazione se ne è aggiunta una lavorativa potenzialmente preoccupante: sono un'educatrice per ragazzi ipovedenti e sordi, amo molto il mio lavoro anche se non è mai stato né redditizio né molto stabile, ma ultimamente la situazione si è fatta più complicata per mancanza di finanziamenti (sono stati stanziati dalla Regione fino a dicembre, poi si vedrà). Ti posso chiedere di aiutarmi a capire come i transiti di Urano e Plutone nel mio tema natale possano incidere su queste situazioni? Grazie mille,
Emma





1 settembre 2015

Non so se i transiti sono davvero preoccupanti ma di certo non sono una passeggiata. Essendo però io stesso Bilancia e avendo subito transiti analoghi in tempi recenti posso dirti per esperienza più che diretta che non per forza di cose finirai sotto un ponte, senza prospettive o che altre. Probabile però, molto probabile che transiti del genere ti costringano a cambiare almeno in parte la tua vita, in quale direzione lo scoprirai poi. Effettivamente sembrerebbe colpito il settore del lavoro, visto che il tuo Plutone in Bilancia è proprio in sesta. Anche Mercurio e il Sole sono colpiti in terza, e i transiti negativi di Plutone e Urano partono dalla nona casa e dodicesima. Se pur penso che, contratto o non contratto fino a dicembre, la Regione non possa davvero togliere insegnanti agli ipovedenti e quindi immagino piuttosto contratti precari o riduzione dello stipendio, e mi sembrano improbabili altre possibilità. Ossia, magari con grosse difficoltà per colpa delle difficoltà di rinnovo della posizione attuale, potresti decidere di allontanarti dai luoghi ove vivi (come vuole il Plutone di passaggio in nona) oppure cercare un’occupazione in una struttura ospedaliera, come potrebbe fare pensare Urano di transito in dodicesima. Magari resterà tutto come ora e conserverai l’attuale impiego, ma se fossi in te comincerei comunque ad esplorare almeno la possibilità di un lavoro stabile di altro tipo. Anche se la crisi economica non è del tutto superata, mi sembra ci siano segnai di ripresa. Infatti il quadrato tra Urano in Ariete e Plutone in Capricorno che, oltre a creare tanti danni alle singole persone, ha causato la crisi economica globale si sta infine sciogliendo. Ci saranno ancora alcuni colpi di coda qui in autunno e nella primavera prossima, poi però si dovrebbe girare pagine. Purtroppo tu in contemporanea subirai l’influsso negativo di entrambi. Resisti, è l’unico consiglio che posso darti, e preparati a un cambiamento. Quale lo saprai a breve, ma a volte si cambia pure in meglio.






?
!

I TRANSITI, GIOIE E DELIZIE - 602

Salve Massimo,
mi domandavo se l'entrata di Giove in Vergine potesse avere effetti benefici anche su altri segni, magari grazie all'ascendente in Vergine? Sono un Leone, ma oltre ad avere l'ascendente in Vergine, sono nato anche con Giove e Saturno in Vergine. Mi chiedevo se questo nuovo transito, fosse portatore di buone cose anche per il mio Cielo Leonino. Quest'anno ve ne sono state a sufficienza, per fortuna, magari c'è ancora qualche soddisfazione da acchiappare. Ti ringrazio, per il tempo che dedichi alle domande.
Francesco.





1 settembre 2015

Gira che ti rigira, anche la domanda all’apparenza più teorica e volta a capire il meccanismo dell’astrologia, in realtà ha quasi sempre motivazioni personali, legate agli istinti più profondi della natura umana, ossia la speranza e la paura. Si confida in Giove o chi altri per avere la fortuna dalla propria parte, oppure si teme il Saturno contro sotto forma di ostacoli, demotivazione, massime sfighe. Umano, troppo umano. Così Francesco chiede, per se stesso, se continuerà l’ondata positiva nata da Urano e Giove positivi ai suoi pianeti in Leone. Quindi bando alle ciance e passiamo alla risposta. Ossia Giove in prima casa può portare una dose più o meno grande di ottimismo, ma per portare una botta di fortuna con la effe maiuscole deve interessare qualche altro pianeta. Nel caso di Francesco poi il passaggio nel primo settore indica anche un ritorno nella sua posizione natale, anche se ci vorrà un po’ di tempo per arrivare davvero sullo stesso grado, e non è detto che il passaggio porti un bel nulla. Ossia, salvo controindicazioni come quelle dei bugiardini delle medicine, transitando su una manciata di gradi dell’ascendente può dare un momento di benessere e buone cose, ma per portare davvero fatti eclatanti deve formare aspetti mooolto positivi con altri pianeti. In qualche caso poi comporta soprattutto se non solo un aumento di peso, dettato da una maggiore voracità. In ogni caso, salvo concomitanti transiti pessimi, quasi mai combina disastri, ma ti predispone comunque all’arrivo di buone cose, atteggiamento che può far sì che le positività arrivino davvero.






?
!

IL TRIANGOLO SÌ - 601

Gentilissimo Massimo,
Le scrissi due anni fa per chiedere un parere circa la mia situazione lavorativa visto l'avvicinarsi di transiti piuttosto pesanti. Lei mi fece una previsione che si è rivelata esatta mi disse che ci sarebbero state turbolenze sia appunto sul lavoro che anche nella vita affettiva. Professionalmente sono stati infatti anni di grande cambiamento e adattamento a nuove situazioni e le cose ora si sono sistemate, ma da febbraio (ultimo passaggio di Urano in Ariete al quadrato di Venere in Cancro in contemporanea con l'opposizione di Plutone) mi sono ritrovata in uno tsunami affettivo che mai avrei immaginato. In breve: vivo da otto anni con un Cancro storia bella e serena fino appunto a febbraio quando sono stata travolta da un Toro con cui si è creato un grande feeling mentale e fisico. Questa persona mi suscita profonde emozioni sia positive che negative che non so a volte gestire. Lui non è libero e io ho tentennato molto e ancora tentenno (anche per la mia non libertà, non accetto mentalmente tutta questa situazione) perché non sono certo le condizioni ottimali per conoscere una persona. Poi non voglio prendere decisioni affrettate (se riesco vorrei aspettare che si allontani Saturno dall'opposizione precisa al mio Sole). Insomma un bel pasticcio, aggravato dal fatto che lo vedo tutti i giorni a lavoro. Le chiedo: qual è secondo te il più adatto per stare con me? Posso sperare di recuperare un po' di serenità interiore nei prossimi mesi?
Francesca




1 settembre 2015

Sconsiglio a tutti, ma proprio a tutti, di imbarcarsi in storie nell’ambiente di lavoro. O, se dovesse succedere, prima ancora di sapere come evolverà la relazione, meglio cercare subito un altro impiego. La vicinanza costante e professionale con chi si sfoga l’esuberanza del corpo, soprattutto se la relazione è clandestina, è fonte di infiniti guai e tormenti. Detto questo, la situazione complessa non è ancora finita. Plutone infatti è ancora proprio esattamente opposto a Venere, e ci resterà fino a ottobre, Urano arriverà contro la Luna, sia pure il prossimo anno, Saturno e Giove se la prenderanno con il suo Sole, e non sono transiti piacevoli. Parlano di un periodo controvento, dove scontrarsi con la propria insoddisfazione sentimentale, e non per nulla si è rivolta a me. La salomonica sentenza sarebbe quella di cercarsi un altro lavoro ma ragionare anche se vale la pena continuare la storia con il Cancro. Questo però deve capirlo lei, e analizzare soprattutto il motivo per cui è caduta nelle braccia dell’altro. Prima o poi può capitare a tutti di prendere una sbandata e ritrovare la giovinezza e l’entusiasmo erotico fuori casa. A volte le storie extraconiugali servono anche se non soprattutto a rafforzare il legame precedente. Altre sanciscono invece che la storia antica sapeva di muffa, e si protraeva per abitudine, comodità, incapacità a pensare una vita alternativa. Quasi mai il terzo incomodo, soprattutto se sposato, costituisce una reale alternativa per il futuro, per il semplice motivo che quasi sempre la persona, soprattutto se uomo, aveva un gran bisogno di far riaffluire il sangue là dove non batte il sole, e il sistema migliore è imbarcarsi in un’avventura. Credo che il suo Toro rientri in questa categoria, e i suoi Venere e Marte in Gemelli e quinta in trigono a Urano suggeriscono che di tanto in tanto abbia bisogno di novità e stimoli nuovi. Cara amica, il quadro, sinteticamente è questo. Valuti con attenzione – e temo che l’esame sarà non dei più semplici – cosa vuole da sé e dal partner. È vero che la sua settima casa in Capricorno induce a essere stoici e molto realistici nei rapporti di coppia, ma non inclina al masochismo. Ossia, si resta in un matrimonio o convivienza anche perché quella è la soluzione più conveniente o meno disturbante, ma se una storia non desse più nulla allora si volta pagina. Se così fosse dubito però che riesca a far uscire il Toro dal matrimonio. In questo caso riparta da zero, o non si aspetti più di tanto da quello che le ha fatto perdere la testa. Senza eccessive attese riceverà pure meno delusioni. Suppongo non sia quello che mi ha chiesto, ma mi ha domandato un parere.






?
!

NON FORTUNA IN CAMPO SENTIMENTALE - 600

Buongiorno, premetto che è poco che seguo i suoi articoli e quindi non li conosco tutti. Se ha già risposto a una simile domanda mi scuso e chiedo un link di riferimento. Ho Giove in Scorpione grado secondo e casa seconda che si oppone maestosamente a Venere in Toro 6 gradi in casa 8ª. Volevo capire se lavorando su me stessa potrò far cessare quella che all' apparenza e agli occhi di tutti sembra anche non fortuna in campo sentimentale.
P.s . Se dovesse interessarla sono nata a Z il 5 giugno WZ h. 13:10 e ho già preso consapevolezza degli altri aspetti più ostici del mio tn. Quello in calce sfugge ancora al mio controllo. Grazie se avrà voglia di aiutarmi
SA




1 settembre 2015

Le manifestazioni possono essere tante, e solo un colloquio diretto potrebbe aiutare ad analizzarne tutte le sfumature. Qualche ipotesi però si può fare, e magari pure tentare di applicarla alla sua vita. Preciso anzi tutto che tanti altri sono gli elementi che possono contribuire alla “non fortuna sentimentale”, come l’ha definita con un meraviglioso eufemismo. Anzi, se mi guardo intorno penso che la maggior parte delle persone conosca la felicità o la sperimenti solo per brevissimo tempo, ripiombando poi nell’affollata sfera dell’insoddisfazione perenne, o della noia affettiva, parente stretta dell’insoddisfazione. Con cui si riesce a convivere, perché forse il non appagamento è uno strumento inconscio per costringerci a cercare, e ad andare avanti ancora e ancora, tentando di ottenere quanto ci manca. Suppongo lei avverta ancora di più questa “ferita” astrologica perché è l’unico aspetto davvero negativo nel suo tema, mentre tutto il resto è parecchio recuperato. Ma perché ne soffre? Perché la Venere in Toro e il Giove in seconda cercherebbero una piacevole e rassicurante stabilità, mentre la settima casa in Pesci può indurre a instaurare col partner del momento un rapporto fusionale, tendenza però contrastata dal Marte in Vergine e dal Sole in Gemelli, troppo lucidi per abbandonarsi del tutto. L’opposizione tra Venere e Giove è complicata poi dal fatto che Venere è sì in Toro ma è nella casa cosignificante del suo segno opposto, l’ottava affine allo Scorpione. Al tempo stesso il Giove è sì in seconda ma in Scorpione. Ossia c’è una marcata tensione tra stabilità e instabilità, tra possesso e tendenza a complicare le situazioni amorose, forse anche per una non completa fiducia nell’amore, o la tendenza a cacciarsi più o meno consciamente in situazioni amorose complicate. Bisognerebbe tentare di lavorarci su, questo sì, senza dimenticare mai che quanto ci accade deriva in parte anche dal nostro comportamento e modo d’essere. Qualcuno pensa sia possibile trasformare il positivo in negativo, io non credo sia del tutto fattibile. Sono certo però che si possa mettere una certa distanza da un comportamento o emozione che ci crea sofferenza. Nel suo caso penserei che potrebbe dedicarsi all’arte se già non lo fa, iniziare a fotografare o a fare qualcosa di analogo. Oppure occuparsi di cibo e cucina, qualcosa di rassicurante ed edonistico. Arte, vista, cibo ed eros, queste le cose di cui occuparsi. “Distraendosi”, il suo pensiero sarà meno concentrato sulla sfiga amorosa (chiamiamola con il suo nome) e potrà così presentarsi al mondo senza l’assillo interiore e magari inconscio di non sapere conservare un’altra storia. I transiti poi possono offrirle occasioni di incontro, come certo è già avvenuto. E avverrà pure in futuro: proprio per questo meglio non caricare altri incontri con la paura della loro fine, ma pensare soprattutto a viverli. Dureranno quello che possono, ma per un giorno o tutta la vita siano stati intensi o felici, questo sì.





?
!

UN ASCENDENTE PER UN SOFFIO - 599

Mi interesso di astrologia, ma ho un dubbio circa una parte importante dell' interpretazione del mio tema. Sono nato il 2/6/99 alle 00:15 e ho l'ascendente a 28 gradi e mezzo del Capricorno, mentre tutto il resto della prima casa si estende nell' Aquario e in parte anche nei Pesci, quindi mi verrebbe facile pensare che l'Aquario possa influire sulla mia personalità anche più rispetto all'ascendente vero e proprio in Capricorno (infatti mi ritrovo solo in parte in questo segno e mi identifico molto nell' Acquario e ne condivido sopratutto l'apertura mentale e l'anticonformismo) forse anche perché ho Nettuno e Urano in prima casa. Riflettendo un po' su me stesso mi accorgo inoltre che nella prima parte della mia vita sono stato un bambino chiuso e apparentemente "responsabile" ma ora come ragazzo nel mio modo di approcciare sta venendo fuori il mio lato aquariano. Volevo quindi chiederLe se, nell'analizzare una prima casa si tiene conto solo di un ascendente ho anche degli altri segni che la occupano. Sarei grato se potesse rispondermi, complimenti anche per questo bel sito!
Anonimo






1 settembre 2015

Caro giovanissimo amico, di certo senti moltissimo l’Aquario perché nella tua prima casa ci sono appunto due pianeti in Aquario, ma non solo. Nettuno e Urano sono pure in trigono al Sole, e rafforzano perciò certe caratteristiche del segno, come la mutevolezza, il concentrarsi su quanto accade sul momento, il bisogno di cambiare e non venire confinati in un unico schema. Ciò nonostante, sia pure per un grado e poco più, l’ascendente Capricorno ce l’hai comunque, e non è escluso che lo manifesterai appena raggiunta una completa età adulta. Secondo me un ascendente infatti appare in tutte le sue caratteristiche solo quando hai superato infanzia e adolescenza. Ti faccio un paio di esempi che conosco benissimo. Il primo sono io. Quando, più o meno alla tua età, mi calcolai l’ascendente e mi ritrovai il Leone pensavo a uno sbaglio. Allora infatti ero timidissimo e pensavo di averlo in Cancro, ma in realtà dai 18 anni in poi i miei spradici ma intensi ruggiti leonini terrorizzano la savana, e non solo quella. Ripensandoci da adulto, anche da bambino avevo comunque manifestazioni da Leone, come l’orgoglio e un pizzico di megalomania a volte un po’ insensata, ma non ne avevo consapevolezza. Una mia amatissima nipote, invece, ha l’ascendente al ventinovesimo grado dei Pesci, ma due pianeti in Ariete in prima casa. Per lei, in infanzia e primissima adolescenza, erano avvertibili solo quelli, ma appena partì la stagione degli amori i sospiri e il romanticismo dei Pesci è apparso evidente. Ha comunque ugualmente pianeti in Ariete, e di tanto in tanto si risvegliano, rendendola molto più battagliera di quanto l’ascendente vorrebbe. Nel tuo caso, giovane amico, il Capricorno da adulto ti renderà meno evanescente di quanto Gemelli e Aquario vorrebbero, e ti assicuro che non ti farà affatto male. Lascia tempo al tempo, e scoprirai ancora tante cose di te. La tua giovane età quasi di certo non le ha ancora manifestate, ma prima o poi arriveranno. Nel frattempo, ti auguro buona e lunghissima vita, con infinite altre curiosità da soddisfare.






?
!

UN PERIODO COMPLESSO: FINIRÀ PRESTO? - 598

Sto vivendo una brutta crisi con quello che vorrei fosse l'uomo della mia vita dovuta in parte ai tanti problemi che si sono in questo periodo susseguiti. Vorrei tanto dare la responsabilità di questa stanchezza e noia affettiva al buon Saturno tornato per rompere le uova nel paniere nel mio segno, ma temo ci sia altro. Ora so che Giove passerà nel segno della Vergine da agosto la domanda che vorrei porti è se tale passaggio che sarà se non dico una scemata, diretto in congiunzione sul mio Giove di nascita, potrà portare ad una risoluzione di problemi pratici che con l'amore della nostra coppia hanno poca attinenza. Il mio compagno ha perso da sei mesi il lavoro e sta avendo enormi difficoltà anche per ottenere il pagamento del suo t.f.r.; io dal mio canto sono in attesa di una causa legale che dovrebbe aver termine a settembre. Dimmi almeno, ovviamente se è così, che questo momento così pesante non è infinito perché davvero sono stanca.
Mirella





1 agosto 2015

Anche se sarebbe meglio non accadesse, capita spesso che problemi reali ed esterni quali possono essere quelli economici minino l’armonia all’interno di una coppia. Quando la mancanza di controllo sulla propria vita si fa pesante spesso diventi intrattabile, e a farne le spese può essere appunto la serenità di un rapporto fino ad allora funzionante.
In effetti stavolta il colpevole è davvero Saturno, che ha la cattiva idea di fare un anello di sosta sul tuo Sole e soprattutto opponendosi al Marte in Aquario del tuo compagno, cara Mirella. Tra i due mi sembra però che tu possa gestire meglio di lui la crisi, astrologicamente parlando. Per quanto pesante una congiunzione sul Sole ti rende lucida e determinata, mentre il tuo partner si sente castrato e schiacciato, ed è così. Possibile che anche la vita sessuale ne risenta, almeno in questo periodo. Il momento peggiore dovrebbe essere stato luglio, e quando mi leggerai potrebbe essere sul punto di finire. Saturno infatti il 2 agosto riprende il moto diretto e, pure restando quasi fermo sul tuo Sole e contro il suo Marte per tutto il mese, di solito si avverte che l’aria sta cambiando e, se ancora non tutto è risolto, ci si rende conto che le cose possono cambiare. La crisi affettiva fra di voi però potrebbe durare ancora fino al 10 agosto, ossia per tutto il tempo in cui Giove resterà in Leone. Aggiungi poi l’anello di sosta di Venere e il passaggio di Marte sempre in Leone e ti renderai conto che potrebbero esserci ancora scosse di assestamento. Sappilo, e considera il periodo pesante un banco di prova. Ritenevi il tuo compagno l’uomo della vita, non è detto che non lo sia. In ogni coppia, anche la più solida, accadono queste cose: se si è fatti l’uno per l’altro la crisi si supera, anzi rafforza l’unione. Se invece non ci sono i presupposti oppure i desideri dell’uno non coincidono più con quelli dell’altro ognuno prenderà la sua strada, se questo deve accadere. Io penserei comunque che la vostra sia una storia davvero importante, il resto si vedrà. Quanto alle vertenze legali, mi sembrerebbero in fase di risoluzione, ma tu sai come sono i tempi della giustizia in Italia. Penserei a un esito positivo, ma se così non fosse magari troverete alternative valide che vi garantiscano quanto cercate. Insieme o separati, ma mi auguro che la vostra strada non si separi, se è quello che volete.




?
!

INDIPENDENZA O AMORE? - 597

Buongiorno Massimo,
Dal 2007 la mia vita è cambiata. Urano non ha salvato nulla (va be' anche Saturno ha fatto la sua parte), se mi guardo indietro penso di aver vissuto ogni tipo di emozione, positiva e negativa. Sono stati anni intensi, di crescita, mettiamola così. Di sicuro c'è che sono un'altra persona, più matura e più consapevole di me stessa. Ho imparato il valore dell'indipendenza e della libertà, a cui oggi non rinuncerei, certo ogni tanto la solitudine si fa sentire, a volte intensamente. Mi manca un amore, un compagno. Davvero quella Luna in Capricorno in 11ª e quella Venere in Aquario in XIIª sono così austere, solitarie e sopratutto così determinanti? Che mi dici?
Mi dai un consiglio?
Silvia




1 agosto 2015

Cara Silvia,
tutto è determinante nel tema natale, perché indica un modo d’essere che farà sì che noi interagiamo con il mondo esterno in una certa maniera, e il mondo si rapporterà a noi anche in base a come noi ci presentiamo. Quindi le tue Luna e Venere possibiliste e a volte severe non faranno mai di te una facilona, ma nemmeno Saturno congiunto al Sole ti aiuta in tal senso. Non per questo ti sono preclusi però amori e possibilità di storie, che suppongo tu abbia avuto prima che Urano facesse piazza pulita. Quindi se ha fatto tabula rasa è possibile se non certo che qualcosa prima ci fosse in campo affettivo perché questo trapela dalle tue parole, se pure non racconti nulla del tuo passato. E le tue Venere e la Luna, come la congiunzione Sole e Saturno, tu le possedevi pure prima del supposto disastro di Urano e mi pare di capire che ci sia stato amore, non importa di che tipo ed entità. Se c’è stato un tempo perché non dovrebbe esserci più? Perché ora ti rendi conto delle tue ipotetiche durezze caratteriali? Quelle le avevi anche prima di Urano, non ci piove. Possono forse essersi accentuate, o più probabilmente ora ne hai maggiore consapevolezza. Aprire gli occhi non preclude affatto nuovi incontri. Ci saranno però queste altre possibilità? Io penserei proprio di sì, anche se potrebbero non essere immediate. Plutone e Nettuno stimoleranno infatti in maniera più che positiva i tuoi Sole e Luna, e fanno ipotizzare crescita e trasformazione, entrambe positive. Certo, Venere e pure Marte non riceveranno in tempi brevi stimoli tali da giustificare passioni brucianti. Forse è passata questa stagione, magari è tempo di tirare i remi in barca per creare qualcosa di più rispetto alle fiamme dell’amore, destinate a spegnersi in caso di pioggia. Non credo che non ci saranno più storie affettive, immagino invece che saranno diverse da quelle del passato. Come non lo so. I transiti planetari, quando sarà il momento giusto, faranno accadere quel che deve. Nel frattempo consiglio te, come i tanti in cerca di amore, di non cercarlo. Quasi sempre arriva infatti nel momento in cui ci convinciamo di poter farne senza. Ti consiglio quindi di metterti il cuore in pace: molto probabile che solo allora arrivi un amore di quelli importanti.




?
!

