LA ROTTA DI ULISSE

 


Contatti: massimomichelini1@virgilio.it

I transiti di Nettuno

di Massimo Michelini

Come è difficilissima la sua analisi nel tema natale, altrettanto è complesso capire Nettuno anche per quanto riguarda i transiti, anzi più precisamente non è semplice avvertire il suo passaggio in modo chiaro e distinguibile. Infatti come alcuni gas è all’apparenza inodore e insapore, e proprio per questo può invadere una stanza senza mettere in allarme nessuno, e solo quando l’ambiente si sarà saturato chi ci vive riuscirà ad accorgersene, sia perché inizierà ad avere visioni senza subire scompensi alle cellule cerebrali, sia perché non riuscirà più a respirare a causa dell’atmosfera cambiata. Intendiamoci, la sua apparente inafferrabilità vale sia per i transiti positivi sia per quelli negativi, anche se di solito questi ultimi possono essere avvertiti bene, pur se poi non si capisce davvero la causa del malessere, o la si attribuisce a fenomeni non pertinenti rispetto a quanto ha provocato il disagio.
Qualcuno attirato da studi esoterici parla di spiriti sottili, io più terra terra penso appunto a un cambio di atmosfera, interiore e poi esteriore (o viceversa), ai mutamenti lenti ma inesorabili, come quelli che un po’ alla volta portano il bambino a diventare ragazzo, poi adulto, vecchio infine, giunto ai suoi ultimi giorni senza più prospettive tranne che il chiudersi di un cerchio vitale. Vassene il tempo e l’uom non se ne avvede, ma il trascorrere degli anni è appunto sancito da metamorfosi impalpabili, quelle che nei disegni di Escher portano gli uccelli a trasformarsi in pesci, e viceversa, senza apparente trauma né consapevolezza. Non dimentichiamo che durante la gravidanza, fenomeno vitale influenzato anche da Nettuno nella sua simbologia di liquido amniotico, il feto ripercorre molte delle tappe dell’evoluzione animale, come avere la coda o i piedi palmati. Trasformazioni non traumatiche, in grado però di restare in qualche modo impresse nella memoria inconscia di una nuova creatura che, per trovare una sua forma definitiva e concreta, dovrà ripercorrere appunto molti di questi passaggi.
Allo stesso modo nel corso della vita, oltre ai cambiamenti fisici inevitabilmente dovuti allo scorrere del tempo, se ne avranno di ideologici, magari passando da idee progressiste ad altre conservatrici, o viceversa. Come dice il proverbio: “Chi nasce incendiario muore pompiere”… Oppure si potranno avere interessi mistici o voglia di viaggiare, per allargare gli orizzonti verso il cielo o sulla Terra, si potranno cercare risposte senza volerle davvero ottenere, lasciando spazio alla possibilità di una nuova teoria o fede, tutti fenomeni nettuniani. O ancora, mutuando il linguaggio dei filosofi presocratici, ascoltare la musica delle sfere e trasformarla in note e suoni, quasi a voler dare una colonna sonora all’esistenza, seguendo i mutevoli ritmi del divenire e adeguandosi all’ordine dell’universo (sempre Nettuno). Oppure ci si potrà affidare a quanto modifica e deforma la percezione del reale, sia alcool in gran quantità, siano sostanze lisergiche, sia il magico mondo della fantasia e dell’immaginazione, ancora Nettuno.
Pianeta pericoloso e sublime – è noto – tanto da essere elemento fondamentale dell’equilibrio fisico e del benessere emotivo, di un mondo interiore in cui l’armonia è tutto, ma è difficile da mantenere in eterno. Più facile e proficuo è adattarsi alle situazioni del divenire, altro vocabolo nettuniano, quasi a significare che si arriva da un punto per andare oltre, ed è sempre Nettuno.
È la vita, e il Dio col tridente fatto pianeta regola appunto tutte le manifestazioni suddette, sia in quanto predisposizioni natali sia nel loro affiorare nel corso della vita grazie ai transiti, e non importa se si stenta ad avvertirli e capirli oppure no.
Transiti positivi di Nettuno potranno quindi portare a periodi di sperimentazione, di solito fatti senza averli programmati in precedenza e senza la totale certezza di dove si desidera andare e di cosa si voglia diventare. Si vaga in qualche modo, e il viaggio non è vissuto come un’odissea ma come un percorso interiore dalla meta indefinita o variabile. Però potranno pure capitare peripezie di vario tipo, vissute come avventure talvolta sconfinanti in territori pericolosi. Potrà trattarsi dell’esplorazione di lande incontaminate, all’interno delle quali potrebbe esserci tutto e il contrario di tutto. E l’avventura potrà essere appunto geografica, ideologica, mistica, alimentata da sostanze in grado di stravolgere la realtà. Tale viaggio di solito non verrà intrapreso come costrizione ma piuttosto come il peregrinare dell’eroe di un romanzo, forse intento alla ricerca del Sacro Graal, forse spinto a girare il mondo solo per amore della peregrinazione. Di solito la fantasia trionfa, sempre ammesso sia possibile, ed è il motore primo della trasformazione che il soggetto cerca, e spesso ottiene, purché il tema natale nel suo complesso non lo induca a mantenersi nel rassicurante terreno del noto e immutabile.
Passaggi negativi di Nettuno segneranno invece quasi sempre periodi complessi, più spesso sul piano dell’emotività che non su quello di eventi concreti, anche se questi possono pur sempre verificarsi, ma soprattutto quando in contemporanea si hanno transiti di altri pianeti. Oppure accadranno fenomeni non piacevoli legati a una simbologia di Nettuno finora non citata, ossia il sistema immunitario, con la comparsa di malattie di vario tipo causate da un abbassamento delle naturali difese del corpo. Più spesso si avvertirà però una sorta di ansia (più o meno grave a seconda del tema natale) legata spesso alla paura di un cambiamento forse inevitabile a causa di circostanze esterne tutte da verificare, oppure di una propria incapacità o difficoltà ad adeguarsi a nuove realtà circostanti. Spesso poi si vorrebbe cambiare ma non si sa come farlo oppure si è avvolti da una nebbia cognitiva che non fa vedere al di là del tuo naso. Quasi sempre poi c’è la fissazione su un’idea difficile da rielaborare, e a volte la soluzione si trova aderendo a culti religiosi, non importa quali, oppure cercando rifugio in un qualche centro di salute mentale o venendo costretti a esser lì ricoverati. Il problema è proprio la difficoltà a sentirsi bene emotivamente, il che viene perciò a minare l’equilibrio.
Nel bene e nel male i transiti di Nettuno rappresenteranno però una svolta nell’esistenza del singolo, segnando tappe fondamentali nel percorso del suo essere, in qualche caso del suo malessere.