IL TERRORE DI DISASTRI FAMILIARI - 596

Buongiorno Massimo,
ho la sensazione dominante di essere circondata dalla malattia che coinvolge i miei cari e di non essere in grado di gestire ciò che comporta: padre parkinsoniano, compagno più vecchio di me operato un anno fa per trauma midollare, entrambi in peggioramento di sintomi, tutto accaduto a partire dal terribile 2014. Temo un proseguo simile - il 2015 finora non è stato positivo - che possa coinvolgere anche i prossimi anni e spero che ciò non vada a minare la serenità di mio figlio piccolo. Grazie per l’aiuto che vorrai darmi.
Teresa




1 agosto 2015

Anzitutto ti dico che non posso rispondere direttamente al quesito che mi poni, anche per questioni etiche (ossia non è giusto predire situazioni gravi per la salute del singolo o dell’intera famiglia, ammesso lo si potesse fare davvero con certezza) e pure per semplice realismo. Ossia, ipotizzando (è solo un’ipotesi, sottolineo) una serie di transiti planetari negativi per i vari madre, padre e figlio siamo certi si tratterà davvero di un problema fisico di uno di loro? Potrebbe parlare pure di questioni economiche, o di crisi tra i genitori, o chissà che altro. Quindi il peggioramento della situazione meglio lasciarlo stabilire dal medico, se mai dovesse accadere e ci auguriamo che non succeda, né presto né tardi. Ritengo invece che sia molto più proficuo capire il reale motivo astrologico di queste tue ansie, concentrandosi su quella tua Luna in Pesci e sesta casa, quadrata a Saturno. Tradotta dal linguaggio astrologico a quello corrente, suppongo tu abbia anche un’emotività molto forte e incontrollabile che si concentra sulla salute, in questo caso non la tua ma delle persone che ami. Per il resto tu hai un tema natale attivo, vitale e pieno di risorse, come vogliono l’Urano in prima casa, il Sole in quinta e tanti altri elementi. L’emotività invece è un’arma a doppio taglio, una ricchezza per l’interiorità ma una zavorra per la serenità d’animo. Capisco che, trattandosi di una questione istintiva, sia difficile da controllare, ma sarebbe bene tentare di lavorarci su. Non controllandola però si otterrebbe infatti l’effetto contrario. Meglio allora guardarla in faccia, assimilandola come si può. Magari ripetendo come un mantra tutte le possibili sciagure future, tanto da prepararsi alle negatività che potrebbe davvero accadere, perché nella vita prima o poi succedono a tutti. Mi spiego e parlo di me stesso, la persona che conosco meglio. Io sono nato angosciato “grazie” a un Marte in Pesci che si aspetta di tutto e di più. Eppure nel momento in cui mi sono capitati eventi molto pesanti li ho affrontati con grandissimo sangue freddo, stupendomene io per primo. Quindi, di certo non ti capiterà mai nulla di devastante, ma quando avrai problemi li saprai gestire al meglio. Aggiungo poi che è altamente probabile che il pessimismo ti sia cresciuto anche a causa dei transiti pesanti per l’Aquario degli ultimi due anni, ma i passaggi planetari prossimi non sono affatto negativi. Quindi sta tranquilla: la testa va fasciata solo quando si è rotta, al pronto soccorso ci si va solo per reale necessità, propria o altrui.




?
!

IL MOMENTO DEL MATRIMONIO - 595

Gentile Massimo,
studio astrologia da oltre 10 anni, ho degli amici "curiosi" che ogni tanto fanno domande sul loro futuro, in particolare c'è un ragazzo che mi ha sovente chiesto di guardargli i transiti. Si sposerà a fine giugno, è nato l' 11 luglio del 1970 a Torino, purtroppo non sa a che ora. Non gli ho detto nulla, non voglio condizionarlo, ma sposarsi con un Urano quadrato al Sole e altri aspetti (vedi Saturno) non so se sia un"buon affare". Cosa ne pensi? Grazie come sempre
Fede76




1 agosto 2015

Prima di analizzare i transiti del tuo amico, ti pongo una domanda, essenziale alla comprensione di quanto accadrà, con la grossa incognita della mancanza dell’ora di nascita. Va detto che basta però rivolgersi all’anagrafe per conoscerla, in Italia è obbligatorio registrarla nell’atto di nascita. Tornando alla domanda, come mai il tuo amico è arrivato fino ai 45 anni prima di decidere di sposarsi? È al secondo matrimonio, prima conviveva e solo ora ha deciso di formalizzare l’unione? Non è secondario conoscere la biografia di una persona per interpretare nella maniera giusta come reagirà ai passaggi planetari, e perché lo fa. In effetti gran parte dei suoi transiti del periodo sono negativi, perché hai dimenticato di citare le possibili lesioni sulla Luna, forse a metà della Bilancia (l’incertezza è sempre legata alla mancanza dell’ora di nascita). Fermo restando le tante incognite le negatività possono essere lette in due modi. Il primo è che stia facendo una sciocchezza, e se ne renderà conto poi. Il secondo, e glielo auguro, è che in realtà avendo una personalità molto strutturata si poteva decidere al grande passo solo con transiti negativi, altrimenti sarebbe rimasto nel suo consueto ed appagante tran tran. Perché l’unione stabile con una persona, per quanto amata, comporta ovviamente cambiamenti notevoli e solo per una manciata di persone possono essere solo positivi. Per i più, implicano invece tutta una serie di compromessi tra le proprie esigenze e quelle del partner, a volte con guerre infinite per stabilire un predominio all’interno della coppia. Ecco, io mi auguro che si tratti appunto di semplice difficoltà di assestamento. Per sciogliere ogni dubbio, chiedi però al tuo amico di fare un salto all’anagrafe, e osservalo con attenzione nei prossimi mesi insieme alla moglie. Quasi di certo capirai se ha fatto bene oppure male.





?
!

IL PREZZO DELL’INQUIETUDINE - 594

Salve Massimo,
sono molto indipendente, a volte fanatico di esserlo; è impegnativo e faticoso ma non posso farne a meno. Con la mia famiglia ho sempre avuto conflitti, soprattutto con mio padre, e sto meglio per conto mio. Sono single e vivo da solo tra molte difficoltà, i non ho un lavoro al momento. Vorrei libertà e autonomia anche per il lavoro ma per adesso non trovo idee valide né sbocchi per fare un salto di qualità, vorrei anche trovare una compagna di vita (negli ultimi anni solo storielle). La mia vita non è stata tranquilla, anzi ho vissuto molti sconvolgimenti a livello esistenziale e intimo, da adolescente ho frequentato amicizie e ambienti non sani e onesti rischiando anche. Verso i 19 anni mi sono fidanzato, avevo un lavoro e convivevo, ma dopo un po' l'irrequietezza e l'insoddisfazione hanno preso il sopravvento, così a 28 anni ho lasciato il "mondo sicuro" e soffocante che mi ero costruito e ho ricominciato da solo. Volevo chiederti quanto può influire quel Nettuno in prima quadrato al mio Sole e Giove congiunti in decima; ha un peso così importante? Inoltre volevo sapere cosa pensi di quella Luna in decima e il mio Marte in Scorpione che fa un solo aspetto (non positivo) con Venere? Ho letto riguardo i transiti negativi di Nettuno dei prossimi anni, e la cosa mi agita un po'. Quale può essere la portata di un transito dissonante così lungo di Nettuno, che toccherà via via tutti i miei pianeti in decima e poi in undicesima? Devo aspettarmi solo cambiamenti negativi? Per adesso il "successo", indicato dalla mia casa decima piena di pianeti, non si vede. C'è solo voglia di indipendenza e tanta fatica.
Gianni





1 agosto 2015

Le tante domande che mi poni riguarderebbero quasi l’intera lettura del tema natale, e sono costretto a sintetizzare perché questo non è il luogo né il modo per farlo. Una domanda: l’ascendente mi risulta per pochi sessantesimi in Scorpione. È davvero lì o è già in Sagittario? Se è ancora in Scorpione acquistano più spazio lucidità e tormento interiore, se già in Sagittario avrebbe più peso l’ottimismo. Ottimismo però relativo, visto che Nettuno è appunto quadrato a Giove e Nettuno. Ora le persone inquiete come te, caro Gianni, mi attirano come carta moschicida, e non posso che dare loro la mia massima solidarietà e affetto, e qualche consiglio dettato da una età quasi veneranda. Il tuo tema natale, che tu hai analizzato in sintesi in maniera molto corretta rispecchia quello che sei e sarai. Ossia, per quanto risulti faticoso non riuscirai a non fare da solo, e Urano in dodicesima e Scorpione è un altro segnale in questa direzione. Avresti anche una gran voglia di successo, ma tu per primo – essendo di estrema lucidità – sai che ancora non hai trovato la strada giusta o un’idea valida per raggiungerlo. Saturno e Giove in decima (per non parlare di Sole, Luna e Mercurio) dicono che puoi e vuoi farcela, ma il Giove leso da Nettuno non ti concede di crederci al cento per cento, forse perché trovi il pelo nell’uovo nella strada da percorrere. Saturno potrebbe indicare una realizzazione lenta ma stabile, e ti auguro sia così. Non puoi però ignorare il Nettuno in prima, capace di farti esplodere di tanto in tanto come una pentola a pressione, per la necessità genetica di diventare altro da quello che sei stato in precedenza. Questi stimoli li avrai sempre, devi saperlo. Si possono però forse controllare o incanalare in altra direzione di marcia. Ti faccio un esempio nato dalle decine e decine di Nettuno in prima casa che ho frequentato e frequento da decenni (non sempre gli stessi, perché sono tutti fuggiti prima o poi, loro). In alcuni casi hanno mollato il lavoro e hanno fatto altro, in altri – più di frequente – i cambiamenti erano nei rapporti umani. In virtù di un certo realismo mantengono la sicurezza professionale e sfogano involontariamente la necessità di cambiare nelle relazioni interpersonali. Oppure trovano compagni liberi e intelligenti in grado di accettare i loro bisogni di evasione, non spaventandosi per metamorfosi inattese nel rapporto. Un arte difficile, ma non impossibile. Una persona su dodici ha Nettuno in prima (non tutti col quadrato a Sole e Giove, d’accordo) e ognuno prima o poi trova un suo equilibrio, mutevole ma pur equilibrio. Quanto ai transiti futuri, hai considerato solo quelli negativi e non quelli positivi. Insieme a Nettuno contrario arriverà invece Plutone a favore, e si tratterà di un transito importantissimo. Sei intelligente e lucido, Gianni, appare chiaro dalle tue parole e dal tuo tema natale. Forse hai una vita che tu per primo ti complichi, ma l’esperienza e la maturità ti concederanno le chances giuste per gestire l’esistenza come tu vuoi. Altrimenti ti annoieresti, e lo sai benissimo.





?
!

UN FIGLIO PROBLEMATICO - 593

Ciao Massimo
ho un figlio nato il 15 12 19XX alle 10.40 che ha grossi problemi caratteriali con continue crisi di nervi e rabbia contro tutto e tutti. Sta tutto il giorno su internet, chiuso in camera e con pochissimi contatti col mondo esterno. Non ha stimoli se non per passioni adolescenziali. Ha subito il distacco della madre da casa, anche se adesso la frattura sembra essersi ricomposta. Vorrei sapere da te se a livello astrologico con l'ingresso di Saturno nel segno le cose possano migliorare. Lei pensi possa tornare?
Sergio





1 agosto 2015

Sicuramente tuo figlio ha problemi di socializzazione e aggressività, di certo aumentati nell’ultimo paio d’anni a causa dei transiti che hanno subito il suo Marte e Mercurio, già di nascita quadrati tra di loro in case tutt’altro che inclini a creare buoni rapporti umani, come sono l’ottava e la dodicesima. Però mi sembra abbia pure molte possibilità, non so fino a che punto sviluppate, grazie alla congiunzione di Giove e Nettuno al Sole Sagittario in undicesima. Capisco la tua preoccupazione di padre, ma ha ormai 31 anni, ed è padrone del suo destino, nel bene e nel male. Avrà di certo sofferto per la separazione di voi genitori, ma non è né il primo né l’unico che subisce un evento del genere, e tutti reagiscono. Non sei certo tu a potergli cambiare la vita, se non lo capisce da solo non ci riuscirà nessuno. Io credo però ci sia più di una speranza di una soluzione al suo problema, anche se dovrà pagare un ultimo scotto all’insoddisfazione che l’ha colpito negli ultimi anni. Per questa seconda metà dell’anno Plutone sarà sul suo Mercurio, quadrando ancora Marte in ottava. Salvo miracoli, sarà ancora aggressivo e insofferente, ma non escludo che la congiunzione di Plutone a Mercurio gli crei qualche interesse che svilupperà poi. A partire dal prossimo anno, quando Urano gli passerà sulla Luna e formerà poi trigoni ai suoi pianeti in Sagittario. Con transiti così è quasi impossibile non succeda nulla, e io immagino – e spero – in un incontro che lo faccia infine uscire dalla sua stanza e assaporare i piaceri della vita. Se ce la fai senza irritarlo, prova a parlare con lui serenamente, se del caso suggerendogli di rivolgersi a uno specialista, o magari scrivere a me per un consulto astrologico. Verbalizzare quanto lo ha spinto a restare isolato dal mondo potrebbe aiutarlo a desiderare di cambiare vita. Dietro la preoccupazione per il figlio traspare però un’altra domanda tua, ossia la speranza del ritorno di tua moglie. Non so se ci sarà, te lo auguro comunque. Penso però che per te, per tuo figlio, e paradossalmente pure per l’ipotetico ritorno di tua moglie, sarebbe bene che guardassi al futuro e cercassi di farti una vita tua, non vivendo ancora nel lutto per il distacco subito. Se penserai davvero al domani, e non tenterai di ricostruire una situazione che comunque è cambiata, potrai fare solo bene a te stesso e a tuo figlio. E forse solo allora tua moglie potrebbe tornare. Se vivi nella costante speranza di un recupero del passato non fai un passo avanti in alcuna direzione. Guarda al futuro, magari in questo modo recuperi pure il passato, ma solo se guardi davvero in avanti.





?
!

L’IPOCONDRIA CHE AVVELENA LA VITA - 592

Gentilissimo Massimo
già mi sono rivolta a lei: una sua frase mi ha aiutato in questi ultimi due anni, tornandomi in mente ogni volta che le mie paure si affacciavano. Sto passando un periodo di confusione, la pre-menopausa non aiuta, mi sento sola e poco capita da chi mi sta accanto. Ultimamente si sono presentati problemi di salute, mi hanno diagnosticata una cisti ovarica e sono andata fuori di testa (paura di un tumore e di un intervento) e non capisco più se la mia paura più grande è morire o il timore di ciò che la vita mi offre. Il mio ottimismo (frutto di un allenamento quotidiano) mi sta abbandonando e stento a dirottare i pensieri su qualcosa che non riguardi la salute. Dipende da Mercurio e Sole di transito che sono in opposizione al mio Sole natale? Perché se fosse così dovrei soffrire ancora per tutto il mese di giugno visto che Mercurio sosta sul mio Sole. Inoltre avrei bisogno di capire quanti gradi di orbita devo considerare per i transiti. Nettuno è a 9° dei Pesci, in quadratura al mio Sole natale che secondo alcune effemeridi si trova a 7°04 del sagittario, secondo altre a 7°59 e se questa quadratura contribuisce a farmi sentire così fuori fase. Può dirmi cosa mi devo aspettare da questi transiti bruttini?
Barbara





1 agosto 2015

Anzitutto il Sole è a 7°59, ho controllato e ricontrollato, le altre effemeridi sono evidentemente inaffidabili. La paura che la pervade in questo periodo può essere stata incrementata da Mercurio e Sole, ma la causa principale, a livello di transiti, è di certo Nettuno. Le anticipo che purtroppo fino a marzo prossimo le resterà negativo. Non si fasci però la testa, ma piuttosto ne abbia la consapevolezza. Uno dei frequenti effetti di un Nettuno negativo è finire in analisi, oppure essere costretti a impiegare psicofarmaci, per tamponare le paure che quasi sempre il pianeta in posizione negativa scatena. Spesso però la paura non è legata al corpo, ma a crisi esistenziali oppure a mancanza di prospettive, soprattutto emotive. Nel suo caso le ansie si sono invece appuntate verso ipotetiche malattie. Certo, la causa scatenante è stata una cisti, ma io penso che metà delle donne che si sottopongono a visite ginecologiche prima o poi soffre di disturbi di questo tipo. Nel suo caso la sua scoperta ha avuto un effetto valanga, perché le ha creato angosce importanti, andando però a smuovere un qualche tasto evidentemente già presente in lei, altrimenti il Nettuno storto si sarebbe manifestato in altro modo. Le due posizioni natali all’origine di questo problema sono Giove quadrato al Sole, sintomo di un ottimismo precario se non carente (e lei me lo ha confermato) come pure il Marte in sesta (la casa del corpo) quadrato a Venere in Bilancia (pianeta del rapporto con la salute) e terza. Se a un passo dalla menopausa comincia quindi a diventare ipocondria penso di poterle consigliare di non concentrarsi sul corpo (anche se deve sistemare tutto quanto non dovesse andare, per evitare che l’ipotetico problema si accresca) ma sull’affettività. Lei non me ne parla, ma lo faccio io: cosa vorrebbe dall’amore? D’accordo, non è più una bambina, ma per amore non intendo quello romantico che ti fa sognare, ma semplicemente il volersi bene. Ecco, io non so fino a che punto lei se ne voglia. Penserei che tiri avanti con grande forza di volontà, come vuole Saturno in trigono al Sole ma poi avverta la mancanza di qualcosa. Si concentri su questo, si faccia doni, non importa di che tipo. Provi a volersi bene, se l’affetto delle persone vicine non è sufficiente. Si distragga quindi da questa ossessione sulla salute, anche se avrà Nettuno storto. Oppure cerchi di capire insieme a uno specialista le ragioni del suo disagio, che non sono fisiche. O meglio, come molti avrà pure paura della morte e della malattia, ma quando il pensiero è troppo insistente bisogna cercare una soluzione, qualunque essa sia.





?
!

FARE E DISFARE, VOCE DEL VERBO AMARE… - 591

Gentile Massimo,
sono Sofia, le scrissi tempo fa per una crisi professionale. Ho continuato a seguirla, per cercare uno spunto di apertura verso la consapevolezza. Credevo che il periodo "duro" fosse in esaurimento. Ho dovuto ricredermi poiché gli anni a seguire mi hanno smentita, ma se le riscrivo è perché è arrivato il momento di risalire la china. Magari potrò orientarmi meglio nei transiti futuri per aumentare l’ ottimismo di cui sto facendo rifornimento dopo anni in cui sono caduta in depressione e ho avuto malattie che ancora curo. La questione che vorrei guardassimo insieme, è quella sentimentale. Sto facendo una terapia per uscire fuori dallo stato subdepressivo e dal malessere fisico derivante. Soffrivo per i tormenti di una storia passionale e vissuta male con un Aquario paralizzato dalla paura dal quale mi sono allontanata con sofferenza, e per il quale avevo chiuso una storia decennale con un Leone che mi ha sempre amata. Dalla terapia, dopo tanto soffrire con l'Aquario, è emerso che non ho fatto altro che rifugiarmi nella passione per sfuggire alla paura dell'impegno dal Leone. E ritocchiamo i temi della paura di crescere e di realizzare già nominati nella precedente mail. (…) Ho dato un occhiata ai transiti e non riesco a capire come si esplicheranno. Ho paura che questo sia il distacco definitivo, dal momento che lui sta per vivere il trigono di Plutone alla Luna e (…). Avevo l'oro nelle mani e l'ho barattato con un pezzo di vetro creduto diamante. Mah, spero che possa gettarmi un bengala illuminato per orientarmi nella notte.
Sofia




1 luglio 2015

Cara Sofia,
l’impressione netta che ho avuto leggendo la sua interminabile e-mail, sintomatica dei suoi dilatanti pianeti in Sagittario, è che lei un po’ ci sguazzi nelle situazioni confuse, come vogliono i suoi tanti pianeti in dodicesima casa, e spero che mi perdonerà per la sincerità. In tutta onestà va però detto che la sua Luna a 7 gradi del Sagittario ha subito il pesante quadrato di Nettuno dai Pesci, sintomatico del suo stress emotivo e fisico, e dell’incertezza che ne consegue per i rapporti di coppia. Dove mi pare di capire che, se non ha fatto tutto da sola, poco ci manca. Nulla di più probabile visto che l’astrologia mi dice che lei è molto più forte di entrambi i suoi uomini. E che da un lato vorrebbe una storia stabile, come esigono i suoi pianeti in settima casa, dall’altro la dodicesima casa importante la spinge a situazioni irrequiete e non definitive, perché le sembrerebbero la morte civile. Questo deve sapere, indipendentemente dai transiti: in lei convivono impulsi diversi, ossia l’indipendenza e la dipendenza. Se fosse uomo vorrebbe la botte piena e la moglie ubriaca, visto che è donna si barcamena tra l’Aquario e il Leone, la passione e la stabilità. Io le chiedo però, indipendentemente dai transiti del suo felino: se riprendesse la storia con il Leone, è certa che non le mancherebbe poi il brivido della passione? E se invece inseguisse quest’ultima, come la metterebbe con le sue somatizzazioni? Attenzione, non le sto scagliando una maledizione rispetto a un’insoddisfazione eterna. Tutt’altro: la invito piuttosto a riflettere sulle ambivalenze dei suoi sentimenti. Solo avendone piena coscienza potrà gestirli meglio. Perché a qualcosa deve rinunciare. E non sono certo che se tornasse indietro e si stabilizzasse con il Leone sarebbe davvero soddisfatta della scelta fatta. Se si è invaghita di un altro un motivo c’è, forse la storia era diventata soporifera. Ora non so se davvero vorrebbe tornare al passato o piuttosto ha paura di perdere qualcosa di noto mentre in contemporanea la spaventa l’ignoto. Se ce la fa a restare sola, se fossi in lei proverei ad aspettare il prossimo anno, quando Plutone farà un trigono alla sua Venere. Penserei che tra l’Aquario e il Leone potrebbe esserci un terzo litigante a godere, di quale segno ancora non sappiamo…


?
!

ILTEMA DEL MATRIMONIO - 590

A tuo avviso quanto è importante nel tema del matrimonio un bel Saturno/durata? Conosco matrimoni tuttora in piedi con Saturno leso nel tema. Ovvio che occorre dare più importanza al tema degli sposi.
Grazie
Alessandro




1 luglio 2015

C’è solo una posizione astrale che ritengo quasi sempre funesta (e sottolineo quasi perché in alcuni casi l’effetto è più sfumato), ma non la rivelerò mai nemmeno sotto tortura. Anzi, visti i tempi di vacche magre o scheletriche, lo farò ma solo in cambio di un bonifico con moltissimi zeri. E questa posizione si riferisce ai temi natali dei singoli, non al quadro astrale di un momento, sia pure molto importante come la data di un matrimonio. Evento che comporta una vita a due (e più, se ci saranno figli) composta da molte sfumature, e Saturno è una di queste. Certo, può aiutare nella durata, e nella razionalizzazione di un evento in cui prima o poi la passione e il sentimento finiranno in secondo o terzo piano, ad essere fortunati, lasciando lo spazio alla difficoltà della convivenza, al calzino da lavare, alle bollette da pagare a fine mese, ai figli fonte di preoccupazione costante. Ma potrebbe pure rappresentare un killing joy, uno spegni-allegria, capace sì di garantire la durata del contratto finché morte non li separi, ma a costo di un grigiore quanto meno sconsolante. Saturno poi – come tutti gli altri pianeti – non comporta in automatico un bel nulla, nemmeno la durata. Tant’è che i centenari spesso e volentieri hanno un Saturno pessimo, che fa loro rifiutare di adagiarsi nell’idea della vecchiaia, e non parliamo poi della morte. Saturno quindi potrà dare un’impronta di un certo tipo al matrimonio, ma molto più importante sarà comparare i temi natali di marito e moglie, le parti in causa che dovranno mediare per tutta la vita coniugale tra le proprie esigenze e quelle del partner, ammesso sia possibile. Oppure cercare altrove, per rimediare a un errore, o inseguendo un illusione che non esiste. Ritengo quindi molto più importante la comparazione dei temi natali piuttosto che lo studio del momento del matrimonio, anche quest’ultimo se darà in ogni caso indicazioni chiare di molte modalità del matrimonio stesso, tutte da indagare.




?
!

IL PESO DI UN QUADRATO LUNA-PLUTONE - 589

Caro Massimo,
volevo chiederti un consiglio sull'aspetto più rovinoso del mio TN: Luna quadrata a Plutone. Ho letto mille volte la sua interpretazione ma vorrei sapere se a 30 anni posso sentirne meno l' influenza o se devo rassegnarmi. Provo un legame viscerale con mia madre. Sono figlia unica, figura paterna inesistente. Fin da bambina ho sempre avvertito la sua rigidità, una madre poco incline a gesti di affetto, autoritaria ed esigente. Crescere con lei è stata una sfida perché per una gemellina essere all'altezza del volere saturnino (lei è Bilancia) non è stato facile. Sopratutto quando avverto il bisogno di un consiglio o di una spalla. L'ho sempre sentita contro, schierata con l'esterno, mai complice con me. Questo ha comportato una reazione ovvia. Mi sono sempre difesa da sola soffrendo, per le bastonate della vita e le sue. Ma l'ho fatto, a volte sbagliando perché non avendo una guida ma solo critiche le mie armi di difesa potevano risultare poco efficaci. Inoltre i suoi giudizi, pur cercando di coinvolgerla poco nelle mie scelte, li ho sempre portati in groppa minando l’autostima e rendendomi ipercritica verso di me. Devo fare sempre un grande lavoro per capire quando devo essere severa con me stessa o se è il di fuori in quel momento sbagliato, la tendenza sarebbe l'auto punizione sempre. Nonché la paura di non avere fatto abbastanza, di non essere all'altezza. Di essere sempre in errore. Il tuo parere per me è importante perché ho molta stima nella tua persona.
Ilaria




1 luglio 2015

Una Luna in Leone per una donna rappresenta spesso una madre difficile da superare, o da vivere con serenità perché è avvertita come una persona in qualche modo eccezionale, al di sopra, come il sole che dal cielo ci illumina e sta sopra di noi. Di certo poi se questa stessa Luna riceve un quadrato da Plutone il rapporto con lei è ancora più complesso perché spesso non ci si sente mai all’altezza delle sue aspettative, qualunque esse potessero essere. È possibile superare la “maledizione” della convivenza interiore con questa madre potente? Sicuramente difficile, non impossibile, ma a costo di un lavoro costante e duraturo. Paradossalmente credo tu non debba partire da te stessa, ma da lei, se ci riesci. Mi spiego: se ti giudichi in continuazione con i suoi occhi vedi tutte le imperfezioni possibili e immaginabili. La Luna Leone madre vuole da te il massimo. Attenzione però, tu stessa come donna sei quella Luna e non ti accontenti di risultati modesti, e del resto non lo vogliono nemmeno il tuo Sole e Marte in decima casa. Punti in alto, quindi, ma stare sulla cima comporta una fatica. Meglio non raddoppiarla con il contorcimento emotivo, allora. Cercando di ridimensionare anche l’ombra interiore di quella madre esigente. Come? Provando a vederla dall’esterno, per quello che è, una persona con i suoi pregi e difetti. Certo un po’ rigida, come vogliono i suoi pianeti in Bilancia ma pure il Saturno in prima, ambiziosa, ma senza avere avuto forse la possibilità di raggiungere quanto avrebbe voluto (la decima lesa), in perenne ricerca di un equilibrio e di un controllo. E tu prova a sentirti un po’ meno figlia, a mettere delle distanze almeno emotive. Pur sapendo che il tuo Mercurio in Toro stenterà ad allontanarsi del tutto. Non è semplice, lo so, ma pensa che è la tua vita, e non puoi restare sempre a martoriarti all’ombra della madre. Anzi, se mai ce la facessi a viverla per quello che è, una persona che ha avuto parecchi problemi nella vita e forse per questo si è indurita, diventerai più adulta. Il problema è emotivo, e lo sai anche tu, tant’è che mi hai posto la domanda proprio sulla Luna. Le emozioni popolano un terreno meraviglioso, ma sono pure capaci di trascinarti nei loro gorghi. Una ricetta certa per “salvarsi” non c’è, ma tu hai l’arma dell’astrologia, con le sue analisi. La diagnosi l’hai fatta giusta, un po’ alla volta puoi superare il dolore. Non è semplice, ma ce la si può fare. Sono certo sia il tuo caso.




?
!

MISTERIOSE ALCHIMIE DI COPPIA - 588

Buongiorno Massimo!
Sono Manuel (31 w 19xx) insieme a una ragazza (F. 17 z 19xx) da circa 13 anni, abbiamo due belle bambine, non siamo sposati, abbiamo due caratteri totalmente opposti e spesso mi domando: “Sono un sadico???” Lei riscontra qualche forte affinità nei nostri temi natali??? La spiegazione che mi do io è che avendo molti pianeti in segni d'aria e lei in terra-acqua ci completiamo, e anche che avere una persona così diversa (all'apparenza magari) da me mi stimola molto. Boh?
Manuel




1 luglio 2015

Siete di certo molto diversi, elementi in comune però ce ne sono. Non so se garantiranno un’unione stabile e felice per tutta la vita (nessuno può saperlo né prometterlo), ma già il fatto che a trent’anni stiate insieme praticamente dalla pubertà o subito dopo e abbiate due figlie, è già un sintomo molto importante almeno di possibilità di dialogo o attrazione fisica. Alcuni elementi secondo me vi danno un’impostazione affine nei confronti della vita. L’ascendente in segni d’acqua (e per conseguenza una settima casa in segni di Terra, un Sole in terza casa in rapporto positivo con Giove. Ossia, realismo, curiosità, e un’adolescenza felice. Guarda caso si tratta del periodo della vita in cui avete iniziato la vostra lunga storia. Inoltre la sua Luna in Bilancia congiunta a Plutone in settima casa indica che lei ha bisogno di avere al fianco una donna che le dia delle regole e un sostegno. Cosa che una del Capricorno sa fare benissimo! Però io mi chiedo perché mi sta facendo questa domanda. Non mi parla di segnali di crisi, da nessuna delle due parti, è vero che le differenze a volte stremano e possono far precipitare anche le storie più intense, ma nonostante la giovane età avete costruito tanto. Faccio due ipotesi, e anticipo che propendo per la seconda. La prima è che si stia stancando, o mi abbia scritto dopo una discussione, non importa quale. La seconda è che in realtà lei ha una fifa blu di perdere quello che ha costruito, e teme che a lungo andare le differenze possano creare una frattura tra di voi. Non ho la sfera di cristallo per predire davvero il futuro, ma suppongo che l’intelligenza possa far durare la vostra famiglia ancora tanto a lungo, e mi pare che lei lo voglia. Auguri per tutto!




?
!

COME AFFRONTARE I TRANSITI - 587

Volevo complimentarmi per il sito, l'unico veramente professionale con approfondimenti utili. Gradirei avere qualche spunto per questi passaggi lenti di pianeti che da un po' mi infastidiscono. Sono nato il 13 Luglio 1977 alle ore 13.45 e francamente credevo poco nell'astrologia, anzi ci ridevo quando sentivo gli oroscopi. Ma successivamente ho scoperto un mondo riguardo questa affascinante dottrina dell'universo. Infatti da qualche anno sono iniziati questi transiti di Plutone in Capricorno nel 2009 (opposto) ed Urano (quadratura) in Ariete nel 2011 al mio Sole e purtroppo anche al mio ascendente non so come dire, piano piano ho iniziato ad avvertire cambiamenti non proprio in meglio. Tutto è diventato più pesante, faticoso e forse più difficile. Ora come ho letto nel suo sito, da maggio iniziano i gradi del transito di Urano nei miei gradi di nascita (tra l'altro anche nell'ascendente) e (sempre con sua cortesia) in termini astrologici cosa significa? Soprattutto quando finiranno questi transiti? E come prevenirli?-)
Giuliano





1 luglio 2015

Come molti dilettanti Giuliano non sa ancora bene come funzionano i transiti e, se legge che il Cancro è bersagliato da Plutone e Urano, pensa che lo sarà per tutta la durata del passaggio nel segno negativo al proprio Sole, ossia molti anni. Non funziona così. Come sono praticamente certo di avere scritto negli studi apparsi sul sito dedicati ai transiti, un passaggio dura all’incirca il tempo in cui un pianeta percorre quattro-cinque gradi. Ossia Giuliano in Cancro ha solo il Sole, a 21 gradi. Un transito non importa se positivo o negativo dura per il passaggio di un pianeta dai 19 ai 23 gradi. Per Plutone ci sarà appunto quando arriverà in quei gradi del Capricorno. Urano c’è proprio ora, e durerà fino a fine settembre, poi tornerà indietro e l’aspetto negativo non ci sarà, ma riprenderà dal maggio prossimo. Non è escluso poi che il Sole riceva in contemporanea altri sostegni planetari non così perniciosi. Perché allora Giuliano dice che nel momento in cui Plutone è entrato in Capricorno le cose hanno cominciato a girare male? Vai a capirlo, Plutone non è il responsabile, anche se l’ingresso di un pianeta in un segno crea un clima consono o non consono a quello che vorremmo. Mi ricordo ad esempio che tra fine anni Ottanta e inizi anni Novanta, con una massiccia presenza di pianeti in Capricorno, io, Bilancia, vivevo male, anche quando non subivo un transito diretto. Non mi è successo però nulla di strano (salvo quando il transito negativo ci fu davvero) non mi piaceva “solo” l’aria che c’era in giro. Bisogna aggiungere inoltre che in un tema natale ci sono dieci pianeti (sono in realtà dodici, ma gli X e Y ipotizzati da Lisa Morpurgo non sono ancora stati rintracciati con certezza) ed è possibile o probabile che in contemporanea qualcuno di loro abbia subito transiti seri. E magari potrebbe essere questo il motivo del malessere. Quanto ai transiti sul Cancro, caro Giuliano, quei nati nella prima e seconda decade che già li hanno subiti sono in gran parte sopravvissuti. Spesso con qualche sacrificio, ma ce l’hanno fatta. Cosa aspettarsi dai transiti e come affrontarli? Ora, per colpa di Urano, potrebbero esserci difficoltà lavorative, anche perché il pianeta passa in sesta, casa appunto del lavoro. Con Plutone opposto magari potresti avere difficoltà sociali o con eventuali fratelli (il pianeta passa in terza) o finire al centro di pettegolezzi. Come tamponare le negatività? Non sfuggendo ai problemi, con la consapevolezza che prima o poi nella vita capitano e, se li guardi in faccia, ti aiutano a crescere. Se li minimizzi, le volte successive in cui capiteranno li vivrai ancora peggio.




?
!

IL TRIANGOLO NO… - 586

Salve,
seguo il suo blog da un anno e le faccio i complimenti per la cura delle sezioni. Sono stata fidanzata con un ragazzo che di punto in bianco mi mollò per telefono il 27 luglio 2014 (notai opposizione di Saturno sulla sua Venere e Sole), tagliando ogni contatto con me. Da ottobre iniziai a frequentare un collega di università in modo superficiale, dopo circa un mese notai un particolare inquietante: ha la stessa configurazione planetaria del mio ex! La cosa mi balzò all’occhio, anche perché quest’ultimo non sembra molto serio, si comporta in modo scostante (vuole impegnarsi ma ha degli atteggiamenti infantili che non gli consentono di riporci fiducia, ha delle manie autolesioniste tramite abuso di alcol e droghe, vuole porre un controllo sulla sua vita ma 20 minuti dopo butta all’aria tutto, etc.) mentre io desidero una cosa più seria e impegnativa. Vorrei sapere se c'è qualche motivo per cui sono rimasta attratta da queste due persone o se è stata pura casualità e soprattutto se la storia con il mio collega potrebbe avere un futuro oppure è (come mi dicono tutti) una perdita di tempo. Le sarei grata se mi potesse indicare che genere di aspetti in una sinastria denotano una relazione complicata o non stabile.
AC





1 luglio 2015

Poiché Dio non gioca a dadi e gli astri men che meno, se lei ha avuto nel giro di breve tempo storie con ragazzi nati a due soli giorni di distanza l’uno dall’altro, è un chiaro indizio che attira ed è attirata da questo genere di personalità. Infatti tutti i pianeti, con l’eccezione della rapida Luna occupano gli stessi segni nei loro temi natali. Le case sono diverse ma resta comunque una fortissima somiglianza. Sono affidabili questi giovani uomini, anzi lo è l’ultimo dei due visto che il primo si è dileguato senza una spiegazione? Non ci metterei la mano sul fuoco, e di certo ha fortissime insoddisfazioni interiori, come vuole la congiunzione Luna e Plutone in Scorpione opposta al Sole in Toro. Ossia la tranquillità d’animo sta di casa altrove. Il problema però non è perché loro sono fatti così, ma perché lei ne è attirata e non si accorge della loro personalità, se non troppo tardi. Penso che c’entri la sua Luna in Toro opposta a Giove in Scorpione, che le dona una ingenuità molto gradevole per certi versi, forse però controproducente se non si vuole avere gli occhi foderati di prosciutto in campo affettivo. Non è però il solo elemento che le faccia piacere questo genere di ragazzi. Il suo Sole in Sagittario è congiunto a Marte in undicesima casa, e le dona una notevole apertura mentale come pure la tendenza ad avere un partner amico, non prevaricante. La sua capacità di tolleranza suppongo sia notevole: ottima virtù, però se non si sta un attimo all’erta c’è il rischio di consentire all’altro di esagerare, cosa che purtroppo è già accaduta. Aggiungiamo infine che la sua Venere è congiunta a Plutone e in Scorpione, e quadrata a Saturno in Aquario. Ossia un altro segnale che in qualche modo, consciamente o più probabilmente senza consapevolezza, lei in amore finisce per trovarsi in storie complicate. Non è la sola, intendiamoci, e le infinite confidenze che ricevo da tempo immemore mi fa pensare che la maggior parte delle persone preferisca amori contorti a quelli lineari. La sua giovane età non le concede però ancora un’esperienza sufficiente per capirlo, e forse una certa dose di ingenuità sagittariana le fa chiedere perché certi ragazzi si comportano in questo modo. Ascolti allora i suoi quattro pianeti in Scorpione e l’ascendente Capricorno, capaci di suggerirle che non tutti sono buoni e bravi, oppure hanno anche lati più complessi. Quanto alla sinastria, io le consiglio, quando avrà maturato un po’ più di esperienza umana e astrologica, di analizzare sì la sinastria per capire il futuro di una sua storia, ma di ascoltare soprattutto il cuore e la ragione. Le stelle non possono far modificare un certo tipo di comportamento, ma possono dirti qual è. Un primo passo per non farsi del male.


?
!

LE ESAGERAZIONI DI UN MARTE RETROGRADO - 585

Come fare con Marte retrogrado in Cancro in dodicesima casa? A volte penso che se è così esagerato in questa posizione avrà pur un senso. Ho 54 anni e nella vita non ho concretizzato niente, almeno per quello che si ritiene concreto. Non riesco a dire chi sono perché non lo so. A volte mi sento come se non riuscissi a trovare una dimensione in questa vita. Non ho personalità e non riesco a definirmi o a capire che ci faccio qui. Tranne un’empatia fortissima che mi dà solo problemi di convivenza, a nessuno piace essere radiografato. La ringrazio per l’attenzione e per la condivisione del suo sito, che è fatto molto bene e di lettura comprensibile.
Elena




1 luglio 2015

A volte mi chiedo perché i dilettanti di astrologia, ma pure alcuni professionisti, si fissino su alcuni aspetti del tema natale trascurandone del tutto altri. Spesso i veri responsabili dei loro disagi, non importa di che tipo ed entità. Elena ad esempio se la prende col suo Marte (oltretutto retrogrado!, come se fosse una colpa biblica…) ignorando i reali motivi del suo malessere. Che non ha spiegato nemmeno a me, e che devo intuire analizzando le sue posizioni planetarie. Suppongo che il problema sia la realizzazione professionale, ma non escludo nemmeno un’insoddisfazione affettiva, ma solo un colloquio diretto avrebbe chiarito l’arcano. Sintetizzo il suo tema: Capricorno ascendente Cancro, già per questo presenta un’indecisione di fondo tra ragione e sentimento, realizzazione pratica e voglia di tenerezza. Quattro pianeti in sesta casa suppongo la facciano volare basso, restare ancorata alla realtà, non consentendole fughe per altri versi desiderate e sognate ad occhi aperti. In parte per il Marte in dodicesima e Cancro, ma soprattutto per la Luna in Pesci (la vera responsabile di sensibilità e empatia in eccesso) e per la Venere in Aquario e ottava, irrequieta e possibilista in amore. Sta lì il vero cruccio di fondo, oppure nella realizzazione professionale? Non saprei, non escluderei nessuna delle due ipotesi, ma essendo donna suppongo che la questione affettiva abbia una grande importanza. Certo Marte in dodicesima dà l’attrazione per maschi morbidi e sfuggenti, idealizzati (Marte è in trigono a Nettuno) e forse inafferrabili. Il fatto che sia retrogrado non significa un bel nulla, avrebbe dato analoghe caratteristiche anche se fosse stato diretto. Per tentare di rispondere alla domanda cosmica (“Che ci faccio qui?”) mi appello però al suo lato Capricorno e sesta casa, realistico e concreto. Non ne ho la più pallida idea, ma non l’avrei nemmeno per un tipo di tema natale molto diverso. L’astrologia non fornisce risposte ultime, si possono ipotizzare ma non stigmatizzare come certe e assolute. Ti indica piuttosto come sei fatto, e come vivrai. Nel suo caso, cara Elena, vedo una personalità variegata, concreta e materialista ed empatica a livelli cosmici. Tenti di usare il suo lato Terra per non affogare nel sentimento e nel velleitarismo, ma non maledica la sua parte Acqua sensibile e forse poco controllabile. Non è una maledizione, è una ricchezza grande. Piuttosto veda di non eccedere nel manifestarla al suo prossimo che, come lei ha giustamente detto, detesta di venire radiografato. Impari un po’ alla volta ad accenderla on demand: se molti non vogliono farsi vedere dentro, altrettanti aspettano qualcuno che li ascolti e capisca. Lei con quella Luna, sa farlo benissimo. Quanto al suo Marte (cosa importa se retrogrado) lo viva come la fantasia di un principe più o meno azzurro in grado di rendere più colorata la vita… E magari al momento giusto lo farà davvero.


?
!

CI SPOSIAMO O CI LASCIAMO? - 584

Gentile Massimo,
attraverso un periodo di transiti tosti (Saturno opposto al Sole e a Marte si fa sentire!) che mi stanno mettendo in crisi su vari fronti. In particolare la mia situazione sentimentale è stata messa a dura prova dall'ultimo anno, in cui mi sono trovata a sostenere il mio compagno nella realizzazione di un progetto lavorativo che ha richiesto molti sacrifici. La nostra storia non è mai stata facile, ma tra aggiustamenti reciproci dura da 8 anni. Ora mi sento al bivio 'ci sposiamo o ci lasciamo' ma sono molto confusa. In più, da qualche mese ho conosciuto per lavoro un ragazzo con cui sento una sintonia davvero particolare, una comunicazione che fluisce semplice e profonda. Al momento la nostra frequentazione rimane professionale però questo incontro mi incuriosisce. Da un punto di vista astrale cosa condivido con il mio compagno e cosa invece mi attrae di questo ragazzo?
Iris




1 giugno 2015

Sono certo che qualcosa succederà nei prossimi mesi, non so cosa, ma mi sembra molto improbabile non cambi nulla. Ti consiglierei però prima di prendere decisioni definitive, qualsiasi possano essere, di aspettare l’autunno, quando Saturno avrà ripreso il moto diretto. Pianeta che tu indichi giustamente come causa di tutti questi ripensamenti e sconquassi. Lo sottolineo perché se di solito molti principianti gli attribuiscono colpe che non si sogna di avere, stavolta il responsabile è lui. Direi per tutti e tre i protagonisti di questo triangolo in nuce. Ossia, a te si opporrà per l’estate a Saturno e Marte (hai però trascurato nell’analisi dei transiti recenti la tua Venere a 13 del Cancro, doppiamente bersagliata da Urano e Plutone), al tuo compagno passerà sulla Luna-donna a fine Scorpione, mentre l’altro ipotetico lato del triangolo si troverà Venere in Leone quadrata sempre da lui, Saturno. Morale della favola, mi sembra un momento pessimo per decidere. L’unico che potrebbe farlo sarebbe il tuo compagno ma, se la storia fosse pesante anche per lui, potrebbe decidere di chiudere usando la testa. Oppure potrebbe spingere lui per dare un’impronta definitiva alla vostra storia, sposandovi. Cosa ti attira nel tuo compagno e cosa nell’altro? Per quest’ultimo penserei ci siano maggiori affinità caratteriali, ma di quelle che ti fanno instaurare un rapporto amichevole. Intendiamoci, molti matrimoni sono anche amicizie, ma devi vedere tu cosa vuoi davvero da un partner. Con il compagno mi sembra ci sia invece l’attrazione degli opposti, capace di complicarti la vita, ma pure di farti stare accanto a una persona perché non puoi mai adagiarti. Se cerchi la tranquillità sonda allora con l’altro e vedi cosa succede, se vuoi costruire sia pure con tante battaglie persevera con il partner. A te la scelta.





?
!

PROBLEMI DI MARTE - 583

Salve Massimo,
ti chiedo informazioni riguardo al Marte natale e nello specifico sulle alleanze e dissonanze planetarie e gli aspetti con le case. Non penso di essere prevaricatore nato, né mi sento un vincitore sul podio o un tronfio ed irritante cialtrone! Tutt’al più polemizzo, a raffica e senza ammettere repliche – non perché parli tanto, ma queste arringhe sporadiche sono le rare occasioni in cui apro bocca, almeno per più di tre secondi consecutivi - o faccio battute “malefiche”, che rivolgo alle persone più strette, perché aprirmi con gente sconosciuta o di cui non mi fido è una difficoltà invincibile, e di fronte alle difficoltà in generale lascio perdere tutto. È giusto dire che nel mio tema natale – di un segno marziano - questo pianeta abbia un’influenza “scorpionizzante”, considerati il doppio trigono a Plutone nello stesso Scorpione e a Mercurio, ed il Sole in ottava casa? Si possono rintracciare i pretesti che scatenano maggiormente l’ira funesta e se si quali sono? Che significato hanno le opposizioni con la quinta e il trigono Plutone-quarta casa e Marte-undicesima casa? Ti ringrazio infinitamente
TW




1 giugno 2015

Il tuo è un Marte complesso e dubito di poter esaurire in una breve risposta le sue potenziali manifestazioni. Aggiungo anche che tu hai parlato soprattutto degli aspetti positivi, accennato all’opposizione alla quinta, ma trascurato del tutto i quadrati che il pianeta riceve da Giove in Bilancia e da Sole e Venere in Ariete, oltre alla congiunzione con la Luna sempre in Cancro. Ossia è stimolatissimo nel bene e nel male, e oltretutto ospitato in una casa in cui non c’entra molto (l’undicesima ) e in un segno decisamente poco affine (il Cancro) e congiunto a un pianeta più che emotivo. È evidente che le simbologie di Marte devono essere centrali nella tua vita, ma stentano a trovare manifestazioni classiche. Altrimenti mi avresti chiesto lumi sul tuo Giove o Mercurio, tanto per dirne un paio. Provo allora a darti degli input, le risposte definitive – se ce ne sono – te le darai da solo, probabilmente col tempo, perché non si finisce mai di conoscersi e tu sei ancora molto giovane. Ti faccio allora due domande, incentrate su alcune delle simbologie di Marte: vivi bene l’aggressività e la sessualità? Per l’aggressività mi hai fatto esempi, non mi accenni invece al sesso, suppongo molto importante a poco più di 20 anni. Nel tuo Marte vedo comunque tentativi di difesa e controllo degli impulsi più forti ((l’undicesima e il Cancro) perché forse ti senti più morbido e indifeso di quanto l’Ariete amerebbe essere (quadrato al Sole). Anche se ogni tanto ti scappano i cavalli (l’opposizione alla quinta) hai momenti in cui ti senti capace di far valere i tuoi diritti, soprattutto in famiglia (il trigono di Plutone dalla quarta), suppongo con vivacità di argomenti (il trigono a Mercurio in settima). Sei però tanto emotivo, ma come può vivere questa sensibilità accentuata un Ariete ascendente Leone che vorrebbe tutto dalla vita e dal mondo? Al momento ti richiudi in te stesso (Marte, ma anche i pianeti in ottava) e cerchi di difenderti. Un Ariete però DEVE vivere il suo Marte: tu come lo gestisci? Non vorrei che ti trattenessi troppo come vogliono il segno e la casa che lo ospitano. Aggiungo poi che i pianeti che lo sostengono sono in segni d’acqua, quindi è per te centrale il ruolo dell’emotività. Se, e ribadisco se, tu capissi che non riesci a dar corpo alle manifestazioni tipiche del pianeta, di tanto in tanto ricordati dei tuoi pianeti in quinta, del tuo ascendente e del Sole in Ariete. Ossia esplodi, esagera, abbandonati alla gioia dei sensi. Capisco possa risultare difficile per uno come te per molti versi controllato, ma Marte lo devi vivere. In tutte le sue manifestazioni. Spetta a te se decidere di buttarti nella mischia oppure no.