Non bisogna poi sottovalutare la lentezza del pianeta, ma nemmeno ignorarlo per questo motivo, come fanno alcuni. Nettuno infatti compie il giro dello Zodiaco in circa 164 anni, e ha un percorso regolarissimo, restando in ciascun segno un po’ più di 13 anni. Come si evince dalla tabella riportata a fine articolo, ogni anno il pianeta percorre poco più di due gradi (tra moto diretto e retrogrado). Quindi, adottando le tolleranze della scuola morpurghiana, un pianeta radix verrà interessato dal passaggio di Nettuno, non importa se positivo o negativo, per poco più di due anni influendo sul pianeta suddetto da due gradi prima a due gradi dopo.1 Ora pare banale ricordare che in questo lasso di tempo anche gli altri pianeti saranno in movimento, e così pure gli altri nove pianeti noti2 del tema natale potranno subire influssi d’altro tipo. Quindi non è automatico che un transito positivo di Nettuno possa far viaggiare o allargare gli orizzonti, se gli altri transiti e l’insieme del tema natale non vanno in questa direzione, ma il soggetto compirà comunque un suo percorso, qualunque esso sia, fosse pure dal tinello alla porta di casa. Spesso poi solo l’astrologo esperto potrà individuare con chiarezza le sue manifestazioni, salvo negli effetti più vistosi quali l’adesione del soggetto agli Hare Krishna o una fulminea passione per la cannabis, o un improvviso e necessario ricovero alla neurodeliri.

Ma veniamo ad analizzare cosa può accadere con il suo passaggio nelle varie case. Rammentando anzitutto che, se pure il moto del pianeta è estremamente regolare, la grandezza delle case astrologiche alle nostre latitudini può essere molto varia, spaziando dai circa 20 gradi3 ad addirittura 60-80 gradi.4-5 Quindi in alcune case Nettuno resterà relativamente poco, in altre moltissimo. Questo influirà ovviamente sulle sue manifestazioni, indicando lunghi periodi in cui le istanze ideologiche o di trasformazione agiranno sempre nello stesso ambito. Dato poi che il suo passo astrale fa sì che nel corso della vita umana possa al massimo toccare 7-8 segni, per lo stesso motivo non potrà mai compiere un giro completo delle case del singolo. Ad esempio io, salvo venga ibernato o clonato (e non auspico in alcun modo questo tipo di barbarie), non vedrò mai il suo passaggio nelle mie case undicesima, dodicesima, prima e seconda,6 per quanto possa mai essere longevo. In qualche modo la mia esistenza, come a modo suo quella di ciascun mortale, non potrà quindi sperimentare tutte le manifestazioni di Nettuno, ma ne potrà comunque assaggiare molte.
 
Veniamo ora ai suoi passaggi nelle case, ribadendo soprattutto che entrando in un dato settore Nettuno determinerà in particolare il clima che il soggetto avvertirà intorno a sé, filtrato però anche dalla necessità di ESPLORARE quell’ambito dell’esistenza, eventualmente per trasformarlo o per adattarsi ad esso. A volte affidandosi a un credo o a un’ideologia, altre seguendo solo l’istinto interiore, e le suggestioni dell’ambiente circostante. Impalpabili modi di concepire l’esistenza in grado di lasciare sempre una traccia nella vita del soggetto. Facciamo l’esempio di chi nacque sotto il fascismo o il nazismo, oppure ai tempi della Santa Inquisizione: in entrambi i casi non poteva non tenerne conto, perché le ideologie, o i fanatismi religiosi, permeavano con i loro messaggi ogni angolo della vita del singolo, influenzandolo nel bene o nel male anche se il soggetto non era propenso per carattere ad accettare il credo dominante del periodo. Tanto per dirne una, non ci si poteva dichiarare antifascisti nel primo caso, o atei nel secondo, e se lo si faceva si era praticamente certi di cacciarsi in un mare di guai. Ma l’influsso di Nettuno non sarà solo esteriore, e arriverà piuttosto a operare partendo dal soggetto stesso, che sarà quindi in grado di aprirsi ai cambiamenti o rifiutarli.
Quando transita in prima, Nettuno impone al soggetto la voglia di trasformarsi, di aprirsi a nuove forme dell’esistere, non importa quali. Ossia un giorno ci si sveglia7 e ci si accorge che i panni antichi stanno stretti, e non perché si è aumentati di peso. Ci si guarda allo specchio e in qualche modo non ci si riconosce più. Sì, si sa che quell’ometto o donnina è la persona a cui di solito attribuiamo il pronome Io, ma una vocina interiore dice che bisogna adeguarsi al nuovo. Vai però a capire quale sarà la novità, o cosa potrebbe piacere. In realtà per il soggetto non ha alcuna importanza conoscere in anticipo la futura direzione, sarebbe troppo noioso saperlo. Certo i temperamenti immobilistici non percorreranno strade troppo ardite, e magari si limiteranno a sostituire vecchie abitudini con altre differenti, ma un mutamento ci sarà pure stato. Spesso ci si limiterà a cambiare look, o a rimodernarlo, a volte si diventerà adepti di teorie strane, oppure semplicemente ci si sentirà liberi di aprirsi a qualsiasi esperimento esistenziale, senza poi riuscire ad autoincasellarsi in un unico modo d’essere. Per chi ha già questa propensione, potrebbe segnare un periodo di decisa inaffidabilità nel rapporto con gli altri.
Passando in seconda casa Nettuno potrebbe creare un lungo periodo di instabilità economica personale o del proprio clan, oppure anni e anni in cui il clan si trasforma, anche in senso finanziario. Potrebbe trattarsi (se già esiste una predisposizione natale) di entrate che vanno e vengono, anche per qualche distrazione o per eventi atipici. Qualcuno potrebbe decidere di finanziare con i risparmi di una vita un qualche culto religioso, e sperare poi che l’entità superiore di cui si è devoti ricambi con un miracolo che non lo faccia finire sul lastrico. Altri potrebbero invece farsi prendere dall’amore per l’arte, investendo in quadri oppure creando proprie opere, magari ricavandoci pure un guadagno. Si potrebbe poi mettere radici in posti dalle risonanze mistiche, magari acquistando un vecchio convento o una chiesa sconsacrata per abitarci, oppure si potranno scrivere romanzi in cui la Madonna è apparsa tra le nebbie del campo dietro casa. A volte potrebbe pure esserci un coinvolgimento dell’intero clan in qualcosa di spirituale o presunto tale, e genitori, nonni e parenti vari potrebbero diventare adepti di un qualche culto, non importa se pagano o di una religione rivelata. Ci potrebbe essere infine un certo sperimentalismo in cucina, e la voglia di allargare gli orizzonti al di là degli spaghetti al pomodoro…
Se pure simbolicamente in esilio, quando Nettuno passa in terza casa il soggetto non rischierà l’immobilismo sociale, e d’altra parte di rado non si sposterà. Potrà però frequentare tizi stravaganti, per quanto gli conceda il suo tema natale, magari conosciuti in un’enoteca o grazie al pusher di fiducia. A volte saranno eventuali fratelli del soggetto a bazzicare strani tipi, oppure potrebbero venire ricoverati in ospedali o luoghi di cura particolari. Potrà esserci inoltre la voglia di conoscere nuovi tipi di musica, oppure ci si darà al ballo anche per conoscere gente, tra un giro e l’altro di salsa o merengue. Spesso poi le conoscenze non si faranno con criteri snobistici (il dottor tal dei tali si può frequentare ma la sua segretaria proprio no…) ma secondo affinità ideali particolari, sovente incocciando in persone lontane o che vengono da lontano. Il misticismo non dovrebbe essere particolarmente favorito, tranne nei casi in cui si vada alle riunioni di Comunione e Liberazione anche per conoscere gente importante, in grado di spianarti la carriera. Non si può poi non tenere in conto l’età in cui si vive il passaggio del pianeta. Se ad esempio capiterà durante l’adolescenza quasi di certo si avranno amici che spinellano come matti, mentre se si è ormai anziani magari si frequenteranno molto di più le pie donne conosciute al rosario. I tempi cambiano…
Nettuno in quarta in teoria non c’entra molto, perché le simbologie di esplorazione, ricerca mistica e altro ancora non sembrano particolarmente pertinenti con quelle legate alla famiglia. Eppure non si può nemmeno definire un cattivo passaggio, anche se spesso i suoi influssi saranno abbastanza sfumati. Potrebbe trattarsi di un lungo o lunghissimo periodo in cui il soggetto di tanto in tanto cambia casa, forse costretto da motivi familiari, talvolta trasferendosi in luoghi in prossimità dell’acqua. A volte l’intera famiglia o un qualche suo componente s’intrippa con questioni mistiche oppure, se ci fossero transiti collaterali pesantemente negativi, un familiare potrebbe avere problemi di salute mentale. Spesso, ammesso che il tema natale lo consenta, si compirà un viaggio all’interno della propria emotività, non per scavare nel profondo come vorrebbe invece un Plutone, ma alla ricerca di trasformazione e avventura, sia pure quella fantastica all’interno del proprio Io.
Passando in quinta, pur essendo simbolicamente in caduta il passaggio di Nettuno nel settore cosignificante del Leone può portare effetti divertenti, sia pure non del tutto pacifici. Lo sperimentalismo nettuniano si applica infatti ad alcune simbologie proprie della casa, ossia sessualità e divertimento, rendendo varia la vita – là dove possibile –proprio perché sotto pelle si inocula il bisogno di provare nuove esperienze, vissute come avventure, talora in maniera incosciente. Ci si trasforma quindi anche grazie al contatto sessuale con l’altro o con gli altri, perché di rado, salvo fortissime indicazioni contrarie dei transiti o del tema natale, si vorrà restare ancorati a un’unica realtà sentimental-erotica. Certo la moglie di un talebano afghano non potrà passare da un letto all’altro, ma magari tenderà a rifarsi con la fantasia o, volendo impiegare un termine psicanalitico, sublimerà tuffandosi a corpo morto in ricerche mistiche compensatorie di un’insoddisfazione sessuale. Per chi è predisposto o bazzica ambienti pericolosi, non è esclusa la sperimentazione di droghe, o l’eccesso nell’uso di alcool e/o nel gioco d’azzardo. Per la mancanza di freni propria della casa e la natura mutevole del pianeta, non sono esclusi inoltre problemi di equilibrio, fisico ma più spesso mentale, causati dalla tendenza a non sapersi limitare.
La sesta limita in automatico il bisogno di avventura di Nettuno, applicato in questo caso tutt’al più al settore lavorativo o all’abbigliamento. I più fortunati e fantasiosi compenseranno immaginando che il capufficio è un drago da uccidere e il collega rompiscatole un barbaro da ricacciare fuori dalle mura del castello, ma si tratta appunto di immaginazione, perché all’atto pratico negli anni del transito la vita potrebbe risultare noiosa e soffocante, forse anche con qualche instabilità sul piano lavorativo. Chi invece cercasse sicurezze e temesse appunto le suggestioni di Nettuno potrà avere un periodo felice, in cui molte delle cose paventate saranno tenute sotto controllo. Per la tendenza alla ripetitività della sesta, si potrò però avere un periodo di dipendenza da qualche sostanza, o lo stabilizzarsi di un cosiddetto vizio, sia che si parli di nicotina sia si tratti di droghe. Con transiti negativi molto forti potrebbero esserci poi problemi legati al sistema immunitario, meno funzionante del solito.
Il passaggio di Nettuno in settima porta spesso un mutamento nel rapporto con gli altri, come sempre sottile e impercettibile a un primo sguardo. Il soggetto si rivela più possibilista del consueto, e proprio per questo può tendere a far stringere conoscenza con personaggi atipici, artistoidi o comunque non comuni. Se si ha un rapporto di coppia i vincoli non saranno poi così soffocanti, si vorrà vivere in libertà come si tenderà a lasciarla pure al partner, sempre nei limiti del proprio carattere e convenzioni sociali. A volte le persone conosciute nel periodo possono introdurre il soggetto in mondi particolari, siano comunità religiose o dedite a un qualche tipo di ricerca, siano semplicemente ambienti radicalmente diversi da quelli dove si vive di solito. Tutto questo però quasi sempre è dettato da una inconsapevole voglia del soggetto di rapportarsi in maniera differente con l’altro da sé, sia il fidanzato o la compagna, sia il prossimo in generale…
Di non semplice decifrazione è il passaggio di Nettuno in ottava, visto che il pianeta di suo è sfuggente, mentre la casa è complicata, per necessità di occultare o incapacità del soggetto di vedere nell’oscurità, la propria oscurità. Potrà trattarsi di un lungo periodo di sperimentalismo anche finanziario, forse di confusione rispetto a questioni ereditarie. Oppure il soggetto immaginerà di trasformare la propria vita in maniera occulta, entrando nella massoneria o in una setta mistica in cui magari si mettono in pratica le fantasie distorte descritte nei libri di Dan Brown. A volte potrebbe emergere il tentativo di arricchirsi con lo spaccio di sostanze stupefacenti, e forse qualcuno ci riuscirà pure, indipendentemente da giudizi moralistici. Se di base ci sono già angosce legate alla morte, il transito potrebbe aumentarle, oppure far fiorire fantasie suicide, in cui il fine vita è visto come un passaggio verso la quiete, quella definitiva. In altri casi potremmo assistere pure all’adesione a gruppi politici suggerita dall’ingenua speranza di riuscire a cambiare davvero la società, magari grazie ad attività terroristiche o di occulta persuasione.
A casa sua in nona per cosignificanza col domicilio sagittariano, Nettuno quando transita in questo settore segna spesso una profonda voglia di trasformazione intellettuale, associata sovente anche al bisogno e alla possibilità di trasferirsi altrove, sempre che il tema natale e le circostanze della vita lo consentano. Il bisogno di allargare gli orizzonti spinge quasi sempre inoltre ad addentrarsi in un nuovo percorso di ricerca, sia iscrivendosi a qualche corso universitario sia cercando da sé le teorie che più fanno al caso proprio. Se non si va alla ricerca di Dio o un suo surrogato si spazia comunque in tutte quelle forme di pensiero che vogliono trovare una teoria onnicomprensiva sull’esistenza. Allo stesso tempo si farà fatica a impedire di muoversi al soggetto che, se potrà, viaggerà fino a quando avrà consumato le suole delle scarpe, o avrà esaurito i fondi necessari. Oppure, se le circostanze della vita e il proprio carattere lo impediscono, si consolerà con i depliant delle agenzie di viaggio o i programmi TV di Licia Colò…
Passando in decima Nettuno scatena le fantasie di indipendenza, fa immaginare possibili soluzioni alternative alla consueta lotta quotidiana per riuscire a far quadrare i conti, avere successo nella vita, non dover dipendere da nessuno. Qualcuno poi si affiderà a sistemi strani nell’illusione di riuscire a farcela, magari acquistando tonnellate di biglietti del Gratta e Vinci convinto così di far fortuna, altri magari faranno davvero carriera entrando in qualche organizzazione religiosa. A volte poi con questo tipo di transiti accadono realmente cose impossibili da prevedere ma tali da far compiere un prodigioso passo in avanti nella vita del soggetto. Oppure Nettuno scatena la fantasia e, di fronte a eventi esistenziali in cui non si riesce a dominare il destino, si è in grado comunque di evadere con l’immaginazione, fuggendo in questo modo dalle pesantezze del quotidiano.
In undicesima, il pianeta acquista invece dimensioni inconsuete, facendo allargare in ambito sperimentalistico gli orizzonti soprattutto mentali. Se il tema natale lo consente, si avranno la voglia e la possibilità di trasformare il proprio giro di amicizie, stringendone di nuove con persone o personaggi con cui si scoprono inattese affinità elettive e con i quali magari si può intraprendere un viaggio spirituale o ideologico, se si è interessati a farlo. Si andrà poi alla ricerca di un proprio equilibrio, magari facendo più di un tentativo per trovarlo, e arrivando infine alla conclusione che non si tratta di una condizione statica dell’essere, ma tale da essere perseguita e raggiunta volta per volta ogni giorno, adeguandosi alle condizioni esterne senza mettere in secondo piano le esigenze interiori. Non si esclude che tale percorso sia fatto grazie all’impiego di alcool o sostanze strane, quelle capaci di farti distaccare almeno per un po’ dalle pesantezze del reale. Anche per questo potrebbe dare però, in caso di transiti negativi pesanti o pesantissimi, un qualche problema emotivo o psichico.
Infine, transitando nella dodicesima, Nettuno fa stancare di tutto quanto è banale, a volte rendendo faticoso o annoiato il contatto con la realtà contingente. Ossia la fantasia si sbriglia, si orienta non solo sui massimi sistemi in grado di regolare la vita, ma punta al di là, su quello che verrà dopo che avremo forzatamente lasciato questo mondo mortale. A volte ciò indirizzerà verso interessi mistici, per paura della fine o per stanchezza rispetto a questa vita. Si potrebbero pure avere pensieri di suicidio, indipendentemente dal fatto che poi lo si metta davvero in atto. Talora potrebbe inoltre nascere un interesse per l’accudimento dei malati, per vocazione o perché ci si è costretti dalle circostanze della vita, magari per la malattia di un congiunto. A volte si avrà voglia di restarsene isolati dal mondo, oppure lo si farà davvero per malattia, indotti dalla pazzia o altro da definire… Si rifuggirà dal banale e dal quotidiano, e ciò potrà essere vissuto come un’esperienza bellissima se il soggetto non ama essere troppo inquadrato. Se invece aspira a una normalità tranquillizzante, potrà trattarsi di un periodo vissuto in maniera faticosa, ma comunque portatore di felici suggerimenti per il futuro.