?
!

IL TREDICESIMO SEGNO: DOVE LO METTO? - 582

Ciao Massimo
Dobbiamo rivedere tutto? Da quello che dice BBC pare che i segni siamo 13.
Ecco il link
http://www.bbc.co.uk/
guides/zp4fvcw#z9twq6f
Sono preoccupata perché io sarei della Vergine e preferirei restare Bilancia, perché penso che sia il segno più bello. Grazie
Gabriella



1 giugno 2015

Sono certo tu possa dormire sogni tranquilli, come possono farlo tutti gli appassionati di astrologia. Bilancia eri e Bilancia resti. E, come direbbe il molto onorevole Vittorio Sgarbi, i giornalisti della BBC, come quelli che hanno riportato la notizia in Italia, sono capre e ignoranti. Oltretutto talmente pigri o smemorati da non ricordare di avere diffuso la stessa identica bufala tre anni fa, sei anni fa, e via discorrendo fino alla notte dei tempi. Ricordo di avere letto per la prima volta la notizia da ragazzino su un giornale di mia sorella, e ragazzino non sono più da molti, molti lustri. Oltretutto questi alfieri dello scoop parascientifico potrebbero fare una banale cosa prima di scrivere parole al vento. Ossia aprire un qualsiasi manuale di astrologia per apprendere alcune nozioni fondamentali, comprensibili pure a loro. Le costellazioni e i segni non sono la stessa cosa. Già prima di Cristo si conosceva la precessione degli equinozi, e si sapeva quindi che segno e costellazione non corrispondono. E non corrisponderebbero nemmeno se i segni fossero davvero tredici. Oltretutto una costellazione non misura mai i trenta gradi di un segno, ma di più o di meno. Un segno è indicato dalla divisione in dodici segmenti uguali di trenta gradi ciascuno della fascia zodiacale. Secondo me questi giornalistucoli da strapazzo di tanto in tanto si imbattono in uno studente dilettante di astronomia (astronomia bada bene, non astrologia) che confida loro di avere infine scoperto che l’astrologia è una patacca, perché i segni sono tredici, bisogna considerare pure Ofiuco, e questo e quello. Bene, senza sprecare altro inchiostro o spazio sul web, diciamo che i segni sono un’altra cosa, sono dodici e saranno sempre quelli. E chi nasce il primo aprile sarà sempre Ariete, e non è un pesce d’aprile…





?
!

UN TRASFERIMENTO: QUALI PROBLEMI PER IL FIGLIO? - 581

Caro Massimo,
grazie per la risposta del 1 febbraio: la visione obiettiva dell’esperto mi ha aiutata a prendere il prossimo trasloco-cambiamento con e ansia ridimensionata. Anche se non nascondo di vivere un periodo difficile per ansie e paure. Nel trasferimento è compresa anche mia madre di 87 anni che sta ancora abbastanza bene ed è abbastanza lucida, dico abbastanza perché a quell’età qualche piccola defaillance ci sta. È ansiosissima e vede tutto pericoli e insidie: ovvio che devo far buon viso e tacitare le sue di ansie! Mio marito che è l’unico che mi sostiene e sento forte ma è anche più anziano di me, gli voglio un bene immenso sto sempre in ansia per lui. E last but not least mio figlio di 14 anni che cambierà scuola, amici, ambiente (abbiamo pensato di tornare nella nostra città natale in concomitanza con il suo inizio delle superiori, temendo che più avanti sarebbe per lui peggio)… Ecco lui è quello che nell’intimo mi scatena più preoccupazione e voglia di proteggerlo. È in una fase in cui sta imparando a essere più indipendente: il cambiamento sarà troppo per lui o riuscirà ad avere un inserimento felice, farsi nuovi amici, avere un buon inserimento scolastico? Mio figlio è nato a X il 18 marzo 20WS alle 15.30.
lfrance



1 giugno 2015

Come sempre devo essere sincero, anche per il suo bene. Non è brutalità la mia, è preparazione all’evento. Se si è decisa a cambiare paese ha di certo i suoi motivi e le preoccupazioni che mi manifesta sono l’espressione del fatto che non agisce d’impulso ma sta ragionando su quanto sia meglio o peggio, per tutti i suoi cari. Compreso il figlio adolescente, età già di suo complessa perché di formazione e spesso di conflitti in attesa di una propria identità solida. Ora il ragazzo ha sicuramente molti punti di forza, e potrà avere un carattere dominante, con l’ascendente Leone, Giove e Saturno in decima, la congiunzione Marte e Plutone. Nei prossimi mesi, giusto in coincidenza con il trasferimento, andrà però incontro a delle difficoltà, ed è bene saperlo subito, per non drammatizzare poi troppo. Ossia, guarda caso il trasloco avverrà in concomitanza con il quadrato di Urano alla Luna. Aspetto planetario spesso presente anche nei parti cesarei, un modo di entrare nella vita traumatico, anche se fatto per salvare la vita del bebè e alla madre. Il ragazzo, per quanto verrà preparato emotivamente, avvertirà il problema. Come pure in autunno il suo Mercurio a inizi Pesci subirà per un periodo – non lungo in verità – il quadrato di Saturno, a ribadire un momento in cui farà fatica a comunicare con i coetanei e non riuscirà a inquadrare bene dove è capitato, e perché. Magari l’inserimento nella nuova scuola sarà molto più facile di quanto ipotizzo ora, ma se dovesse essere invece più complicato non si spaventi. Sarebbe quasi impossibile non subisse qualche contraccolpo. Io penso del tutto risolvibile, perché il passaggio negativo su Mercurio (contro il quale passerà anche Giove in Vergine, ma per un tempo molto breve) sarà appunto rapido. Non saranno sette anni di guai, ma qualche mese di difficoltà adattativa. Niente di più. Non si faccia quindi troppe colpe. Sta cercando la soluzione migliore per sé e la famiglia. Tenga poi conto che, anche se sbagliasse, lo farebbe in buona fede. Ma dubito stia davvero sbagliando. E veda di non preoccuparsi troppo per tutti, la fatica in questo modo si raddoppia.





?
!

PROBLEMI DI DECIMA - 580

Buongiorno Massimo, come stai?
Ci siamo conosciuti in occasione della Cena Astrologica organizzata da Antonio a Roma. Ho avuto modo di apprezzare la tua grande capacità di analizzare in maniera acuta e al tempo stesso ironica le caratteristiche dei vari segni astrologici. La mia domanda è personale: sono nata il 21 11 19ZZ a X alle WW. Ora, come posso nel mio oroscopo ovviare alla pesantezza di Marte, Giove e Saturno in Vergine quadrato alla mia Luna, Venere, e Nettuno in Sagittario nella mia X casa che è la casa del successo, se non mi sbaglio? Grazie della cortesia e per la tua risposta. Il sito è davvero molto molto bello.
Mirella
.


1 giugno 2015

Come rispondo sempre quando qualcuno mi pone domande sul proprio carattere, rispecchiato da determinate posizioni astrali, affermo che l’unica soluzione è imparare a convivere con se stessi. Facile? Nient’affatto! Pure io, arrivato a un’età molto più veneranda della tua, cara Mirella, in certi momenti mi maledico per certe mie reazioni o modi d’essere. Poi, passata l’emergenza, cerco di fare tesoro dell’esperienza e posso dirti in tutta serenità che un po’ alla volta ci si riesce. Ci vuole però tempo e capacità di auto-ascolto, e non bisogna assolutamente dar retta ai falsi profeti e pitonesse del volere è potere, e penso positivo. È un modo per nascondere la spazzatura sotto il tappeto, e prima o poi le schifezze rispuntano. Ma veniamo a te, e a quei problemi di coabitazione tra pianeti in Vergine e quelli in Sagittario. Anzi, aggiungiamo che nel tuo caso c’è pure un quadrato anomalo tra il Marte a inizi Vergine e Sole e Mercurio a fine Scorpione. Questo aspetto secondo me accentua pure un certo lato di autolesionismo ed eccesso di critica. Sono praticamente certo tu non accetti una buona parte di te, rimestando nel tuo privato per trovarti difetti. Essendoci poi di mezzo Marte ipotizzerei una sorta di autocastrazione, se non sul piano fisico su quello psicologico. Cosa che invece gli esuberanti e in teoria ottimisti pianeti in Sagittario non sarebbero portati a fare, anzi. Il tuo lato femminile è infatti sognatore, ingenuo e ottimista, mentre quello maschile preciso se non criticone. Capisco sia difficile mettere insieme due modi di intendere l’esistenza, eppure io lo considero una ricchezza, perché non hai – anzi non puoi avere – una visione unilaterale del mondo. Avendo tutti i pianeti sopra l’orizzonte vorresti poi dominare le situazioni, non dover dipendere, ma i tre pianeti in settima ti rendono imprescindibile il rapporto con gli altri, dove però spuntano spesso e volentieri certe tue insicurezze, capaci di cozzare con il bisogno dato dai pianeti in decima di dominare le situazioni. Cara Mirella, io penso che siamo su questo mondo anche per imparare, e non si finisce mai di farlo. Da perfezionista quale certo tu sei prendila come una sfida, per capire cosa ti fa star male e come risolverlo. Io penso tu debba accettarti, ed essere meno severa con te stessa, ma questo è un mio parere. Tu che ne pensi?





?
!

SONO DESTINATA A SOFFRIRE? - 579

Ciao,
avrei bisogno di capire se nella mia vita sono destinata a soffrire. Ogni cosa per ottenerla la devo sudare il doppio. Al momento non lavoro, inizierò (forse) uno stage e vorrei capire se ho i pianeti dalla mia parte per riuscire a trasformare quest’opportunità nel mio lavoro futuro. Anche l’amore non è al max, anzi direi che non c’è. Ho conosciuto uno Scorpione (sarà la mia V casa?) attrazione pazzesca ma il tutto è sfumato, ma in realtà io ci spero ancora. Potrebbe esserci un riavvicinamento tra di noi? perché abbiamo diverse compatibilità astrali. Oppure mi aspetta altro nella vita? Cioè ancora non è il mio momento per realizzarmi affettivamente? Grazie di cuore
Simona



1 giugno 2015

Qualsiasi psicologo, anche quelli laureati per corrispondenza alla Scuola Radio Electra di Torino, consiglia di circoscrivere i problemi, altrimenti non ci si cava un ragno dal buco. Fasciarsi la testa prima di essersela rotta significa soprattutto non affrontare la vita e paventare destini di sofferenza interminabile, e in qualche modo è un po’ tirarsi addosso la iella, se ci si crede. Intendiamoci, non è detto che la sfortuna esista (o che non esista) ma partire sempre negando la possibilità di una felicità, anche parziale, impedisce di godere di quanto potrebbe poi arrivare. Al tempo stesso capisco però che per una persona come te, Cancro con il Sole in dodicesima e una Luna in Pesci e ottava casa, l’ansia e il pessimismo riescano molto bene. Però, c’è sempre un però. Anzitutto il tuo Sole è in trigono a Saturno, e può indicare una realizzazione lenta ma sicura, nella scelta di un uomo ma anche nel lavoro. Lavoro che forse però tu per prima cerchi alternativo, come vogliono il Nettuno in sesta e l’Urano in Sagittario in quinta. Se mi avessi chiesto – ma non l’hai fatto - per cosa potevi essere indicata in campo professionale, avrei detto turismo, villaggi vacanze o alberghi. Non so nulla di te, ma hai mai cercato in questo settore? Ti consiglierei di esplorare almeno la possibilità, non lasciandoti prendere dall’ansia dello sradicamento ma almeno provandoci, e sondando il campo. Per lo stage, non mi sembrerebbe decisivo, ma magari mi sbaglio io. Quanto all’amore, ti consiglierei pazienza e/o prudenza. Il tuo Sole, che indica il rapporto con il maschile è tuttora bersagliato da Plutone, e lo sarà per gran parte dell’anno, rendendo almeno complessa una storia. Ci sarà un riavvicinamento con lo Scorpione? Non mi sembra che per entrambi ci siano all’orizzonte storie importanti. Il ragazzo comunque mi sembra parecchio complicato, ma forse non ti dispiacciono le sfide. In questo ti auguro di affrontarle e vincerle, cercando di contenere la troppa emotività e il pessimismo pure più profondo di quello di Leopardi.





?
!

TIMORI PER IL FUTURO E LA FAMIGLIA - 578

Mi affido alle tue interpretazioni astrologiche e di vita per un dubbio sulla mia famiglia e le mie figlie: da autodidatta evito l'analisi del loro tema perché, da buona Pesci, avrei trovato solo catastrofi e tragedie. Potresti dirmi tu qualcosa su loro, come affronteranno la vita e qualcosa su noi genitori, se stiamo facendo bene o se dovremmo migliorare? Stiamo passando un periodo incerto: sono una Pesci negativa al 100%, una mamma incapace di affetto e la serenità necessari per crescere al meglio, ma vorrei solo che imparassero ad affrontare la vita col sorriso, come il padre. Mio marito è stato operato, fortunatamente si è ripreso, è tornato in ufficio a tempo ridotto e di conseguenza anche lo stipendio è dimezzato: da qui le preoccupazioni economiche. Io non lavoro più per mancanza di opportunità e per gestire gli impegni extrascolastici delle bimbe che frequentano ognuna un centro costoso per aiutarle nelle difficoltà a scuola. Ed ecco le mie ansiogene pippe mentali: e se queste difficoltà non si risolveranno? Diventeranno persone capaci? Non avranno una vita "normale" per colpa mia? Ultimissima: noi viviamo a X, non abbiamo parenti qui e mio marito vorrebbe tornare a vivere a Y, io non so se potrebbe essere una decisione positiva per le bimbe.
Claudia



1 giugno 2015

Invito i lettori a circoscrivere le domande, per il semplice motivo che se mi pongono quesiti cosmici sulla loro esistenza non sono in grado di rispondere, come non saprebbe farlo nessuno. Solo i ciarlatani e i veggenti affermano di riuscirci, ma l’ultimo autentico veggente è stato sepolto nel 1927 in Crimea. Da allora restano solo sedicenti tali, e nessuno ha mai azzeccato un pronostico. Da brava Pesci poi Claudia è nata angosciata. Il primo consiglio, per quel che vale, è quindi di tentare di circoscrivere l’ansia, magari aggrappandosi a marito e figlie tutti del Toro, ossia alieni da ogni tentazione di preoccuparsi senza motivo. Il marito è una persona solidissima, e nonostante un’età non più verde, suppongo sappia ancora gestire molto bene la sua vita. Provo a rispondere in pillole, dando qualche suggerimento sparso. Anzitutto Plutone, nel prossimo anno, anno e mezzo, sosterrà la tua congiunzione Sole e Luna, e ti darà il coraggio sufficiente per affrontare molte cose. Purtroppo però in contemporanea Saturno in Sagittario metterà degli ostacoli, soprattutto nella primavera del 2016. Io penso che un trasloco potrebbe esserci, perché si opporrà alla sua posizione radix in quarta casa. Penserei quindi a un cambio di città, all’inizio per te non semplice. Non però per tuo marito né per le tue figlie. E su di loro mi poni una domanda difficile, su cui ho poi qualche remora etica nel risponderti. Ossia, anzitutto non ho idea di quali sia la reale entità dei loro problemi cognitivi, e proprio per questo faccio fatica a ipotizzare una loro soluzione oppure no. Posso dirti però che avendo un Mercurio in Toro possono essere un po’ lente nell’afferrare le cose, ma mica per forza tutti devono diventare professori universitari. Hanno però un Urano e un Marte molto belli, e questo mi farebbe pensare a due creature molto attive e reattive, se il Sole in undicesima non le dovesse rendere anche pigre. Ne dubiterei però. Quindi, sempre ammesso che il problema non sia serio (ma questo lo affermo solo per prudenza non avendo idea della sua entità, ribadisco, e non si può “quantificare” un tema natale) le aiuterei senza esagerare, perché Urano in trigono a Giove e a Marte le indurrà sempre a trovare una soluzione ai problemi, compresi quelli di inserimento. Il loro Marte all’ascendente (sia pure in Cancro, segno non molto attivo) mi fa consigliare di indirizzarle verso una qualche attività sportiva che, se fatta con serietà, potrebbe aiutarle a programmare i loro impegni. Quanto al giudizio che danno su di voi come genitori non è poi così importante, mentre lo è fare le cose giuste per portarle all’età adulta. Il consiglio vero però è un altro, Claudia: fidati della saggezza di tuo marito, e ascolta quel che dice e vedi di non angosciarti troppo. Vivere nell’ansia non solo non risolve il problema, lo amplifica. In bocca al lupo per tutto. PS: il mio Marte in Pesci capisce molto bene le tue ansie, e proprio per questo ti suggerisce di non fartene divorare.





?
!

I GIUDIZI DI LISA MORPURGO: TROPPO LAPIDARI? - 577

Caro Massimo,
ho avuto modo di leggere i sei testi di Lisa Morpurgo, oltre che alcuni articoletti e risposte varie a lettori. Ciò che mi è parso è che la Nostra abbia un certo ripudio e disprezzo nei confronti degli individui che presentano, nel loro TN, diversi aspetti dissonanti (sembra quasi che siano delle persone che "non funzionano"). Mi sembra che lì lei tiri fuori tutto il suo snobismo e che li tratti come poveri disgraziati o come persone di serie B. Un individuo con un tema natale problematico che legge i suoi libri avrebbe sicuramente un calo di autostima notevole. Basta vedere alle distinzioni drastiche che fa tra aspetti positivi (definendoli puntualmente stupendi, con le dovute eccezioni, per esempio lei definisce non proprio bello il trigono Sole-Plutone) e aspetti negativi, attribuendo loro carenze, estreme difficoltà ecc. (sempre con le dovute eccezioni, per esempio in riferimento al quadrato Sole-Luna). È ovvio che, oggettivamente, esistano persone intelligenti e stupide, belle o meno belle esteticamente, belle o meno belle moralmente, e su questo non ci piove. Però il passo verso la discriminazione, in questi casi, è molto breve e sottile. Volevo sentire un parere tuo, in quanto hai avuto modo di starle accanto e sicuramente, a livello personale, l'hai conosciuta più di me. La mia riflessione potrebbe essere quindi un giudizio azzardato o frutto di un pregiudizio personale, ed è per questo che mi rivolgo a te per un'eventuale opinione.
K.


1 maggio 2015

Per cominciare sono stato sì suo allievo, ma non sono mai stato un suo intimo. Anzi, in tutta onestà è stata l’unica persona che nel corso della mia vita mi abbia intimidito intellettualmente, per un motivo molto semplice: era un genio, e io lo sapevo. Non per questo non vedevo le sue asperità caratteriali (unite però a un’immensa generosità umana di fondo, a differenza di quanto si dice, falsando la realtà) come pure le cose in cui sbagliava. Essendo infatti essere umano, sia pure dall’intelligenza impressionante, era fallibile, e questo non la sviliva, anzi. Per tornare alla tua domanda, amico K., credo che la cosa che più si rimprovera alla Morpurgo è proprio l’avere manifestato le proprie idee, nette ed espresse senza trincerarsi dietro a un dito. Facciamo però un passo indietro e poniamoci una domanda. Nel momento in cui scrivo un testo didattico devo dire le cose come stanno (ammesso sia in grado di farlo) oppure edulcorare la sentenza per non fare arrabbiare chi possiede un determinato aspetto? Faccio un esempio estremo spingendomi nel campo della medicina, non dell’astrologia. In un testo per studenti, se sto parlando di un tumore devo spiegare le possibili devastazioni prodotte oppure raccontare che si tratta di un malanno curabile? Nel caso di un cancro devastante, non posso non avvisare almeno il futuro medico, ne ho il dovere, didattico oltre che etico. Per le varie caratteristiche astrologiche, bisogna compiacere il lettore oppure cercare di spiegare le cose come stanno? Secondo me non si può indorare la pillola, bisogna essere sinceri, soprattutto in un testo per forza di cose generico. Infatti non può esistere la descrizione di un aspetto planetario per così dire puro, almeno su testi teorici o didattici come quelli della Morpurgo. Ha esagerato comunque nel descrivere negatività e positività? A volte sì, nulla di male nell’affermarlo, ma mi stupirei del contrario. Anche a me sono stati lanciati anatemi (non sto scherzando, è accaduto) per aver manifestato simpatie o antipatie per un dato segno: avrei dovuto dichiarare che tutti sono buoni e belli? Quando mai? Solo le persone false lo affermano. Non perché il tal segno sia in automatico il peggiore, o il tale aspetto il più nefasto, quanto piuttosto perché è umano avere i propri filtri che ti fanno piacere o non piacere certe persone, o certi aspetti planetari. E Lisa Morpurgo era umana. Genio, ma umana.



?
!

RIEQUILIBRARE UN’OPPOSIZIONE SOLE-LUNA? - 576

Ciao Massimo!
Non mi dilungo su ovvietà come che ti seguo e mi piace come affronti i temi dell'astrologia anche se sono una beginner e tante cose non le capisco però ci provo. Passiamo alla domanda: mi spiegheresti il significato della Luna in opposizione al Sole? Perché io credo di averla e per esperienza posso dire che passo da giorni in
cui desidero una famiglia, una casa, stabilità, a altri in cui voglio scappare, fare nuove esperienze svincolarmi. Come posso riequilibrare questi due lati? O per lo meno conviverci?
Giulia


1 maggio 2015

Riequilibrare non si possono, perché la Luna resterà sempre in Toro e il Sole sempre in Scorpione, ma si può di certo provare a conviverci, spesso trovando poi un compromesso sereno se non piacevole e/o costruttivo. Come farlo? Sarò monotono, ma non conosco altre strade o metodi. Ossia la cosa da fare è anzitutto conoscersi, o provare a farlo. Spesso è un’operazione ardua, ma non sempre lo è. Quindi punto primo, ascoltarsi e cercare di capire le proprie modalità di comportamento. Ossia una Luna in Toro e sesta che cerca tanta concretezza, guarda il mondo con gli occhi della realtà, auspica ordine e tranquillità. Poi c’è l’altro lato, quello desideroso di mettersi alla prova, di sperimentare i propri limiti, di vivere con complicazioni varie, suggerito dal Sole congiunto a Plutone in Scorpione. Questa potente congiunzione è però in undicesima casa, quella della ricerca dell’equilibrio e di un modo di vivere alternativo, ed è possibile che in parte (solo in parte, attenzione), i contorcimenti mentali propri dello Scorpione si spengano. Poi non puoi trascurare un ascendente Sagittario, capace di immettere nella tua personalità una vena di notevole ottimismo. Quindi, prova ad ascoltare le emozioni pacate della tua Luna ma non frenare nemmeno la “passione per la passione” del tuo Sole scorpionico. Stabilisci orari e scalette in cui usare una volta l’una un’altra l’altro. Magari sconcerterai chi ti sta vicino, perplesso dal tuo oscillare tra modalità di comportamento diverso. La varietà però non annoia, dando così spazio al tuo Sole e ascendente. Quanto alla tua Luna, magari impiegala per lavori utili e concreti, come vogliono il Toro e la sesta casa. Potrebbe essere un giusto compromesso tra istanze radicalmente differenti.



?
!

MI SONO FIDANZATA CON TED BUNDY? - 575

Inizio con il dirle che questo ragazzo cerca ogni giorno partner diversi, in modo ossessivo. Nega ma è così. È pigro, viziato, non ha voglia di far nulla, ma pretende che tutto venga fatto per lui "povero cucciolo incompreso". A letto stessa cosa, la prima volta mi bloccai e gli dissi che con me non poteva fare in quel modo, era così meccanico da farmi ribrezzo. Poi, dalla volta dopo, ha iniziato ad abbracciarmi, baciarmi, ma resta sempre meccanico, banale (2 posizioni e basta), e pensa al suo godimento fregandosene del mio. Come scusante adduce il fatto che ha paura di far cose che non mi piacciono, e gli dispiace perché ho avuto ex molto passionali e lui, poverino, non lo è. Se realmente fosse così non riuscirebbe nemmeno a godere. Invece... Insomma è uno che prende e non dà. Un egoista. Fuori dal letto lo stesso: sfrutta i genitori, e non è più un bambino, nascondendosi dietro un'infanzia pessima (che ho avuto anche io, e con storie di violenza, eppure non la uso come scusa), non si alza mai prima di me, la mattina il caffè lo faccio sempre io, ma mai che si sognasse di far la spesa, per esempio. "Sono povero", ma come usi bene le cose degli altri, senza sentirti una sanguisuga. Persona banale, al contrario di me che ho tanti interessi e sono alla seconda laurea, ripete sempre le stesse battute, detesta quando io parlo della mia vita intensa e piena di eventi, perché si sente messo in ombra. Complessi di inferiorità per quanto riguarda l'intelligenza e, in effetti, non lo trovo intelligente. (…)(…)
Chris


1 maggio 2015

Cara C.,
la cosa più vistosa di questa e delle altre lunghe e dettagliatissime e-mail che mi ha invitato è che non mi ha fornito i suoi dati di nascita e ha appena accennato alle sue posizioni planetarie. Come se io dovessi trovare i dettagli di tutte le magagne del suo lui, ma lei invece non volesse in alcun modo scoprirsi. Ossia lui è forse un emulo di Ted Bundy (come mi ha chiesto nella domanda iniziale) pronto a farle del male, e lei la sua potenziale vittima. Eppure al momento la sua reale e accertata colpa è l’avere poca fantasia sessuale, mentre per il resto è sospettato di essere promiscuo sessualmente mentre è abbastanza visibile la sua attitudine parassitaria. Cosa la tiene allora legata a lui? Posso fare solo delle ipotesi, per il semplice motivo che non mi ha dato appunto i suoi dati: ossia immagino che lei sia infatuata. Punto. Tutto il resto rientra nel campo delle illazioni. Vuole capire questo ragazzo inetto che le ha fatto perdere la testa? Provo a darle qualche indizio, poi il ritratto completo lo farà lei. Tanto per cominciare Luna e Venere non sono congiunte, sono troppo distanti, anche se entrambe in Gemelli. (Non è poi vera la storia dell’influenza del segno successivo se il pianeta è a fine segno). La Luna è invece isolata, e conferma un non rapporto con la madre. Ma, attenzione, questa difficoltà iniziale a entrare in contatto con l’universo femminile se lo porta dietro anche in seguito, tanto che lei non riesce a capirlo, anche perché lui non sa come farsi capire. La Luna isolata potrebbe però anche essere sintomatico di qualche suo problema psichico, non saprei di che tipo ma non li escludo. Suppongo che sia del tutto sincero rispetto alla sua storia familiare, e i tre pianeti in Capricorno in quarta non depongono a favore di un’infanzia felice, come pure sempre la Luna isolata. Sesso poco fantasioso? Il Marte in Toro in ottava potrebbe invece far pensare a qualcosa di non chiarissimo, ma non c’entra nulla con delitti o parafilie, ci mancherebbe. Cosa non saprei, la sessualità umana ha sfumature e varianti infinite. E la monogamia non è da tutti, soprattutto quando sei giovane e desiderabile. Con questo non so nemmeno se sia un traditore, tutti noi tradiamo almeno con lo sguardo se non con i fatti. La domanda vera la pongo però io a lei: ipotizzando un suo innamoramento o infatuazione (dal mio punto di vista altamente probabile) come può avere un rapporto migliore con questo ragazzo? La risposta sta nel cercare di capirlo e accettarlo, compresi i suoi innumerevoli difetti. Altrimenti prima o poi se ne andrà per sempre. E lei continuerà a lamentarsi ancora della sua inefficienza sessuale, che per qualche bizzarro motivo le ha fatto perdere la testa.






?
!

PERCHÉ È ANDATA COSÌ? - 574

Lui lavorava davanti al bar dove lavoro io, colpo di fulmine x entrambi tant'è che la sera stessa mi lascia il suo num, come gli uomini d'altri tempi. Allora ero fidanzata, storia che volevo concludere, quindi aspetto un anno prima di risentirlo sicura che mi avrebbe aspettato. Ci vediamo e fui un uragano, lo costrinsi a portarmi la sera stessa a casa sua mentre lui voleva fare il corteggiamento canonico, portarmi a cena fuori, ma non me ne fregava niente, aspettavamo da 1 anno! Dopo 5 giorni vivevo a casa sua (e non aveva storie x scelta da 4 anni!!!). Lavorava tantissimo ma nella pausa pomeriggio anziché riposarsi stava al mio bar, finito d lavorare la notte mi aspettava nonostante la mattina dovesse svegliarsi presto, e una miriade di altre cose. I problemi sono iniziati quando ha finito la stagione e ci siamo ritrovati a casa sua e ho iniziato a lamentare insofferenza per la sua vita tranquilla. Per fortuna avevamo organizzato un viaggio in Asia che porterò sempre nel cuore, nonostante i litigi, emozionante x entrambi. I problemi son ricominciati al ritorno a casa x la mia insoddisfazione. Lui esasperato mi caccia di casa ma la relazione non finisce, per due mesi ci lasciamo 1 volta alla settimana ma lui torna sempre, nel frattempo ritrova il lavoro che lo impegna tanto e io a detta di lui "divento un problema" perché gli faccio scenate di gelosia, lamento che ci vediamo poco ecc. Insomma mi lascia. L’ho chiamato in lacrime, conscia degli "errori" fatti, lui mi rinfaccia le cose fatte x me. Lui mi avrà sì dato tutto a livello pratico, io ho ricambiato con amore e affetto, ed è difficile darli a una persona inavvicinabile come lui. Ci siamo rivisti da "amici" ed ero tranquilla e contenta d vederlo. Lui x niente, sempre lì a rinfacciare i miei sbagli e ingratitudini. Gli ho richiesto di vederlo ma lui non vuole. Che ne dici???
Ali


1 maggio 2015

Dico che il tuo lui (non importa se ex, per te è ancora IL lui) sta passando astrologicamente un brutto momento, e non puoi non tenerne conto. Saturno gli quadra infatti il Sole, mentre Nettuno dall’ottava si oppone alla sua Venere. Ossia sta attraversando un periodo cupo e confuso. Che abbia poi delle reazioni spropositate e illogiche non ha importanza, ma al tempo stesso analizzando il suo tema natale sono certo sia sincero. Quindi dentro di lui è scattato qualcosa per cui il rapporto con te è insostenibile. Cosa? Tieni conto che appartiene al segno più suscettibile di tutti, la Vergine, e il sentirsi criticato non fa piacere a nessuno, tantomeno a un ascendente e un Marte in Leone. In questo periodo mi capita di ricevere le confidenza di una serie di donne lasciate dal compagno dopo averlo criticato fino allo sfinimento, pure convinte di avere detto il giusto perché il compagno suddetto aveva difetti o sbagliava nel comportarsi in un determinato modo. Tutte le volte io ho chiesto: “Ma per quale motivo stavi con quest’uomo?” La risposta era tutta legata all’attrazione sessuale. Ossia tra le lenzuola funzionava benissimo, per il resto non corrispondeva all’uomo che si sarebbe voluto. L’uomo però non è solo un “datore di piacere”, ha le sue caratteristiche e difetti, ma lo stesso vale per le donne, ormai purtroppo sempre più propense a non tollerare le magagne del partner. Posso pure essere d’accordo, ma non devono poi stupirsi o straziarsi nel momento in cui vengono lasciate. Non amo edulcorare la pillola, non serve. Cara Ali, vorrei tanto poterti dire che tornerà domani, ma non lo so. Nemmeno tu sei pronta a riprendertelo, ammesso volesse tornare indietro. Hai ancora troppe cose irrisolte nei suoi confronti, come lui ne ha verso di te. Lui ne è più consapevole, e oltretutto è stato lui a decidere di chiudere, non avendo quindi dovuto subire l’abbandono. Ma è carico di rancore e non so se passerà. Non sperare quindi in miracoli, usa i tuoi pianeti in Capricorno per analizzare con lucidità il tuo comportamento, l’unico sul quale puoi davvero intervenire. In questo modo potrai evitare di sbagliare in futuro, con lui o con un altro.





?
!

UNA SBANDATA SCIVOLOSA - 573


Caro Massimo,
ho scoperto da poco il tuo sito, molto curato e profondo, e siccome l’astrologia mi ha sempre attratto, sto cercando di apprendere quanto posso. Ti scrivo per esporti la mia situazione di vita, giacché in questo periodo non ci sto capendo tanto. Sono sposata da sei anni con un ragazzo a cui sono stata legata da una vera e profonda amicizia, che forse abbiamo confuso con l’amore, dacché eravamo stanchi di bastare a noi stessi. Sulla mia vita sentimentale non c’è molto da dire, come dimostra il mio Saturno in 5a. Le cose con mio marito non vanno granché bene ed io da un anno e mezzo circa mi sono presa quella che avrebbe dovuto essere una semplice sbandata (che tale non è, temo!) per un collega. Credo di aver sperimentato quello che si definisce “colpo di fulmine”, ritengo che dall’altra parte ci sia corrispondenza (eccome!), ma entrambi fingiamo (almeno così credo) che non ci sia altro che un rapporto di stima ed amicizia crescenti e nulla più. Posso chiederti lumi, sulla scorta dei nostri temi natali e dei transiti che stiamo avendo?
C.

1 maggio 2015

Premetto che non sarò obiettivo (mica sempre si può esserlo!) perché conosco due gemelli astrali del tuo “altro” ed entrambi mi stanno cordialmente antipatici. Uno dei due, quello che conosco meglio, è nato a pochi minuti di distanza, ma in un altro luogo. Mi auguro per te che sia almeno un po’ diverso dal personaggio a me noto, perché se fosse come lui, ti consiglierei di scappare a gambe levate e lo direi a ragion veduta. Mie simpatie o antipatie a parte, va detto che da quel che mi racconti la sbandata è iniziata più o meno un anno fa, quando Nettuno di transito quadrava il tuo Sole, sciogliendo momentaneamente la tua congiunzione radix. Questo transito potrebbe aver favorito un abbaglio, e te lo avrei detto anche se non conoscessi i gemelli astrali di chi ti ha fatto battere il cuore. Ora però Saturno ti sta passando sul Sole e potrebbe, o dovrebbe, farti aprire gli occhi su cosa vuoi. Forse anche darti consapevolezza che tuo marito è appunto un amico, piuttosto che un amante di quelli capaci di farti sciogliere. Marito che sta vivendo brutti transiti, con Saturno opposto al Sole, Urano a breve sui suoi pianeti in Ariete che però riceveranno pure il quadrato di Plutone. Transiti che subirà pure la tua Venere in Bilancia, mentre se pure non a breve, anche la tua Luna in Vergine non sarà messa benissimo. Anche se con il tuo collega non dovesse succedere nulla resta il fatto che tu avverti comunque una insoddisfazione rispetto a un marito più fratello che altro. Se ragionassi con ipocrisia mascherata da saggezza ti potrei consigliare di ascoltare bene il tuo cuore ma soprattutto la tua mente, ma i miei circuiti cerebrali funzionano in altro modo. Penso piuttosto che - mie antipatie a parte, ma non sono io quello che deve avere una storia con il tuo collega - ti converrebbe sondare non solo con la fantasia cosa sta succedendo con lui. Se non lo facessi ti rimarrebbe infatti il dubbio di cosa avrebbe potuto accadere e non è stato. Prova a dimenticare un attimo Saturno in quinta, e commetti qualche errore. Magari poi rivaluterai tuo marito, ma se non fai qualcosa – non so cosa, ma purché sia un atto reale – la situazione si ingrigirebbe ancor di più. I transiti nell’immediato futuro non sono per te esaltanti. Prova a non restare nei binari del prestabilito, magari servirà per dare una scossa al tuo rasserenante ma noioso matrimonio. Gli errori non sono condanne all’ergastolo, ma potresti pure rivalutare tuo marito. Se fossi vissuto in un’altra epoca quasi di certo sarei finito al rogo per i consigli che do, ora per fortuna posso esprimermi come voglio, convinto come sono che ognuno di noi abbia il dovere morale – per se stesso – di cercare di perseguire la felicità. La propria. O almeno provarci.





?
!

IL CAPRICORNO: DAVVERO PESSIMISTA? - 572

Salve Massimo,
come ovvio che sia, reputo lo schema morpurghiano delle dignità e delle debilità dei pianeti come il migliore. È proprio perfetto, anche se alcune posizioni possono far storcere il naso ad alcuni (se interpretate superficialmente). Detto questo, volevo fare una riflessione riguardo a Giove esaltato per trasparenza nel Capricorno. Lei, nel video sul Cancro, fa cenno alla malinconia del Cancro, dovuta alla caduta di Giove in trasparenza. Però poi parla della stessa malinconia (per ragioni differenti) nella descrizione generale del segno, dicendo che il Capricorno ha un po' il complesso del diseredato. Ma non dovrebbe essere il contrario? Cioè il Cancro giustamente avverte questa "carenza" a causa della caduta, mentre, in contrapposizione, il Capricorno dovrebbe avvertire l'abbondanza e la serenità (ed ecco l’accumulare per godere in solitudine, mentre il Cancro, pur non essendo generosissimo, non ha questa smania di arricchirsi). Vorrei fare poi un'altra considerazione: non è che il pessimismo del Capricorno venga sopravvalutato? È ovvio che non è un segno molto propenso a fare voli di fantasia e di speranza (e in questo senso il domicilio di Saturno è emblematico) ma quel Giove esaltato in trasparenza non dovrebbe dargli quella fiducia e quella "spinta" necessaria a concretizzare le sue ambizioni (in un contesto materiale e pragmatico, stando alle posizioni consone di Saturno ed Urano)? Io penso che il cosiddetto "pessimismo" del Capricorno sia solo un crudo realismo, stop. Che ne pensa?
C.


1 maggio 2015

Se i diretti interessati mi consentono la battuta, se prendiamo l’asse Cancro-Capricorno in qualsiasi direzione ti giri becchi malinconia o cupezza, sia pure per motivi differenti. Ma non per questo sono portatori di massima sventura, ci mancherebbe. Quello che lei dice in effetti è però tutto giusto, ossia il Cancro si sente spesso davvero diseredato, per colpa di quel Giove mancante, sia pure in trasparenza. L’assenza del pianeta cosiddetto grande benefico rende la loro malinconia vera, ma non li priva della cosiddetta fortuna, li fa sentire piuttosto deprivati. Sensazione per certi versi analoga a quella spesso riscontrabile nei Capricorno, ma per tutt’altro motivo. Nel decimo segno infatti Giove infatti c’è, sia pure per trasparenza e con un effetto meno visibile. Forse con effetti ridotti sull’ottimismo, ma non sulla voracità, se non alimentare di certo il desiderio di soldi, potere, cose belle. Il Capricorno infatti quasi mai si accontenta. Punta in alto e gli piacciono le cose costose. Pure ottenendole si avverte però sempre un senso di amaro in bocca, almeno all’apparenza. Si tratta solo di realismo? Anche, ma non basta. Aggiungiamo che nel decimo segno è fortissima la presenza di Saturno, con il suo carico di senso del dovere a volte un po’ pesante. Ma non basta ancora. Al Capricorno mancano i pianeti della sensibilità (Luna) e del piacere (Venere). Compensa sì con Giove, stipando le dispense di provviste, ma gli resta un senso di tristezza attaccato addosso per il non aver goduto in pieno dell’infanzia (Luna) e delle tenerezze materne. Intendiamoci, molti Capricorni hanno avuto una prima parte della vita accudita e circondata di amore. Ciò nonostante nel loro DNA manca quella cosa lì, e se la trascinano addosso nel corso dell’esistenza. Non impedendogli però di cercare di allargare la propria posizione economica, tant’è che all’atto pratico per quanto riguarda i fatti, il Capricorno non rinuncia a un bel niente, e quindi a modo suo non è affatto pessimista. Il vero pessimista non è la Cassandra in grado di prevedere eventuali disastri, è chi non muove un dito perché non crede di potere cambiare la realtà. Il Capricorno si adatta alla realtà, e cerca di sfruttarla al meglio per il suo vantaggio. Pur conservando quel sottofondo di cupezza dettato però da troppo Saturno, poca Luna e Venere. In compenso hanno però un bel Giove.





?
!

AVANZAMENTI E OSTACOLI - 571

Caro Massimo,
grazie per il tuo bellissimo sito, sempre aggiornato e interessantissimo. Sono nata a X il 03/04/1971 alle 13.30. Ti avevo scritto chiedendoti lumi sulla mia situazione professionale in vista di una possibile, quanto difficile possibilità di carriera. Tu gentilmente mi avevi dato una risposta, definendo i miei transiti indecifrabili, e chiedendomi di tenerti aggiornato. Come avevi previsto un riscontro positivo c'è stato alla fine del 2014. Tuttavia, nello stesso tempo c'è stato anche un cambiamento di "alleanze e collaborazioni" che ancora non so decifrare. L'obiettivo è ancora lontano e potrebbero volerci anche 6-7 anni per raggiungerlo. Sto però registrando una stanchezza e una mancanza di concentrazione sempre maggiori... Cosa sta succedendo?
Arietina


1 maggio 2015

Cara Arietina,
il tuo Saturno in decima e Toro non ha paura dei tempi lunghi e, nonostante tu sia Ariete con tanto fuoco, non dovrebbero mancarti la pazienza e la capacità di programmare. Come pure mi sembrerebbe strano tu stessi del tutto bene in questo periodo, Plutone ancora quadra il tuo Sole e lo farà per tutto l’anno. È possibile quindi che in questo 2015 tu non sia soddisfatta di quanto hai raggiunto oppure tu non ti accorga di oscure manovre alle tue spalle. Soprattutto in ambito lavorativo, perché Plutone è ora proprio sulla cuspide della sesta casa, indicatrice di ogni professione dipendente. C’è un rimedio? Usare il tuo Saturno in Toro, capace di vedere oltre, e di non farsi prendere troppo dagli impulsi arietini di mandare tutti a quel paese, anche se se lo meritano. Se così fosse poi, bisognerà rimediare a una qualche ipotetica reazione eccessiva. Tra aprile e maggio poi Giove in anello di sosta in Leone sull’ascendente formerà poi un trigono al Sole, e le cose dovrebbero andare nettamente meglio. Ciò nonostante non sarà male guardarsi le spalle, ammesso tu ci riesca. Non dimenticare poi Saturno in Sagittario sul tuo Nettuno, capace di tenere a freno molte irrequietudini, e ancora una volta di farti guardare in avanti con tenacia e pazienza. Dovrebbe infatti migliorare o stabilizzare la tua situazione economica, e non sarà affatto male. Infine, forse la stanchezza è dettata da Nettuno di passaggio sulla tua Venere. Magari, anche se non te ne sei accorta del tutto, stanno emergendo le necessità sentimentali, forse trascurate in precedenza. Non mi preoccuperei comunque, hai la pazienza sufficiente per puntare ai tuoi obiettivi, e raggiungerli.





?
!

RESPONSABILITÀ SOGGETTIVE E DESTINO – 570

Ciao Massimo,
sto leggendo La natura dei pianeti di Lisa Morpurgo e ti appunto il passaggio: “Ma c‘è da chiedersi se anche tali episodi non fossero in qualche modo legati alla responsabilità del soggetto stesso, a un suo modo aggressivo di pretendere anziché di dare”. È chiaro che non conosci il mio vissuto ma vorrei porti una domanda riguardo questa frase, perché non posso porla all’Autrice, e tu sei ciò che di più si avvicina a lei come forma di insegnamento. Almeno per me. Mi rendo conto e prendo atto dell’opposizione Giove-Venere che pesa su tre dei miei pianeti e ciò che ho appena letto mi fa un certo effetto, come persona adulta. Mi ci incazzo anche su, a dire il vero. Ora, se tutto è quantomeno inciso, quanto si è responsabili di sé quando si è bambini? E se sono incapace di amare e so solo pretendere dagli altri l’affetto, allora ha ragione chi mi ha etichettato come “mostro”? Sì, qualche volta lo sono stata, tanto da stupirmi da sola da dove tiravo fuori tanta cattiveria. Sono nata con questa configurazione e ci faccio i conti tutti i giorni della mia vita. Sia chiaro, non cambierei una virgola a ciò che c’è scritto in quella pagina perché tutto è vero, anche se mi rattrista leggere che è una mia responsabilità essere stata violentata e umiliata dalle uniche persone che dovevano proteggermi. Ecco, scusa la crudezza e la grettezza del mio sforzo mentale, ma non c’è altro modo di dire le cose se non per come stanno. So che non hai le risposte a tutto, ma so che sei una persona molto saggia e che seguo assiduamente. Perché non sono di ferro, anche se è duro e forte ciò che mi batte nel petto.
A.

1 aprile 2015

Anzitutto non credo tu sia così arida come ti descrivi, perché se lo fossi davvero nemmeno ti porresti il problema. Conosco alcuni mostri in cui il cuore ha la sola funzione di tenere in vita, e ti assicuro che non si sono mai nemmeno fatti sfiorare dal dubbio. Se le parole della Morpurgo ti sono entrate dentro, sia pure in modo doloroso, significa che almeno tenti di correggere te stessa, e non riversi solo sugli altri la responsabilità di come sei fatta. Aggiungo poi che la sentenza citata è di certo giusta, ma va calibrata. Non perché sia sbagliata ma perché è da integrare. Ossia, il nostro carattere determina quanto ci accade, nell’aggressività o nell’incapacità a difendersi, nel tanto amore da offrire (un po’ come la mia adorata Boccadirosa) o nell’aridità sentimentale. Tutte caratteristiche - attenzione però - che possono pure variare nel tempo, grazie o per colpa dei transiti. Bisogna però sempre e comunque tenere conto di una verità fondamentale, ossia dobbiamo comunque sempre partire dal nostro carattere, non ci piove. Temperamento influenzato però dalla nostra storia, dai rapporti con i genitori, dalle esperienze di vita, dal DNA, puntualmente tutti riflessi nel tema natale. Se cresci in una famiglia aggressiva o arida non puoi non esserne influenzato. C’è poi chi resta vittima di una sorta di karma familiare, chi invece riesce ad affrancarsene o tenta di modificarlo. Ecco, la differenza sta qui, cara A., ossia dalla volontà o speranza di cambiare certi nostri comportamenti che si ritorcono in primis contro noi stessi. Bisogna però riconoscerli, e ammettere di essere parte del problema. Attenzione, questo non significa però ritenerci marci, ce ne passa. Tutti abbiamo fatto cose di cui non andare orgogliosi, se allentassi le redini dell’autocontrollo racconterei tanti (e ribadisco tanti) episodi del mio passato molto molto discutibili, tanto per usare un eufemismo. Io però non sono solo quello, sono anche altro, e meglio. Come tu non puoi essere solo arida. Anche se lo fossi davvero stai però manifestando a me una sofferenza, e un dolore – non importa se fisico o dell’anima – va curato, o almeno si deve cercare di farlo. Per te stessa, mica per gli altri. Aggiungo anche – non sarà il tuo caso ma mi è capitato di vederlo tante volte – che esistono genitori indegni di tale nome, troppo concentrati su di sé per tentare di capire le esigenze di un figlio. In questo caso l’unica soluzione è prendere distanza, doloroso da dire ma non c’è altra possibilità. Distanza fisica o solo psicologica. L’importante è non restare invischiati in trappole per topi dove ripeti all’infinito lo stesso comportamento. O tentare di farlo. Già lo sforzo spesso aiuta a sentirsi un po’ meglio, fa sentire meno impotenti. Te lo auguro, come spero tu non ti faccia ancora travolgere dai tuoi dolori interiori. Non ha senso, soprattutto per te. Non per gli altri. Per te.