Questi in sintesi i passaggi nelle case. Vediamo ora i transiti di Nettuno in rapporto con gli altri pianeti, e con se stesso.


RAPPORTI NETTUNO-NETTUNO
Come già detto sopra, data la lentezza del pianeta, rispetto alla propria posizione natale Nettuno potrà formare solo un sestile, un quadrato, un trigono e l’opposizione. Potrebbe spingersi oltre solo in casi estremi, perché il secondo trigono rispetto alla posizione radix capiterebbe all’incirca quando il soggetto ha 10 anni, ossia perciò tocca solo una manciata di persone sulla faccia della Terra. Non potendo scendere nel dettaglio e illustrare tutte le posizioni possibili, passate e future, prendo come esempio la generazione con Nettuno in Vergine per illustrare i possibili sviluppi che si possono avere nel corso dell’esistenza. Con l’arrivo del pianeta in Scorpione i soggetti, un po’ tradizionalisti per carattere, hanno provato la voglia di trasgredire ed entrare in terreni fino allora sconosciuti, forse con fantasie erotiche e/o trasformazioni economiche, acquistando un coraggio prima inesistente o tenuto sotto controllo. Tale impostazione più ardita si è poi spenta durante il lungo passaggio di Nettuno in Sagittario, periodo di eccessi ideologici8 pervaso di fanatismi ingenui e pericolosi.8 Inoltre anche sul piano finanziario si è avuto un avventurismo ingenuo poco gradito ai nativi con il pianeta in Vergine. Cambiò completamente l’atmosfera a fine Anni Ottanta con il passaggio in Capricorno. Il lavoro compiuto nell’arco di un’intera vita risulta quindi metabolizzato con l’acquisizione di una qualche forma di potere, spesso economico. Se si è andati in pensione in quel periodo si è fatto tesoro della liquidazione per capitalizzare, magari investendo in seconde o terze case. La vita, sulla soglia della terza età, è sembrata un percorso in salita scalato di gradino in gradino, ma riuscendo comunque a raggiungere la vetta. Non tutti avranno ottenuto il massimo, è ovvio, ma giunti a questa fase dell’esistenza, si sarà pensato che di più non era possibile fare e comunque così è andata. Ora, nel momento in cui Nettuno in Pesci si oppone alla posizione radix, la vita pare un caos ingestibile, e ha assunto modalità del tutto differenti da quelle note. La salute spesso traballa e si guarda con ansia al futuro, anche al futuro del proprio corpo. Allo stesso modo i riferimenti sociali e i modelli familiari non sono più quelli di un tempo, anzi scricchiolano e vacillano: l’incertezza economica regna sovrana, mentre i nipoti sono già al secondo divorzio a 32 anni, e le certezze sono andate a quel paese. Ci si rifugia nella fantasia, i più sfortunati nell’Alzheimer… Percorsi similari li vivranno nel tempo i Nettuno negli altri segni, con un crescendo di conferme, interruzioni, nuove conferme alle soglie della vecchiaia, smentite totali quando nella clessidra del tempo la sabbia si sta esaurendo…