?
!

DECIMA O QUARTA CASA? -569

Caro Massimo,
vorrei gentilmente chiederti se è possibile che uno stellium in Xa casa presenti conflitti con l'opposta quarta a. Mi spiego meglio: se da un lato la spinta verso l'indipendenza la sento, ed è fortissima, dall'altro lato ho trovato non poche difficoltà nel distaccarmi dall'ambiente natale. Ultimamente, alcuni fallimenti lavorativi mi hanno fatto tornare sui miei passi perché l'ambiente lavorativo era a dir poco stressante (mi sono arruolato nell'esercito e congedato poco dopo). Ho deciso in seguito di intraprendere un percorso di tipo psicologico-psichiatrico ma l'ho abbandonato poco dopo perché non può essere un farmaco a risolvere un conflitto interno. Purtroppo Marte in esilio, in XIIa, dissonante non aiuta in questo senso. Anche Plutone in VIa, seppur bene assestato mi lascia qualche dubbio. Nonostante tutto sono supportato da una famiglia fantastica e da due fratelli splendidi, penso che si veda anche dal Tema natale che tutto sommato reputo positivo anche se impegnativo.
Marco

1 aprile 2015

Se non ci sono pianeti in quarta, la decima non presenta conflitti con la sua casa opposta. Però… Però resta attiva la dialettica degli opposti e ciascuna forza zodiacale esiste grazie a quella che si trova di fronte a lei, spesso mutuandone o imitando i suoi comportamenti. Per altre case ci possono essere infatti manifestazioni simili o almeno confondibili, vedi ad esempio seconda-ottava e terza-nona. Le modalità di espressione di quarta e decima sono invece più distanti, ma nella loro analisi vanno sempre tenuti in conto i segni e i pianeti ospitati. La sua decima è tra Aquario e Pesci, ed è occupata da tutti i pianeti rapidi, ossia Mercurio, Venere, Luna e Sole. Guarda caso simboleggianti fratelli, madre e padre, ossia tutta la famiglia. I Pesci sono poi un segno fortemente lunare dalla grandissima sensibilità e bisognoso di rassicurazioni e protezione. Quindi la lettura del tema di Marco può essere duplice, ovvero una famiglia molto protettiva ed emotiva dalla quale ci si vorrebbe pure emancipare. Marco d’altronde ci ha provato, ma poi è stato costretto a fare marcia indietro. Credo però che il problema grosso sia la gestione dell’emotività, legata forse anche a qualche difficoltà ad entrare in contratto duraturo e profondo con il prossimo. Io penso, caro Marco, che tu abbia fatto benissimo ad abbandonare le terapie farmacologiche, da impiegarsi solo in caso di emergenza salvo disturbi profondi e radicati. Bisogna però imparare a gestire l’emotività, forse un’impresa complessa per un Pesci con Luna in Pesci. Complessa ma non impossibile. Hai individuato poi uno dei motivi del tuo disagio, quel Marte in Toro e dodicesima. Da leggersi in più modi, e io ne scelgo due: la gestione dell’aggressività ma pure anche la sessualità. Quest’ultimo argomento è complesso e di difficile soluzione, per tutti. Sono però sempre più convinto che come canta Zucchero: “solo una sana e consapevole libidine…”. Può darsi che la tua libido sia pure a posto, non ne ho idea e tu non me ne parli. Ne parlo io, allargando il discorso. Solo il desiderio ascoltato e realistico, sul piano sessuale ma non solo, ci dona la giusta motivazione nel vivere. Non pensare troppo alla famiglia, l’avrai pure protettiva ma forse ti coccola tanto perché ti veda fragile o indeciso. Ragiona sui tuoi desideri e mettili in pratica, siano quelli della camera da letto siano quelli della ricerca di autonomia. La tua decima funzionerà in parte come una quarta casa ma non può funzionare SOLO come quella. Vuole pure fare da sola, e la domanda che mi poni lo evidenzia. Hai le capacità per farlo, lo dicono le stelle, ma non devi farti prendere (troppo) dalle tue ansie. Puoi farcela, ne sono certo!



?
!

UN TERRIFICANTE MAI PIÙ? - 568

Caro Massimo,
sono nata il 16 WW 19QQ alle 14 a X e ti scrissi sull'abbandono subito da mio marito. Sto male. L'isolamento, la solitudine e la mancanza di lavoro peggiorano la situazione.
Sto cercando con fatica e determinazione di seguire i tuoi consigli, è durissima, ma non voglio crearmi illusioni su un suo ritorno. Pensare al mio futuro non mi aiuta a superare il "lutto". Ho paura di rimanere sola per sempre perché ho quasi XX anni, e non mi sento così vecchia per rinunciare a vivere e ad amare. Sono arrabbiata con me stessa per essere diventata così dipendente da un uomo, io che a 18 anni vivevo sola e mi mantenevo. Ormai è tardi per ricominciare. Il concetto del "mai più" è terrificante. Giusto per cercare un raggio di luce in fondo al tunnel, ho dato un'occhiata ai transiti dei prossimi anni, ma non sono un'esperta e nemmeno obiettiva, data la mia confusione mentale attuale, e ciò che ho visto non mi piace: appena mi libererò di Saturno al quadrato di Venere e di Marte radicali arriverà Urano a quadrarmi il Sole, che poi avrà anche Plutone in opposizione, e Saturno congiunto prima alla Luna e poi opposto al Sole. Non ho visto però transiti decenti che compensino questi aspetti pesantissimi, non solo per gli affetti, ma per tutto. (A parte i trigoni di Nettuno, che in mancanza di Fede, mi suggeriscono fuga nell'irrazionale o ricerca di conforto nelle "sostanze" psicotrope) Mi scuso per il piagnisteo, ho paura di non farcela a sopportare ancora dolore. Dovrei rassegnarmi a vivere in uno stato di sofferenza e fatica? Su cosa posso far leva per non precipitare nell'abisso? So che molto dipende dalla mia forza interiore, ma anche quella è limitata, logorata.
Brigitta


1 aprile 2015

Provo a usare la terapia d’urto, e vediamo se funziona. Ossia in effetti i transiti futuri non parlano di amori travolgenti e soluzioni miracolose ai tuoi problemi attuali. Aggiungo “Bene!”, e mi spiego. Nella tua e-mail mi hai raccontato che a 18 anni eri autonoma, poi l’incontro con tuo marito ti ha fatto adagiare in un tran-tran rassicurante, e questi purtroppo sono i risultati. Ossia lui se ne è andato senza preavviso e tu sei disperata. Malissimo, ma al tempo stesso benissimo. Dovrai spurgare un bel po’ di sofferenza, lo sappiamo entrambi, ma poi ti rimboccherai le maniche e ti riapproprierai della tua vita, consegnata fino a pochi mesi fa nelle mani di un uomo che ora ti ha lasciato in braghe di tela. Ti sei involontariamente sporta troppo fuori dal balcone e senza paracadute, e ora hai fatto un tonfo a terra. Sei però ancora viva, e le esperienze negative possono risultare utili. Fai riassorbire gli ematomi, poi rialzati in piedi. Sarà duro, doloroso, faticosissimo, lo so io e lo sai pure tu. Hai però tre pianeti in decima casa, e non puoi non volere essere dipendente. Quindi riprenditi in mano la tua autonomia (volente o nolente, lo so, ma devi fare di necessità virtù) e poi accadrà quel che accadrà. Non troverai più un principe azzurro? Se poi devi restare col sedere per terra e il bouquet appassito meglio così. Quando ti sarai ripresa e non avrai TROPPA necessità di un amore, un incontro lo farai, basta non fasciarsi la testa. Sei in fase di lutto, lo sappiamo entrambi, e ci vuole tempo. Approfittane per riappropriarti di te stessa, sarà il dono migliore della vita. Chiudi le effemeridi nel frattempo, ora vedresti solo tutte le negatività possibili. E non ti dirò nemmeno quando potrebbe accadere, sfogliandole io al posto tuo. Qualsiasi data ti sembrerebbe troppo lontana. Se mai, usa nel frattempo l’astrologia per cercare di capire cosa ti ha portato alla situazione attuale, la comprensione del proprio vissuto aiuta sempre a stare meglio, secondo me. Ti auguro che succeda prima possibile.



?
!

TROVERÒ MAI UNA FIDANZATA? - 567

Ho una Luna in Capricorno lesa da Plutone, ed è l’unico aspetto che forma (forse una congiunzione larghissima con Giove): devo rassegnarmi che non troverò mai una donna con cui legarmi? L’aspetto parla chiaro, donna dura (Capricorno) che mi malversa e mi tratta male (Plutone leso). Mai stato fidanzato e da esse ricevuto solo delusioni.
LunaCapricorno

1 aprile 2015

Un simbolo planetario, non importa di quale tipo, ha più di una valenza. Indica cosa o chi incontriamo fuori di noi ma pure un nostro tipo di comportamento in grado di influenzare i rapporti interpersonali e gli eventi che ci capitano. Così la tua Luna, caro amico, segnala il tipo di donne che troverai sul tuo cammino ma pure il tuo agire verso il femminile, in grado di filtrare alla base soprattutto un certo tipo di persona. Se ragionassi in astratto senza l’ausilio dell’astrologia ti direi che, essendoci in circolazione una marea di donne in cerca di uno straccio di uomo appena appena passabile, se ti metti sul “mercato” qualcuna troveresti. Uso però il condizionale perché il dubbio forte è che tu davvero non ti sia messo mai sulla piazza, in cerca di potenziali “acquirenti”. Conoscendo tante donne, ne ho viste molte che pur di non stare sole accettano la compagnia di partner scemi, sgradevoli, ridicoli sul piano sessuale, pur di avere qualcuno al fianco, il famoso straccio d’uomo. Suppongo allora che quella tua Luna indichi sì le generalesse capaci di attizzarti ma pure una certa tua ritrosia diffidente (il Capricorno e Plutone): ti freni nell’aprirti, alle donne ma suppongo non solo a loro. Nell’imparare a fare una cosa, qualsiasi cosa, devi mettere in conto gli errori e gli insuccessi. I bambini andando in bicicletta quasi sempre all’inizio cadono. Poi nella maggior parte dei casi si rialzano senza spaventarsi troppo, due lacrime e sono pronti a ripartire. Qualcuno invece si terrorizza, forse perché non riceve rassicurazioni sufficienti dai genitori o da se stesso, e non usa più la bici suddetta. Penserei quindi che la tua Luna indichi sì una tua inconsapevole attrazione verso donne tortuose e poco affettive, ma pure una ancor più problematica non fiducia nei confronti del genere femminile. Tra l’altro in teoria il quadrato tra la tua Luna e Plutone si è tecnicamente sciolto nel momento in cui Plutone le è passato sopra, verso il 2009-2010. Questo scioglimento non porta miracoli ma è probabile che abbia fatto sì che tu abbia acquisito una consapevolezza maggiore rispetto a questo tipo di problemi, sia pure a un prezzo non basso, aprire gli occhi non sempre è una passeggiata, anzi è doloroso vedere quel che è. Doloroso ma fondamentale. Troverai mai quindi una fidanzata? Te lo auguro, amico mio, ma devi provarci davvero, non dare per scontato che tutte le donne ti tratteranno male. Se lo fanno è perché glielo consenti. Allora, prova e riprova senza paura del dolore, prima o poi l’incontro giusto arriverà. Non ti do date in cui gli astri potrebbero favorirti per trovare la tua lei. Ne ti dico se ce la farai oppure no. Per un semplice motivo: non lo so. So però che tutti abbiamo una chance se proviamo davvero a cercare quanto desideriamo. Pensa poi che l’alternativa a tentativi falliti sarebbe comunque un altro tipo di dolore, ossia il restare da solo. Prova, e insisti, e mi saprai dire. Magari trovando pure donne non simili a un fuhrer in gonnella, ti assicuro ce ne sono tante.



?
!

UN COMPLESSO RAPPORTO CON IL PADRE -566

Ti ho già scritto in passato. Nel mio tema è forte la contrapposizione con la figura paterna (Saturno e Sole congiunti opposti a Plutone e Urano) e non va neanche tanto bene quella materna considerata l'opposizione della Luna a Venere, ho cercato perciò di capire il tema di mio padre per capire quali forze lo spingessero a comportamenti spesso carichi di una fredda violenza (musi lunghi mesi interi). E qui mi dovresti aiutare! Mio padre è nato il W XX 19ZZ a mezzogiorno (pare suonassero le campane) ma nel suo tema non ritrovo le sue asprezze di carattere, la tenerezza legata a una vena, che mi spiace definire, di sadismo - Venere in ottava?? - o la sua difficoltà a esprimere affetto, o la difficoltà con la figura materna - mia nonna era difficile. Dove sono scritti questi elementi? Vi ritrovo quelli della vivacità intellettuale, la complicità intellettuale, la volontà e capacità di far carriera. Non riesco a capire! Grazie per l'attenzione e per il bellissimo lavoro sui simboli e pianeti di cui ogni mese aspetto la puntata successiva!
Adele

1 aprile 2015

Come sono quasi certo di aver scritto in passato, sono felice di non avere figli e di essere solo (abbondantemente) zio perché il mestiere del genitore è il più difficile al mondo, visto che quasi tutti sembrano combinare errori o disastri. Raggiunta una veneranda età e avendone viste di tutti i colori, mi rendo anche conto che spesso è anche “colpa” dei figli se non riescono a superare il rapporto con i genitori, con gran gioia di psicologi e psicanalisti che vedono così aumentare la loro clientela. La percentuale di padri e madri davvero infami però non è enorme, e nella maggior parte dei casi i figli non sanno prendere il giusto distacco dalla figura genitoriale con cui si ha un conflitto, se non quando non c’è più. Facciamo tutti quel che possiamo, intendiamoci, da entrambi i lati della barricata. Come superare il problema? Magari inquadrandolo con l’aiuto dell’astrologia, uno strumento di conoscenza unico. Vediamo allora il tema di Adele, dove il padre risulta una figura debordante nel bene e nel male, come è stato. Aggiungo però che essendo i pianeti da lei citati pure grossa parte della sua personalità, non indicano appunto solo il padre, ma pure lei stessa. Ossia, ha introiettato l’immagine di una figura paterna complessa, essendo lei stessa complessa. Ma perché questo genitore ha agito e agisce in maniera così pesante? Vediamo il suo tema natale. Anzitutto suppongo sia un irrequieto trattenuto (Sagittario asc Pesci), mai completamente soddisfatto di sé (quadrato Urano-Plutone) che ha avuto una madre rigida e moralistica (Luna in Bilancia in settima in trigono a Saturno) e ha ansie confuse e non dichiarate (Marte congiunto a Nettuno in sesta quadrati a Mercurio). Proprio questo ultimo aspetto riflette i rapporti negativi con la figlia, da un lato spinta lontana (Mercurio e Sagittario e nona), dall’altra criticata e che si vorrebbe riportare alla normalità (Nettuno e Marte in Vergine e sesta). Suppongo che tuo padre non ti abbia consentito di capire davvero tutte le sue ansie e difficoltà, quelle che l’hanno spinto a criticarti e a non darti sicurezza. Del resto la tua opposizione di Plutone al Sole ti rende complesso interpretarlo, e forse capire gli uomini in genere. Tieni anche conto che i pianeti in Vergine opposti ai tuoi in Pesci ti rendono anche suscettibile e facilmente vulnerabile rispetto alle critiche. Prova a partire dall’accettazione delle ferite, quel che è stato è stato. Tuo padre aveva un pessimo carattere? Probabile, se non certo. Ora però è anche una persona anziana, prendi atto di quel che è stato, e gira pagina. Plutone in Capricorno e Nettuno sul tuo Sole possono aiutarti a farlo. Magari non ti porteranno trionfi amorosi o lavorativi, ma ti spingono a capire, il dono più grande.



?
!

BOMBARDAMENTI PROSSIMI VENTURI - 565

Caro Massimo,
la disturbo per avere chiarimenti sulla mia situazione astrologica. Sono nato a X il 9-10-1971 alle WZ. Da un rapido colpo d'occhio avrà già visto a che razza di "bombardamento" sono sottoposto. Mi interessava sapere che tipo di approccio dovrò avere per tenere la barra dritta in questo mare in tempesta. Grazie per il tempo che mi dedicherà.
Umberto

1 aprile 2015

Se fossi in lei non mi preoccuperei più del necessario. Lo dico non per tranquillizzarla a tutti i costi, ma perché io stesso ho sperimentato gli stessi transiti che lei vivrà a breve e sono sopravvissuto – essendo pure io Bilancia – e perché ho osservato gli effetti sui nati nel nostro stesso segno come pure sugli altri della croce cardinale. A volte bastonati pesantemente, altre solo sfiorati da un malessere esistenziale o da problemi del tutto risolvibili. E nessuno ha capito perché a transito analogo alcuni subiscano molto di più (e lo stesso vale per i transiti positivi) e altri se ne accorgano appena. Certo metta in conto che qualcosa succederà, ma per capire cosa bisognerebbe avere un’idea della sua vita attuale, e di suoi ipotetici punti deboli. Che non so quali possano essere, ma il suo tema natale mi sembra molto poco contraddittorio, visto che possiede un unico aspetto negativo, tra Saturno e Giove e Nettuno, mentre TUTTI gli altri pianeti sono in rapporto più che armonico tra di loro. Questo “eccesso” di positività astrale non le avrà portato in automatico trionfi e vita felice, quasi di certo la rende però poco contraddittorio. Se comunque non vuole farsi trovare impreparato rispetto agli imminenti transiti negativi, tenga conto che si formeranno tra la prima casa, dove c’è il suo stellium in Bilancia, la quarta e la settima. Penserei quindi che eventuali problemi riguardino la casa, la famiglia e un ipotetico rapporto di coppia, che non so se lei abbia. Questi potrebbero essere gli ambiti delle difficoltà, a meno che non si tratti di lavoro (visto che è coinvolto Urano) oppure di una generica insoddisfazione personale (e qui penso a Plutone). Sulla quantità del problema non so fare ipotesi, perché appunto nessun astrologo serio sa e vuole quantificare. Si prepari quindi a un periodo in cui forse non tutto scorrerà con facilità come è accaduto fino ad ora. Non mi fascerei comunque la testa prima di essermela rotta, e anche se dovesse prendere qualche bottarella, la sua testa dovrebbe essere sufficientemente robusta per resistere, metaforicamente parlando.



?
!

I TEMI NATALI DISASTRATI: LO SONO DAVVERO? - 564

Salve Massimo,
volevo fare una riflessione riguardo ai "temi disastrati". Mi hanno colpito i temi di Albert Schweitzer e Charles De Foucauld, personaggi straordinari. Ciò che mi ha più colpito di loro è l'enorme forza di volontà e la fortissima dedizione nei confronti del prossimo. Erano due persone con una cultura ampia e, se parliamo di Schweitzer si è trattato, oltre che di un medico, di un musicista, di un filosofo e di un teologo: un "uomo universale". Eppure se guardassimo i loro temi diremmo che, essendo densissimi di aspetti disarmonici, si trattava di persone con pochi talenti, mille sfighe e problemi mentali e psicologici vari. Magari la loro vita non sarà stata semplicissima, ma non si può negare il loro valore immenso. Potrei citare altri esempi di questo tipo. Detto ciò, volevo chiederle: non è che gli aspetti conflittuali possano essere visti sotto un'altra chiave di lettura e non semplicemente come una carenza o per forza come una palla al piede? Con questo non voglio stravolgere il significato classico degli aspetti, dicendo che gli aspetti disarmonici sono bellissimi e gli armonici siano inutili e ininfluenti (come fanno alcuni), ma nemmeno avere una visione unilaterale sui loro possibili effetti. Tendenzialmente gli aspetti disarmonici possano portare difficoltà e gli aspetti armonici il contrario, ma ritengo limitativo avere una visione unica e ferrea di questo tipo. Lei che ne pensa?
K.


1 aprile 2015

Penso che abbia ragione, e gli aspetti positivi o negativi vadano valutati volta per volta. O meglio, il negativo è un conflitto tra forze discordanti, non ci piove, e il positivo è un rafforzamento di certi valori, ma non è detto che all’atto pratico le negatività si tramutino in vite devastate e le positività creino personaggi eccezionali o felici. Confermano o creano tensioni, ma la conferma può poi creare un eccesso di sicurezza e fare addormentare, mentre le difficoltà possono rafforzare i muscoli, i neuroni, le capacità reattive, creando paradossalmente dei vincenti. Possono farlo ma non lo fanno sempre, e davvero non si può partire con pregiudizi analizzando un tema natale di una persona non conosciuta. Ma non si può nemmeno correre il pericolo contrario e ipotizzare trionfi megagalattici nel momento in cui vediamo oroscopi densi di contraddizioni. Faccio un esempio attinto dalla cronaca degli ultimi anni, che non riguarda una singola persona ma tutti quanti. Penso al quadrato tra Urano in Ariete e Plutone in Capricorno, capace di creare una crisi economica mondiale, analoga a quella dei primi anni Trenta quando ci fu il crollo di Wall Street. Ebbene, la crisi c’è ed è stata devastante ma, se analizziamo i nati nei primi Anni Trenta, quelli le cui vite si sono già ampissimamente sviluppate, hanno avuto quasi sempre esistenze di grandissimo lavoro, spesso coronato pure da successo, forse anche grazie a un sottofondo di insoddisfazione mai appagato. Ossia in quel caso si assistette ad eventi storico-economici molto pesanti, ma i nati in quegli anni – forse proprio perché cresciuti in un clima difficile – furono costretti a rimboccarsi le maniche per sopravvivere. Ciò nonostante penso che quasi sempre le negatività siano pesanti, e difficili da vivere. Ma ho visto anche persone all’apparenza felicissime, per un tema natale senza lesioni, con una vita piatta e senza stimoli. Siamo quel che siamo, nel bene e nel male, ma non è detto che il male (inteso come negatività astrale) lo sia davvero e viceversa.





?
!

AMORI CLANDESTINI: C’È UN FUTURO? - 563

Salve,
seguo da sempre questo sito che trovo molto interessante e anche ben scritto. Le vorrei porre un quesito: da due anni sto vivendo una storia con un ragazzo piena di passione e turbolenze, siamo entrambi impegnati, io non felicemente. Vorrei chiederle se ci può essere un futuro per noi due, anche se questo non dovesse seguire percorsi convenzionali. Grazie mille per la sua risposta!
E.

1 marzo 2015

In tutta onestà credo che la domanda sia formulata male. Non da un punto di vista espositivo, quanto piuttosto la ritengo sprovvista dei passaggi logici perché l’avvenimento auspicato si realizzi. Ossia siamo di fronte a un grande amore – o passione - per entrambi, peccato che tutti e due siano già impegnati con altre storie. Ci vorrebbe quindi una doppia rottura, con tutto il trambusto conseguente. Succede, succede ogni giorno, ma non capita sempre, e comunque comporta grosse difficoltà. Da quello che scrive E., poi, la voglia di consolidare la storia e farla proseguire è di certo soprattutto sua, del lui in questione non c’è opinione certa, e non ne conosciamo le intenzioni. E. però, consapevolmente, mi chiede se la storia può proseguire pure con criteri atipici, suppongo intendendo il restare amanti, magari in maniera un po’ più stabile. Facciamo allora un passo indietro e analizziamo il tema dei due amanti, parola bellissima in quanto indicante un sentimento reale tra due persone, e non una registrazione all’anagrafe. L’analisi mi indica senza possibilità di dubbio che in effetti ci sono sintonie davvero forti. Lei una Venere in Gemelli in trigono a Plutone, lui una Venere in Bilancia e terza (cosignificante dei Gemelli) congiunta a Plutone, lei una Luna isolata in Leone e quinta, lui una Luna in Ariete isolata in nona. Lei un trigono tra Sole e Urano, lui una congiunzione tra i due. Insomma, i punti di contatto sono tanti, ed è per questo che vi siete incontrati. A volte però le troppe similitudini non aiutano la durata di una storia: vivendo e sentendo in maniera simile si hanno gli stessi pregi e gli stessi difetti e forse manca un apporto diverso in grado di rendere anche costruttiva una passione. Con questo però non intendo dire che non sia possibile, penso sia complesso. Suppongo inoltre che preferiate mantenere entrambi un margine di libertà nei rapporti sentimentali e umani, tanto che entrambi avete cercato altro pur avendo già in ballo una storia. Mi sembra quindi che la soluzione migliore sia restare amanti, senza impegni più vincolanti. Anche se lei, cara E., in questo periodo con Saturno in sestile dalla settima casa al suo Marte in quinta, vorrebbe mettere ordine nella sua vita affettiva. Non è escluso che ci riesca, non so se qui in primavera oppure in autunno. Non so però se il suo lui prenderà una decisione analoga. Se ci tiene tanto, e da quel che mi scrive è così, non lo forzi, non otterrebbe nulla. Se è amore, la storia è destinata a durare magari trasformandosi, se è solo passione prima o poi si spegnerà, lasciando comunque un ricordo meraviglioso, di quelli in grado di dare un senso alla vita.


?
!

I TRANSITI POSITIVI NON PORTANO NULLA? - 562

Caro Massimo,
tra il 1984 e l’85 Saturno quadrava la mia Venere in Aquario, poi la Luna, ed era in trigono al mio Sole. Era per me un periodo molto brutto. Niente amicizie o amori, un lavoro da contabile detestato. Nel '84 (con Urano sestile a Venere) ho iniziato una psicanalisi durata anni e che mi ha aiutato a cambiare. La quadratura di Saturno alla Luna spiegava il male di vivere, la tristezza, la solitudine, ma non capisco cosa significava il trigono al Sole. Dopo trent'anni Saturno ha ripetuto il suo transito: stavolta, a novembre, la quadratura alla Luna ha portato via mia mamma. Anche se aveva 96 anni, la consapevolezza che non la potrò rivedere non è facile da accettare. Sempre a novembre, Saturno era in trigono al Sole, ma come trent'anni fa, non capisco cosa abbia portato. Tra novembre e dicembre, Urano era in sestile a Venere, stavolta dall'Ariete. Non ho iniziato un'altra psicanalisi, né è arrivato nessun amore, ovvio alla mia età. Come mai il transito negativo è così evidente nei suoi effetti sulla mia realtà, mentre quelli positivi non producono nulla? Dal 2008 in poi, accudire mia mamma nel suo progressivo decadimento fisico era diventato pesante, anche se dal 2010 era in casa di riposo; il suo e mio calvario sembrava non aver mai fine. Saturno nel 1988 fece un sestile alla mia Luna ma quadrò il mio Sole, come nel 2017. Allora successe un amore, forse sbagliato ma gratificante e durato a lungo. Escludo che possa ripetersi lo stesso evento, cosa potrebbe succedere ora?
Tiziana
o

1 marzo 2015

“Apparentemente” è l’avverbio giusto e per quanto non ti conosca e soprattutto non ti abbia frequentato nel passaggio precedente, quando Saturno formò un trigono al Sole, la risposta te la sei già data tu. Ossia mi hai raccontato che con quel passaggio planetario iniziasti il percorso psicanalitico, che ti portò a una maturazione, sia pure lenta. Purtroppo ora la maturazione te l’ha imposta la vita stessa, con la perdita della tua adorata madre. Mi chiederai dove sta di casa la positività del transito, e io ti rispondo che l’astrologia ha altri termini di giudizio, ossia ha suoi criteri nel ritenere quanto è giusto e quanto no. Purtroppo nessuno è immortale, e la scomparsa di tua madre era inevitabile, e tu stessa non avresti potuto continuare in eterno ad assisterla. Ora resti genitrice di te stessa, faticoso quanto si vuole ma inevitabile se non si muore giovani. Cara Tiziana, l’astrologia non soddisfa i nostri desideri, o lo fa soltanto se rientrano nei suoi piani. Non consola, l’astrologia praticata seriamente dice quel che è. Se si ha il coraggio di affrontarla in questo modo può arricchirti tanto, e darti una sorta di preparazione filosofica al vivere, se invece si cercano effetti placebo meglio dedicarsi ad altre mantiche, o a terapie psicologiche capaci di promettere una guarigione rispetto al mal di vivere. Certo, è normale sperare il meglio, e guardare con occhio fiducioso al transito imminente di Giove o Plutone, ma se succede – e spesso accade questo – qualcosa di differente dai nostri desideri meglio prenderne atto, e non maledire Giove o Plutone perché non hanno portato quanto auspicavamo. Fatta questa premessa, cosa potrà accadere l’anno prossimo con Saturno quadrato al Sole e in sestile alla Luna? Magari saranno in arrivo avvenimenti felici, ma ritengo più probabile un riconfermare certe tue caratteristiche caratteriali di base, visto che di nascita hai Saturno opposto al Sole, come pure hai una Luna Saturnina, essendo in Aquario. Ossia ti ritroverai ad essere soprattutto te stessa. Poca cosa? No, se nel frattempo hai imparato a volerti bene e ad accettare quel po’ di buono e stimolante che offre la vita.


?
!

DUBBI VARI - 561

Ciao Massimo,
una Luna natale in quadratura a un pianeta lento, crea delle conseguenze più a lungo termine rispetto a una Luna di transito in quadratura ad un pianeta lento natale. Questo è matematico, ma la domanda è se l'effetto di questi aspetti planetari sono gli stessi indipendentemente da quale sia il pianeta natale o quale di transito. In internet ho trovato spiegazioni molto diverse per esempio tra:
1) Urano quadrato Luna ( in questo caso si intende Urano di transito o di nascita?)
e 2) Luna quadrato Urano (in questo caso di intende Luna di transito o di nascita?)
oppure non cambia nulla dirlo in uno o nell’altro modo?
Ultima domanda, un soggetto Cancro, con Plutone in 1 casa in Bilancia quadrato a Mercurio e Saturno in 10a in Cancro, e con lo stesso Plutone in sestile a Nettuno in Sagittario in 3a, e trigono a Venere in Gemelli in casa 10... Ecco questo Plutone con vari aspetti mi sta dando problemi di interpretazione. Sbaglio se dico che Mercurio e Plutone lesi ( in questo caso in quadratura) possono dare persone di dubbie intenzioni, doppi fini e manipolatrici, corretto? o perlomeno persone con idee drastiche, estreme ed arriviste. Con un sestile e trigono con Venere e Nettuno, questo può prendere aspetti diversi? Tipo, rendere la persona un po' pesante ma con buone intenzioni?
Francesca

o

1 marzo 2015

Cara Francesca,
posso spiegare quello che scrivo io, non quello elaborato da altri. Per gli scritti del prossimo devo per forza di cose basarmi su una interpretazione letterale di quanto esposto nero su bianco. Ma non voglio rispondere al tuo primo quesito, e ti spiego il perché. Purtroppo qualcuno mi ha scambiato per un risponditore automatico a tutti i dubbi possibili e immaginabili. Ci manca solo che mi chiedano rimedi contro la gastrite, la gonorrea o il ginocchio della lavandaia e poi ho fatto l’en plein. Certo, in questo spazio rispondo alle domande dei lettori, e sono ben lieto di farlo. Peccato che spesso le persone mi chiedano lumi su responsi assurdi o per me non condivisibili scritti da altri astrologi. Io però rispondo del mio, non dell’altrui, soprattutto se le risposte del prossimo – catastrofiste o approssimative nella sostanza astrologica – vengono prese sul serio proprio perché iettatorie, e spesso supportato da un totale vuoto mentale e da conoscenze astrologiche men che risibili. Nel momento poi in cui mi affanno a riportare la persona che mi ha posto il quesito al buon senso, questi continua a masturbarsi mentalmente sulla sentenza altrui, quasi sempre retrodatata e sbagliata completamente nelle previsioni. Oppure il tarlo dell’incomprensione tormenta l’ignaro lettore perché non ha capito. E se è pur vero che ci sono pure lettori tardi, è altrettanto vero che spesso non si viene capiti perché ci si spiega male. Quindi, qui lo ribadisco e lo metto nero su bianco: cerco di essere gentile, ma per le sentenze catastrofiche e per gli errori marchiani bisogna rivolgersi a chi si è espresso in tale modo. Veniamo invece alla seconda parte della domanda, molto più interessante, ma dove appare chiara la tua incompleta formazione astrologica. Plutone leso (ma a volte anche se molto stimolato in positivo) può dare una certa tortuosità che a volte sconfina nell’ingannare se non gli altri soprattutto se stessi, o in maniera speculare essere vittime dei raggiri altrui. Nel caso dell’uomo citato, poi, Plutone forma aspetti di tutti i tipi, ed è in prima casa. Segno quasi inequivocabile che non ti racconterà mai del tutto chi è, ma non è detto che poi ti turlupini. Per il pesante ma con buone intenzioni non sono caratteristiche riconducibili a Plutone, semmai a un Giove troppo forte come il suo, in trigono al Sole e in settima. Per questa tua interpretazione, mi pare evidentemente che tu stia ancora attraversando la fase in cui cerchi di incastrare tue osservazioni dettate dalla conoscenza della persona con parziali approfondimenti astrologici. Ti consiglio di cuore allora di compiere il percorso inverso. Ossia, studia bene le simbologie planetarie e zodiacali, poi interpreta. Non viceversa.



?
!

PIANETI SOLO LESI O SOLO BENEFICATI - 560

Caro Massimo,
ho letto un articolo in cui si lodano le possibilità di un pianeta solo leso, o bersagliato da aspetti duri, perché quel pianeta creerebbe nel soggetto un senso di “rivalsa” legato alle simbologie del pianeta stesso. Così un Plutone leso porterebbe, se le frustrazioni sono ben incanalate, a personaggi istrionici, grandissimi attori, comici (ma anche a grandi affabulatori come un “certo" politico basso e pelato che suonava la chitarra sulle navi), oppure o un Giove solo leso si ritrova nei temi natali di mega ricchi, così come un Saturno devastato nel tema di persone che invecchiano benissimo, etc. Idem per Venere, Luna, Sole e via dicendo. Siccome spesso ho letto il contrario, mi chiedo quale sia il tuo parere. Ho guardato il mio tema in merito all’argomento e anche il governatore della settima in Gemelli, Mercurio (in quinta e Ariete), è leso, salvo la congiunzione con il Sole, ma anche il Sole è fortemente leso. Sono destinata alla stessa infausta sorte? :-) Qual è il valore di un pianeta unicamente leso o beneficato? Aggiunge qualcosa di buono se il pianeta è beneficato anche dal fatto che si trova nel suo domicilio o nella sua esaltazione? So bene che un tema si legge nel suo complesso e non è un singolo pianeta o un pugno di aspetti a definire il destino di un individuo, che io ritengo dipenda dalle sue scelte e in parte da qualche botta di culo, o sfortuna.
Giulia
o

1 marzo 2015

Ti smentisco su una questione non astrologica: quel “certo” politico sarà sì basso, ma non è pelato grazie al riporto e al tappo di sughero impiegato per creargli sul cranio un effetto tipo calciatore del biliardino, o omino del Lego. Facezie a parte, conosco benissimo lo studio che mi citi sul quale sono in gran parte d’accordo. In gran parte, perché è verissimo quanto afferma l’autrice rispetto a temi in cui, ad esempio, una Venere disgraziata e afflitta più di una madonna addolorata crea donne di una bellezza impressionante, che non sanno stare senza amore. Oppure Marti risibili procurano ai maschi loro possessori un’aggressività testosteronica mica da poco. O ancora i grandi ricchi, tutti con Giovi che, sulla carta, farebbero pensare all’indigenza più totale. E così via. Va però detto che le persone in questione non sono mai davvero del tutto soddisfatte di quel pianeta tanto che ci danno dentro in tutti i modi per superare l’handicap iniziale. La bella di professione quindi non subirà le lesioni del pianeta come bruttezza, ma non sarà mai davvero contenta di essa, come pure di rado troverà l’appagamento affettivo. Il Marte iperstimolato in negativo cercherà di fare prestazioni alla Rocco Siffredi, perché sotto sotto teme l’impotenza. O ancora il ricchissimo dal Giove malmesso magari abitante in un castello dal valore inestimabile se ha ospiti a cena non serve loro più di tre lenticchie e lesina pure sull’acqua minerale, per paura di spendere troppo. Tutti esempi reali, non inventati. Fin qui siamo d’accordo e scatta la domanda successiva. Ossia, è possibile quantificare le potenzialità di un pianeta, non importa se beneficato o leso? La risposta è no, mai, e se qualcuno dice il contrario mente sapendo di mentire o per supponenza non troppo acuta. Faccio l’esempio dei gemelli astrali, ossia dei personaggi nati nello stesso giorno e quindi con le stesse posizioni planetarie. Non avranno mia davvero la stessa vita, anche se avranno molte caratteristiche affini con i loro gemelli “diversi”. Allo stesso modo, a priori, stenti a capire se quella lesione sarà vissuta con un’ansia di recupero portando a risultati importanti oppure se ti schiaccerà sotto il suo peso. In maniera analoga, l’aspetto positivo o perfino troppo positivo in alcuni casi sarà davvero un punto di forza, in altri farà adagiare il soggetto sugli allori. Quindi, cara la mia Giulia, per i tuoi Mercuri e Soli sciagurati ti consiglio di metterli alla prova, e di tentare di viverli al meglio. Magari ti funzioneranno bene in un ambito e così così in un altro. Un ottimo mezzo per tentare in ogni modo di spingerti oltre la difficoltà iniziale. E un Ariete non può non provarci, non apparterrebbe al suo segno…


?
!

RIUSCIRÒ A VENDERE LA CASA? - 559

Caro Massimo,
sto meditando di vendere la mia casa e acquistare una nuova. So già che l'impresa, difficile visto il periodo, nel mio caso sarà ai limiti dell'impossibile. Quella di cui mi vorrei disfare, infatti, è una casa piena di magagne comprata (carissima) nel 2007, al 4° piano senza ascensore (non dire nulla), con un bel po' di lavori importanti da fare (caldaia, facciata) e che si trova in un contesto non bellissimo; ragion per cui mi hanno già prospettato la perdita di quasi 1/3 del suo valore di acquisto...
Ciò detto, ci sto provando comunque, nella speranza che a qualcuno possa comunque piacere, visto che dentro è molto carina, consapevole che se non si verificheranno certe condizioni mi toccherà rimanere dove sono. L'altra speranza (ed è quello su cui ti chiedo il parere) è che i transiti positivi che mi pare di aver visto possano fare un nuovo miracolo. Nei prossimi mesi, infatti, Giove di transito in 2a farà un sestile a Urano rx in 4a e, in contemporanea un trigono alla Luna rx in 6a; Luna che, nel contempo riceverà anche il trigono di Urano in transito nell'11a. Io li ho interpretati in senso positivo per la questione, visto che a essere interessati sono i settori e i simboli della casa (Luna, 2a e 4a casa), ma non voglio illudermi troppo. Che ne pensi?
Isotta
o

1 marzo 2015

Se fossi in te, visti i transiti imminenti, mi piazzerei davanti all’appartamento che intendi vendere con il cartello al collo, e magari adescherei pure i passanti per mostrargli la casa, metti mai che qualcuno abbia un’urgenza abitativa e tu non sia lì al momento giusto. Scherzi a parte, in effetti avresti tutti i passaggi planetari necessari per un cambio di abitazione pure benedetto dalla fortuna. È pur vero che i transiti quasi mai ci portano quanto abbiamo in mente, soprattutto se si tratta di una necessità, e fanno quel che possono, o devono. Magari, giusto per mettersi avanti con i lavori, tu prova a interessarti su possibili nuove situazioni abitative per te, se riuscissi davvero a liberarti di questo appartamento al quarto piano senza ascensore. Ottimo per chi non ha voglia di andare in palestra ma ci tiene comunque a mantenere la linea. Guardiamo però nel dettaglio i transiti. La tua Luna è a 16 gradi del Sagittario, mentre la tua quarta casa (cosignificante del Cancro dove è domiciliata la Luna-abitazione) è tra Vergine e Bilancia e contiene Plutone e Urano, quest’ultimo a 10 della Bilancia. Pianeta che negli ultimi anni ha subito massacrate cosmiche, tant’è che hai avuto, oltre ai problemi abitativi, grosse difficoltà lavorative. Su Urano i transiti pessimi sono passati, e per fortuna. E arrivano pianeti amici per la Luna e per Urano. Alla prima Urano manda in aprile un incantevole trigono, poi ci sarà il ritorno di Giove dal Leone e, tanto per non farsi mancare niente, ci sarà pure l’anello di sosta di Venere sempre in Leone. Quindi non escluderei possibili interessamenti molto imminenti ma, se così non fosse, non mi scoraggerei affatto e attenderei i passaggi successivi. A gennaio infatti Urano torna a 16 del Sagittario, e arriva pure Saturno a dargli man forte. Impossibile non capiti nulla, anzitutto a te come persona, e probabilmente pure per la casa. Quindi se passata la primavera-estate non fossi riuscita a liberarti dell’appartamento al quarto piano (e arrampicarsi fin lassùe fa tanto bene al cuore e ai muscoli), riponi il cartello vendesi fino al tardo autunno, poi torna sul marciapiede ad adescare i passanti. Quasi di certo qualcosa succederà. Scherzi a parte, sappimi dire cosa accadrà. È impossibile che non succeda nulla.


?
!

IL MALE DEI VENT’ANNI - 558

So che lei non è un medico ma mi fido molto dell' astrologia praticata nel modo serio come riesce a lei, forse non potrà darmi una cura ai miei ''problemi'' ma sono certa saprà farmi una ''diagnosi''. Da due anni sto attraversando un periodo difficile a causa della mia esagerata e forse contorta emotività. Ho iniziato a soffrire d'ansia e di episodi di depressione dai quali sono sempre uscita da sola perché non riesco ad ''affidarmi'' a nessuno o a chiedere aiuto agli altri, siano essi genitori, amici, psicologi. Non riesco nemmeno a parlare apertamente dei miei ''problemi', delle mie paure, delle mie nevrosi che da due anni mi rendono impossibili un gran numero di giorni e di notti. Ho vent'anni e mi sento come un'ottantenne pensionata che non si aspetta nulla dalla vita. Sono pessimista per il futuro, mi sento vuota, inetta, incapace di cambiare, di agire per ciò che mi renderebbe felice e serena, non so nemmeno cosa mi renderebbe più felice, sono confusa su tutto, non ho fiducia nei rapporti umani, ho un sacco di paure che mi bloccano dal farmi anche solo iniziare le cose, se le inizio non le finisco, non riesco a prendere in mano la mia vita, non vivo bene la realtà quotidiana fatta di impegni e programmi e sono insoddisfatta di me stessa, di ciò che ho, di ciò che faccio, anche quando dovrei, anche nei rapporti con gli altri non mostro spontaneità né desiderio di approfondire conoscenze, tratto i rapporti sentimentali e non con superficialità e paura, non sono in grado di provare sentimenti puri né di mostrare agli altri la mia parte vulnerabile e creare dei veri rapporti.
MDV
o

1 marzo 2015

E no, così non va bene! E, anche se non dovrei iniziare con una predica, te la faccio lo stesso. Perché hai vent’anni e, se non è detto che sia l’età migliore della vita, hai il dovere di cercare di stare meglio. Per te stessa, non per gli altri. Per te. Cercare non equivale a trovare, lo so, è però un primo passo per uscire dallo stato di malessere in cui ti trovi da troppo tempo. Sono anche certo che una breve diagnosi come la mia non può essere esaustiva, perché i pianeti del tuo tema natale parlano di simbologie capaci di manifestarsi in molti modi, e solo un colloquio diretto potrebbe chiarire le loro potenzialità. Qualche ipotesi posso però farla, ma te le faccio solo a un patto. Ossia devi prendere questi input come suggerimenti per cercare poi di stare meglio, non come condanne da cui non uscire. Perché se è pur vero che il tema natale è uno soltanto, è altrettanto vero che i pianeti si muovono in continuazione e ci spingono ad andare avanti. O, in certi momenti, ci bloccano pesantemente. Al di là delle tue tendenze caratteriali, devi sapere che negli ultimi due anni il tuo Sole a 12 del Cancro è stato letteralmente massacrato da Plutone e Urano: per forza non stavi bene, mi sarei stupito del contrario! Ora però entrambi sono andati oltre e al tuo Sole – e al tuo Io – non resta che aspettare la definitiva cicatrizzazione delle ferite emotive. Se però le ferite della pelle in giovane età si rimarginano meglio, non lasciando quasi il segno, da giovani quelle dell’anima hanno bisogno di più tempo, perché sono capitate in un periodo della vita in cui spesso non sei ancora abbastanza forte per non sentire il male. Proprio per questo sono certo tu debba tentare tutto ora per uscire al meglio da un periodo duro. Tenendo conto però delle tue predisposizioni, a cui ora accenno, non potrei fare di più. Ossia hai il Sole in trigono a Saturno, e quindi sei più matura della tua età, e pure molto responsabilizzata. Al tempo stesso hai però un’emotività molto accesa, forse troppo, per una Luna stimolatissima in positivo e in negativo sull’ascendente. Una Venere complessa in Leone e quarta ti rende poi al tempo stesso orgogliosa e schiva in campo sentimentale, ma un Cancro non può rinunciare all’amore o crederci poco. Vive per l’amore e guai a privarsene del tutto. Quale la strada da percorrere per uscire dalla crisi? Hai una bellissima nona casa, con Nettuno e Urano in Capricorno. Io penso che una via per uscire dai tuoi problemi sia la conoscenza, il crearti una tua visione del mondo alla quale attingere nei momenti di crisi, che spero e penso siano in via di attenuazione, ma se ora hai il male di vivere, e ce l’hai, non puoi nasconderlo sotto il divano come si fa con la polvere. Prima o poi spunterebbe fuori e ti creerebbe nuovi disagi. Cerca di allargare le tue conoscenze, e di certo ci saranno cose che ti interessano più di altre. Punta su quelle, col tempo ti aiuteranno a sanare il mal di vivere, e a restare senza cicatrici. Te lo auguro.


?
!

TRANSITI “NULLA DI FATTO”? - 557

Buongiorno caro Massimo,
entrando in Sagittario il caro Saturno si congiungerà al mio Mercurio "sciogliendo" la quadratura di nascita (fine novembre). Evviva, dovrebbe essere un aspetto positivo, no?! Tra l'altro formerà un trigono col mio Giove in Leone. Noto però che allo stesso tempo Nettuno dai Pesci formerà una quadratura stretta; Nettuno che tra l'altro forma una larga congiunzione col mio Mercurio (io li considero congiunti perché mi riconosco in quella congiunzione...). Fortunatamente Giove dalla Vergine si sarà già spostato in avanti. Come interpretare questo transito? Mi verrebbe da dedurre come un nulla di fatto, come se alla fine si andasse a ricreare la situazione di partenza, lei cosa ne pensa?! Nettuno mi ha riservato tanti bei doni in questi tempi di sestile alla mia congiunzione Sole-Marte, soprattutto in termini di "rinascita" interiore, andando sicuramente a completare un lavoro già iniziato da Plutone, ma dopo anni di solitudine (vissuta serenamente per carità) ancora niente amore. Anche a tal proposito vorrei sapere secondo lei con quali transiti potrebbe verificarsi il miracolo?! Sono una che non soffre la solitudine e che non ha mai avuto bisogno di avere a tutti i costi un uomo accanto; forse come già spiegava in altre sue risposte anche io ho bisogno di un bel transito negativo?!
S.