RAPPORTI NETTUNO-SOLE
Le trasformazioni proprie di Nettuno vanno a minare la sicurezza e l’immobilismo dell’Io legati al Sole, portando mutamenti e nuove direzioni nell’esistenza. Come sempre accade quando c’è di mezzo Nettuno, il cambiamento non sarà esplosivo e radicale, ma entrerà nel sangue come un virus che abbatte le difese del corpo e se ne impossessa senza che il soggetto se ne renda conto. Intendiamoci, solo una minima parte di persone compirà trasformazioni radicali, la maggioranza amplierà gli orizzonti senza commettere follie. Perché solo chi è già predisposto valicherà il confine sulla linea d’ombra della stravaganza e della trasgressione. La maggior parte delle persone invece trasformerà la propria esistenza tutto sommato nell’ambito della normalità, o di quanto le somiglia. Sì, magari con congiunzioni, trigoni e sestili, si bazzicheranno ambienti alternativi, magari frequentando corsi di spiritualità o meditazione. O ancora si partirà con “Avventure nel mondo” per un campeggio in Botwsana. Oppure se si è pigri ma al tempo stesso desiderosi di modificare la propria percezione del mondo, ci si concederà un goccio d’alcool in più o si allargheranno i confini mentali con sigarette fatte in casa, ma dal sapore differente… Per le fanciulle, possibilità di incontri con uomini stravaganti e irrequieti, in grado di stimolare la fantasia e l’irrequietezza, ma non saranno incontri ispirati al desiderio di stabilità. Tutt’altro discorso vale invece per gli aspetti negativi, quando il Sole tenderà a vacillare sotto i colpi di Nettuno, apportatore di ansie, dubbi e paure per il futuro. Spesso questi timori possono creare forme psicosomatiche, e il malessere interiore troverà una valvola di sfogo nel disturbo fisico, tutto sommato più gestibile di altre paure inconsce e poco chiare. A volte ci si rifugerà nella preghiera non vissuta come un sistema per andare oltre ma come una sorta di ansiolitico, così da evitare di affondare nel mare delle proprie paure. Intendiamoci, solo in pochi arriveranno sull’orlo dell’abisso quando Nettuno lederà il Sole, non tutti finiranno dallo psicanalista o in un confessionale di altro tipo, ma resterà spesso un sottofondo di malessere e disagio emotivo. Prima o poi passa, lo dice il moto dei pianeti, ma potrebbe trattarsi di un periodo di disagio, da cavalcare per trasformare la propria vita, quando il transito negativo sarà superato.

RAPPORTI NETTUNO-LUNA
Uniti a strutturare il segno dei Pesci, i legami radix tra i due pianeti, così come i transiti di Nettuno in rapporto alla Luna incidono sulla sensibilità e l’immaginazione. Quindi di rado congiunzioni, sestili e trigoni tra i due provocheranno eventi materiali mentre potranno scatenare ondate di tempeste emotive, sensazioni impagabili, intuizioni quasi medianiche, destinate però a durare lo spazio di un mattino, per lasciare il posto ad altre sensazioni, altre intuizioni. Rapporti positivi tra i due potranno segnalare negli uomini anche un modo differente di intendere i rapporti con l’altro sesso, o con la propria femminilità nelle donne. In entrambi i casi l’empatia e la ricerca di una verità al di là delle apparenze sarà in cima alla lista dei pensieri. A un uomo potrà così capitare di innamorarsi di una donna anche solo castamente, evento rarissimo, e una donna – anche se spesso sarà travolta da perturbazioni emotive – si vedrà come una creatura nuova, in perpetua evoluzione o comunque in movimento. A volte si potrà avere un incontro con donne in qualche modo legate ad ambienti mistici, alla musica, forse alla dipendenza da sostanze, e si avrà comunque il coraggio di immaginare il proprio futuro in maniera diversa, speranzosa. Le turbolenze emozionali, che ci saranno nonostante si tratti di transiti positivi, serviranno comunque ad arricchire la vita interiore del soggetto. E nonostante l’emotività accesa, si pensa e si sa che domani sarà sempre un altro giorno. I transiti negativi, inutile nasconderlo, possono essere difficili da vivere sul piano emotivo. Sono i classici passaggi planetari a causa dei quali si va in analisi, perché si fa fatica a gestire il proprio carico di emotività e soprattutto non si sa vedere la luce alla fine del tunnel. Le emozioni e le paure della Luna restano incagliate, non sanno trasformarsi, si stenta a rielaborarle, e questa incapacità di andare oltre può davvero generare un corto circuito emotivo. Per chi fosse predisposto potrebbe essere l’inizio di una crisi emotiva molto seria, per chi ha nervi d’acciaio ci sarà comunque spesso un lungo periodo di malinconia o scarsa fiducia nel futuro. Ma prima o poi passa. Oppure, se si è uomini, potrebbe segnalare l’incontro con una donna dall’equilibrio mentale scarso o precario, mentre per entrambi i sessi potrebbe esserci un periodo di qualche problema mentale della madre o angoscia per il suo futuro.

RAPPORTI NETTUNO-MERCURIO
Domiciliati come sono in segni opposti e complementari (Sagittario e Pesci e Gemelli e Vergine), l’apporto reciproco fra i due pianeti, anche di transito, si esprimerà in un grande movimento fisico e mentale. L’irrequietezza nettuniana si aggiunge infatti alla mobilità e alla velocità mercuriale, creando periodi in cui non si starà fermi sulla posizione precedente, oppure non si starà fermi e basta. A volte ci si iscriverà a corsi di ballo, perché la musica nettuniana vorrà trovare un suo sfogo anche fisico. L’attenzione propria di Mercurio si appunterà verso argomenti atipici, non legati alla consueta visione mercuriale, logica e ironica. Così si sarà ricettivi soprattutto per questioni ideologiche se non religiose, e si cercherà di fare marciare in parallelo lucidità e fede, magari arrampicandosi sugli specchi pur di trovare un appiglio logico a quanto nel periodo si è portati a seguire ideologicamente. Di solito la socievolezza va in direzioni inconsuete, si frequentano fricchettoni, mistici, tossici e marinai, o almeno personaggi differenti da quelli bazzicati di consueto. Certo pare improbabile che un impiegato del catasto vada a cena o in vacanza con un punkabestia, ma magari gli capiterà di conoscere persone interessate allo yoga, e per lui sarà comunque un aprire gli orizzonti. Se il transito positivo capita in età adolescenziale potrebbe esserci un periodo di sperimentazione, specialmente con sostanze in grado di allontanare dalla realtà, se è vissuto da adulti potrebbe essere un figlio o un fratello a compiere questo tipo di trasgressioni. Con transiti positivi, di solito, si ha un ottimo rapporto con la musica, e non è escluso che si decida di imparare a suonare uno strumento o ci si abboni alla stagione operistica o a quella del balletto. Quadrati e opposizioni di solito indicano periodi anche lunghi di scarsa socievolezza, e di bassa resistenza alla malattie infettive, in particolare quelle respiratorie. Possono ingenerare poi pure qualche forma nevrotica, attacchi di agorafobia o claustrofobia, spesso legati a un cattivo contatto con il prossimo. A volte si hanno problemi con figli o fratelli, forse perché si sono avvicinati all’uso di sostanze, e si avverte che potrebbero correre un grosso pericolo. O ancora questi ultimi potrebbero essere vittime di crisi nevrotiche o di qualche sindrome strana. A volte potrebbe esserci una scarsa o nulla voglia di viaggiare, nei migliori dei casi perché l’esplorazione sarà tutta interiore. Il sintomo più tipico sarà però una diminuita socievolezza, ma non è mai morto nessuno per non aver bazzicato feste di piazza e compleanni di conoscenti…