1 marzo 2015

Il suo Mercurio è congiunto a Nettuno, anche se per una manciata di sessantesimi di grado, ma forse sono altri i motivi per cui avverte bene questa congiunzione. Se pure infatti la congiunzione è larghissima, al limite dell’inconsistenza, il suo essere in Sagittario e in trigono al suo pianeta sponsor, Giove, favorisce di certo anche l’unione con l’altra sua forza dominante, ossia Nettuno. Se, facendo un’ipotesi in astratto, si fosse trattato di un Mercurio in Gemelli, un’ipotetica congiunzione larga con Nettuno si sarebbe avvertita molto, molto meno. Veniamo però alla sua domanda principale, ossia ai singolari transiti grazie ai quali si ricombineranno in altro modo alcuni dei pianeti del suo tema natale. Mi spiego meglio, anche se in parte l’ha già fatto lei. Perché nei vari aspetti che si verranno a formare ha dimenticato di ricordare appunto che di nascita lei ha Giove in trigono a Mercurio. A fine anno quindi Saturno le passerà su Mercurio, sciogliendo il quadrato radix, dopo che Giove ha quadrato il Mercurio stesso (che invece di nascita sono in aspetto armonico) mentre Nettuno scioglierà momentaneamente in negativo la congiunzione natale formata sempre con Mercurio stesso. Ossia si ricombina tutto: quello che è negativo si trasforma in positivo e viceversa. Non so quali fatti potrebbero accaderle, anche perché dovrei conoscere la sua situazione esistenziale e familiare. Mi sembra improbabile che non accada nulla. Penserei infatti a qualcosa che riguarda i fratelli, ma non so se lei ne abbia, e non posso quindi essere certo. Tra l’altro Mercurio è a cavallo tra quarta e quinta casa, e una nascita anticipata di una manciata di minuti la collocherebbe decisamente nella quinta. Il suo capitare in una casa o nell’altra influisce di certo pure su quanto avverrà. Poi bisogna analizzare pure cosa ha fatto fino ad ora. Lo chiedo perché va tenuto conto anche di questo per fare previsioni. Se ad esempio suonasse o ballasse, per diletto o professione, potrebbe accadere che il Nettuno in negativo la faccia smettere per dedicarsi ad altro. Io penserei però che qualcosa accadrà, facendole cambiare atteggiamento verso qualcosa di ben radicato in precedenza. Me lo saprà dire a fine anno, ci tengo a saperlo per curiosità e voglia di verificare a cose fatte le mie ipotesi. Quanto all’amore, tra i tanti transiti che le capiteranno a ha sorvolato su uno che potrebbe far scoccare qualcosa in tal senso. Ossia Nettuno in sestile al suo Marte radix. Essendo il suo Marte in quinta non escluderei un incontro. Mi saprà dire anche questo. Nel frattempo, in bocca al lupo.


?
!

LA SPERANZA DI UN CAMBIAMENTO - 556

Caro Massimo,
permettimi una domanda in questo anno del Leone, speranzoso e gentile. Sei sempre umile e sono ormai un tuo fan,perché svolgi la tua passione con la passione giusta. Vorrei porti una domandae. Forse il mio tema ti svelerà che ogni mia impresa si è rivelata MOLTO ARDUA, mi son sentito sempre assalito da Saturno, “Impara di qua, impara di là, soffri come un cane per apprezzare la felicità che arriverà sarà poca, ma grazie a queste saturnizzazioni ti sembrerà molta”. Così mi è sembrato Saturno. Beh, quest’anno finisco gli studi. Ho 34 anni, sono orfano di padre, ho fatto lavori che mi domando da dove sia arrivata la forza. Credo di averli svolti bene, perché vivo serenamente e senza rancori. Sono fortunato, molto. Il pensiero positivo è un grande. Allora vorrei chiederti se, secondo il mio cielo, ci sarà un cambiamento. Magari mi dirai che devo soffrire ancora, oppure il mio Cielo sta prendendo strade diverse? Alzo le mani e pongo una domanda secca: “Ho studiato una vita, quando tutti mi dicevano di smettere sentivo che ce l’avrei fatta. Per passione, per onore, per dovere verso mia madre che tutt’ora mi chiede se mi serve qualcosa per il pranzo” Posso sperare di cambiare, no, migliorare!, il mio lavoro? Grazie Massimo, ti seguo più di Rob su Internazionale, almeno tu sei chiaro (per quanto chiari siano gli astri) Grazie e Buona Vita. GRANDE VITA.
Francesco

1 febbraio 2015

Con quel po’ po’ di volontà che ti ritrovi vuoi mai che tu non riesca prima o poi a migliorare il tuo lavoro? Di certo con qualche difficoltà, legate alla situazione generale in fatto di economia e occupazione e andando controcorrente, come vogliono i tuoi pianeti in dodicesima. Lo farai con occhi sognanti e a volte un po’ illusi (il trigono di Nettuno al Sole), con difficoltà pratiche (Urano quadrato al Sole ma recuperato da Saturno), ma con due palle grandi come una casa (sì, quelle lì, rappresentate da Marte e Plutone congiunti in sestile al Sole). Ossia sei nato coraggioso, idealista, con una volontà di ferro, ma sul tuo cammino ci sono stati ostacoli reali. Bene, hai fortificato i muscoli delle gambe per superarli e andare oltre. Se ce l’hai fatta fino ad ora non vedo perché non dovresti proseguire per cercare di tagliare vittorioso il traguardo della vita. I transiti dell’anno dovrebbero esserti favorevoli, e non poco, con Saturno e Urano positivi. Quindi almeno non fasciarti la testa, ma confida piuttosto in te stesso. Se la sorte poi non sarà sempre amica puoi comunque trattare con lei, si spera con buoni risultati, finora l’hai fatto Ne approfitto per fare un discorso generale verso le attese nei confronti dell’astrologia e in questo caso di un astrologo in particolare, me. Quasi di certo l’astrologia può dirti se non tutto tanto. Resta il fatto che, anche al professionista più bravo, mancano quasi sempre molti elementi per fare una previsione davvero inconfutabile. Ossia se un tema natale racchiude tutte le possibilità di una persona – e lo fa – di certo non siamo a conoscenza di quanto potrà davvero accadere. Faccio un esempio: chi mai avrebbe potuto dire 30 anni fa che la tecnologia avrebbe cambiato in modo così radicale la nostra vita: internet e la telefonia mobile erano ai primi passi e solo i visionari o i migliori scrittori di fantascienza avrebbero potuto ipotizzare quanto è successo. In pochi o nessuno ha però immaginato che su internet puoi trovare l’amore, spesso succede. Così, sarò pure preparato e suppongo molto affidabile vista la quantità spropositata di domande e confidenze ricevute, ma non sono un profeta, né un veggente. Anzi, temo non esistano né gli uni né gli altri. Semmai persone più attendibili e affidabili. Insomma, Francesco, in bocca al lupo, te lo meriti!


?
!

URANO IN OTTAVA: DEVO SPAVENTARMI? - 555

Buona sera Massimo,
sono appassionata di astrologia e sovente, essendo solo appassionata ma non esperta, ho seri dubbi sul significato di certi transiti. Mi piacerebbe sentire il suo parere sul transito di Urano in Ariete nella mia casa ottava dove c’è Marte radicale: devo temere questo transito o, essendo (credo) Marte piuttosto ben aspettato considerarlo positivamente visto che ho intenzione di dedicarmi ad un’ attività completamente nuova (agente immobiliare, e inoltre mi è appena stato proposto di fare società con una conoscente) e sto per tornare nella mia città d’origine? Data la natura dei due pianeti, analizzando l’insieme del tema corro rischi di incidenti, problemi finanziari o l’aspetto non è poi così male? Mi piacerebbe un suo parere poiché ritengo lei sia oltre che bravo anche molto equilibrato. Sono nata a X il 12 giugno 19WW alle MM.NN. Cari saluti
lfrance


1 febbraio 2015

Stia tranquilla per molti motivi. Punto primo il transito che lei cita non la toccherà quest’anno ma solo nel 2016. Il suo Marte infatti è a 24 dell’Ariete e Urano nel prossimo luglio arriverà a 20, troppo lontano quindi dal suo Marte. Si tratta poi di un transito positivo, oltretutto di un pianeta che già alla nascita forma un trigono con Marte stesso. Se esaminiamo poi i due pianeti radix, constatiamo ancora una volta che entrambi non sono lesi, e questo indica che pure di transito dovrebbero agire al loro meglio. Ossia non arriveranno catastrofi ma verranno ribadite piuttosto molte delle loro caratteristiche di base. Certo, potrebbe vivere un periodo di estremo dinamismo e di rivoluzione nella sua vita, magari rischiando, ma penserei che il dinamismo di Urano dovrebbe impedirle di far danni, facendola restare ancorata alla realtà. Vero che l’ottava può essere una casa pericolosa e Urano rompe, ma non è detto che poi debba pagare perché ha fatto troppi cocci. Magari spezza i legami con situazioni precedenti, e lei mi dice che sta appunto per fare un grosso cambiamento. L’anno venturo, giusto per sicurezza, stia attenta all’impulsività e presti attenzione a molte cose, ma se fossi in lei dormirei abbastanza tranquilla. Uso l’avverbio “abbastanza” solo per realismo. Mai infatti abbassare del tutto le difese ed è altrettanto vero che quanto ci avverrà lo si conosce solo nel momento in cui è davvero accaduto, pur rispecchiando sempre quanto il transito indicava. Ma lo si capisce poi…


?
!

INNAMORARSI SEMPRE DELLO STESSO SEGNO - 554

Gentile Massimo,
Le ho chiesto in precedenza perché nei partner che ho avuto dominasse una figura “saturnian-uraniana” e lei mi chiedeva se avessi notato una costante nelle mie “preferenze”. La costante esiste: 100% nettuniani, 70% Sagittari! Me lo spiego con la congiunzione Luna-Giove in VII; con la cuspide nona in Bilancia; con Nettuno in Decima e in aspetto con quasi tutti gli altri pianeti del TN; infine anche con il carico in Vergine/sesta casa + Mercurio in Gemelli, che cerca un “compenso”. Non posso cercare un nettuniano Pesci, sono troppo Vergine e il mio Sole in Cancro, soffre le “sparizioni” pescine e la loro fragilità. Non parliamo neppure di Aquari avendo questo segno intercettato. Il Sagittario è una scelta obbligata! Amo gli uomini Sagittario e ammiro immensamente le donne del segno. Certo gli uomini sono “saputelli” e il doppiopesismo è il loro sport preferito, ma quelli riusciti bene sono fantastici: grande sincerità, intelligenza, coraggio, lucidità, fiducia, diretti e passionali. Un bel caminetto acceso sempre accanto. Inoltre, se ne fregano delle mie intemperanze, mai eterne (un po’ arietine). Volevo anche dirle che ho visto i video che ha inserito su You Tube): divertenti e interessanti. Mi ha colpito l’associazione del Sagittario alle fiabe per bambini, grazie alla Luna in trasparenza. Io avevo associato questo segno ai "fumettisti" pensando a Disney e a Schultze, ma senza allargare la visuale.
Stefania


1 febbraio 2015

Sa che mica l’ho capito perché ha questa “fissa” per i Sagittari? Posso immaginare che con tre pianeti in sesta e Giove e Luna congiunti in Vergine abbia una certa tendenza alla ripetitività, ma escludere dal proprio orizzonte tutti gli altri segni, almeno da un punto di vista affettivo ed erotico, non mi tornerebbe. Ne prendo però atto. Se non me lo avesse detto e mi avesse chiesto piuttosto chi la attizzava avrei detto un uomo morbido (il Sole Cancro) possibilmente bello (la congiunzione di Venere al Sole) e pure virile senza essere però un prepotente eccessivo (Marte Cancro congiunto al Sole). Un personaggio dolce e molto impegnato col lavoro (la sesta) ma in qualche modo pure controllabile (sempre la sesta). Ora mi verrebbe da pensare che, dopo essersi trovata bene una prima volta abbia deciso – come fa molto di frequente la Vergine e pure la sesta – che non ha senso sperimentare ancora e tanto vale andare sul sicuro, non importa se usato o meno. Va detto però che suo marito ha con lei molti altri punti di contatto e del tutto differenti, così da farmi pensare che il Sagittario sia quasi casuale, mentre non lo siano gli altri elementi. Ossia, lo stesso ascendente, Luna in rapporto positivo con Giove, Mercurio in sestile a Saturno, Urano e Plutone in ottava, Nettuno in decima. Ovvero, c’è un modo analogo di affrontare il mondo e il suo percorso. I suoi Marte Sole e Venere finiscono poi nella settima casa di suo marito, Sagittario o non Sagittario. Morale della favola, non so se il segno dell’arciere c’entri davvero, resta il dato innegabile che i punti di contatto siano infiniti. Magari se recupera il tema natale dei suoi amori precedenti scoprirà cosa scatenavano in lei. Magari scoprendo che Sagittario è l’uomo capace di raccontarle la favola giusta per rasserenarla…


?
!

PEACE IN LOVE? - 553

Ciao Massimo,
sono Francesca, 24 marzo 19XX, Z.44 AM, a W. Studio astrologia da molti anni e il tuo sito è davvero una benedizione per me. La domanda è sull’amore. Ti accorgerai in fretta delle mie problematiche relazionali.. Il punto è che alla soglia dei 35 anni sono molto stanca. Stanca delle continue delusioni e rotture. Tutte molto sofferte, anche le più brevi e di poco conto.. grazie a quella terribile 8a casa. Da molti anni la mia 5a casa soffre anche una profonda noia e mancanza di stimoli a lei congeniali.. Gli uomini uraniani iniziano a scatenarmi odio per il loro modo di fare passivo e opportunistico, li chiamo gatti morti.. ma come noterai gli uomini troppo passionali e prevaricatori non potrebbero durare un minuto con me. Il problema é che la mia Luna e la mia Venere vogliono anche certezze, attenzioni e molto amore. Soprattutto da dare. Come vedi le tematiche del mio essere le conosco, quello che mi affligge é la stanchezza e lo sconforto, perché inizio a temere che con una personalità affettiva cosï autodistruttiva non riuscirò mai a trovare il compagno giusto e creare una famiglia, realizzando quel Giove in 5 casa che inizia a farsi sentire. Quando credi che potrò trovare pace in amore e con un uomo di quali caratteristiche astrologiche? Sempre uraniano? Non li sopporto più! :-) grazie mille.
Francesca


1 febbraio 2015

Dubito che ti possa consolare, ma a differenza di altri casi in cui si dichiara di volere un affetto ma in realtà non è vero, sono certo tu necessiti davvero dell’amore come dell’aria pura, grazie alla tua Luna Cancro e alla Venere in Toro. Peccato poi che il Marte in Leone e quinta, il Sole in Ariete e dodicesima e Urano in Scorpione e settima ti spingano a fare incontri appassionati ma pronti a bruciarsi e a non donarti quella stabilità affettiva per te tanto importante, davvero importante. Aggiungiamo che i pesanti transiti che ha subito la tua Luna in tempi recenti potrebbero averti da un lato disilluso, dall’altro aiutato a capire cosa non va nel tuo rapporto con gli uomini. Volere però non è potere, o almeno non è affatto detto che nel momento in cui acquisti consapevolezza riesci subito a indirizzare il destino come vorresti. Puoi però evitare di prendere troppe mazzate nei denti. Quale il tuo uomo ideale? Sicuramente un tipo rovente, per i tuoi Sole e Marte di fuoco. L’impulso anche ormonale però forse a volte ti acceca e l’Urano in settima può spingerti a tuffarti troppo nel presente, sottovalutando i segnali di non stabilità e sicurezza nel partner. Attenzione però: quel Sole e Marte sei però anche tu stessa, e magari sei pronta a fare e a disfare alla velocità della luce, anche perché suppongo tu abbia la possibilità di farlo e non sia affatto un problema conoscere e avere una storia con qualcuno per te interessante. L’impulso può però ritorcersi contro i tuoi pianeti femminili, quelli bisognosi di stabilità e sicurezza. Che fare? Cara mia, se avessi trovato la ricetta valida per tutti l’avrei venduta per un po’ di tempo con notevoli risultati poi mi sarei trasferito ai Caraibi. Sono invece ancora qui e ciò vuol dire che quella ricetta non l’ho trovata. Penso però che per quasi tutto l’anno Saturno sarà in aspetto positivo al tuo Sole, e questo potrebbe aiutarti a vedere la tua vita con molta più lucidità. Evitandoti errori e successive disillusioni. Non ti conosco, ma dal tuo tema natale sono quasi certo tu non abbia difficoltà a fare incontri. Affina allora la tua sensibilità (Luna e Mercurio in aspetto positivo tra segni d’acqua te lo concedono) e magari otterrai quel che vuoi. Senza dimenticare che non si può cambiare del tutto, e quei pianeti in segni di fuoco sono anche tuoi e prima o poi bruceranno. Basta tenere l’estintore a portata di mano. Sappimi dire cosa succederà.


?
!

QUANDO FINIRÀ LA STAGNAZIONE? - 552

Ciao Massimo,
sto passando un brutto periodo che dura ormai da circa 5 anni, durante il quale sto perdendo tutto quello che avevo avuto dalla vita. Sono nato a X il 16 05 195W, alle ZX. Finirà in qualche modo questa stagnazione depressiva? Possibile che i miei pianeti in Cancro siano così determinanti?
Un saluto
Sergio

1 febbraio 2015

Carissimo Sergio,
a differenza di quanto fanno molti altri, e forse per un laconico Giove in Scorpione opposto al Sole, non ti sei dilungato sui tuoi problemi, hai solo accennato a situazioni depressive prolungate e per forza di cose devo basarmi solo sulla tua data di nascita. E sulla logica. Mi spiego: un solo transito negativo non può durare cinque anni. Tu citi i tuoi pianeti in Cancro che però non subiscono da tempo passaggi planetari negativi. Probabile, visti i tempi a cui mi accenni, che i problemi siano iniziati con il bombardamento selvaggio di Plutone, e poi Urano, sulla tua Venere in Cancro e prima casa. Il tuo Sole in Toro poi, in aspetto natale problematico con Luna e Plutone in Leone, è stato colpito nell’autunno scorso da Saturno in Scorpione, e la presenza di Giove in Leone, anche se non tocca il Sole stesso, di certo non aiuta a voltare pagina. Venere però in questo momento riceve uno spettacolare trigono da Nettuno. È pur vero che i transiti di Nettuno sono evanescenti, ma per quanto vago possa essere il suo influsso un sottofondo di speranza dovrebbe pur esserci. Suppongo quindi che, piuttosto che astri in negativo, non ne siano arrivati in soccorso in positivo e, essendo stato il periodo complesso, ce ne sarebbe stato invece bisogno. Un Toro avrebbe poi bisogno di certezze e se sono crollate quelle precedenti può avvertire un vuoto molto forte. Io suppongo che i transiti attuali e quelli futuri non siano poi così male, soprattutto dalla seconda metà dell’anno quando Giove passerà in Vergine. Certo, ora c’è un anello di sosta di Mercurio in Aquario, ma è poca cosa. Per il resto, siamo almeno nel tran tran. La routine pare però non bastare, soprattutto in presenza di una spinta depressiva. Penso quindi, caro Sergio che devi rimboccarti le maniche per capire cosa desideri e come ottenerlo. Con la tenacia propria del Toro, e con la consapevolezza che per i prossimi anni non ci sono ostacoli zodiacali seri. I traumi del passato non possono condizionarti in eterno, cerca di voltare pagina, ma dipende anche da te. Il peggio è passato, credimi, anzi devi crederci tu per primo, il modo in cui guardi al tuo futuro lo condizionerà.


?
!

SEGNI CHE RISUCCHIANO COMPORTAMENTI DEL SEGNO OPPOSTO - 551

Salve Massimo,
volevo farle i complimenti per il sito, esaustivo, chiaro e completo. Volevo chiederle una precisazione riguardo i segni opposti. Lei stesso, in alcuni video in cui descrive i vari segni con i loro pregi e difetti fa riferimento ad un eventuale comportamento "duale" di un segno. Per esempio, nel video sul Cancro, verso la fine dice che ha osservato diversi Capricorno molto "pigri" ("assorbendo" così comportamenti dell'opposto segno). Sempre nello stesso video uno dei partecipanti parla di un Cancro tenacissimo, e lei risponde che ha preso alcuni elementi dell'opposto Capricorno.
Ho osservato nella mia vita casi di persone nate sotto un certo segno assumere il comportamento del segno opposto. Gemelli orientalisti, spinti verso lo studio delle religioni; ottimi Cancri chirurghi e geriatri (professioni più consone al decimo segno) oppure molto duri e ambiziosi ecc. Nei libri della Morpurgo c’è un riferimento a questa "dualità", ma riguarda soprattutto le case (il cosiddetto "risucchio"), però per i segni non ho trovato molti riferimenti se non nell'unico caso in cui Sole e ascendente cadano sullo stesso segno e nell'analisi delle patologie (riguardo alla posizione della Luna in Scorpione l'individuo potrebbe avere problemi alla gola, come da Toro). Secondo lei un eventuale comportamento "duale" di un segno lo si può ricavare da specifici elementi del tema natale? Glielo chiedo perché ho notato che questi comportamenti a volte prescindono da elementi del tema, ma chiedere un parere a uno più esperto di me ha una valenza diversa.
K.


1 febbraio 2015

La dialettica degli opposti funziona sempre. Il Cancro non sarebbe Cancro se non ci fosse il Capricorno, e viceversa. La prima casa non esiste se non c’è una settima, il Sole è tale perché si contrappone a Saturno. Per la dialettica planetaria a volte ci sono simbologie “quasi” intercambiabili (per Giove, Mercurio, Nettuno e Y) altre invece solo complementari (vedi gli altri pianeti). Ad esempio Marte e Venere si attirano e si respingono, per motivi erotici ma non solo, e lo stesso fanno gli altri due pianeti sessuali, Plutone e X, mentre luminari e controluminari hanno davvero modalità di espressione antitetiche. Se puoi analizzare il pianeta anche in virtù delle sue funzioni, puoi fare lo stesso per case e segni, però… Però accade che a volte davvero ci sia una sorta di imitazione del segno o casa opposta. Ad esempio conosco alcune settime case molto piene di pianeti che potrebbero essere scambiati per pianeti in prima, ossia sono del tutto egocentriche. A ben vedere però questi soggetti hanno sempre un fortissimo bisogno del pubblico e del parere del prossimo (la settima casa) talvolta arrivando a punte di richieste di attenzioni tali da ottenere l’effetto contrario di quello auspicato. Ossia la gente scappa a gambe levate per paura di venir risucchiata. Tradotto in altri termini l’equilibrio tra le due case è tanto sbilanciato da spingere il soggetto nella direzione opposta rispetto a quella dove dovrebbe andare. Per il segno, il discorso è più complesso. Provo a fare alcuni esempi di persone a me molto note. Un’amica Vergine è la persona più imprevedibile, e spesso pure disordinata in maniera cosmica. In questo caso funziona però il suo Nettuno in prima, capace di fornirle un’irrequietudine mica da poco. Per il disordine, su sua stessa ammissione, è programmatico: conoscendosi infatti molto bene sa che, se si lasciasse andare, sarebbe un’ordinata ossessiva. Proprio per questo non si concede il benché minimo ordine, altrimenti cadrebbe nella maniacalità. Ho poi conosciuto alcuni Capricorni di una pigrizia devastante, che oltretutto si fanno mantenere. In questo davvero non saprei quale sia la causa astrologica scatenante. Mi limito a constatare una evidenza. Come sempre accade, consiglio perciò di tenere occhi ed orecchi spalancati, e di non partire con teorie poi smentite dai fatti. Ascoltate le persone e la loro vita, avrete a volte molte sorprese. Come appunto lo scoprire la “mimesi” del segno opposto. Perché accada ancora non l’ho scoperto. Dubito però dipenda da elementi estranei al tema natale, come l’ambiente o la cultura. Questo accade, intendiamoci, ma non per il “risucchio” del segno opposto. Per ambiente ed educazione, ad esempio, potrà capitare che un Capricorno caraibico sia più rilassato di un consegnineo tedesco, mentre un Cancro finlandese non si abbandonerà alla pigrizia come uno nato il suo stesso giorno in un’isoletta tropicale, tanto per buttare lì due esempi.



Forum - 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7| 8| 9| 10| 11| 12| 13|



Copyright © 2017La Rotta di UlisseTutti i diritti riservati