RAPPORTI NETTUNO-VENERE
Se Nettuno va formando congiunzioni, trigoni e sestili con Venere è possibile che anche il personaggio più alieno da sbrodolamenti romantici passi un periodo in cui si innamora di chi fino a quel momento non avrebbe toccato manco morto, magari idealizzandolo oltre misura. Forse il Don Chisciotte di Cervantes aveva questo tipo di transiti quando scambiò l’umile popolana Dulcinea per una sorta di principessa. E, anche se non si prendono abbagli di questo tipo, la fantasia corre, ovviamente per quanto sia dato dalla personalità del soggetto. Ossia magari si sarà più possibilisti in campo affettivo, a volte si sperimenterà pure, qualcuno passando di letto in letto, più spesso svolazzando di sogno in sogno, forse senza aver nemmeno la necessità vera di concretizzare una fantasia amorosa in qualcosa di davvero erotico. Potrà quindi essere il transito ideale per chi cade vittima di un sogno impossibile, magari perché si invaghisce di una persona distante o irraggiungibile per qualche motivo, e passa il suo tempo a fantasticare – spesso felicemente – sulla persona idealizzata. Di solito sarà un periodo di fertile immaginazione, che non è detto che riesca a produrre necessariamente grandi risultati artistici, se si hanno aspirazioni di questo tipo, poiché spesso sarà più importante fantasticare che non incarnare le fantasie in creazioni vere e proprie. La salute è protetta, ma nel caso ce ne fosse bisogno si preferirà ricorrere a sistemi terapeutici alternativi piuttosto che a quelli tradizionali e consolidati. Di solito poi si è abbastanza immuni dai malanni di stagione, e raffreddori e bronchiti girano alla larga. Quadrati e opposizioni possono incidere sia sul piano della salute sia su quello degli affetti, perturbando entrambi. Per quanto riguarda il corpo, si avrà sovente una minore resistenza alle malattie infettive oppure, se si hanno problemi, non si riuscirà a trovare la soluzione giusta con facilità, anche per una certa confusione nella diagnosi e/o nella terapia. Altrettanta confusione si avrà spesso per le questioni affettive, fissandosi su un oggetto d’amore che magari non ne vuole sapere, idealizzandolo oppure al contrario non vedendo la sua realtà. Spesso poi si farà fatica a staccarsi da una persona di cui si è (o ci si crede) innamorati anche per paura della solitudine, o per una momentanea incapacità a rielaborare l’idea di un futuro affettivo differente. Se non ci fissa su una storia senza domani, o peggio ancora con prospettive di solo squallore, si è disillusi rispetto all’amore, cristallizzandosi in idee in cui l’illusione – anche quella positiva – non ha spazio.

RAPPORTI NETTUNO-MARTE
I due pianeti che hanno notoriamente simbologie e manifestazioni molto diverse, con i loro transiti incidono soprattutto sull’irrequietezza del soggetto, spesso portandola a manifestarsi in qualcosa di fisico. Così potrà capitare di volersi tuffare in imprese sportive mai tentate prima, o semplicemente ci si guarderà allo specchio e si deciderà che è tempo di cambiare il proprio aspetto e ci si butterà in una full immersion in palestra. Una donna o un gay che viva un transito simile potrà ovviamente invaghirsi del solito personaggio stravagante, marinaio, musicista, religioso, tossico o immunodepresso, ma anche se dovesse trattarsi di un innamoramento idealizzato non si limiterà a fantasticare rapporti ma vorrà averli davvero, all’insegna del “famolo strano”. Strano perché la persona è lontana e magari si fa sesso via internet o al telefono, o perché si cercano location atipiche dove dar sfogo ai sensi (confessionali, cambuse di bastimenti, soffitte di un teatro d’opera e via fantasticando) o ancora perché fa parte del gioco la toccata e fuga, lo sfiorarsi e il fuggire subito per poi cercarsi ancora. Per un uomo – se non troppo tetragono e tradizionalista – congiunzioni, sestili e trigoni di Marte a Nettuno potrà suggerire la voglia di sperimentare anche sessualmente nuovi territori, immaginandosi a volte pirati del sesso. Non accade a tutti, è ovvio, ma anche la persona all’apparenza più solida e immobilistica con transiti di questo tipo potrà almeno fantasticare nel suo intimo su qualcosa di differente. Inoltre è possibile che ci si appassioni a una causa ideologica, non importa quale, e ci si batta a spada tratta per difenderla. Transiti negativi inducono spesso in entrambi i sessi un atteggiamento paranoico, non importa se giustificato o no. Magari si viene presi di mira da qualche bullo o persona molesta, e questo fa scattare il sospetto che non ci si possa fidare del prossimo. L’energia marziana s’intorcina, si distorce, non si fida degli altri, li teme e li vede come rivali, a volte influendo profondamente sull’umore e sull’equilibrio emotivo. Sul piano sessuale, il desiderio non si spegne, ma si complica, si vuole sperimentare ma si ha paura di quanto si potrebbe incontrare. A volte è il partner a spingere verso trasgressioni o tradimenti, e il maschile – per entrambi i sessi – diventa fonte di inquietudine. Una donna per problemi con o del partner, un uomo per difficoltà a gestire la propria immagine virile.

RAPPORTI NETTUNO-GIOVE
Nettuno simboleggia anche la speranza e Giove la fede (o fiducia, non fa differenza, la radice etimologica è la stessa). Il loro rapporto reciproco positivo, anche di transito, creerà quindi situazioni in cui si riesce a immaginare una vita differente, spesso provando a renderla davvero diversa, mettendo in pratica quanto si è immaginato. Il paradiso forse non si conquista dall’oggi al domani, ma se non ti dai nessuna chance di rado arriveranno interventi divini capaci di schiuderti le porte dell’Eden… Nettuno che passa in trigono, congiunzione o sestile non se ne sta con le mani in mano e ha voglia di mutare il domani, con fantasia. In questo periodo non sono esc lusi comunque interessi mistici, di quelli però che riguardano anche l’aldiquà e non solo non l’aldilà. Ossia, potrà capitare di imbattersi in credi religiosi ai quali si penserà di aderire, ma lo si farà nella ricerca di risposte concrete ad eventuali disagi esistenziali, nel tentativo di superarli. La preghiera fine a se stessa, per il bene dell’umanità e di un’eventuale vita migliore post mortem non viene nemmeno presa in considerazione, o almeno passa in secondo piano. Se si prega, si esprime una richiesta ben precisa, specificando con attenzione il proprio nome, cognome e indirizzo, nell’eventualità che l’entità superiore voglia concedere la grazia e quinti assicurarsi che non sbagli destinatario… Scherzi a parte, potranno esserci anche trasformazioni a livello economico, magari perché i risparmi saranno affidati a titoli in grado di far lievitare il proprio valore come una torta in forno, oppure si diversificheranno gli investimenti. In qualche caso si deciderà pure di sperimentare in cucina, andando a imbattersi in forme esotiche di alimentazione, mentre non è escluso (se il tema natale lo consente) un interesse per le lingue straniere o la possibilità e la voglia di viaggiare. I transiti negativi influiscono anzitutto sull’umore, sulla fiducia nel domani, che risulta abbastanza carente. Si stenta a credere di poter davvero modificare la propria esistenza, pesante in questo periodo o almeno priva di leggerezza. Se prima del transito si aveva una fede, questa ora potrebbe vacillare sulla spinta dello scetticismo e della sfiducia. L’appello a un’entità superiore o alle proprie forze interiori risulta così inascoltato perché non si riesce più a contare su un reale apporto positivo da parte del destino. O ancora, ci si affida a una religione, una qualunque, come ultima spiaggia perché si ha poca fiducia nella vita. Sul piano economico potrebbe esserci un momento di chiusura rispetto alla possibilità di gestire un proprio capitale, piccolo o grande, e si potrebbe pure restare vittime di qualche intossicazione alimentare, o di intolleranze a particolari tipi di cibo.

RAPPORTI NETTUNO-SATURNO
Se sono difficili da capire i transiti di Nettuno rispetto ai cosiddetti pianeti rapidi, ancor di più quando riguardano quelli da Saturno in poi. Eppure avranno una loro forza e un loro peso, anzi segnaleranno periodi di notevole evoluzione, anche se spesso passeranno quasi inosservati. I transiti positivi di Nettuno su Saturno indicheranno infatti una fase di razionale adattamento al reale, che a volte potrà smussare le asperità e rigidezze saturnine e suggerendogli sotto pelle la voglia e necessità di cambiare, forse per riuscire a durare nel tempo e conseguire così un potere ottenuto anche con la diplomazia. Il ragionamento saturnino si farà infatti più immaginifico e si potrà pensare come recitava un vecchio slogan della contestazione giovanile, che la fantasia arriverà al potere, o si otterrà il potere con la fantasia. A volte ciò potrà accadere grazie alla mediazione di personaggi anziani o autorevoli, oppure si farà la conoscenza di vecchi stravaganti, magari ex hippy o bombaroli del tempo che fu. In alcuni casi, se l’età è quella giusta, ci potrà essere un atteggiamento positivo rispetto alla vecchiaia, magari per quei vivacissimi personaggi che, alle soglie del secolo, decidono di farsi portare in mongolfiera o deltaplano. I transiti negativi segneranno soprattutto un periodo di irrigidimento ideologico e difficoltà a mediare. A volte potrà esserci una crisi rispetto ai valori religiosi, se se ne avevano, mentre in altri casi ci si rifugerà per disperazione in un qualche culto, non traendone però eccessivo giovamento. Sempre in tarda età, si potrò avere più di una difficoltà ad accettare con serenità il passare del tempo.

RAPPORTI NETTUNO-URANO
I passaggi positivi di Nettuno in rapporto a Urano immettono nel pragmatismo di quest’ultimo una nota di fantasia e immaginazione, producendo spesso ottimi risultati. Si lavora senza fatica, anzi si riesce a vivere la propria attività non solo come una necessità ma pure come un’avventura, riuscendo a divertirsi. È quasi impossibile che la professione resti la stessa durante questo transito, anche perché si è di solito in grado di acchiappare senza fatica le occasioni che possono profilarsi, oppure le si cerca o le si inventa perché la vita non può restare sempre la stessa, sarebbe troppo noioso. Certo i temperamenti immobilistici di rado rivoluzioneranno davvero le proprie certezze economiche e lavorative, ma spesso ci sarà un’evoluzione, sempre che non ci si illuda di poterlo fare e manchino poi i mezzi materiali e/o organizzativi per riuscirci. Durante questo periodo si potranno trovare inoltre soluzioni differenti a problemi pratici del quotidiano e, se ad esempio si hanno problemi di spazio, si realizza un progetto che raggruppa tutti gli aggeggi tecnologici in uno soltanto, e permette così di risparmiare spazio. Transiti negativi influiranno invece sulle attese rispetto al lavoro, anche se di rado – salvo altri passaggi planetari concomitanti – accadranno disastri materiali. Piuttosto la professione risulterà noiosa, ripetitiva, mancheranno le occasioni di trasformarla, anche solo quel tanto in grado di far passare più piacevolmente la giornata. Di rado poi ci si farà tentare da colpi di testa rispetto al lavoro e si stenterà a licenziarsi su due piedi senza avere prima un’alternativa valida, anzi quasi mai si avrà voglia di decidere. Oppure si avrà un atteggiamento velleitario rispetto alla professione, si vorrebbe tanto ma non si fa poi nulla per mutare una situazione precedente asfittica. Saranno periodi in cui la vita appare grigia, e non si è in grado di darle colore…

RAPPORTI NETTUNO-PLUTONE
I transiti di Nettuno rispetto a Plutone sono in questa era storica scanditi da tempi ben precisi. Essendosi infatti il primo trovato all’incirca al sestile del secondo per gran parte del secolo scorso, nel corso di una vita umana potranno quindi formarsi solo questi aspetti: un quadrato rispetto alla posizione natale di Plutone nel segno seguente al quadrato,9 un trigono dal segno successivo appartenente allo stesso elemento10 e, se il passo di Plutone lo consente, un’opposizione, ma a tardissima età.11 Se l’ultimo passaggio, il più tardivo, potrà solo indicare uno spegnimento dei desideri, qualcosa in più dovranno significare gli altri due passaggi. Il primo, il quadrato di Nettuno rispetto a Plutone radix, coincide all’incirca con il passaggio dall’infanzia all’adolescenza, periodo spesso critico perché pur non essendo più bambini non si è ancora adulti, e i modelli culturali dei grandi stanno quasi sempre stretti. Si tratta di una fase critica, una sorta di rito di iniziazione che precede la conquista di una propria identità, un momento in cui la fantasia e la creatività fanno fatica a trovare sbocchi duraturi, anche se forse sono al loro massimo, pur non collaborando insieme. Discorso del tutto differente si ha invece quando Nettuno di transito forma un trigono a Plutone, poco prima dei trent’anni. Si tratta di solito di una fase della vita in cui si crede di avere ancora in mano le redini del proprio futuro, e di poterselo gestire come si crede, o quanto meno di poter fare ancora tanto, spesso più di quel che è umano. La vita è in ascesa e l’immaginazione di Nettuno si mette al servizio della potenza fecondante di Plutone, suggerendo di fare figli, immaginando di farli, sognando un futuro radioso. Gestendo al meglio le potenzialità creative plutoniane, o tentando di farlo. Va detto che in altri cicli storici i transiti possibili tra Nettuno e Plutone erano differenti, quando il primo precedeva il secondo nello schema zodiacale. Ad esempio ai primi dell’Ottocento Nettuno era in Scorpione e Plutone era in Pesci, e quindi cambiavano quindi radicalmente le possibilità di intreccio tra i due, e il riflesso nella vita dei singoli. Ci vorrebbe però un trattato specifico per approfondire l’argomento, e non è questa la sede.

Chi volesse approfondire le simbologie di Nettuno può farlo a questo link:
Le simbologie di Nettuno

Per quanto riguarda gli aspetti di nascita con gli altri pianeti, il link è il seguente:
Aspetti di Nettuno

I MOVIMENTI DI NETTUNO NEI PROSSIMI DIECI ANNI

2014
Primo gennaio - 3°13'' Pesci
Primo febbraio - 4°11'' Pesci
Primo marzo - 5°14'' Pesci
Primo aprile - 6°21'' Pesci
Primo maggio - 7°10'' Pesci
Primo giugno - 7°34'' Pesci
Primo luglio - 7°28'' Pesci
Primo agosto - 6°55'' Pesci
Primo settembre - 6°07'' Pesci
Primo ottobre - 5°21'' Pesci
Primo novembre - 4°51'' Pesci
Primo dicembre - 4°51'' Pesci

2016
Primo gennaio - 7°32'' Pesci
Primo febbraio - 8°27'' Pesci
Primo marzo - 9°32'' Pesci
Primo aprile - 10°40'' Pesci
Primo maggio - 11°31'' Pesci
Primo giugno - 11°59'' Pesci
Primo luglio - 11°57'' Pesci
Primo agosto - 11°28'' Pesci
Primo settembre - 10°40'' Pesci
Primo ottobre - 9°53'' Pesci
Primo novembre - 9°20'' Pesci

Primo dicembre - 9°16'' Pesci

2018
Primo gennaio - 11°54'' Pesci
Primo febbraio - 12°46'' Pesci
Primo marzo - 13°47'' Pesci
Primo aprile - 14°56'' Pesci
Primo maggio - 15°51'' Pesci
Primo giugno - 16°24'' Pesci
Primo luglio - 16°27'' Pesci
Primo agosto - 16°01'' Pesci
Primo settembre - 15°15'' Pesci
Primo ottobre - 14°27'' Pesci
Primo novembre - 13°51'' Pesci
Primo dicembre - 13°42'' Pesci

2020
Primo gennaio - 16°15'' Pesci
Primo febbraio - 17°04'' Pesci
Primo marzo - 18°06'' Pesci
Primo aprile - 19°16'' Pesci
Primo maggio - 20°13'' Pesci
Primo giugno - 20°49'' Pesci
Primo luglio - 20°56'' Pesci
Primo agosto - 20°34'' Pesci
Primo settembre - 19°50'' Pesci
Primo ottobre - 19°01'' Pesci
Primo novembre - 18°22'' Pesci
Primo dicembre - 18°09'' Pesci

2022
Primo gennaio - 20°40'' Pesci
Primo febbraio - 21°25'' Pesci
Primo marzo - 22°41'' Pesci
Primo aprile - 23°34'' Pesci
Primo maggio - 24°33'' Pesci
Primo giugno - 25°14'' Pesci
Primo luglio - 25°26'' Pesci
Primo agosto - 25°08'' Pesci
Primo settembre - 24°27'' Pesci
Primo ottobre - 23°38'' Pesci
Primo novembre - 22°56'' Pesci
Primo dicembre - 22°38'' Pesci

2015
Primo gennaio - 5°23'' Pesci
Primo febbraio - 6°19'' Pesci
Primo marzo - 7°22'' Pesci
Primo aprile - 8°29'' Pesci
Primo maggio - 9°20'' Pesci
Primo giugno - 9°46'' Pesci
Primo luglio - 9°43'' Pesci
Primo agosto - 9°12'' Pesci
Primo settembre - 8°24'' Pesci
Primo ottobre - 7°37'' Ariete
Primo novembre - 7°06'' Pesci

Primo dicembre - 7°03'' Pesci

2017
Primo gennaio - 9°44'' Pesci
Primo febbraio - 10°38'' Pesci
Primo marzo - 11°39'' Pesci
Primo aprile - 12°48'' Pesci
Primo maggio - 13°41'' Pesci
Primo giugno - 14°12'' Pesci
Primo luglio - 14°12'' Pesci
Primo agosto - 13°44'' Pesci
Primo settembre - 12°58'' Pesci
Primo ottobre - 12°10'' Pesci
Primo novembre - 11°35'' Pesci

Primo dicembre - 11°29'' Pesci

2019
Primo gennaio - 14°04'' Pesci
Primo febbraio - 14°55'' Pesci
Primo marzo - 15°56'' Pesci
Primo aprile - 17°05'' Pesci
Primo maggio - 18°01'' Pesci
Primo giugno - 18°36'' Pesci
Primo luglio - 18°42'' Pesci
Primo agosto - 18°18'' Pesci
Primo settembre - 17°34'' Pesci
Primo ottobre - 16°45'' Pesci
Primo novembre - 16°07'' Pesci
Primo dicembre - 15°55'' Pesci

2021
Primo gennaio - 18°28'' Pesci
Primo febbraio - 19°16'' Pesci
Primo marzo - 20°15'' Pesci
Primo aprile - 21°25'' Pesci
Primo maggio - 22°23'' Pesci
Primo giugno - 23°02'' Pesci
Primo luglio - 23°11'' Pesci
Primo agosto - 22°51'' Pesci
Primo settembre - 22°09'' Pesci
Primo ottobre - 21°20'' Pesci
Primo novembre - 20°39'' Pesci
Primo dicembre - 20°24'' Pesci

2023
Primo gennaio - 22°52'' Pesci
Primo febbraio - 23°35'' Pesci
Primo marzo - 24°33'' Pesci
Primo aprile - 25°43'' Pesci
Primo maggio - 26°43'' Pesci
Primo giugno - 27°26'' Pesci
Primo luglio - 27°41'' Pesci
Primo agosto - 27°26'' Pesci
Primo settembre - 26°46'' Pesci
Primo ottobre - 25°57'' Pesci
Primo novembre - 25°13'' Pesci
Primo dicembre - 24°53'' Pesci





1
Per essere del tutto chiari, ad esempio un pianeta a 4 gradi di un segno riceverà l’influsso di Nettuno (o altro pianeta in transito) da quando arriverà a 2° fino a quando raggiungerà i 6°.
2 Non dimentichiamo che secondo le teorie di Lisa Morpurgo, da me seguite, nel sistema solare devono essere presenti altri due pianeti oltre Plutone, i cosiddetti transplutoniani.
3 Non coprendo quindi in questo caso nemmeno un segno intero.
4 Interessando quindi anche tre segni.
5 Per i nati vicino ai Poli poi la larghezza delle case potrà poi diventare irregolarissima, spaziando da alcune minuscole ad altre immense.
6 Avendo di nascita il pianeta in terza casa.
7 In realtà il processo di cambiamento non è mai così immediato, e assomiglia piuttosto a un’infiltrazione d’acqua in un muro di casa, all’inizio è impercettibile poi piano piano arriva a interessare l’intera parete, che si impregna dell’acqua fuoriuscita in maniera quasi subliminale, per usare un termine psicanalitico.
8 Non dimentichiamo che il periodo concise con la grande stagione del terrorismo, quando giovani e meno giovani cercarono di cambiare con la violenza la struttura della società per imporre anche il loro modo di pensare, vedi le Brigate Rosse ma pure i terroristi neri.
9 Ad esempio se Plutone radix è in Leone quando Nettuno transita in Scorpione, verso i 13-14 anni.
10 Sempre per un Plutone in Leone quando Nettuno passa in Sagittario, verso i 28 anni.
12 Per il solito Plutone leonino ciò accadrà intorno agli 86 anni.

massimomichelini1@virgilio1.it

1/02/2014


Copyright © 2017La Rotta di UlisseTutti i diritti riservati